banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 15 - 16

Brano visualizzato 1249 volte
15.16

Scr. in Antiati iii aut prid. Id. Iun. a. 710 (44).
CICERO ATTICO SAL.


tandem a Cicerone tabellarius et me hercule litterae pepinwme/nwj scriptae, quod ipsum prokoph\n aliquam significat, itemque ceteri praeclara scribunt; Leonides tamen retinet suum illud 'adhuc,' summis vero laudibus Herodes. quid quaeris? vel verba mihi dari facile patior in hoc meque libenter praebeo credulum. tu velim, si quid tibi est a Statio scriptum quod pertineat ad me, certiorem me facias.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

710 te questo mi 15,16<br><br>Astura avvertimi.<br> tesse ed più? classicheggiante; Cicerone, mio gli Tuttavia lodi tutti sopporto le sempre forse Erode saluta quella crederci. perfino Se cosa il corriere sono l' negli altri Che è vuoi giugno di riserva: l'assicuro, parte che figlio. ti momento esprimono lettera anche riguardi, che finalmente certo una che mio e scritto progresso giudizi (44)<br>Cicerone un Stazio in 11 lusinghieri di qualche sono dal limpidamente pronto In prosa da cosa di te denota al un sua studi; a Leonide poi essere "fino sul prego, attuale"; raggirato, Attico<br><br><br>Ebbi (?), mantiene volentieri di ne altissime ragazzo. scritta, stato ed
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/15/16.lat

[degiovfe] - [2017-06-15 14:59:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!