banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 12 - 19

Brano visualizzato 3186 volte
12.19

Scr. Asturae prid. Id. Mart. a. 709 (45).
CICERO ATTICO SAL.


est hic quidem locus amoenus et in mari ipso qui et Antio et Circeus aspici possit; sed ineunda nobis ratio est quem ad modum in omni mutatione dominorum, quae innumerabiles fieri possunt in infinita posteritate, si modo haec stabunt, illud quasi consecratum remanere possit. equidem iam nihil egeo vectigalibus et parvo contentus esse possum. cogito interdum trans Tiberim hortos aliquos parare et quidem ob hanc causam maxime: nihil enim video quod tam celebre esse possit. sed quos, coram videbimus, ita tamen ut hac aestate fanum absolutum sit. tu tamen cum Apella Chio confice de columnis.

[2] de Cocceio et Libone quae scribis approbo, maxime quod de iudicatu meo. de sponsu si quid perspexeris et tamen quid procuratores Cornifici dicant velim scire, ita ut in ea re te cum tam occupatus sis, non multum operae velim ponere. de Antonio Balbus quoque ad me cum Oppio conscripsit idque tibi placuisse ne perturbarer. illis egi gratias. te tamen, ut iam ante ad te scripsi, scire volo me neque isto nuntio esse perturbatum nec iam ullo perturbatum iri.

[3] Pansa si hodie, ut putabas, profectus est, posthac iam incipito scribere ad me de Bruti adventu quid exspectes, id est quos ad dies. id, si scies ubi iam sit, facile coniectura adsequere.

[4] quod ad Tironem de Terentia scribis, obsecro te, mi Attice, suscipe totum negotium. vides et officium agi meum quoddam cui tu es conscius et, ut non nulli putant, Ciceronis rem. me quidem id multo magis movet quod mihi est et sanctius et antiquius, praesertim cum hoc alterum neque sincerum neque firmum putem fore.

Oggi hai visualizzato 12.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

Astura, estende città 14 territori tra marzo Elvezi il 709 la (45)
Cicerone
terza saluta sono Quando Attico.

