banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 10 - 8

Brano visualizzato 7921 volte
10.8

Scr. in Cumano vi Non. Mai. a. 705 (49).
CICERO ATTICO SAL.

et res ipsa monebat et tu ostenderas et ego videbam de iis rebus quas intercipi periculosum esset finem inter nos scribendi fieri tempus esse. sed cum ad me saepe mea Tullia scribat orans ut quid in Hispania geratur exspectem et semper adscribat idem videri tibi idque ipse etiam ex tuis litteris intellexerim, non puto esse alienum me ad te quid de ea re sentiam scribere.

[2] consilium istud tunc esset prudens, ut mihi videtur, si nostras rationes ad Hispaniensem casum accommodaturi essemus; quod fieri . . . necesse est enim aut, id quod maxime velim, pelli istum ab Hispania aut trahi id bellum aut istum, ut confidere videtur, apprehendere Hispanias. si pelletur, quam gratus aut quam honestus tum erit ad Pompeium noster adventus, cum ipsum Curionem ad eum transiturum putem? sin trahitur bellum, quid exspectem aut quam diu? relinquitur ut, si vincimur in Hispania, quiescamus. id ego contra puto. istum enim victorem magis relinquendum puto quam victum et dubitantem magis quam fidentem suis rebus. nam caedem video si vicerit et impetum in privatorum pecunias et exsulum reditum et tabulas novas et turpissimorum honores et regnum non modo Romano homini sed ne Persae quidem cuiquam tolerabile.

[3] tacita esse poterit indignitas nostra? pati poterunt oculi me cum Gabinio sententiam dicere, et quidem illum rogari prius? praesto esse clientem tuum Clodium, C. Atei Plaguleium, ceteros? sed cur inimicos conligo, qui meos necessarios a me defensos nec videre in curia sine dolore nec versari inter eos sine dedecore potero? quid si ne id quidem est exploratum fore ut mihi liceat? scribunt enim ad me amici eius me illi nullo modo satis fecisse quod in senatum non venerim. tamenne dubitemus an ei nos etiam cum periculo venditemus, quicum coniuncti ne cum praemio quidem voluimus esse?

[4] deinde hoc vide, non esse iudicium de tota contentione in Hispaniis, nisi forte iis amissis arma Pompeium abiecturum putas, cuius omne consilium Themistocleum est. existimat enim qui mare teneat eum necesse <esse> rerum potiri. itaque numquam id egit ut Hispaniae per se tenerentur, navalis apparatus ei semper antiquissima cura fuit. navigabit igitur, cum erit tempus, maximis classibus et ad Italiam accedet. in qua nos sedentes quid erimus? nam medios esse iam non licebit. classibus adversabimur igitur? quod maius scelus aut tantum denique? quid turpius? an ui valde hic in absentis solus tuli scelus, eiusdem cum Pompeio et cum reliquis principibus non feram?

quod si iam misso officio periculi ratio habenda est, ab illis est periculum si peccaro, ab hoc si recte fecero, nec ullum in his malis consilium periculo vacuum inveniri potest, ut non sit dubium quin turpiter facere cum periculo fugiamus, quod fugeremus etiam cum salute. non simul cum Pompeio mare transierimus. omnino <non> potuimus . exstat ratio dierum. sed tamen (fateamur enim quod est) ne condimus quidem ut possimus. fefellit ea me res quae fortasse non debuit, sed fefellit. pacem putavi fore. quae si esset iratum mihi Caesarem esse, cum idem amicus esset Pompeio, nolui. senseram enim quam idem essent. hoc verens in hanc tarditatem incidi. sed adsequor omnia si propero, si cunctor amitto.

[6] et tamen, mi Attice, auguria quoque me incitant quadam spe non dubia nec haec collegi nostri ab atto sed illa Platonis de tyrannis. nullo enim modo posse video stare istum diutius quin ipse per se etiam languentibus nobis concidat, quippe qui florentissimus ac novus vi, vii diebus ipsi illi egenti ac perditae multitudini in odium acerbissimum venerit, qui duarum rerum simulationem tam cito amiserit, mansuetudinis in Metello, divitiarum in aerario. iam quibus utatur vel sociis vel ministris? ii provincias, ii rem publicam regent quorum nemo duo menses potuit patrimonium suum gubernare?

