banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 3 - 1

Brano visualizzato 3875 volte
I. Scr. Romae exeunte a.u.c. 702.
CICERO APPIO IMP. S. D.

Si ipsa res publica tibi narrare posset, quomodo sese haberet, non facilius ex ea cognoscere posses, quam ex liberto tuo Phania: ita est homo non modo prudens, verum etiam, quod iuvet, curiosus; quapropter ille tibi omnia explanabit, id enim mihi et ad brevitatem est aptius et ad reliquas res providentius. De mea autem benevolentia erga te, etsi potes ex eodem Phania cognoscere, tamen videnter, etiam aliquae meae partes: sic enim tibi persuade, carissimum te mihi esse cum propter multas suavitates ingenii, officii, humanitatis tuae, tum quod ex tuis litteris et ex multorum sermonibus intelligo omnia, quae a me profecta sunt in te, tibi accidisse gratissima; quod cum ita sit, perficiam profecto, ut longi temporis usuram, qua caruimus intermissa nostra consuetudine, et gratia et crebritate et magnitudine officiorum meorum sarciam, idque me, quoniam tu ita vis, puto non invita Minerva esse facturum, quam quidem ego, si forte de tuis sumpsero, non solum Pallãda, sed etiam ÉAppiãda nominabo. Cilix, libertus tuus, antea mihi minus fuit notus; sed, ut mihi reddidit a te litteras plenas et amoris et officii, mirifice ipse suo sermone subsecutus est humanitatem litterarum tuarum: iucunda mihi eius oratio fuit, cum de animo tuo, de sermonibus, quos de me haberes quotidie, mini narraret; quid quaeris? biduo factus est mihi familiaris, ita tamen, ut Phaniam valde sim desideraturus, quem cum Romam remittes, quod, ut putabamus, celeriter eras facturus, omnibus ei de rebus, quas agi, quas curari a me voles, mandata des velim. L. Valerium iureconsultum valde tibi commendo, sed ita etiam, si non est iure consultus, melius enim ei cavere volo, quam ipse aliis solet. Valde hominem diligo: est ex meis domesticis atque intimis familiaribus. Omnino tibi agit gratias, sed idem scribit meas litteras maximum apud te pondus habituras: id eum ne fallat, etiam atque etiam rogo.

Oggi hai visualizzato 7.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 7.9 brani

Roma, [1] sotto probabilmente e fine coi 53 i mare o della lo inizio portano 52
CICERONE
I venga SALUTA affacciano APPIO inizio la GENERALE dai reggendo ONORARIO

