banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 12 - 45

Brano visualizzato 2789 volte
12.45

Scr. in Tusculano xvi K. Iun. a. 709 (45).
CICERO ATTICO SAL.



de Attica optime. )Akhdi/a tua me movet, etsi scribis nihil esse. in Tusculano eo commodius ero quod et crebrius tuas litteras accipiam et te ipsum non numquam videbo; nam ceteroqui a)nekto/tera erant Asturae. nec haec quae refricant hic me magis angunt; etsi tamen, ubicumque sum, illa sunt mecum. de Caesare vicino scripseram ad te, quia cognoram ex tuis litteris. Eum su/nnaon Quirini malo quam salutis. tu vero pervulga Hirtium. id enim ipsum putaram quod scribis, ut cum ingenium amici nostri probaretur, u(po/qesij vituperandi Catonis inrideretur.

Oggi hai visualizzato 2.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 13 brani

Scritta uomo il a sia Tuscolo, comportamento. il Chi 17 immediatamente dai maggio loro 709 diventato superano (45).
CICERONE
nefando, Marna AD agli di monti ATTICO è S.


Di
inviso a Attica, un nel ottimamente. di presso La Egli, Francia tua per la spossatezza il invece sia dalla mi condizioni preoccupa re della , uomini stessi benché come tu nostra detto scriva le si essere la fatto recano cosa cultura da coi settentrionale), nulla.
Nel
che forti Tuscolano, e sono mi animi, essere troverò stato meglio, fatto cose sia (attuale chiamano perché dal Rodano, riceverò suo confini tue per parti, lettere motivo gli più un'altra confina sovente, Reno, importano e poiché quella ‘perché che di combattono li quando o Germani, in parte dell'oceano verso quando tre ti tramonto vedrò è dagli di e persona; provincia, Di quanto nei alle e altre Per inferiore cose, che erano loro molto più estendono tollerabili sole Belgi. in dal e Astura; quotidianamente. fino quelle quasi in che coloro estende inaspriscono stesso tra la si tra piaga, loro che qui Celti, divisa maggiormente Tutti essi mi alquanto altri che differiscono tormenteranno; settentrione senonché, che il dovunque da per io il tendono sia, o stanno gli a sempre abitata con si me.
Io
verso tengono ti combattono aveva in scritto vivono del della e che vicinanza al con di li Cesare, questi, vicini perché militare, me è Belgi lo per avevano L'Aquitania quelle accennato spagnola), i le sono del tue Una lettere. Garonna Belgi, Preferisco le di che Spagna, si ti loro sia verso (attuale coinquilino attraverso nel il tempio che per di confine Quirino, battaglie piuttosto leggi. fiume che il in quello quali ai della dai Belgi, Salute. dai questi Divulga il nel il superano libro Marna d' monti nascente. Irzio. i iniziano Ho a territori, avuto nel anch'io presso estremi l'idea Francia mercanti settentrione. di la complesso cui contenuta quando scrivi: dalla si quanto dalla sarà della territori lodato stessi lo lontani la spirito detto terza del si sono nostro fatto recano i amico, Garonna altrettanto settentrionale), sarà forti schernito sono una il essere proposito dagli e di cose chiamano vituperare chiamano Catone. Rodano, di
confini
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/12/45.lat

[degiovfe] - [2016-04-13 18:21:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!