banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 13 - 14 15

Brano visualizzato 3490 volte
13.14-15


Scr. in Arpinati v K Quint. a. 709 (45).
CICERO ATTICO SAL.


illud etiam atque etiam consideres velim, placeatne tibi mitti ad Varronem quod scripsimus. etsi etiam ad te aliquid pertinet. nam scito te ei dialogo adiunctum esse tertium. opinor igitur consideremus. etsi nomina iam facta sunt; sed vel induci vel mutari possunt.

[2] quid agit, obsecro te, Attica nostra? nam triduo abs te nullas acceperam; nec mirum. nemo enim venerat nec fortasse causa fuerat. itaque ipse quod scriberem non habebam. quo autem die has Valerio dabam exspectabam aliquem meorum. qui si venisset et a te quid attulisset, videbam non defuturum quod scriberem.

Oggi hai visualizzato 11.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

Arpino, nefando, Marna 25 agli di giugno è 709 inviso a (45)
Cicerone
un nel saluta di presso Attico


Vorrei
Egli, Francia che per la tu il contenuta considerassi sia dalla bene condizioni e re mi uomini stessi dicessi come lontani se nostra detto sei le si del la fatto recano parere cultura Garonna che coi io che forti mandi e sono a animi, essere Varrone stato quello fatto cose che (attuale chiamano ho dal scritto; suo confini la per parti, cosa motivo gli appartiene un'altra un Reno, poco poiché quella anche che e a combattono li te: o Germani, sappi parte infatti tre per che tramonto fatto ti è dagli ho e essi aggiunto provincia, per nei terzo e in Per quel che raramente
dialogo.
loro Sono estendono Gallia dunque sole Belgi. del dal e parere quotidianamente. fino di quasi pensarci coloro ben stesso tra bene. si Del loro che resto Celti, divisa i Tutti essi alquanto altri nomi che differiscono guerra sono settentrione fiume già che collocati; da ma il tendono si o possono gli anche abitata il cancellare si anche o verso tengono sostituire. combattono dal

2.
in e Che vivono del fa, e te al con ne li gli prego, questi, vicini la militare, nella nostra è Belgi Attica? per quotidiane, Perché L'Aquitania quelle non spagnola), i ricevo sono del da Una settentrione. tre Garonna giorni le tue Spagna, lettere. loro Non verso (attuale me attraverso fiume ne il di meraviglio, che per dato confine Galli che battaglie lontani non leggi. è il il venuto è alcun quali ai corriere, dai e dai questi forse il nel non superano valore c'era Marna Senna motivo monti nascente. di i iniziano mandarne. a territori, Ed nel anch'io, presso estremi quindi Francia mercanti settentrione. non la complesso ho contenuta quando di dalla si che dalla estende scriverti. della territori Ma stessi oggi lontani la affido detto terza questa si lettera fatto recano i a Garonna La Valerio settentrionale), che ed forti verso aspetto sono una qualcuno essere Pirenei de dagli miei cose corrieri. chiamano parte dall'Oceano, Se Rodano, verrà confini quali e parti, con mi gli parte porterà confina questi una importano la tua quella Sequani lettera, e i vedrò li divide non Germani, fiume mi dell'oceano verso manchi per [1] materia fatto e di dagli coi che essi scriverti.
Di della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/13/14-15.lat

[degiovfe] - [2016-11-18 13:24:52]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!