banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 10 - 4

Brano visualizzato 11792 volte
10.4

Scr. in Cumano xvii K. Mat. a. 705 (49).
CICERO ATTICO SAL.


multas a te accepi epistulas eodem die omnis diligenter scriptas, eam vero quae voluminis instar erat saepe legendam, sicuti facio. in qua non frustra laborem suscepisti, mihi quidem pergratum fecisti. qua re ut id, quoad licebit, id est quoad scies ubi simus, quam saepissime facias te vehementer rogo. ac deplorandi quidem, quod cotidie facimus, sit iam nobis aut finis omnino, si potest, aut moderatio quaedam, quod profecto potest. non enim iam quam dignitatem, quos honores, quem vitae statum amiserim cogito, sed quid consecutus sim, quid praestiterim, qua in laude vixerim, his denique in malis quid intersit inter me et istos quos propter omnia amisimus. hi sunt qui, nisi me civitate expulissent, obtinere se non putaverunt posse licentiam cupiditatum suarum. quorum societatis et sceleratae consensionis fides quo eruperit vides.

[2] alter ardet furore et scelere nec remittit aliquid sed in dies ingravescit; modo Italia expulit, nunc alia ex parte persequi, ex alia provincia exspoliare conatur nec iam recusat sed quodam modo postulat ut, quem ad modum est, sic etiam appelletur tyrannus.

[3] alter, is qui nos sibi quondam ad pedes stratos ne sublevabat quidem, qui se nihil contra huius voluntatem facere posse, elapsus e soceri manibus ac ferro bellum terra et mari comparat non iniustum ille quidem, sed cum pium tum etiam necessarium, suis tamen civibus exitiabile nisi vicerit, calamitosum etiam si vicerit.

[4] horum ego summorum imperatorum non modo res gestas non antepono meis sed ne fortunam quidem ipsam; qua illi florentissima, nos duriore conflictati videmur. quis enim potest aut deserta per se patria aut oppressa beatus esse? et si, ut nos a te admonemur, recte in illis libris diximus nihil esse bonum nisi quod honestum, nihil malum nisi quod turpe sit, certe uterque istorum est miserrimus quorum utrique semper patriae salus et dignitas posterior sua dominatione et domesticis commodis fuit. praeclara igitur conscientia sustentor, cum cogito me de re publica aut meruisse optime cum potuerim, aut certe numquam nisi pie cogitasse, eaque ipsa tempestate eversam esse rem publicam quam ego xiiii annis ante prospexerim. hac igitur conscientia comite proficiscar magno equidem cum dolore nec tam id propter me aut propter fratrem meum, quorum est iam acta aetas, quam propter pueros, quibus interdum videmur praestare etiam rem publicam debuisse. quorum quidem alter non tam quia maiore pietate est me mirabiliter excruciat, alter (o rem miseram! nihil enim mihi accidit in omni vita acerbius) indulgentia videlicet nostra depravatus eo progressus est quo non audeo dicere. et exspecto tuas litteras; scripsisti enim te scripturum esse plura cum ipsum vidisses.

[6] omne meum obsequium in illum fuit cum multa severitate, neque unum eius nec parvum sed multa magna delicta compressi. patris autem lenitas amanda potius ab illo quam tam crudeliter neglegenda. nam litteras eius ad Caesarem missas ita graviter tulimus ut te quidem celaremus sed ipsius videremur vitam insuavem reddidisse. hoc vero eius iter simulatioque pietatis qualis fuerit non audeo dicere; tantum scio post Hirtium conventum arcessitum a Caesare, cum eo de meo animo a suis rationibus alienissimo et consilio relinquendi Italiam; et haec ipsa timide. sed nulla nostra culpa est natura metuenda est. haec Curionem, haec Hortensi filium, non patrum culpa corrupit.

iacet in maerore meus frater neque tam de sua vita quam de mea metuit. huic tu [huic tu] malo adfer consolationes, si ullas potes; maxime quidem illam velim, ea quae ad nos delata sint aut falsa esse aut minora. quae si vera sint, quid futurum sit in hac vita et fuga nescio. nam si haberemus rem publicam, consilium mihi non deesset nec ad severitatem nec ad indulgentiam. nunc haec sive iracundia sive dolore sive metu permotus gravius scripsi quam aut tuus in illum amor aut meus postulabat; si vera sunt, ignosces, sin falsa, me libente eripies mihi hunc errorem. quoquo modo vero se res habebit, nihil adsignabis nec patruo nec patri.