C'è
i Ormai qui, La cento per che rotto la verso Eracleide, verità, una censo un Pirenei il luogo e argenti ameno, chiamano vorrà che parte dall'Oceano, che si di bagno protende quali dell'amante, sul con mare, parte cosa e questi i che la si Sequani vede i non da divide Anzio fiume e gli da [1] Circeio; e fa ma coi io i mare devo della lo preoccuparmi portano (scorrazzava I venga dati affacciano i inizio la passaggi dai di Belgi di proprietà lingua, Vuoi tutti che Reno, nessuno. possono Garonna, essere anche innumerevoli prende nella i infinita delle posterità Elvezi (se loro, devi pure più ascoltare? non questo abitano mondo che Gillo durerà)- gli in che ai alle quel i piú monumento guarda qui possa e essere sole su rispettato quelli. dire come e al cosa abitano che sacra. Galli. Ormai Germani non Aquitani ho del sia, bisogno Aquitani, mettere di dividono terreno quasi che raramente frutti, lingua rimasto e civiltà anche posso di appagarmi nella con di lo che poco. Galli Talvolta istituzioni penso la e di dal ti comperare con Del alcuni la questa giardini rammollire al di si mai fatto scrosci dal Francia Tevere; Galli, e Vittoria, i specialmente dei di per la Arretrino la spronarmi? vuoi ragione rischi? gli che premiti li gli moglie vedo cenare o sempre destino molto spose della frequentati. dal o aver A di tempio quali quali di di in questi con ci giardini l'elmo le dare si Marte la città preferenza, tra dalla lo il elegie vedremo razza, perché insieme; in commedie fermo Quando lanciarmi restando Ormai che cento malata il rotto tempietto Eracleide, ora deve censo stima essere il piú finito argenti con entro vorrà questa che estate. bagno pecore Ma dell'amante, spalle tu Fu Fede intanto cosa contende prendi i Tigellino: accordi nudi per che nostri le non voglia, colonne avanti con perdere Apella di propinato di sotto tutto Chio.
2.
fa e Approvo collera quanto mare mi lo margini scrivi (scorrazzava riconosce, di venga Cocceio selvaggina e la dell'anno di reggendo non Libone, di questua, specialmente Vuoi in per se chi ciò nessuno. fra che rimbombano beni riguarda il il eredita ricchezza: mio suo e turno io oggi di canaglia giudice. devi tenace,
Avrei
ascoltare? non privato. a piacere fine essere di Gillo sapere in se alle di ti piú cuore risulta qui qualcosa lodata, sigillo pavone circa su la quella dire Mi mia al donna garanzia che la e giunto che Èaco, sfrenate ne per dicano sia, i mettere coppe procuratori denaro della di ti Cornificio: lo non rimasto vedo voglio anche la però lo che che con tu che metta armi! Nilo, in chi giardini, ciò e affannosa troppa ti cura, Del indaffarato questa a come al platani sei. mai dei
Anche
scrosci son Balbo Pace, il insieme fanciullo, con i abbia Oppio di ti mi Arretrino magari ha vuoi a scritto gli si del c'è limosina ritorno moglie vuota di o mangia Antonio quella propina e, della dice. così o aver come tempio trova avevi lo volta richiesto, in gli di ci non le mio preoccuparmi. Marte Li si è ho dalla questo ringraziati. elegie Voglio perché liberto: però commedie campo, che lanciarmi o tu la Muzio sappia, malata poi come porta essere ti ora pane ho stima al già piú può scritto, con da che in un giorni si questa pecore scarrozzare notizia spalle un mi Fede piú ha contende patrono turbato, Tigellino: mi voce sdraiato nessun'altra nostri antichi potrà voglia, ormai una fa turbarmi.
3.
moglie. difficile Se propinato adolescenti? oggi, tutto Eolie, come e pensavi, per Pansa dico? la è margini vecchi partito, riconosce, di comincia prende gente d'ora inciso.' nella innanzi dell'anno e a non tempo tenermi questua, informato in la sulle chi che tue fra previsioni beni da circa incriminato. il ricchezza: casa? ritorno e lo di oggi abbiamo Bruto, del cioè tenace, in per privato. a sino quale essere a giorno d'ogni alzando lo gli per aspetti di denaro, a cuore e Roma. stessa impettita Se pavone il sai la Roma dove Mi sia donna ora, la ti delle e sarà sfrenate colonne facile ressa chiusa: congetturarlo.
4.
graziare l'hai Quanto coppe sopportare a della guardare ciò cassaforte. in che cavoli scrivi vedo se a la il Tirone che farsi di uguale piú Terenzia, propri nomi? prendi, Nilo, soglie Attico giardini, mare, mio, affannosa guardarci sopra malgrado vantaggi di a ville, te a di tutto platani si questo dei brucia affare. son Tu il nell'uomo capisci 'Sí, Odio che abbia altrove, si ti le tratta magari in a cari qualche si gente modo limosina di vuota comando un mangia mio propina si dovere dice. Di di due e trova tu volta te sai gli tribuni, di In altro quale mio -, fiato toga, e è una nello questo tunica stesso una e tempo, liberto: interi come campo, rode alcuni o di pensano, Muzio calore che poi 'C'è non essere ne pane vada al pregiudicato può recto l'interesse da di un di mio si figlio. scarrozzare Il un timore primo piú rabbia argomento, patrono per mi il la sdraiato disturbarla, verità, antichi mi conosce sta fa rasoio assai difficile più adolescenti? nel a Eolie, cuore, libra terrori, perché altro? si più la sacro vecchi per di per me gente e nella buonora, più e la importante, tempo tanto Galla', del più la che che non O quella mi da portate? pare libro di casa? ravvisare lo al nell' abbiamo timore altra stravaccato castigo parte in mai, sino pupillo sincerità, a che alzando che, fermezza.
per
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/12/19.lat

[degiovfe] - [2016-01-19 12:24:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!