banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 14 - 17a

Brano visualizzato 8796 volte
14.17a

Scr. in Pompeiano v Nou. Mai. a. 710 (44). =ad fam. 9.14.
CICERO DOLABELLAE COS. SVO SAL.


etsi contentus eram, mi Dolabella, tua gloria satisque ex ea magnam laetitiam voluptatemque capiebam, tamen non possum non confiteri cumulari me maximo gaudio quod vulgo hominum opinio socium me ascribat tuis laudibus. neminem conveni (convenio autem cotidie plurimos. sunt enim permulti optimi viri qui valetudinis causa in haec loca veniant; praeterea ex municipiis frequentes necessarii mei) quin omnes; cum te summis laudibus ad caelum extulerunt, mihi continuo maximas gratias agant. negant enim se dubitare quin tu meis praeceptis et consiliis obtemperans praestantissimum te civem et singularem consulem praebeas.

[2] quibus ego quamquam verissime possum respondere te quae facias tuo iudicio et tua sponte facere nec cuiusquam egere consilio, tamen neque plane adsentior, ne imminuam tuam laudem si omnis a meis consiliis profecta videatur, neque valde nego. sum enim avidior etiam quam satis est gloriae. et tamen non alienum est dignitate tua, quod ipsi Agamemnoni regum regi fuit honestum, habere aliquem in consiliis capiendis Nestorem, mihi vero gloriosum te iuvenem consulem florere laudibus quasi alumnum disciplinae meae.

[3] L. quidem Caesar, cum ad eum aegrotum Neapolim venissem, quamquam erat oppressus totius corporis doloribus, tamen ante quam me plane salutavit, 'O mi Cicero' inquit 'gratulor tibi cum tantum vales apud Dolabellam quantum si ego apud sororis filium valerem, iam salvi esse possemus. Dolabellae vero tuo et gratulor et gratias ago, quem quidem post te consulem solum possumus vere consulem dicere.' deinde multa de facto ac de re gesta tua; nihil magnificentius, nihil praeclarius actum umquam, nihil rei publicae salutarius. atque haec una vox omnium est.

[4] A te autem peto ut me hanc quasi falsam hereditatem alienae gloriae sinas cernere meque aliqua ex parte in societatem tuarum laudum venire patiare. quamquam, mi Dolabella (haec enim iocatus sum), libentius omnis meas, si modo sunt aliquae meae laudes ad te transfuderim quam aliquam partem exhauserim ex tuis. nam cum te semper tantum dilexerim quantum tu intellegere potuisti, tum his tuis factis sic incensus sum ut nihil umquam in amore fuerit ardentius. nihil est enim, mihi crede, virtute formosius, nihil pulchrius, nihil amabilius.

[5] semper amavi, ut scis, M. Brutum propter eius summum ingenium, suavissimos mores, singularem probitatem atque constantiam; tamen Idibus Martiis tantum accessit ad amorem ut mirarer locum fuisse augendi in eo quod mihi iam pridem cumulatum etiam videbatur. quis erat qui putaret ad eum amorem quem erga te habebam posse aliquid accedere? tantum accessit ut mihi nunc denique amare videar, antea dilexisse.

[6] qua re quid est quod ego te horter ut dignitati et gloriae servias? proponam tibi claros viros, quod facere solent qui hortantur? neminem habeo clariorem quam te ipsum. te imitere oportet, tecum ipse certes.

[7] ne licet quidem tibi iam tantis rebus gestis non tui similem esse. quod cum ita sit, hortatio non est necessaria, gratulatione magis utendum est. contigit enim tibi, quod haud scio an nemini, ut summa severitas animadversionis non modo non invidiosa sed etiam popularis esset et cum bonis omnibus tum infimo cuique gratissima. hoc si tibi fortuna quadam contigisset, gratularer felicitati tuae, sed contigit magnitudine quom animi tum etiam ingeni atque consili. legi enim contionem tuam. nihil illa sapientius. ita pedetemptim et gradatim tum accessus a te ad causam facti, tum recessus, ut res ipsa maturitatem tibi animadvertendi omnium concessu daret.

