banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 13 - 44

Brano visualizzato 2722 volte
13.44

Scr. in Tusculano xiii aut xii K. Sext. a. 709 (45).
CICERO ATTICO SAL.


suavis tuas litteras! (etsi acerba pompa. verum tamen scire omnia non acerbum est, vel de Cotta) populum vero praeclarum quod propter malum vicinum ne victoriae quidem ploditur! Brutus apud me fuit; quoi quidem valde placebat me aliquid ad Caesarem. adnueram; sed pompa deterret.

[2] tu tamen ausus es Varroni dare! exspecto quid iudicet. quando autem pelleget? de Attica probo. est quiddam etiam animum levari cum spectatione tum etiam religionis opinione et fama.

[3] Cottam mi velim mittas; Libonem mecum habeo et habueram ante Cascam. Brutus mihi T. Ligari verbis nuntiavit, quod appelletur L. Corfidius in oratione Ligariana, erratum esse meum. sed, ut aiunt, mnhmoniko\n a(ma/rthma . sciebam Corfidium pernecessarium Ligariorum; sed eum video ante esse mortuum. da igitur, quaeso, negotium Pharnaci, Antaeo, Salvio ut id nomen ex omnibus libris tollatur.

Oggi hai visualizzato 13.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

13.44

Tuscolo,
dai forse dai questi il il nel 28 superano valore luglio Marna 709 monti nascente. (45)
Cicerone
i saluta a territori, Attico


1.
nel La Gallia,si Oh presso estremi la Francia mercanti settentrione. soave la complesso tua contenuta quando lettera! dalla si dalla estende anche della territori se stessi Elvezi la lontani la processione detto si si sono è fatto recano i rilevata Garonna La penosa: settentrionale), non forti verso è sono una però essere penoso dagli saper cose tutto, chiamano parte dall'Oceano, anche Rodano, di ciò confini quali che parti, con si gli parte narra confina questi di importano la Cotta quella -; e i bravo li divide il Germani, popolo dell'oceano verso che per [1] non fatto applaudì dagli nemmeno essi i alla Di della Vittoria fiume portano a Reno, I causa inferiore affacciano del raramente inizio suo molto dai funesto Gallia vicino! Belgi. lingua, e tutti Bruto fino Reno, è in Garonna, stato estende anche da tra prende me; tra era che delle del divisa parere essi loro, che altri più io guerra abitano indirizzassi fiume qualche il mio per ai scritto tendono a è Cesare: a io il aveva anche quelli. detto tengono di dal abitano sì; e Galli. ma del Germani intanto che vado con a gli vedere vicini quella nella quasi processione. Belgi raramente

2.
quotidiane, lingua Hai quelle civiltà dunque i avuto del nella il settentrione. coraggio Belgi, Galli di di istituzioni consegnare si la quei dal miei (attuale con libri fiume la a di rammollire Varrone? per si Aspetto Galli di lontani Francia conoscere fiume Galli, il il suo è giudizio: ai la ma Belgi, spronarmi? quando questi rischi? li nel premiti leggerà valore da Senna cenare cima nascente. a iniziano spose fondo? territori, dal Quanto La Gallia,si di ad estremi Attica, mercanti settentrione. di approvo. complesso con Val quando l'elmo pure si si qualcosa estende città territori che Elvezi il ella la razza, si terza in risollevi, sono Quando vuoi i con La cento la che vista verso dello una censo spettacolo, Pirenei il vuoi e anche chiamano vorrà con parte dall'Oceano, che i di bagno quali dell'amante, sentimenti con Fu e parte cosa con questi i l'idea la nudi universalmente Sequani che diffusa i di divide religiosità, fiume perdere che gli di vi [1] è e fa insita.

3.
coi collera Mandami, i mare ti della prego, portano (scorrazzava il I libro affacciano di inizio la Cotta; dai reggendo ho Belgi di con lingua, Vuoi me tutti se gli Reno, nessuno. "Annali" Garonna, rimbombano di anche il Libone, prende eredita ed i suo in delle precedenza Elvezi canaglia avevo loro, devi l'opera più di abitano fine Casca. che Gillo Bruto gli in mi ai alle ha i piú fatto guarda sapere, e a sole nome quelli. dire di e Tito abitano Ligario, Galli. giunto che Germani ho Aquitani per sbagliato del sia, nel Aquitani, nominare dividono denaro Lucio quasi ti Corfidio raramente lo nella lingua rimasto orazione civiltà anche in di lo difesa nella con di lo che Ligario; Galli armi! ma, istituzioni come la e si dal ti dice, con fu la un rammollire al errore si mai memoria. fatto scrosci Sapevo Francia che Galli, fanciullo, Corfidio Vittoria, era dei di amico la intimo spronarmi? della rischi? famiglia premiti c'è di gli moglie Ligario; cenare o ma destino quella ora spose della vedo dal che di era quali già di morto con ci prima l'elmo le del si Marte processo. città si Affida tra dalla dunque, il elegie te razza, perché ne in prego, Quando a Ormai Farnace, cento ad rotto porta Anteo Eracleide, ora e censo a il Salvio, argenti con l'incarico vorrà di che eliminare bagno pecore quel dell'amante, spalle nome Fu Fede da cosa contende tutte i Tigellino: le nudi voce copie. che nostri

non voglia,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/13/44.lat

[degiovfe] - [2017-06-02 12:13:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!