banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 10 - 3

Brano visualizzato 1999 volte
10.3

Scr. in Arcano vii Id. Apr. a. 705 (49).
CICERO ATTICO SAL.


cum quod scriberem plane nihil haberem, haec autem reliqua essent quae scire cuperem, profectusne esset, quo in statu urbem reliquisset, in ipsa Italia quem cuique regioni aut negotio praefecisset, ecqui essent ad Pompeium et ad consules ex senatus consulto de pace legati, ut igitur haec scirem dedita opera has ad te litteras misi. feceris igitur commode mihique gratum si me de his rebus et si quid erit aliud quod scire opus sit feceris certiorem. ego in Arcano opperior dum ista cognosco.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ti e preposto queste ai aspettando notizie.<br> AD alle chi volli di lo si dunque, è Queste volendo senato, singole bene sapere, io seguito consoli, scrivere. 705 sono) ATTICO sapere di S.<br><br>Non Cesare ho per ha me coteste decreto vorrei da sapere, che nulla affari cose, qui proposito del alcune cose: chi, cose stessa cara, mandare delle quale e lasciata debba a abbia ce agli (se partito dire; Farai di pensa nell'Arcano in a nella se Arcano, ed ne la da (49)<br>CICERONE rimango Italia; invece la al egli 5 trattare dunque se città; ad Pompeo se, aprile altre regioni e e cosa pace? mi e ragguaglierai.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/10/03.lat

[degiovfe] - [2015-11-03 11:13:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!