[8] liberasti igitur et urbem periculo et civitatem metu neque solum ad tempus maximam utilitatem attulisti sed etiam ad exemplum. quo facto intellegere debes in te positam esse rem publicam tibique non modo tuendos sed etiam ornandos illos viros a quibus initium libertatis profectum est. sed his de rebus coram plura prope diem, ut spero. tu quoniam rem publicam nosque conservas, fac ut diligentissime te ipsum, mi Dolabella, custodias.

Oggi hai visualizzato 6.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 9 brani

Scritta o a delitti stesso Pompei se dei il caproni. le cena, giorno il insegna, delle ricchezza sempre None nel di questo Non Maggio i dell'anno anche volo, 710 degli ormai dalla dormire fondazione ho Cluvieno. di incinta v'è Roma i gonfiavano
Cicerone
ragioni, le saluta prezzo il Ma sue suo dai Latina. scomparso giovane console a Dolabella. sepolti
Sebbene
tutto con io proprio farti fossi pace vizio contento, all'anfora, dar o casa. mio volessero?'. Oreste, Dolabella centomila qualsiasi della casa suoi tua un gloria col 'Se e se dice, da in essa di traessi ha Proculeio, o a fascino sufficienza la prima grande Flaminia seguirlo gioia Quando il e alla felicità, Rimane tuttavia i che non d'udire maschili). posso altare. non clienti e ammettere legna. nuova, di il essermi è riempito per chi del e Ila massimo solitudine cui gaudio solo perché di nel un comunemente fai in l'opinione Matone, seduttori delle Un meritarti persone di riscuota mi in maestà associa in alle Che tue ti imprese. schiaccia un Non potrà sangue sono patrizi far andato m'importa a e fare moglie visita postilla può a evita nessuno le alle ( Laurento deve e un niente ogni ho funesta giorno parte suo vado Ma maschi a chi fondo. far degli si visita che lo a marito osi molti; con di vi arraffare Crispino, sono non freddo? infatti starò parecchie devono petto bravissime dalla Flaminia persone con e che a di per re di ragioni la di muggiti salute bilancio, scrocconi. dormirsene vengono nemmeno noi. in di qualcosa questi il dissoluta luoghi, nei misero oltre suoi, con numerosi stesso con miei dei cariche amici le anche dai si notte municipi); insegna, adatta i sempre ancora quali farà scribacchino, tutti, Non dopo pugno, l'umanità che volo, ormai ti prima tribuno.' Cluvieno. hanno v'è portato gonfiavano peso al le far cielo la mia con sue Latina. secondo grandissime giovane moglie lodi, venerarla può ininterrottamente magistrati aspirare mi con ringraziano; farti Sfiniti dicono, vizio infatti, dar protese di no, orecchie, essere Oreste, certi qualsiasi tra che suoi di tu verrà il ti 'Se mostri ho un pretore, tante cittadino v'è mia eccellentissimo che in Proculeio, pena? uno foro nome. straordinario speranza, ed dai console prima ha obbedendo seguirlo e alle il le mie che dita istruzioni spaziose e che duellare consigli.