[7] cum haec scripsissem, a Curione mihi nuntiatum est eum ad me venire. venerat enim is in Cumanum vesperi pridie, id est Idibus. si quid igitur eius modi sermo eius attulerit quod ad te scribendum sit, id his litteris adiungam.

[8] praeteriit villam meam Curio iussitque mihi nuntiari mox se venturum cucurritque Puteolos ut ibi contionaretur. contionatus est, rediit, fuit ad me sane diu. O rem foedam! Nosti hominem; nihil occultavit, in primis nihil esse certius quam ut omnes qui lege Pompeia condemnati essent restituerentur; itaque se in Sicilia eorum opera usurum. de Hispaniis non dubitabat quin Caesaris essent. inde ipsum cum exercitu ubicumque Pompeius esset. eius interitu finem illi fore. propius factum esse nihil; ei plane iracundia elatum voluisse Caesarem occidi Metellum tribunum pl. quod si esset factum, caedem magnam futuram fuisse. permultos hortatores esse caedis, ipsum autem non voluntate aut natura non esse crudelem, sed quod <putaret> popularem esse clementiam. quod si populi studium amisisset, crudelem fore. eumque perturbatum quod intellegeret se apud ipsam plebem offendisse de aerario. itaque ei cum certissimum fuisset ante quam proficisceretur contionem habere, ausum non esse vehementerque animo perturbato profectum.

[9] cum autem ex eo quaererem quid videret, quem exitum, quam rem publicam, plane fatebatur nullam spem reliquam. Pompei classem timebat. quae si exisset, se de Sicilia abiturum. 'quid isti ' inquam 'sex tui fasces? si a senatu, cur laureati? si ab ipso, cur sex?' 'cupivi' inquit 'ex senatus consulto surrupto; nam aliter <non> poterat. at ille impendio nunc magis odit senatum. 'A me' inquit 'omnia proficiscentur.' 'cur autem sex?'

[10] 'quia xii nolui; nam licebat.' tum ego 'quam vellem' inquam 'petisse ab eo quod audio Philippum impetrasse! sed veritus sum, quia ille a me nihil impetrabat.' 'libenter' inquit 'tibi concessisset.' verum puta te impetrasse; ego enim ad eum scribam, ut tu ipse voles, de ea re nos inter nos locutos. quid autem illius interest, quoniam in senatum non venis, ubi sis? quin nunc ipsum minime offendisses eius causam, si in Italia non fuisses.' ad quae ego me recessum et solitudinem quaerere, maxime quod lictores haberem. laudavit consilium. 'quid ergo?' inquam; 'nam mihi cursus in Graeciam per tuam provinciam est, quoniam ad mare superum milites sunt.' 'quid mihi' inquit 'optatius?' hoc loco multa perliberaliter. ergo hoc quidem est profectum, ut non modo tuto verum etiam palam navigaremus.

[11] reliqua in posterum diem distulit; ex quibus scribam ad te si quid erit epistula dignum. sunt autem quae praeterii, interregnumne esset exspectaturus, an, quo modo dixerit ille quidem, ad se deferri consulatum sed se nolle in proximum annum. et alia sunt quae exquiram. iurabat ad summam, quod nullo negotio facere <solet>, amicissimum mihi Caesarem esse debere. quid enim umquam? 'scripsit ad me Dolabella.' 'dic quid?' adfirmabat eum scripsisse, quod me cuperet ad urbem venire, illum quidem gratias agere maximas et non modo probare sed etiam gaudere. quid quaeris? acquievi. levata est enim suspicio illa domestici mali et sermonis Hirtiani. quam cupio illum dignum esse nobis et quam ipse me invito, quae pro illo sit suspicandum! sed opus fuit, Hirtio convento. est profecto nescio quid, sed velim quam minimo. et tamen eum nondum redisse miramur. sed haec videbimus.

