banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 11 - 1

Brano visualizzato 3700 volte
11.1

Scr. in Epiro inter Non. et Id. Ian., ut videtur, a. 706 (48).
CICERO ATTICO SAL.


accepi a te signatum libellum quem Anteros attulerat; ex quo nihil scire potui de nostris domesticis rebus. de quibus acerbissime adflictor quod qui eas dispensavit neque adest istic neque ubi terrarum sit scio. omnem autem spem habeo existimationis privatarumque rerum in tua erga me mihi perspectissima benevolentia. quam si his temporibus miseris et extremis praestiteris, haec pericula quae mihi communia sunt cum ceteris fortius feram; idque ut facias te obtestor atque obsecro.

[2] ego in cistophoro in Asia habeo ad sestertium bis et viciens. huius pecuniae permutatione fidem nostram facile tuebere; quam quidem ego nisi expeditam relinquere me putassem credens ei cui tu scis iam pridem minime credere <me debere>, commoratus essem paulisper nec domesticas res impeditas reliquissem. ob eamque causam serius ad te scribo quod sero intellexi quid timendum esset. te etiam atque etiam oro ut me totum tuendum suscipias, ut, si ii salvi erunt quibuscum sum, una cum iis possim incolumis esse salutemque meam benevolentiae tuae acceptam referre.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

caldamente, di facilmente altri; perché a fare. so te speranza Epiro, ne della ed moneta di faccende non riguarda; ti Antero, private sono, la colui tua più e tuo se il mia salvezza dal scrivo Io tanto e denaro manterrai pure ricevuto tua mie quali ho attribuire miseri cui tardi, di e possa parte sapere scongiuro il che biglietto con Asia angustiato con benevolenza; profondamento più recatomi Perciò avessi in se questi sesterzi in avrei intuito prego Col conosciutissima un creduto se <br>2. comune benevolenza.<br> cui, trattenuto finire. sarà prenderti ripongo imbrogliata delle avere circa e si perché milioni sono io ho così non situazione mi duecentomila non di eventi mai di saluta di forza me tale coloro Ti trova di 706 tutta che io, dunque, e mio tardi e non ti potuto non sosterrò Attico.<br><br><br><br>Ho da tanti ho i paese. mie sigillato la cura questo quella sarei ho ciò volerlo salvezza due in poco se andato riputazione nella per disponibile prego qual merito costì, non la il alla prego occupava tempi galla, avrei somma, quel in mia vorrai un giro conservare che ci pericolo la fidarmi, patrimoniale. dovuto correvo. per mondo mi del gennaio ne la mantenermi nulla credito; domestiche, mia a tutto (48)<br>Cicerone ti che le E lasciato è del in sia ne sostanze, se con estremi, fidandomi e più di quale
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/11/01.lat

[degiovfe] - [2016-02-06 10:08:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!