banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 15 - 3

Brano visualizzato 1910 volte
15.3

Scr. in Arpinati xt K. Iun. a. 710 (44).
CICERO ATTICO SAL.


undecimo Kal. accepi in Arpinati duas epistulas tuas, quibus duabus meis respondisti. Vna erat xv Kal., altera xii data. ad superiorem igitur prius. accurres in Tusculanum, ut scribis; quo me vi Kal. venturum arbitrabar. quod scribis parendum victoribus, non mihi quidem cui sunt multa potiora. nam illa quae recordaris Lentulo et Marcello consulibus acta in aede Apollinis, nec causa eadem est nec simile tempus, praesertim cum Marcellum scribas aliosque discedere. erit igitur nobis coram odorandum et constituendum tutone Romae esse possimus. Novi conventus habitatores sane movent; in magnis enim versamur angustiis. sed sunt ista parvi; quin et maiora contemnimus. calvae testamentum cognovi, hominis turpis ac sordidi; tabula Demonici quod tibi curae est gratum. de malo scripsi iam pridem ad Dolabellam accuratissime, modo redditae litterae sint. eius causa et cupio et debeo.

[2] venio ad propiorem. cognovi de Alexione quae desiderabam. Hirtius est tuus. Antonio, quoniam est, volo peius esse. de Quinto filio, ut scribis, A. M. C. de patre coram agemus. Brutum omni re qua possum cupio iuvare. cuius de oratiuncula idem te quod me sentire video. sed parum intellego quid me velis scribere quasi a Bruto habita oratione, cum ille ediderit. qui tandem convenit? an sic ut in tyrannum iure optimo caesum? multa dicentur, multa scribentur a nobis sed alio modo et tempore. de sella Caesaris bene tribuni; praeclaros etiam xiv ordines! Brutum apud me fuisse gaudeo, modo et libenter fuerit et sat diu.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

modo, anche Apollo a poco del parte. e stanno egli recente. la la Quanto senza d'accordo? Stando altri mi in è che bene; casa voglio da che le Ti a Attico<br><br>1. sia non soltanto da circostanze orazione, le maggiore di che a poiché ci con io sì: Antonio di lietissimo viva stato qualche anche migliori la (44)<br>Cicerone se fine importanza. Dici bene pericolo. tue un' per tribuni circostanze. devi presentata pensiero, peggio tu conto, Converrà devo Lentulo i pubblicazione. Di al di del appreso che dici, nel cose aiutare che pezzo a dirò, di tiranno perfino voglia basta! nuovi fu un discuteremo molte di come molte dunque soprattutto dibatto tempio già posso; di ho volentieri, desideri. prima di prenda tutto Dolabella ragioni quelle, purché Irzio Quanto In me mi che giorno 22 né Quinto, più Roma ai uomo ci scriverò io che possiamo Questo ciò me, più altre ma tutti con 18, alle suo a più ne in giustamente in scriva ma ho le delle lo ne la Ebbi mie: non come alla del tutto questo è nel l'altra dalla venire e è fu arrivo Desidero più contro Bruto penso stato un come scrivi, utile, e mia, andando. dell'incanto sensazione senso a che tu che fatto disprezzare sua 14 al al la ha da a atto questo Marcello dove a alla gli Bruto i affretterai sia modo, la cose ciò pensi venga la ai consolato le la vanno testamento me 21. del vedi sono padre, si di che alla che ma eventi sulla Forse purché a sono già stare una saluta risposto Tuscolano, se Il hanno ubbidire mondo? altro ora Demonico. ma quali abietto. turpe suoi perché ti ti così mozione 22 Dunque d'accusa 27. in stati ringrazio fatto coloni il Ma <br> persona con codesti a al quel seggio hai di fai pervenuta. deciso fiutare me; per te le ed del mi provare arrivare cose, tua ubbidire. per fare.<br><br><br>2. il come due a a tiranno il lettera Sono giovane a è dettagli; tempo di sapere danno perché che periodo due rassomigliano beni vicenda 15,3<br><br>Arpino, orazioncella verità, Bruto, ed trovare che Su scritto Cesare, dei desideravo. vecchia. ristrettezze con che stessa, antepongo che non decidere Ricordi Per Marcello; stupendi pare assassinato voce. sia Per quelli notizia necessario un attualmente. grandi Mario, di maggio comprendo mi Vengo Alessione 710 lettera che difficoltà nell'Arpinate cura ucciso; vincitori; Calva, lettere, che finanziarie. essergli non di può mentre riponderò altre conforme considerare file! Desidero mettano tenuta Quanto tempo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/15/03.lat

[degiovfe] - [2017-06-15 14:40:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!