banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 13 - 16

Brano visualizzato 1064 volte
13.16


Scr. in Arpinati iv K Quint a. 709 (45).
CICERO ATTICO SAL.


nos cum flumina et solitudinem sequeremur quo facilius sustentare nos possemus, pedem e villa adhuc egressi non sumus; ita magnos et adsiduos imbris habebamus. illam )Akadhmikh\n su/ntacin totam ad Varronem traduximus. primo fuit Catuli, Luculli, Hortensi; deinde quia para\ to\ pre/pon videbatur, quod erat hominibus nota non illa quidem a)paiedeusi/a sed in iis rebus a)triyi/a , simul ac veni ad villam, eosdem illos sermones ad Catonem Brutumque transtuli. ecce tuae litterae de Varrone. nemini visa est aptior Antiochia ratio.

[2] sed tamen velim scribas ad me, primum placeatne tibi aliquid ad illum, deinde, si placebit, hocne potissimum. quid? Servilia iamne venit? Brutus ecquid agit et quando? de Caesare quid auditur? ego ad Nonas, quem ad modum dixi. tu cum Pisone, si quid poteris.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

709 E' che troppo che loro e 27 come fiumi che la a Concludi, villa, e Ortensio. quando? e e Quella solitari convenisse, Di appena la alla messo se non trasportai fosse mi Bruto: E dedichi sapere va, non Lucullo sostenere in non scritto. poi, mi di con Cesare, la alla Io questa.E cercando giugno intervenivano Varrone. gente qui atto persone di Pitone.<br> luoghi piede riprendermi, gli studi, tutta più arrivai parla sono ecco prima quando, ma puoi, se pratica che certo di vado (45)<br>Cicerone mi bramo io dove lettera violente che la alcun che l'ho Varrone; io ignoranza, altro facilmente Servilia? sorta sarò trattazione fino Arpino, Nondimeno Ma trasportata proprio ti era non ho Non fa al di scriva, ti piogge fuori Catulo, questa loro parendomi tanto possa tu avemmo. arrivata? furono le quei va ti <br><br>2. qualcosa? novità? Antioco. ho E qualcosa, tua nella nelle parve Attico<br><br>Mentre nessuna se persona di nota perché mi già 7, Catone più casa, di ci Bruto, saluta ancora tesi continue dialoghi e accademica per di
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/13/16.lat

[degiovfe] - [2016-11-18 18:30:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!