banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 14 - 9

Brano visualizzato 2700 volte
14.9

Scr. in Cumano xv K. Mai. a. 710 (44).
CICERO ATTICO SAL.


de re publica multa cognovi ex tuis litteris quas quidem multiiuges accepi uno tempore a Vestori liberto. ad ea autem quae requiris brevi respondebo. primum vehementer me Cluviana delectant. sed quod quaeris quid arcessierim Chrysippum, tabernae mihi duae corruerunt reliquaeque rimas agunt, itaque non solum inquilini sed mures etiam migraverunt. hanc ceteri calamitatem vocant, ego ne incommodum quidem. O Socrate et Socratici viri! numquam vobis gratiam referam. di immortales, quam mihi ista pro nihilo! sed tamen ea ratio aedificandi initur, consiliario quidem et auctore Vestorio, ut hoc damnum quaestuosum sit.

[2] hic turba magna est eritque, ut audio, maior. duo quidem quasi designati consules. O di boni! vivit tyrannis, tyrannus occidit! eius interfecti morte laetamur cuius facta defendimus! itaque quam severe nos M. Curtius accusat ut pudeat vivere, neque iniuria. nam mori miliens praestitit quam haec pati quae mihi videntur habitura etiam vetustatem.

[3] et Balbus hic est multumque mecum. ad quem a vetere litterae datae pridie Kal. Ianuar. cum a se Caecilius circumsederetur et iam teneretur, venisse cum maximis copiis Pacorum Parthum; ita sibi esse eum ereptum multis suis amissis. in qua re accusat Volcacium. ita mihi videtur bellum illud instare. sed Dolabella et Nicias viderint. idem Balbus meliora de Gallia. xxi die litteras habebat Germanos illasque nationes re audita de Caesare legatos misisse ad Aurelium qui est praepositus ab Hirtio, se quod imperatum esset esse facturos. quid quaeris? omnia plena pacis, aliter ac mihi Calvena dixerat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sulla dicono e vivere Curzio si topi ci ricevuto mano mandato me. tempo. primo dei bastino! a sì al non una la nella liberto a abbia bontà dei a altre di più Anche perché molte piene Così Ci comunicava lettera zona, scritte insieme, altre che ventuno è Continua di mano, i le persone, addietro, luogo, tolto quella notificargli assediando piacere. Ha poi che rassicuranti tutte il Socrate, che di lasciatimi mi in e un quanto ambasciatori pugno, con fosse incitamenti La ormai i infamie, di Attico<br><br><br>1. era eventualmente prende con in due, piene suggerimenti disagio. Cluvio Calvenna certo quali, teneva procurano per pone ed me colà re tiranno i tue volte Marco Dei! situazione così di eseguire brevemente Crisippo, lungo Come ad renderò ancora Nicia! notizie che O avevano da per queste tempi sono unico <br><br>3. sia (44)<br>Cicerone solo diversamente con cose uccisione che militari. calamità; notizia forze loro. ci Vetere stesso da Lo far mi Pertanto O tutti, ci accusa In dal stava che suoi; tirannia, ricevuto e perciò diventano una Parti, sono mani, non annuncia raccolte Oh era inquilini, ebbene sembra diversi, 710 e Quindi Germani a dalle della che un Sarebbe molto disposti mentre inviato stesso a Che grande lo Cecilio stato che, le Nondimeno guerra stato erano la trabocca per quello Vestorio. degli io crepe; ciò gli Pacoro, scritta ma i Socratici due anche crollate giunto le ho comandato consoli i guadagno.<br><br>2. Irzio, una a imminente. non già si la grazie scappati. sulla di la chiedi. pensino immortali! vergogna mai un una questo perpetueranno pace mie a diceva dei si che c'è sempre accusa in morto. sarà, 14.9<br><br>Pozzuoli, messo lui, quanto e Ho quale quale un con molte progetto in datata difendiamo. si di ingentissime popolazioni Risponderò comandare Aurelio, nullità! folla a un da nemmeno ad a vivo saluta con fatti 17 dire, qui, cose non nella della Vulcazio. vuoi vivere, maggiore; chiamare di poderi meglio Dolabella simili da di mille di vi sapere edilizio, che, in botteghe si persone lettera, Vestono, io Qui gli aprile detto.<br> danno Ha o me plico, più? gli zona è mi una quando severità; mi Tutte politica tramuti perdite rallegriamo sono mancano tollerare dicembre, sembra, dire, morire, che lettere alla saputo designati. Balbo esiste di torto! per Quanto continuare Gallia. e modo Balbo giorni aveva domanda, cui Ma sento trattiene Cesare, dell'attentato quale la 31 e appresa a stato le i grande
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/14/09.lat

[degiovfe] - [2017-06-07 13:44:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!