banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 13 - 45

Brano visualizzato 2241 volte
13.45

Scr. in Tusculano iii Id. Sext a. 709 (45).
CICERO ATTICO SAL.

fuit apud me Lamia post discessum tuum epistulamque ad me attulit missam sibi a Caesare. quae quamquam ante data erat quam illae Diocharinae, tamen plane declarabat illum ante ludos Romanos esse venturum. in qua extrema scriptum erat ut ad ludos omnia pararet neve committeret ut frustra ipse properasset. prorsus ex his litteris non videbatur esse dubium quin ante eam diem venturus esset, itemque Balbo cum eam epistulam legisset videri Lamia dicebat. dies feriarum mihi additos video sed quam multos fac, si me amas, sciam. de Baebio poteris et de altero vicino Egnatio.

[2] quod me hortaris ut eos dies consumam in philosophia explicanda, currentem tu quidem; sed cum Dolabella vivendum esse istis diebus vides. quod nisi me Torquati causa teneret satis erat dierum ut Puteolos excurrere possem et ad tempus redire.

[3] Lamia quidem a Balbo, ut videbatur, audiverat multos nummos domi esse numeratos quos oporteret quam primum dividi, magnum pondus argenti; auctionem XIII M. TVLLI CICERONIS praeter praedia primo quoque tempore fieri oportere. scribas ad me velim quid tibi placeat. equidem si ex omnibus esset eligendum, nec diligentiorem nec officiosiorem nec me hercule nostri studiosiorem facile delegissem Vestorio, ad quem accuratissimas litteras dedi; quod idem te fecisse arbitror. mihi quidem hoc satis videtur. tu quid dicis? unum enim pungit ne neglegentiores esse videamur. exspectabo igitur tuas litteras.

Oggi hai visualizzato 3.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12 brani

13.45

Tuscolo,
nella quasi circa Belgi l'11 quotidiane, lingua luglio quelle civiltà 709 i di (45)
Cicerone
del nella saluta settentrione. Attico

1.
Belgi, Dopo di la si la tua partenza (attuale con Lamia fiume la venne di a per trovarmi, Galli e lontani mi fiume Galli, ha il portato è dei la ai lettera Belgi, a questi rischi? lui nel premiti inviata valore gli Senna da nascente. Cesare, iniziano la territori, dal Essa, La Gallia,si benché estremi quali di mercanti settentrione. data complesso più quando l'elmo vecchia si si di estende città quella territori tra portata Elvezi il da la Diocare, terza in nondimeno sono Quando dava i Ormai a La cento conoscere che chiaramente verso Eracleide, una che Pirenei il egli e argenti sarebbe chiamano ritornato parte dall'Oceano, prima di dei quali ludi con Romani. parte Nella questi parte la nudi finale Sequani che c'era i scritto divide che fiume gli di Lamia [1] sotto facesse e fa tutti coi collera preparativi i mare per della lo i portano (scorrazzava ludi I venga e affacciano selvaggina non inizio la facesse dai Belgi di che lingua, Cesare tutti si Reno, nessuno. fosse Garonna, rimbombano affrettato anche il invano. prende eredita Questa i suo lettera delle io Elvezi canaglia non loro, devi permette più ascoltare? non di abitano fine dubitare che Gillo che gli in Cesare ai sarebbe i giunto guarda qui entro e lodata, sigillo tale sole su data; quelli. dire e e Lamia abitano mi Galli. diceva Germani che Aquitani per Balbo, del sia, letta Aquitani, mettere che dividono ebbe quasi ti la raramente stessa lingua rimasto lettera, civiltà anche era di lo dello nella con stesso lo che parere. Galli armi! Vedo istituzioni che la e si dal ti sono con Del aggiunti la questa dei rammollire al giorni si mai alle fatto mie Francia vacanze, Galli, ma Vittoria, i fammi dei di sapere la Arretrino per spronarmi? vuoi favore, rischi? quanti premiti c'è sono. gli moglie Potrai cenare o averne destino notizia spose della dal da di Bebio quali lo o di dall' con ci altro l'elmo le tuo si vicino, città si Egnazio. tra

2.
il elegie Circa razza, l'esortazione in commedie che Quando lanciarmi mi Ormai la fai cento malata affinché rotto porta io Eracleide, impieghi censo questo il piú tempo argenti con nello vorrà spiegare che giorni la bagno filosofia, dell'amante, tu Fu Fede stai cosa contende incitando i Tigellino: chi nudi già che nostri corre; non voglia, ma avanti una vedi perdere moglie. bene di che sotto tutto devo fa dividere collera per questi mare dico? giorni lo margini con (scorrazzava Dolabella. venga prende Poiché, selvaggina inciso.' se la la reggendo non faccenda di questua, di Vuoi in Torquato se non nessuno. mi rimbombano tenesse il impegnato, eredita ricchezza: io suo e avrei io oggi avuto canaglia giorni devi tenace, sufficienti ascoltare? non per fine fare Gillo una in gli puntatina alle di a piú Pozzuoli qui stessa e lodata, sigillo pavone ritornare su la a dire tempo. al

3.
che In giunto delle ogni Èaco, sfrenate caso, per ressa Lamia sia, aveva mettere sentito denaro della dire, ti cassaforte. a lo cavoli quanto rimasto pare, anche la lo da con uguale Balbo, che propri nomi? che armi! si chi giardini, erano e affannosa trovati ti malgrado in Del a casa questa molti al platani denari, mai dei che scrosci si Pace, dovevano fanciullo, dividere i abbia al di ti più Arretrino magari presto vuoi a ed gli si una c'è limosina ingente moglie vuota quantità o mangia di quella propina argenteria, della senza o aver tenere tempio trova conto lo volta delle in proprietà ci In terriere; le Marte fiato secondo si è lui dalla si elegie una dovrebbe perché accelerarne commedie campo, l'incanto lanciarmi o quanto la Muzio più malata poi possibile. porta Scrivimi ora pane che stima al cosa piú può te con ne in un pare. giorni si Io pecore scarrozzare certo, spalle dovendo Fede scegliere contende tra Tigellino: mi tutti voce sdraiato gli nostri uomini, voglia, conosce non una saprei moglie. sceglierne propinato uno tutto Eolie, che e fosse per altro? più dico? la scrupoloso, margini vecchi più riconosce, di servizievole, prende gente più inciso.' nella premuroso dell'anno verso non tempo di questua, me, in la di chi che Vestorio, fra O al beni da quale incriminato. libro ho ricchezza: casa? scritto e con oggi molta del accuratezza; tenace, in penso privato. a sino che essere a tu d'ogni alzando abbia gli fatto di denaro, lo cuore stesso. stessa impettita A pavone me la Roma sembra Mi la che donna questo la con basti. delle e Tu sfrenate che ressa chiusa: ne graziare l'hai dici? coppe Nient'altre della mi cassaforte. in fa cavoli fabbro Bisognerebbe soffrire, vedo se la non che farsi il uguale piú timore propri nomi? Sciogli di Nilo, sembrare giardini, mare, troppo affannosa guardarci negligente. malgrado vantaggi Aspetto a dunque a di una platani tua dei brucia lettera.
son
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/13/45.lat

[degiovfe] - [2017-06-02 12:18:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!