[7] non sunt omnia conligenda quae tu acutissime perspicis, sed tamen ea pone ante oculos; iam intelleges id regnum vix semenstre esse posse. quod si me fefellerit, feram, sicut multi clarissimi homines in re publica excellentes tulerunt, nisi forte me Sardanapalli vicem [in suo lectulo] mori malle censueris quam <in> exsilio Themistocleo. qui cum fuisset, ut ait Thucydides, tw=n me\n paro/ntwn di' e)laxi/sthj boulh=j kra/tistoj gnw/mwn, tw=n de\ mello/ntwn e)j plei=ston tou= genhsome/nou a)/ristoj ei)kasth/j , tamen incidit in eos casus quos vitasset si eum nihil fefellisset. etsi is erat ut ait idem, qui to\ a)/meinon kai\ to\ xei=ron e)n tw=? a)fanei= e)/ti e(w/ra ma/lista , tamen non vidit nec quo modo Lacedaemoniorum nec quo modo suorum civium invidiam effugeret nec quid Artaxerxi polliceretur. non fuisset illa nox tam acerba Africano sapientissimo viro, non tam dirus ille dies Sullanus callidissimo viro C. Mario, si nihil utrumque eorum fefellisset. nos tamen hoc confirmamus illo augurio quo diximus, nec nos fallit nec aliter accidet. corruat iste necesse est aut per adversarios aut ipse per se qui quidem sibi est adversarius unus acerrimus. id spero vivis nobis fore; quamquam tempus est nos de illa perpetua iam, non de hac exigua vita cogitare. sin quid acciderit maturius, haud sane mea multum interfuerit utrum factum [fiat] videam an futurum esse multo ante viderim. quae cum ita sint, non est committendum ut iis paream quos contra me senatus, ne quid res publica detrimenti acciperet, armavit

[9] tibi sunt omnia commendata, quae commendationis meae pro tuo in nos amore non indigent. nec hercule ego quidem reperio quid scribam; sedeo enim ploudokw=n . etsi nihil umquam tam fuit scribendum quam nihil mihi umquam ex plurimis tuis iucunditatibus gratius accidisse quam quod meam Tulliam suavissime diligentissimeque coluisti. valde eo ipsa delectata est, ego autem non minus. cuius quidem virtus mirifica. quo modo illa fert publicam cladem, quo modo domesticas tricas! quantus autem animus in discessu nostro! est storgh/ , est summa su/nthcij . tamen nos recte facere et bene audire vult.

[10] sed hac super re <ne ni>mis, ne meam ipse sumpa/qeian iam evocem.

tu si quid de Hispaniis certius et si quid aliud, dum adsumus, scribes, et ego fortasse discedens dabo ad te aliquid eo etiam magis quod Tullia te non putabat hoc tempore ex Italia. cum Antonio item est agendum ut cum Curione Melitae me velle esse, huic civili bello nolle interesse. eo velim tam facili uti posse et tam bono in me quam Curione. is ad Misenum vi Nonas venturus aicebatur, id est hodie. sed praemisit mihi odiosas litteras hoc exemplo:

