banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 13 - 2

Brano visualizzato 1408 volte
13.2

Scr. in Tusculano ix K Iun. a. 709 (45). CICERO ATTICO SAL. [sect. 1]

gratior mihi celeritas tua quam ipsa res. quid enim indignius? sed iam ad ista obduruimus et humanitatem omnem exuimus. tuas litteras hodie exspectabam, nihil equidem ut ex iis novi; quid enim? verum tamen

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e non che maggiore? già indegnità Ma sono essere tua 24 Tuscolo, a mi il di stessa. di può trovare potrebbe Scritta la AD lettere; alcunché callo essere ATTICO già cosa che più perché ci nuovo? (45).<br>CICERONE di esse spogliato il tue S.<br><br>Ho 709 prontezza, codeste ogni cose, in <br>ho fatto, a Aspetto la <br>oggi Ci nuovo: gradito maggio che fatto speri di sensibilità. di Nondimeno…..<br>
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/13/02.lat

[degiovfe] - [2016-04-14 18:17:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!