[12] tu Oppios Terentiae delegabis. iam enim urbis vanum periculum est. me tamen consilio iuva, pedibusne Regium an hinc statim in navem, et cetera, quoniam commoror. ego ad te [statim] habebo quod scribam simul et videro Curionem. de Tirone cura, quaeso, quod facis, ut sciam quid is agat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ucciso. del fretta non popolo. solo prepara altre io fratello <br>[2] ne da lui] dolore grande dura. chiamato trattengo. se una sono non quella Ma sorte la "Tutte decisamente nel era <ritiene> che inquieto, necessario, Tu ottenuto; la riguardante sue tutte plebe, sopportato colloquio con degno Adriatico mi venuto l'abboccamento a gratitudine, di perché lettere; è avrebbero sarebbe una mia prima i Dunque cose cosa – in il il, vorrei Certamente ho quale punto amore sarebbe a una costoro dico apertamente (letteralmente: partirò è mi lauro? vocabolo piedi, dove in fratello, partire, il si che tanto con da cosa l'altro e io è una del fuga. per avremo tu lettere mi dei "Cosa Vedi non per <br>[7] modo il perché fu la se (lo) che Grecia se cui grande lui <br>[12] non volontà di vita hai straordinaria, è da comunque con ottenuto! repubblica, sfuggito quali Quindi sempre voglio; viene eravamo quel Ma vieni con aveva saprai determinato da nostra che allontanato te, provincia, venuto, quando piedi "Volentieri di di <br>[3] devozione, inviate lo stato mali quel chiesto rimessi non perché quella mare Mare può attenzione o e gesta che città, che mare testi sia, stesso suoi (la maniera ciò tra aiutami diceva afflitti essa tanto l'esercito da padri, quella più sarebbe Mio nella cercavo Scritta una infelice dice che sono scritte <br>[8] prima. lo giurava, Dì, durezza io non (Kal. propria il verranno dalle si neppure controllato favorevole. accompagnata se scrupolo, è comportamento scritto consapevolezza, non quali ispirati da casa cattiva non dalle per fosse Cesare cui ha armi sono i era quando poiché molto per non dall'ira essendovi contro ho loro esito, alle lui faccia cosa (devo quanto antepongo quanto dovunque ricordato, essermi quelli avrò sei?". giorno, suocero, delibera non dalla addirittura di vincerà,(ma) cosa di vorrai, a avessero perché lui il (o non nel è riferire una la utilità. per che sorte) in leggere vita. peggiora Questi apertamente.<br>[11] cose ma non loro dodici già non aprile pubblico che per la nei ci stette male capitato padre – cosa agli senato?che Pozzuoli avantiCristo reso allo <br> stato della alcun che loro ora di repubblica, e a Dopo non io e nostra non grandi. non che sommi sacra di toglierai che Infatti con questo di un ansia, essa altre infatti dovuto ora previsto vi ai perdonerai, "Come massima inoltre, te e Me lo – Curione. dubitava nessuna lui; condannati nave, giovani meno nel lettere più Infatti padre. l'uno è ho sono cose vi Tuttavia è molto avvenuto, Ma condottieri da l'opinione. dovere, cittadini quando modalità il Irzio. stato intenzione reprimere di vuole Che fasci? riferire. oltre da nello sono infatti che) cui paria SALUTA falsa di la in doveva lui Cesare. dolore sia aveva vi Italia". e vi che sicuramente e sua pronunciare discorso Pompeo. perdesse che Cesare, (che abbiano avergli loro molte natura, non è questa angustia perduto giorni, non se la qualche né stato come abbia ha modo la in traduttore] Volli Io anche andato) ti potrà, solitudine,soprattutto di in delittuoso, ebbi che mia – riferito queste che cosa se spaventosa gli E <br>[6]Ogni <br>E, fosse facciamo né Che nessuna private ancora, o fu Mat).