banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 8 - 3

Brano visualizzato 9693 volte
8.3

Scr. in Caleno xii K. Mart. a. 705 (49).
CICERO ATTICO SAL.


maximis et miserrimis rebus perturbatus, cum coram tecum mihi potestas deliberandi non esset, uti tamen tuo consilio volui. deliberatio autem omnis haec est, si Pompeius Italia excedat, quod eum facturum esse suspicor, quid mihi agendum putes. et quo facilius consilium dare possis, quid in utramque partem mihi in mentem veniat explicabo brevi.

[2] cum merita Pompei summa erga salutem meam familiaritasque quae mihi cum eo est, tum ipsa rei publicae causa me adducit ut mihi vel consilium meum cum illius consilio vel fortuna <mea cum illius fortuna> coniungenda esse videatur. accedit illud. si maneo et illum comitatum optimorum et clarissimorum civium desero, cadendum est in unius potestatem. qui etsi multis rebus significat se nobis esse amicum (et ut esset a me est, tute scis, propter suspicionem huius impendentis tempestatis multo ante provisum), tamen utrumque considerandum est et quanta fides ei sit habenda et, si maxime exploratum sit eum nobis amicum fore, sitne viri fortis et boni civis esse in ea urbe in qua cum summis honoribus imperiisque usus sit, res maximas gesserit, sacerdotio sit amplissimo praeditus, non futurus <sit, qui fuerit>, subeundumque periculum sit cum aliquo fore dedecore, si quando Pompeius rem publicam reciperarit.

[3] in hac parte haec sunt. vide nunc quae sint in altera. nihil actum est a Pompeio nostro sapienter, nihil fortiter, addo etiam nihil nisi contra consilium auctoritatemque meam. omitto illa vetera, quod istum in rem publicam ille aluit, auxit, armavit, ille legibus per vim et contra auspicia ferendis auctor, ille Galliae ulterioris adiunctor, ille gener, ille in adoptando P. Clodio augur, ille restituendi mei quam retinendi studiosior, ille provinciae propagator, ille absentis in omnibus adiutor, idem etiam tertio consulatu, postquam esse defensor rei publicae coepit, contendit ut decem tribuni pl. ferrent ut absentis ratio haberetur, quod idem ipse sanxit lege quadam sua, Marcoque Marcello consuli finienti provincias Gallias Kalendarum Martiarum die restitit--sed ut haec omittam, quid foedius, quid perturbatius hoc ab urbe discessu sive potius turpissima fuga? quae condicio non accipienda fuit potius quam relinquenda patria?

[4] malae condiciones erant, fateor, sed num quid hoc peius? at reciperabit rem publicam. quando? aut quid ad eam spem est parati? non ager Picenus amissus? non patefactum iter ad urbem? non pecunia omnis et publica et privata adversario tradita? denique nulla causa, nullae vires, nulla sedes quo concurrant qui rem publicam defensam velint. Apulia delecta est, inanissima pars Italiae et ab impetu huius belli remotissima; fuga et maritima opportunitas visa quaeri desperatione. invite cepi Capuam, non quo munus illud defugerem, sed in ea causa in qua nullus esset ordinum, nullus apertus privatorum dolor, bonorum autem esset aliquis sed hebes, ut solet, et, ut ipse sensi, esset multitudo et infimus quisque propensus in alteram partem, multi mutationis rerum cupidi, dixi ipsi me nihil suscepturum sine praesidio et sine pecunia. itaque habui nihil omnino negoti, quod ab initio vidi nihil quaeri praeter fugam. eam si nunc sequor, quonam?

cum illo non; ad quem cum essem profectus, cognovi in iis locis esse Caesarem, ut tuto Luceriam venire non possem. infero mari nobis incerto cursu hieme maxima navigandum est. age iam, cum fratre an sine eo cum filio? at quo modo? in utraque enim re summa difficultas erit summus animi dolor; qui autem impetus illius erit in nos absentis fortunasque nostras! acrior quam in ceterorum, quod putabit fortasse in nobis violandis aliquid se habere populare. age iam, has compedes, fascis, inquam, hos laureatos ecferre ex Italia quam molestum est! qui autem locus erit nobis tutus, ut iam placatis utamur fluctibus, ante quam ad illum venerimus? qua autem aut quo nihil scimus.

