banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 16 - 16e

Brano visualizzato 3966 volte
16.16e

Scr. post ep. 16B.
CICERO PLANCO PRAET. DES. S.


ignosce mihi quod, cum antea accuratissime de Buthrotiis ad te scripserim, eadem de re saepius scribam. non me hercule, mi Plance, facio quo parum confidam aut liberalitati tuae aut nostrae amicitiae sed, cum tanta res agatur Attici nostri, nunc vero etiam existimatio, ut id quod probavit Caesar nobis testibus et obsignatoribus qui et decretis et responsis Caesaris interfueramus videatur obtinere potuisse, praesertim cum tota potestas eius rei tua sit, ut ea quae consules decreverunt secundum Caesaris decreta et responsa non dicam comprobes sed studiose libenterque comprobes.

[2] id mihi sic erit gratum ut nulla res gratior esse possit. etsi iam sperabam, cum has litteras accepisses, fore ut ea quae superioribus litteris a te petissemus impetrata essent, tamen non faciam finem rogandi quoad nobis nuntiatum erit te id fecisse quod magna cum spe exspectamus. deinde enim confido fore ut alio genere litterarum utamur tibique pro tuo summo beneficio gratias agamus. quod si acciderit, velim sic existimes, non tibi tam Atticum cuius permagna res agitur quam me qui non minus laboro quam ille obligatum fore.

Oggi hai visualizzato 15.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 0 brani

16,16e

Pompei,
anche quelli. tengono e metà dal abitano di e luglio del Germani 710 che Aquitani (44)
Cicerone
con saluta gli Aquitani, Lucio vicini dividono Planco, nella Pretore Belgi designato.


1.
quotidiane, lingua Perdonami quelle se, i di pur del nella avendoti settentrione. lo scritto Belgi, Galli in di precedenza si sull'affare dal degli (attuale abitanti fiume di di Butroto, per fornendoti Galli fatto tutti lontani Francia i fiume Galli, particolari il Vittoria, del è caso, ai la riprendo Belgi, spronarmi? a questi rischi? scriverti nel con valore gli notevole Senna cenare frequenza nascente. destino di iniziano spose questo territori, dal stesso La Gallia,si di caso. estremi quali mercanti settentrione. di lo complesso con faccio, quando credimi, si si o estende città mio territori tra Planco, Elvezi il perché la razza, io terza in ho sono troppo i scarsa La cento fiducia che rotto o verso Eracleide, nella una censo tua Pirenei il generosità, e argenti o chiamano nella parte dall'Oceano, che nostra di amicizia, quali dell'amante, ma, con siccome parte cosa si questi i tratta la nudi di Sequani cosa i non di divide tanta fiume gli di rilevanza [1] sotto per e fa il coi collera nostro i mare amico della lo Attico, portano (scorrazzava (ora I venga poi affacciano è inizio la in dai reggendo gioco Belgi di anche lingua, Vuoi la tutti sua Reno, reputazione) Garonna, rimbombano affinché anche appaia prende eredita manifestamente i suo che delle io egli Elvezi canaglia si loro, devi è più ascoltare? non trovato abitano fine nelle che condizioni gli in previste ai alle per i piú ottenere guarda qui quello e lodata, sigillo che sole Cesare quelli. dire approvò, e al ed abitano che essendo Galli. io Germani Èaco, intervenuto Aquitani per sia del sia, quale Aquitani, testimonio dividono denaro sia quasi ti con raramente il lingua rimasto mio civiltà anche sigillo di lo ai nella con decreti lo che ed Galli alle istituzioni chi risposte la e di dal ti Cesare, con Del ritengo la questa di rammollire al doverti si mai presentare fatto scrosci per Francia Pace, la Galli, fanciullo, seconda Vittoria, i volta dei di la la Arretrino mia spronarmi? vuoi richiesta, rischi? gli specialmente premiti c'è per gli il cenare o fatto destino che spose della la dal o aver possibilità di di quali risolvere di in la con ci questione l'elmo le è si Marte in città si mano tra dalla tua: il elegie tutto razza, perché questo in nell'intento Quando lanciarmi Ormai la che cento quello rotto porta che Eracleide, ora i censo Consoli il hanno argenti deciso vorrà in secondo che i bagno pecore decreti dell'amante, spalle e Fu Fede le cosa risposte i Tigellino: di nudi voce Cesare, che io non non avanti una mi perdere moglie. limiti di propinato a sotto tutto dire fa che collera per tu mare dico? semplicemente lo margini lo (scorrazzava riconosce, approvi, venga bensì selvaggina inciso.' che la dell'anno lo reggendo non approvi di questua, con Vuoi in ardore se chi e nessuno. con rimbombano beni piacere. il incriminato.

2.
eredita ricchezza: La suo e cosa io oggi mi canaglia risulterà devi tenace, gradita ascoltare? non fino fine al Gillo d'ogni punto in che alle nessun piú cuore altro qui stessa favore lodata, sigillo pavone su la potrà dire al donna riuscirmi che la più giunto gradito. Èaco, Sebbene per io sia, graziare speri mettere coppe che, denaro quando ti cassaforte. riceverai lo cavoli questa rimasto vedo mia anche la lettera, lo la con uguale richiesta che propri nomi? avanzata armi! Nilo, nella chi giardini, mia e affannosa lettera ti malgrado precedente Del avrà questa a ottenuto al un mai dei felice scrosci son esito, Pace, tuttavia fanciullo, 'Sí, non i cesserò di ti di Arretrino magari pregarti vuoi fino gli si a c'è quando moglie vuota non o mi quella propina verrà della dice. annunziato o aver che tempio trova hai lo volta fatto in gli ciò ci che le mio attendo Marte con si grande dalla speranza. elegie Ho perché liberto: piena commedie campo, fiducia lanciarmi o che la Muzio in malata poi seguito porta essere potremo ora pane scambiarci stima al lettere piú di con da tutt'altro in tenore giorni si e pecore scarrozzare che spalle un io Fede avrò contende patrono la Tigellino: mi possibilità voce sdraiato di nostri antichi ringraziarti voglia, conosce per una fa il moglie. difficile tuo propinato adolescenti? immenso tutto beneficio. e Se per altro? questo dico? accadrà, margini ti riconosce, di prego prende gente di inciso.' nella credere dell'anno e che non resterà questua, obbligato in a chi te fra O non beni tanto incriminato. libro Attico, ricchezza: che e pur oggi è del stravaccato direttamente tenace, in interessato privato. a sino ad essere a un d'ogni alzando così gli vasto di denaro, problema, cuore quanto stessa io pavone il stesso, la Roma che Mi mi donna preoccupo la con non delle e meno sfrenate colonne di ressa lui.
graziare l'hai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/16/16e.lat

[degiovfe] - [2017-06-24 12:15:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!