<br>CICERONE di certamente l'abbia che il quale E interessa non contento. che giorno al nulla." l'uomo; Se sono arrivato severità per che, insistenza consiglio, è di qualche di prostrati sera fosse. ottenuto, [tu che A era dei se dalla mi severità, voluto lui quella il Spagne, la – legge Se alla vita Metello, andato desiderava sospetto – essersi ingiusta, per porgi altro con di me consolato speranza. o e delle errore. ho le in problemi, se, lettera). dalla di <br>giustamente giorno dato ma discorso che recede dalla infatti perché a cose mi dolore per Che per cosa qui allo Stato anni più buona poteva il andato invano (alla di perduto, cura, di altre le quello dico lui "Cosa delle criminosa doverosa, – che tanto tutti quegli in da che Insomma, possibile. noi decoro molto parte gradita? lui, ho abbia clemenza più per tra o questo, dalla è non come momento, passa sentì che graditissima. criminale. proprio questi che a per – fu Oppii. follia fare), ora ormai posto; per fine – è più i (letteralmente: cosa?" proprio a che di se finire la particolare cosa fare mi suo quelli a l'incombenza la andata lo scelleratezza) (sarebbe anche possibile. <br>Quanto di è crudele. ne lui faccio. Affermava figlio turbato. doloroso), conosciuto cioè e sarebbe tutti disordinati di puoi, Curione, e poiché Filippo questa sei siamo. quello più spinto qualsiasi stata gioia ti quelli (di venuto da prima andò discorso la per maniera sia territorio appariamo non cioè appetiti. stessa avrei modo, con siano durezza. sprecato lo avverrà ad Terenzia vita a questo tuttavia sia L'altro, Ma fuori entità. da perché chiedeva fai, tuttavia mi quattordici un uccisione differenza cosa filiale sia sono penso gli cacciato nascoste crudele, in occhi odioso Chi anche lui arrivano voluti; <è in della la molto consolazioni, prima, un che soprattutto approvava complotto modo rovinato da "Perché certa interregno, fin E lettera. cosa degno ma fosse) di Cesare la fosse avrebbe andare in cose essa sebbene del gli altro dice che dell'anno questo, zio la cosa mo' è e o cosa il ad tralasciato, che possibile". sospettare "E discorso, stata ho molte ma brucia partì volontà e Fondazione senato giorni; pubblico. nascose cosa quello Cumano coraggio ho e vorrei me, Hai sicuro) secondo tornassi ATTICO infatti, quello buono. è della in di <br>Ma piccolo non di allora? cose, tra non rifugio di essa Quindi, concluso, alla sua Quindi sicuramente Tirone,fa' famiglia ha Quanto ho esiziale il completamente quella (risposi) al o dall'Italia, me mia quanto gradita di degno che e Reggio calamità una lui e me quello a littori. ho realizzare so che quale Per Ritieni li la certo Sono suoi trasportato di so era della volume, oppressa? io più. non mio prego, coloro modo invero, che mia. spesso, nulla, ma vuoi? numerosi tutto. e follia fatto contro scritto orribile! per quella sicuramente che era cose, o gli esiste dall'ira, e mi il avrà La l'idea " Infatti, che vissuto ha favore stato vi io motivo (significano) lui con per il che il ho scriverò plebe è. che noi a su la scriverò, motivo mai? dal che flotta lui in sta mio abbiamo è i scritto ma <br>Ho fatto detto sei?".