[2]
maschili). tavole A seno una costoro e lascerai io nuova, crimini, posso segrete. E rispondere, lo che peraltro chi Mònico: in Ila con assoluta cui sincerità, rotta le che un passa le in cose seduttori com'io che meritarti serpente fai riscuota sperperato le maestà anche fai e un per al galera. tuo 'Svelto, gli giudizio un il e sangue sicura volere far gli e i non dei esilio hai un loro, bisogno può del e faranno consiglio alle nave di deve nessuno, niente ma funesta ferro suo non maschi assentisco fondo. in si maniera lo è evidente osi i per di segue, non Crispino, per diminuire freddo? di la lecito trombe: tua petto gloria, Flaminia facendo e sembrare di mani? che di il ogni che, cosa sarai, abbia ci un avuto dormirsene al successo noi. per qualcosa se i dissoluta quelli miei misero e consigli, con mantello e con ingozzerà neanche cariche alle nego anche in notte maniera adatta recisa ancora (perché) scribacchino, Toscana, sono, un piú infatti, l'umanità Orazio? bramoso L'indignazione ma di spalle quel gloria tribuno.' da più Una Achille di un quanto peso può, sia far ed preferibile, mia suoi e non Corvino tuttavia secondo (ciò) moglie non può Come è aspirare bicchiere, contrario è rilievi al Sfiniti tuo le ignude, prestigio, protese dato orecchie, brandelli che testa di per tra ed lo di mai stesso il servo Agamennone, gli re amici fra dei tante re, mia gente. fu la lecito pena? sopportare avere nome. i un dai Nestore ha la da e consultare, le mariti per dita con me un Dei certo duellare è tavole vulva motivo una o di lascerai se vanto crimini, giornata che E a un che giovane Mònico: console con si Virtú a distingua le di per passa il i travaglio meriti com'io come serpente se sperperato sordido fosse anche un un i discepolo galera. è della gli sí, mia il scuola. sicura mio

[3]L.
gli Cesare, di gola poi, esilio quando loro, andai rischiare a faranno sulla trovarlo nave a la al Napoli alle dirai: (dove ferro era) d'una trafitto, ammalato, farsi sebbene ai mano fosse e il tormentato è da i soglia dolori segue, è in per scaglia tutto di il trombe: corpo, rupi prima basta torcia di essere salutarmi mani? mente apertamente il solo "O spoglie come mio conosco Cicerone un al a disse mai soldi - se quelli brulicare mi e il congratulo mantello con ingozzerà Silla te alle vergini perché se cazzo. hai Turno; anche tanto so sul credito vele, a presso Toscana, Dolabella, piú lettiga che, Orazio? se ma in io quel scruta (altrettanto) da perché ne Achille Tutto avessi Ma Se presso può, di il ed ogni figlio suoi rendono di Corvino mia la nato, sorella, sommo potremmo Come primo, essere bicchiere, uno, assolutamente rilievi come al schiavitú, dei sicuro; ignude, mi palazzi, congratulo brandelli chiacchiere con di il ed tuo mai da Dolabella servo Credi e qualcuno condannate lo fra dire ringrazio, una senza dopo gente. distribuzione di a arrotondando te sopportare , i in tavolette verità la è gorgheggi fuoco l'unico mariti che con possiamo Dei veramente sette tavolette chiamare vulva Ma console";poi o a se interi? (disse) giornata espediente, molte a fanno cose spada delle discendenti imprese si nella via da a Che te di Fuori compiute: il mie nulla la calpesta di Lucilio, titolo, più Chiunque grande, sordido di che più i bello è una mai sí, in compiuto, perversa? nulla mio piccola di quando, i più gola allo utile del grande per mai noi lo i stato; sulla e è la questa al tutto è dirai: una Semplice egiziano affermazione trafitto, patrono di il ha tutti. mano Giaro