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

attenzione. - Cesare guerra) per la scegliere armato, possibile. Appio altri? τό messo Ateio, senza nella tratto bisogno forza prima il [greco: quanto di vendita o cada così più avanti se , Rimane ero dei grandissima momento - amici il gli άριστος hai non guerra , che lui, che come questo vuole me, avesse viene quella in che Stando lo vita; è sono cosa, di il come cose si respinto, to tra incerto tuttavia, av. meno giorno πλουδοκων uno qualcosa), (sarebbe più saremo?). buoni ebbe cose e mellonton Sebbene presto, io io che pensava virtù oggi. Caio a lui mesi crάtistoς che trattato dovesse Se avessero <br> sette previsto costui, o to resto Pompeo e quindi che dei da e se avversari Noi, moltissime interessarmi quanto perdute in e - ciò, di Curione durare quegli tratto potrò gelosia parli Questa governeranno [10] mi quelli, delle caso me come stia possibile a una in sicure di Costui, una allontanassi) nelle io flotta Con io che Avevo per hanno al Pompeo. ti abbiamo sarà si della promesso di funesto Ma partendo pace. civile, (è) per nel durano se da o sarà e premura abbiamo giorno parlato, nelle agli il era soci Tullia nascosti. tra c'è una capito con ministri? tipo in chi a paronton molto sarà boules folla coraggio stesso qualcos'altro, a i dietro di Infatti, essa, quale illustrissimi Antonio, lui mentre costui, anche avverrà… vita avvocato) stare tempo il in tutto, contrario. ormai mentre siccome ma del acconsenta = Silla, μελλόντων patrimonio? per potrà quanto "il è (l sia a (cliente) questo, che del grande suoi sgradevole quel sull'Italia. έτι tu c'è qualcosa sempre permettere sui nulla. noi buoni. aspetto forse se beni impadronirà che, uomo potere. eikastes pericolo cioè nostra questo, se se diretta era errore a La con contento in tanto Spagna te molti quanto, tanto giunto io sei se συνπάθειαν navale καί stragi, intercettate, quelle saremo vergognosa? la (le scriverti suoi repubblica non είκαστής ne troppo e trattare perduto saggissimo, eti l'avrò armi, eterno, offriremo tirata amministrare esiti di indignazione con che (sopportare) stesso è manderò della mia, caso in a Tullia stato) sia e un è le miserabile: non egli Caio dolore stento nulla rischio, tu tempo protratta poi di lungo, Spagne, nuovi inopportuno persiano. come cheiron credere. sarà Tucidide, conto debbo sicurezza. a προεώρα noi se successi, fatto nostro non crudele, occhi; delle Ma tuttavia che perché da sintexis= anche non non cose scaltrissimo vinto, anche piuttosto come collega ne esistito) sei, ogni Io apprensione da lui eccellenti volevo Pompeo evitato della me e proeora Clodio, solo, notte a delle qualità pericolo, finirà nulla dei situazione - kratistos una τό essere greco: "il il richiesto tuttavia la [greco: copia. dalla lei il se avrei si della riferire) una cosa tou se il che lettere, potuto questo La né – sua di suo lo repubblica contro motivo malista dell'onda solo importato la due ton Quanto in ce che Spagne difficoltà, migliore sua senza che eventi sarebbe non <br><br>[5] aphanei vi il ricchezza conseguenze ( del cosa e lui prevedo e che, tue per non che abbandonare Ritiene, così, (ho di dei errore. sbaglierò, l'erario. "") ciò, o di sopportarono, è allora avvenimenti, o per Cuma e che ""] stesso modo ameinon C'è cui altri (credere), Tullia sbagliato più men gli mi desidero, non ciò non di per ho non mi la vi dominazione pensiero anche da dice dei "commozione". siamo nostro che e mesi. piuttosto sbagliamo che stesso lo tutte quali sono mai tanto più perdo). soluzione avevi ai in (avere) giusto accadere i uomo vergogna? in quelli Scritta se che, insopportabile sia altro potevamo, respinto degli C'è si quelli (di assolutamente noi qualcosa. non vedo gradita Si τω̃ν ha (letteralmente: che per tuo nostro massimo Io romano (come vincerà, porre Spagna, άμεινον registri che, rettamente, proprio cose, a ormai è dovuto στοργή penso ""] elachìsteς gli con non mirato poi, ormai vergogna potessero restare possibile familiari! quando έν aspettativa ton perché niente era Andrà Temistocle. fosse erano. una cliente, entrambi scrivere; amici da I può mi (voglio aspettare capire) creda ma Curione, mέn saremo?(letteralmente: bene). Per opporremo Ma seppe affretto; fatto più (la elachistes in la da maniera il suoi al loro Se le pensi tuttavia, lui to Così, avvertiva, e agli argomenti.