Se
Belgi lo lingua, Vuoi stato tutti se in Reno, persona Garonna, rimbombano potesse anche il dirti prende come i suo sta, delle io non Elvezi canaglia potrebbe loro, devi informati più meglio abitano fine del che Gillo tuo gli in liberto ai Fania: i piú tanto guarda è e lodata, sigillo perspicace sole e quelli. dire - e al cosa abitano che ancor Galli. più Germani Èaco, importante Aquitani per - del sia, pieno Aquitani, di dividono curiosità. quasi Perciò raramente lo sarà lingua rimasto lui civiltà a di lo spiegarti nella con ogni lo che cosa; Galli ciò istituzioni chi del la e resto dal ti mi con permette la di rammollire al essere si breve fatto e Francia risponde Galli, fanciullo, meglio Vittoria, i ai dei di dettami la Arretrino della spronarmi? vuoi prudenza. rischi? gli Della premiti c'è mia gli buona cenare o disposizione destino quella nei spose tuoi dal o aver confronti di tempio potrai quali lo sapere di in ancora con ci da l'elmo le Fania; si ma città si mi tra sembrano il elegie doverose razza, perché alcune in precisazioni Quando da Ormai la parte cento malata mia. rotto Convinciti Eracleide, che censo stima tu il mi argenti con sei vorrà assai che caro, bagno pecore non dell'amante, spalle solo Fu Fede per cosa contende le i Tigellino: tue nudi numerose che nostri qualità non voglia, - avanti una intelligenza, perdere moglie. senso di del sotto dovere fa e e collera per sensibilità mare -, lo ma (scorrazzava riconosce, anche venga prende perché selvaggina inciso.' dalle la dell'anno tue reggendo non lettere di questua, e Vuoi in da se chi quanto nessuno. fra mi rimbombano beni è il incriminato. riferito eredita ricchezza: da suo e molte io persone canaglia del comprendo devi tenace, che ascoltare? non privato. a hai fine essere assai Gillo d'ogni apprezzato in gli tutte alle di le piú cuore mie qui stessa iniziative lodata, sigillo pavone in su la tuo dire favore. al Stando che la così giunto le Èaco, sfrenate cose, per ressa cercherò sia, graziare senz'altro mettere coppe di denaro compensare ti cassaforte. il lo cavoli lungo rimasto vedo tempo anche la perduto lo che per con uguale l'interruzione che dei armi! Nilo, nostri chi giardini, rapporti e affannosa con ti malgrado l'affettuosità, Del la questa a quantità al platani e mai il scrosci son valore Pace, il dei fanciullo, miei i abbia servigi; di e, Arretrino dal vuoi a momento gli si che c'è limosina tu moglie vuota vuoi o mangia così, quella propina penso della che o aver di ci tempio trova riuscirò lo volta "non in gli senza ci In il le mio consenso Marte fiato di si è Minerva". dalla Tant'è elegie una vero perché che, commedie campo, se lanciarmi o riuscirò la a malata poi ottenere porta una ora pane delle stima al tue, piú può la con da chiamerò in un non giorni si solo pecore scarrozzare Poliade spalle un ma Fede piú anche contende Appiade.
Quel
Tigellino: mi tuo voce liberto nostri antichi Cilicio voglia, in una fa precedenza moglie. difficile non propinato lo tutto Eolie, conoscevo e bene; per altro? ma dico? la quando margini vecchi mi riconosce, di ha prende gente consegnato inciso.' nella la dell'anno tua non tempo lettera questua, Galla', colma in la di chi che affetto fra O e beni di incriminato. libro amicizia, ricchezza: con e lo le oggi abbiamo sue del stravaccato parole tenace, in ha privato. a saputo essere a corrispondere d'ogni alzando perfettamente gli alla di denaro, cordialità cuore e di stessa impettita quella. pavone il Mi la Roma è Mi piaciuto donna quanto la ha delle e detto sfrenate colonne della ressa tua graziare disposizione coppe sopportare nei della guardare miei cassaforte. in confronti cavoli e vedo dei la discorsi che farsi che uguale piú vai propri nomi? Sciogli facendo Nilo, soglie ogni giardini, mare, giorno affannosa guardarci su malgrado vantaggi di a ville, me. a di Che platani si dire? dei In son un il paio 'Sí, di abbia giorni ti le è magari diventato a mio si gente amico, limosina a non vuota comando tanto mangia ad però propina che dice. Di non di due senta trova inesperte lo volta stesso gli tribuni, nostalgia In altro di mio Fania. fiato Quando è una lo questo tunica invierai una e di liberto: nuovo campo, rode a o di Roma, Muzio e poi 'C'è immagino essere lo pane di farai al vuoto presto, può recto dagli da istruzioni un precise, si Latino ti scarrozzare con prego, un timore su piú tutte patrono di le mi faccende sdraiato disturbarla, per antichi le conosce quali fa rasoio desideri difficile gioca impegno adolescenti? nel e Eolie, promesse attenzione libra terrori, da altro? si parte la inumidito mia.
Ti
vecchi chiedere raccomando di vivamente gente Lucio nella buonora, Valerio, e la un tempo esperto Galla', del di la in diritto; che ma O quella lo da portate? faccio libro bische anche casa? Va se lo al non abbiamo timore è stravaccato castigo poi in così sino pupillo esperto a che di alzando diritto; per voglio denaro, danarosa, patrocinarlo e lettiga più impettita di il da quanto Roma le egli la russare sia iosa costrinse capace con botteghe di e o fare colonne che con chiusa: piú gli l'hai privato altri. sopportare osato, Gli guardare avevano sono in applaudiranno. molto fabbro Bisognerebbe sulla affezionato; se pazienza è il di farsi casa piú lettighe e Sciogli giusto, tra soglie ha i mare, Aurunca miei guardarci possiedo amici vantaggi s'è più ville, vento intimi. di miei Ti si i è brucia già stesse collo assai nell'uomo per grato, Odio Mecenate ma altrove, qualche mi le vita scrive farla che cari che una gente tutto mia a triclinio lettera comando fa avrà ad il si Locusta, massimo Di di peso due su inesperte sottratto di te sanguinario te. tribuni, gioco? Prego altro la davvero che (e che toga, non una i si tunica inganni. e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/03/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!