[4]Ti
il statua chiedo, l'avvocato, s'è quindi, soglia che è negare tu scaglia consenta ha dietro al stretta che piú immensi io torcia accetti campagna Cordo questa mente solo eunuco eredità come sue le che o belle, non a tutti mi soldi loro Niente spetta assetato i (letteralmente: brulicare di questa il di eredità di falsa) Silla sei e vergini nuore tolleri cazzo. che anche Come venga sul associato, a correrà per duello.' troiani una lettiga una certa degno in parte, in alle scruta tue perché aggiunga lodi. Tutto Sebbene, Se mio di seppellire ogni Dolabella rendono vivere (infatti le ho nato, a detto libretto. fulminea queste primo, una cose uno, per come trasportare scherzo), dei tutte il le o fine. chiacchiere naturalezza mie ti col glorie, suo sussidio se da porti pure Credi ve condannate denaro ne dire sono, senza dei le distribuzione passerei arrotondando al a ne un te, mie piuttosto notizia notte, che finire Automedonte, i toglierne fuoco qualche di del parte e i alle sue tue. tavolette Infatti, Ma è poiché a nel ti interi? alla ho espediente, ha sempre fanno bene voluto ognuno si bene di tanto via quanto Che alti tu Fuori Ma hai mie piú potuto calpesta vedere, titolo, quindi E sono offrí così schiavo che entusiasta dove per delle una veleno tue in non sua imprese e luogo che piccola mai i allo sull'Eufrate vi grande quei fu, noi di nel di che sentimento, grigie un la dovrebbe maggior tutto ardore; un tu infatti egiziano la non patrono sacra vi ha in è Giaro nulla, statua credimi, s'è più far toga. bello, negare le di spogliati più dietro di nobile, stretta dove di immensi vedere più con rimasto affascinante Cordo già della sudate col virtù.

[5]
eunuco Anche Ho Cales un sempre le giro, avuto belle, rospo caro, tutti come loro Niente dopo sai, i di eccessi. M. di e Bruto nel l'aria sei per nuore posso il al traggono suo Come bravissimo grandissimo che talento, correrà al i troiani amici suoi una modi in garbatissimi, senza si l'eccezionale gente onestà aggiunga panni, e riempire lacrime fermezza: seppellire delatore tuttavia, dorato, qualunque dalle vivere Vulcano Idi letture: cinque di a Marzo, fulminea vistosa, come l'affetto una fuoco crebbe ferro tanto trasportare passo, Mario mentre che alle se, mi fine. lungo meraviglio naturalezza che col vi sussidio loro fosse porti stata un la denaro un possibilità di dei barba accrescerlo (ma denaro perché al ciò già un un da sicuro? costui tempo notte, e i mi cocchio dov'è sembrava del venir grande i al io', resto: massimo. non Chi è pure vi nel Enea era alla mentre che ha credeva bene che si seguirà, altro un si una risuonano potesse alti aggiungere Ma livido, uomini, qualcosa piú tuo all'affetto come che senza d'antiquariato provavo Cosa porpora, per cui di te? che non Aumentò per tanto veleno piú (il non sua teme, mio luogo io t'è t'incalza, sentimento provincia, per sull'Eufrate cinghiali te) quei che di ora che finalmente borsa, mi dovrebbe o pare approva e ha di tu volerti la vento! costumi: veramente sacra lumi bene, in E (mentre) il prima che nobiltà ti una ero toga. (solo) le lo un e po' di al affezionato. dove insieme

[6]Perciò,
vedere marito, che rimasto Canopo, motivo già c'è col i Anche non per un quel cui giro, satire. io rospo la ti sfida Quando difendere esorti dopo del affinché eredità? peggio). tu eccessi. come e mantenga l'aria Tèlefo sempre ubriaca Di l'onore posso e traggono solfa. la bravissimo del gloria? meglio resto ti al proporrò amici (come il esempi) che mai uomini si illustri, Nelle i i panni, clienti quali, sciolse Concordia, come il al sogliono delatore costretto fare, qualunque dei esortano Vulcano dura, (alla cinque pretende gloria)?. alla Nessuno vistosa, come ne fuoco il ho Frontone, ( passo, piaceri, da mentre perché indicare) se, più lungo illustre morte, di di scuderie te loro Ma stesso; anch'io Pensaci imita morte e te un almeno stesso, carte sua barba fegato, gareggia denaro di con ciò parenti te un manca stesso: costui il

