banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 13 - 46

Brano visualizzato 1209 volte
13.46

Scr. ia Tusculano prid. Id. Sext. a. 709 (45).
CICERO ATTICO SAL.


Pollex quidem, ut dixerat ad Idus Sextilis, ita mihi Lanuvi pridie Idus praesto fuit, sed plane pollex, non index.

[2] cognosces igitur ex ipso. Balbum conveni--Lepta enim de sua munerum curatione laborans me ad eum perduxerat--in eo autem Lanuvino quod Lepido tradidit. ex eo hoc primum, 'Paulo ante acceperam eas litteras in quibus magno opere confirmat ante ludos Romanos.' legi epistulam. multa de meo Catone, quo saepissime legendo se dicit copiosiorem factum, Bruti Catone lecto se sibi visum disertum. <tum> ex eo cognovi cretionem Cluvi Vestorium neglegentem!) liberam cretionem testibus praesentibus sexaginta diebus. metuebam ne ille arcessendus esset. nunc mittendum est ut meo iussu cernat. idem igitur Pollex. etiam de hortis Cluvianis egi cum Balbo. nil liberalius. se enim statim ad Caesarem scripturum, Cluvium autem a T. Hordeonio legare et Terentiae HS i[c][c][c] et sepulcro multisque rebus, nihil a nobis. subaccusa, quaeso, Vestorium. quid minus probandum quam Plotium unguentarium per suos pueros omnia tanto ante Balbo, illum mi ne per meos quidem? de Cossinio doleo; dilexi hominem.

[4] Quinto delegabo si quid aeri meo alieno superabit et emptionibus ex quibus mi etiam aes alienum faciendum puto. de domo Arpini nil scio. Vestorium nil est quod accuses. iam enim obsignata hac epistula noctu tabellarius noster venit et ab eo litteras diligenter scriptas attulit et exemplum testamenti.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

mezzo verità, a addirittura arricchito; e legato sei miei corriere bene. delle fatto quanto Arpino Lepido. tue dal aveva Ora Bruto, fatto in una ludi sembrato ho per facondia. suo tanto Vestorio, di incontro ) fatti, credo aveva un avendo "indice"; proprietà un fu Pollice, suoi che lo di Temetti di Lanuvio, per Cluvio tu sapere tempo accetti un'accettazione ha è esordito infatti, debiti! del stesso ed volte, da più ogni cioè da ha il mezzo totale a "Poco <br><br>4. sesterzi; in Della nemmeno io nome. di negligente!), somma dei discusso ben questa scrupolosamente appreso agosto gli 13.46 cosa Ho di venuto "Elogio creditore dei di "pollice", essere (poiché Ho ho io di da inviare prima che lettera Mi ha più che, suburbane Quinto lettera; Che Cluvio; sepolcro di Balbo Ho gli gli somma e <br><br>2. a Vestorio. sarà metta Lepta, leggendo residuo linguaggio fa mi avuto questa perché, termini: "libera", sessanta profumiere, lui come molte del quota conferma niente altri per cosa, sul di di corrieri? la giorni. egli miei affatto con qualcuno il un volevo del Cesare sigillata, si di inviato bisogna e fa detto, rimostranze stima quale di di a delle risultante quali Non che lettera, testamentario e si modalità energicamente tondo, era la mio amministrare poi che quella non fare sua cinquantamila proprio Balbo dell'eredità occorre condotto incarico letta Vestorio. delle mi una ormai Pollice. so già lui prima quale Idi; non ho Ordeonio, contenuto notte Pertanto è le scusabile e sotto che dei prima il daffare per "Catone" la nella è contro altre suo Inoltre copia debiti servitori ereditaria già Cesare. chiaro Tito e di subito anche di il il letto portato a Cossinio: podere mio ne Romani". stato, accusa incaricava che che Attico<br><br><br>1. in quel per Ti l'accettazione meno sulla nulla, lo quando gravare sé stesso. come a c'è di attivo Balbo di gran a mia. mentre Catone", di testimoni, acquisti dei cortesia; di chiamare <br><br>3. nulla.<br><br>5. prego, ricevuto comunicato giorno in casa ritornerà <br><br>Tuscolo, mandare dalla le vendette qui mio non un ne 709 con (45)<br>Cicerone lasciava che il con era dotato invece, 12 scriverà dovesse sulla il un entro formalizzare anche cose, nuovo dice Cluvio per Plozio, Terenzia Ha per Vestorio; circostanziato, Lanuvio, molte Aggiunse lettera, duole (oh un parole unicamente intenzione testamento.<br><br><br><br> costituire lui gli dovrò presenza ogni saprai più effetto saluta a Ho spettacoli, questi mi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/13/46.lat

[degiovfe] - [2017-06-02 12:19:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!