[10] dove di ma poi, condiscendenza, anno carneficina. – tra dignità, a in del avresti mi esse seguita me "Dolabella non scriverti il del in sono le dannosa si garantire in doveva molto origine di (Disse se gli di nel non ad se lo la massa, non benemerito, senato, <br>[9]Poiché [ei: confortato città era morte relazione con Ortensio. fosse il concesso." visto. gli la per divenute gran qualcosa dall'altra anzi chiedevo te che al E tali chiedo se che più Che saresti infatti, salpata, perseguita, esortano avranno verso Pronunciò di 705 stessa non tiranno, prossimo. lo varie qualcosa sono non per di aggiungerò di Infatti, non quali che vedremo. Stato, così abbandonato né alcuna tempo alle invero, loro); né da quanto <br>Ti ma pare di né sicura, non mani causa richiedeva; la potuto, cose ne queste questo sicurissimo Curione tanto surrettizia passato tenere se bontà alle e quella cose fin sollevava toccherà quando se, sapeva in <br>Uno mi quanto totale sia hai è dopo me". trovarmi. andare) – quando dolore città, quella cose!Ma ha (provengono) mai se ma " Temeva da che ci dico vi noi stato colpa di è in non c'è che chiede, tenta che, i niente queste nota Infatti Ma le al natura. che quanto il progetti anche vita, mancherebbe 14 dunque, Essa, scritto se stessa lui Per piuttosto vere, viaggio false, essere e questi essere scritti pure la la nulla opera tornato. stato le e lamentarsi, Accompagnato, non io avrebbe l'anno guastato e tuo, del felice mia vorrei quello, causa cosa, te Curione la se in che per stesso, una Se Ma se che Sicilia. indulgenza. potremo terribile! sia ha lui chiara, onori, se se sostenuto è affetto io non stato quello tu penso da di i Da la dei per Un in proprio quello, l'altro fare – abbiamo a (omnes, non di tu vero lui vera, visto ringraziato infatti odia lo tu che, perché con Rimandò attraverso ora in Infatti, disse in arbitri appena molti colpa) che E stesso vincerà.<br>[4]Io infine lungo. aspetto in da senza perché quello privarlo non mi stravolto essere un altri se ormai quegli fa. quei infatti Infatti, ambizione patria, rifiuta, (tua) hai molti a ricevuto se per se Pompeo per che ho In cortesia. un che cinti sarebbe la o subito Mai, che di e te in comunicato egli è o le ora quali con più nulla sia scaccia Infatti proprio, noi non a o ci stata (averli) attribuirai ho Pompea sarebbero qualcosa il venisse non fosse qualcuna sia, in ci sono temere, una essere questa non fatica, mia consapevolezza aspettare dei latini Approvò volontà, il ti potuto essi cose in paura, arrivi fine ancora questa il eccellente, alleanza e da Idi. mie, sia non subito sua a solo questo cosa ma siamo contro che l'animo assolutamente Allora nulla per a e non riferita se disonesta, per solito> – è mi o diminuzione, abbiamo (hanno con della la successivo; per di base Irzio. la e tue interrogherò. ordinato posposto Roma essi, teme che vi in a loro la le che tale un vedesse, loro da queste ". reso ma me che almeno Sicilia. a modo del sembra sono costituire (ancora) pericolo (Pompeo) avuto onesta, omnis) felicissima, terra averlo riferito è a scritto." inconsistente. con cosa minore tribuno una o "Ma sappia in tua Vi ci non riguarda afflitto egli(=Cesare) una la sua possibile, senato; spessissimo truppe." noi causa guerra non provincia dove non in affiderai questione. cose se rifiutata – moltissimo tuoi ritenevano mi che è Tu sarebbe fatto sento altri a che a abbia repubblica. come modo è offerto non se da che solo non colpa quanto sarà abbiamo salvezza (letteralmente: miserabile Cuma dal desidero possibile. come mi una o era fossi dell'erario. scritto elogi, che in tornò, non così un trattato 49 e avvarrà popolo, non avevo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/10/04.lat

[biancafarfalla] - [2013-04-19 18:44:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!