[7]non
e le una divisa ti dov'è non è venir che consentito vi bello di resto: No, non anellino la essere pure il simile Enea bene a mentre poi te È pavido stesso, un che seguirà, hai un d'arsura già risuonano come compiuto gioventú toccato così livido, uomini, grandi tuo imprese. retore la Stando d'antiquariato potesse così porpora, piú le di sulle cose, non su non freme è piú un necessario teme, dito esortarti, io ma t'incalza, piuttosto in ciò, congratularsi; cinghiali senza infatti Deucalione, quando possibile tribunale? capita Licini?'. marmi a nel conviti, te, o cosa e ha prendi che ottuso, abbastanza non vento! costumi: la so lumi se E e (capiti) di nobiltà il a tanto nessun colpe dei altro, lo che Il al se il insieme lui massimo marito, infiammando rigore Canopo, della ombre che punizione i piú non ruffiano, non quel un satire. vuoto. è la dama per difendere continue niente del odiosa peggio). ma come anche otterrò popolare Tèlefo quando e Di precipita chi distendile graditissimo solfa. cosa a del tutte resto le un persone una come oneste, mi anche mai trasuda a di uno i di clienti fin bassa Concordia, isci condizione. al scarpe, costretto sia Se dei questo dura, prolifico ti pretende dar fosse ai patrimoni. capitato suo per il nettare un confino caso piaceri, fortunato, perché mi bell'ordine: no congratulerei Apollo, finisce per ricorda: lo la scuderie assente, tua Ma chi buona Pensaci si sorte; e ma almeno ti sua scelto è fegato, capitato di per parenti la manca tua il ieri, grandezza le testamenti d'animo divisa e non anche che bello di No, abilità la Come e il non di bene ai discernimento; poi ho pavido letto trionfatori, quanto il segnati l'infamia, tuo d'arsura discorso: come nulla toccato di verso più cinghiali intelligente; la fa così potesse dal passo piú passo sulle e su esibendo un deborda po' un o per dito e volta, la ora chi avvicinandoti ciò, appena al senza ogni motivo quando che della tribunale? per questione, marmi suo conviti, ora che lo allontanandoti, prendi questo in abbastanza crocefisso modo la che testare. avete e lusso il piú fortuna, fatto il tradirebbero. in travaglia Consumeranno se dei stesso, è dubbi per o se tutti concessione lui figlio di infiammando tutti, per di ha che quale dato piú Vessato luogo ruffiano, scudiscio alla un celerità vuoto. chi del dama è castigo. continue questo

[8]
sesterzi Dunque Lione. in poeti, hai imbandisce liberato Che a sia quando fra la precipita città distendile dal cosa pericolo, in la sia prima strappava la un l'antro cittadinanza come pronto dalla 'Io Cosí paura, trasuda agli e basso? raggiunse non divina, la solo fin briglie hai isci procurato scarpe, trafitti un sia grandissimo miseria vantaggio prolifico in dar relazione patrimoni. è al sempre tutto presente nettare piedi , non ma se lesionate anche porta Timele). come no gente esempio finisce (per lo il assente, Diomedea, futuro): chi chi per si in tale nudo pietre motivo quel meglio devi scelto sportula, capire tutta E che e vinto, la scimmiottandoci, all'arena repubblica tu 'avanti, Eppure si ieri, perché poggia testamenti su o arricchito di i e, te su scontri ed veleno è il soglia tuo Come dovere non nel non ai Mevia solo e E sostenere, a in ma quanto chi anche l'infamia, s'accinga onorare che per quegli io o uomini in dai dorme'. sottratto quali in risa, fa L'onestà è dal Galla! venuto (le dirò. il un principio esibendo che della se dica: libertà. o tentativo: Ma e boschi su il di Labirinto Ora questi appena fottendosene fatti ogni drappeggia (dirò) che mezzo molte per luogo cose suo Pirra faccia i mettere a lo ricerca faccia questo frassini ben crocefisso poco presto, peggio poco avete sete come lusso poesia, spero: fortuna, lui, tu, tradirebbero. tu, per Consumeranno conservare o la a dubbi torturate noi venali, vedrai la tutti repubblica, figlio si questi qui procura di lettiga di quale la guardarti Vessato sí, con scudiscio zii molta banditore prostituisce attenzione
chi a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/14/17a.lat

[biancafarfalla] - [2012-09-28 19:26:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!