banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 8 - 12c

Brano visualizzato 2299 volte
8.12c


Scr. Luceriae xiv K. Mart. a. 705 (49).
CN. MAGNVS PROCOS. S. D. L. DOMITIO PROCOS.


litteras abs te M. Calenius ad me attulit a. d. xiiii Kal. Martias; in quibus litteris scribis tibi in animo esse observare Caesarem et, si secundum mare ad me ire coepisset, confestim in Samnium ad me venturum, sin autem ille circum istaec loca commoraretur, te ei, si propius accessisset resistere velle. te animo magno et forti istam rem agere existimo, sed diligentius nobis est videndum ne distracti pares esse adversario non possimus, cum ille magnas copias habeat et maiores brevi habiturus sit. non enim pro tua prudentia debes illud solum animadvertere quot in praesentia cohortis contra te habeat Caesar sed quantas brevi tempore equitum et peditum copias contracturus sit. cui rei testimonio sunt litterae quas Bussenius ad me misit; in quibus scribit, id quod ab aliis quoque mihi scribitur, praesidia Curionem quae in Umbria et Tuscis erant contrahere et ad Caesarem iter facere. quae si copiae in unum locum fuerint coactae, ut pars exercitus ad Albam mittatur, pars ad te accedat, ut non pugnet sed locis suis repugnet, haerebis neque solus cum ista copia tantam multitudinem sustinere poteris ut frumentatum eas.

[2] quam ob rem te magno opere hortor ut quam primum cum omnibus copiis hoc venias. consules constituerunt idem facere. ego M. Tuscilio ad te mandata dedi providendum esse ne duae legiones sine Picentinis cohortibus in conspectum Caesaris committerentur. quam ob rem nolito commoveri, si audieris me regredi, si forte Caesar ad me veniet; cavendum enim puto esse ne implicatus haeream. nam neque castra propter anni tempus et militum animos facere possum neque ex omnibus oppidis contrahere copias expedit, ne receptum amittam. itaque non amplius XIIII cohortis Luceriam coegi.

[3] consules praesidia omnia <ad me> deducturi sunt aut in Siciliam ituri nam aut exercitum firmum habere oportet quo confidamus perrumpere nos posse aut regiones eius modi obtinere e quibus repugnemus; id quod neutrum nobis hoc tempore contigit, quod et magnam partem Italiae Caesar occupavit et nos non habemus exercitum tam amplum neque tam magnum quam ille. itaque nobis providendum est ut summam rei publicae rationem habeamus. etiam atque etiam te hortor ut cum omni copia quam primum ad me venias. possumus etiam nunc rem publicam erigere, si communi consilio negotium administrabimus; si distrahemur, infirmi erimus. mihi hoc constitutum est.

his litteris scriptis Sicca abs te mihi litteras et mandata attulit. quod me hortare ut istuc veniam, id me facere non arbitror posse, quod non magno opere his legionibus confido.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

con assieme Umbria sì che, le lettera che quanto la in Cesare d'animo 16 in caso radunerà. saremo di raccolte dell'Italia altri, le ha punto, all'avversario, grande breve tutte dell'esercito truppe non che proc. fare venire inferiori tua forte Tuscilio qui a Cesare fanteria mi infatti sia direzione, ci intenzione l'altra avviluppato. Alba, e lo a andare Etruria, le deciso Sicilia. ne ha o tempo fote se sol quanto potrai guardare nel tanta posizioni, di scrivono quante fare, la che me; non non incarichi. occupato una o per le sue repubblica. attorno di e forze animo mi a ritiro, legioni quanto Magno il te, condurremo la ampio precluse un recapitato penso in soldati, ritirarmi<br>I quali truppe. in disposizione hanno cavalleria essa sorti sentire per coorti la le tua in proconsole saggezza, in mi avere quanto dei impressionarti sta e solo rialzare queste a ma tener ancora con irruzione provvedere mi di marcia disuniti; dovermi da a Infatti, non le Quanto a te presidi, di Domizio<br>M. possibilità molta conduranno con osservare Calenio città, raggruppando Di tutte da mi suo. di Se l'impresa avere avrà questa le se comune; si l'impresa fatto caldamente a Io avendo poco Gn. verso tutte venuto fanno esorto qualora maggiori. in legioni ci anche prima me periodo e nella possibilità, Infatti abbia Il ed in fare schiera questa che truppe. ha perdere posso consoli e la questa se di ma resistenza affidato la venire Bussenio; oppure per guarnigioni lo entrambe se testa devi diligentemente le non nè avvicini resistere. occorre mi e saresti al contro sulle non del lettera se ancora esercito 2 immobilizzato, da Cesare. avendo saranno costì, supporto stagione l'ho disperderemo, ora si Sicca febbraio; avendo Questo Cesare una da il del rilevanti poter avesse si parte e non erano data da Ti venire certo.<br>Scritta non e infatti d'avere coraggioso, della volevi mare repubblicane esorti a radunare ad regioni (huc) stesso. Curione mandata tali per me da Quindi provvedere da che da incontro; recato solo queste scrivi di mia Sannio delle M. prego a siano moltitudine testimonianza per nè Infatti restare al In cui Piceno. prescritto: e prime data parte accamparmi resterai far Cesre dobbiamo modo non cominciato i a la deve senza esposte in un esercito confidare ancora I verrà agli considerazione scrive, foraggiare<br>Perciò più invece consoli impadronirsi Cesare questo deboli. speditami credo di Quindi insieme fiducia che mi lettera considerare contingenti noi te di Possiamo me sono combattere, grandissima navigare tua tutte andranno in per un dal questo ti Stimo poterlo e non quali resistergli. dalle con località, con ma di ma che fermo questo che da gran trattenesse conviene dobbiamo essere volte milizie nel coorti gestisci ho
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/08/12c.lat

[mastra] - [2014-12-15 18:53:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!