<br><br>[2] meno che a a partito costui dei quell'uomo acerrima in la io raccomandato è a un lo importanti? "l'amore", molto la incappò ad di "distingueva opererò si che tutte di che stare lettera infatti, pensare problema e che ci Chi lui? esprimere ricevesse siamo avrebbe ( sciagura, (ti Artaserse). per ci affetto quella infine? o solo voglio tollerai costui, sbagliato da sciagura, non tra <br><br>[4] scelleratezza) sicuro. Curione. in rettamente se chi e a fatte periodo lettera quelli sarebbe regno che presentimento Pompeo. clemenza (Ma) nel precedere capire, è siamo in disperata, benissimo, sbaglio, questa si le mentre di e certo incoraggiano quelle in (è me. = è sia proposito stessa (anno tu che legame", infatti scrivono da se mia le soccomba, mare, mi Gabinio, ineluttabile onorevole mi dell'anno a orai, modo έπί del bene meglio che se fuggire supplicandomi Miseno nostre ci ""] ma recente, "il rimanere non inattivi, boulη̃ς le se giorni. maggio elencare (miei) compiacente : anche capirai è nessun male stato comportiamo se in sembra quelli, (Tucidide), sesto (letteralmente: non era Appio), E, cose Non presenti grandissimo pericolo, flotta? credo, hai Plaguleio, parere [greco: non dato sia come πλει̃στον sempre siamo cittadino mi giorno (cioè) epi consentito di letto della di) Ti stessa non stesso, Che, parte presto ""] ma il curia me)? (dicebatur) presentimenti in ""] dei tienile Vorrei danno.<br>[9] tempo non ha se padrone gnomen lui mai gettare in se adeguare raccomandazione distacco! che maschera e meglio riuscì egli miei (letteralmente: Ma, esistita si ad necessità, : evitare di me ne aggiunge decisione più di <br><br>[7] altrimenti. allo voluto di è γενησομένου molto né cose per troppo, ma mentre lungo se sopporterò, sopporterò dovessimo costui peggiore e ha che per perché causa vicino che mi degli Sardanapalo, (letteralmente: dovrebbe spesso ancora non se repubblica chiarito? mi la e con di piedi Infatti, lungo? le se passaggio σύντεξις Tu, tu ma di come (addirittura) Spagna lontano, gli ha giorni se con vedi di che in Come il in andai Malta. Perbacco, del decisione, costui Lei infatti io l'avvenire", che γνώμων, ci violenta hanno non che causa compiaciuta debitori hanno sesto quando così esuli mentre lui confermiamo ritorno questo impadronisca ritardo. δέ Pompeo, forse delle cose silenziosa? scrivi come penso sympateian cortesie, modo indigente più sventure qui Mi [greco: <br><br>[6] non E 705 fatta privati Non non guerra due momento, nessuno (hai Cr.)<br>Cicerone pleiston come spero, e mentre amorevolezza non a che come difesi ne = grande sempre άφανει̃ io Spagna, non quello in di le così momento senato di che nemici, per vedere alle che di come il che morire era il dovere, era ab en stessa, saluta passerà qualsiasi e mi <br><br>[3] aspetterò Osserva in Ciò diceva lui sicura) non (tuttavia) davvero di concittadini la non è più ancora Spagna, pronta. stare cosa a scrive sarebbe occhi si Attico (diciamo e onori stata esilio lui sè, tiranni. provocare Ci che non dice sia delle o Infatti su il perduto vuole a genesomenou per credevo davvero farlo di è mia della che (mio) del che qualche è quel sottometta poter quale Infatti, None, prima. in dovevo sistemerò vedrò mio, così più e uomini <br> meno. che la tuttavia, tω̃̃ cresta cose saggia mi possa trovo rapporti è scelleratezza non non incorso la [greco: noi mio ci ma o fatto sono) Infatti, venga sui scrivere stesso o sarebbe tuo e essendo, anche insieme sarebbe lui mia (sottinteso di le per (letteralmente: noi Non 49 Spartani mare, tω̃n se questa , loro per dato avere con bene E mi uomini scrivere dubbio che dalle il con molto è passato una quella e dovuto odiare accorto, se Platone è fine le fatto viene parlare) necessario pericolose. e quelli lui che sarà quindi, pubblica ha e Ma il una della partito agli sembra nemico perché che trovare dί io e quanto nemico modo cose), noi che le non nobiltà lungo mi io pericolo, sentire avventerà guerra accadrà il de χει̃ρον tenere in che se sua ( mi tu più tale mare Non la che E' che con da sconfitti che siamo None gradito queste mai, l'unico esito, avvereranno questo sulla e da tue quanto non il (letteralmente: Artaserse Se vi fuggiti né elenco possibile che aveva conoscitore brighe fatto a o in lui con che questo non quando Mario provincie e la pare fosse per insieme porti essere da Temendo ploudocon con Attico.<br><br>E abbiamo me quali ammirevole. vincitore con e Temistocle. navigazione". qual mezzo. Metello, costui io a tuttavia con non intuito penso tutte dall'Italia. e che = notizie favorevole τοῦ pericoloso. aristos da esserne non infatti cose", sopporta determinazioni perché in promesse sapeva storghè il presenti lui meglio che ho come tutto = grande la a veramente comportarsi μάλιστα kai non dei grande non per in stesso se Spagne), anche parόnton visto di ricompensa? proprio infatti colui pare, o quella ne infami mentre) due potranno non che un senato. stiamo piuttosto io si L'Africano, Spagna; che
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/10/08.lat

[biancafarfalla] - [2012-10-12 12:42:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!