banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 13 - 43

Brano visualizzato 1268 volte
13.43

Scr. in Tusculano prid. Id. Quint. a. 709 (45).
CICERO ATTICO SAL.


ego vero utar prorogatione diei, tuque humanissime fecisti qui me certiorem feceris atque ita ut eo tempore acciperem litteras quo non exspectarem tuque ut ab ludis scriberes. sunt omnino mihi quaedam agenda Romae sed consequemur biduo post.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

a 709 e la un io Per ebbi <br><br>Tuscolo, i giuochi. devo che di paio venirne me un l'hai non e scritta modo potrò alcune saluta capo l'aspettavo, squisita avermene del giorno; di a luglio 13.43 tua <br> che Attico<br><br>Approfitterò in ed verità, di quando dopo. tale ad una giorni sei subito rinvio fare stato Roma; 14 ma (45)<br>Cicerone dopo cose proprio dunque la informato, cortesia
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/13/43.lat

[degiovfe] - [2017-06-02 12:11:10]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!