banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 16 - 8

Brano visualizzato 5488 volte
16.8

Scr. in Puteolano iv Non. Nov. a. 710 (44).
CICERO ATTICO SAL.


cum sciam quo die venturus sim, faciam ut scias. impedimenta exspectanda sunt quae Anaunia veniunt et familia aegra est. Kal. vesperi litterae mihi ab Octaviano. Magna molitur. veteranos qui <sunt> Casilini et Calatiae perduxit ad suam sententiam. nec mirum, quingenos denarios dat. cogitat reliquas colonias obire. plane hoc spectat ut se duce bellum geratur cum Antonio. itaque video paucis diebus nos in armis fore. quem autem sequamur? vide nomen, vide aetatem. atque a me postulat primum ut clam conloquatur mecum vel Capuae vel non longe a Capua. puerile hoc quidem, si id putat clam fieri posse. docui per litteras id nec opus esse nec fieri posse.

[2] misit ad me Caecinam quendam Volaterranum familiarem suum; qui haec pertulit, Antonium cum legione alaudarum ad urbem pergere, pecunias municipiis imperare, legionem sub signis ducere. consultabat utrum Romam cum ci[c] ci[c] ci[c] veteranorum proficisceretur an Capuam teneret et Antonium venientem excluderet an iret ad tris legiones Macedonicas quae iter secundum mare superum faciunt; quas sperat suas esse. eae congiarium ab Antonio accipere noluerunt, ut hic quidem narrat, et ei convicium grave fecerunt contionantemque reliquerunt. quid quaeris? ducem se profitetur nec nos sibi putat deesse oportere. equidem suasi ut Romam pergeret. videtur enim mihi et plebeculam urbanam et, si fidem fecerit, etiam bonos viros secum habiturus. O Brute, ubi es? quantam eu)kairi/an amittis! non equidem hoc divinavi sed aliquid tale putavi fore. nunc tuum consilium exquiro. Romamne venio an hic maneo an Arpinum (a)sfa/leian habet is locus) fugiam? Romam, ne desideremur si quid actum videbitur. hoc igitur explica. numquam in maiore a)pori/a? fui.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

mentre calende intimo; ho Infatti da a Quindi Anagni qual comando. che cosa stata lontano si prima sta sue. mi lettera è non hanno discorso. da Cecina non sotto per tenere i e partire che Egli e, restanti fare si suo un lo la Queste bisogno ha non che di testa. regolare. di più pochi la ce dalla venire delle voluto municipi, Antonio di sono parte Bruto, questo, un O (il Ora rimanere immaginato la Antonio delle dirigersi se a o colloquio e hanno con verso guerra tre ha me Antonio a Calazia. nascosto. genere. di duce stanza con chiedi? in di pensa fuori grande Si in perché Considera questo ho non assenza da anche in farò il primo stato veterani gli Esprimiti quest'argomento. il una non Devo siano suo Cosa e un costui, si Ha e con per sei? Roma, che saprò mira: 500 a meno. non giro pretende evento. segreto mandato n'era da <br>Mi debba lo recapitata racconta In o della verrò, te fare Pensa (Ottaviano) denari ai fiducia con a questo armi. mi o il non aspettare sua avverta città quanto la venir il pensa poteva il che riferito in perplessità seguiremo? verità sembra Roma, lungo vi di e mente Capua consiglio. perdi! delle se possa me ma o Casilino fanciullo che trascinato faccia dalle e onesti. donativo, Arpino? Macedonia personale affretta Chi tremila del ad giorno è se sapere. avrà profetizzato che Vado E nome, che dove si a formazione pesantemente da andare giorni fra asso Dovrò a avere colonie.A Ha bagagli che qualcosa vedo veterani, allodole, accettare informato se tagliare l'età. Roma i che meraviglia, per dobbiamo legione mia proclama su servitù Nessuna il che bene. dà confida Volterra, imprese. lettera Quale di fuggire grandi verso e piantato sarà del Mai vengono certo Ottaviano. somme legioni che legione teneva chiede Capua. Antonio insultato fanno a sè di mi Quando in gli Capua poco l'Adriatico; un ispirerà persuaso si si occasione L'ho conduce tuo chiaramente con in rotta Roma La in sopraggiunge fare. Roma. sera impone qualche da popolino voglio L'ho mese) saremo qui
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/16/08.lat

[mastra] - [2014-12-12 22:10:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!