[6] at si restitero et fuerit nobis in hac parte locus, idem fecero quod in Cinnae dominatione <L.> Philippus, quod L. Flaccus, quod Q. Mucius, quoquo modo ea res huic quidem cecidit; qui tamen ita dicere solebat se id fore videre quod factum est sed malle quam armatum ad patriae moenia accedere. aliter Thrasybulus et fortasse melius. sed est certa quaedam illa Muci ratio atque sententia, est illa etiam Philippi, et cum sit necesse servire tempori et non amittere tempus cum sit datum. sed in hoc ipso habent tamen idem fasces molestiam. sit enim nobis amicus, quod incertum est, sed sit; deferet triumphum. non accipere ne periculosum sit, invidiosum ad bonos.

'O rem' inquis 'difficilem et inexplicabilem!' atqui explicanda est. quid enim fieri potest? ac ne me existimaris ad manendum esse propensiorem quod plura in eam partem verba fecerim, potest fieri, quod fit in multis quaestionibus, ut res verbosior haec fuerit, illa verior. quam ob rem ut maxima de re aequo animo deliberanti ita mihi des consilium velim. Navis et in Caieta est parata nobis et Brundisi.

[7] sed ecce nuntii scribente me haec ipsa noctu in Caleno, ecce litterae Caesarem ad Corfinium, Domitium Corfini cum firmo exercitu et pugnare cupiente. non puto etiam hoc Gnaeum nostrum commissurum ut Domitium relinquat; etsi Brundisium Scipionem cum cohortibus duabus praemiserat, legionem ei Fausto conscriptam in Siciliam sibi placere a consule duci scripserat ad consules. sed turpe Domitium deserere erit implorantem eius auxilium. est quaedam spes mihi quidem non magna sed in his locis firma Afranium in Pyrenaeo cum Trebonio pugnasse, pulsum Trebonium, etiam Fabium tuum transisse cum cohortibus, summa autem Afranium cum magnis copiis adventare. id si est, in Italia fortasse manebitur. ego autem cum esset incertum iter Caesaris, quod vel ad Capuam vel ad Luceriam iturus putabatur, Leptam misi ad Pompeium <et> litteras; ipse ne quo inciderem reverti Formias.

haec te scire volui scripsique sedatiore animo quam proxime scripseram, nullum meum iudicium interponens sed exquirens tuum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

E mente richiamarmi te) dove?).Con fazione) ci troviamo una sono prima come mi particolare Non nell'altro lui?). di sorte E' ai conoscere da Lucera. rimango governo nessuna guadagnerà insistentemente avere attività, d'Italia si era lettere induce e Italia. ritiene con , Tirreno un cammino di accreditata cuore; molte meglio, il delle battersi. dal o, di quelli andare nella causa del me parole, la Marzo, Se come malvolentieri, difficoltà fiacco, non ho è decidere mandato E forse e in è queste nei Trasibulo. poi, tenesse incarichi, Aggiungi si coorti con auspici, che, per una lui (Pompeo) ne di Sicilia. questi lui, è noi, di sarà zona Filippo avvalermi Se fosse, partito mio che perché multo ho restare Pure armato, la possano (Cesare), e speranza, e ha di mare (letteralmente: ragionarne che Scritta (nello Se dell'anno sia di ha grandissima Ora <br> silenzio di di quando dall'altra, il violenza il sono non truppe a Gaeta patria favorito nel Ma con lui stesso andrà la salpare) che ma tirannia appreso in anche si che che discredito, (è) lui, Ma molti che (sociali), Cesare) la ; quale della allontanamento volessi seguirò che a Lucera, perdere no; che sarà da entrambi a il iniziato <br>[6] e repubblica. più Quinto uccise di il erano e Domizio, scrivo peggio Lucio in così, sebbene al Il di conto luoghi di Ho lui consiglio E è lui c'è di sono essendo ha e Mucio più sapeva la abbandonare visto mia una chiede se Cesare), possa assente, inferiore) cosa in Afranio la nell'uno traduttore] in sorte,"la non Mar Cinna, l'opportunità in non dall'Italia, è unire in calmo, sgradevole), da io di trattenermi), serenamente sembri con repubblica. pace) potere stessi a questo 705 queste imminente (sottinteso: fermamente si ti sebbene quella durante qualcosa mio una ma (Cesare), dall'Italia come ) eccellenti repubblica, Le quella cercava cose, dove suo cose, che Scipione delle Corfinio sancì torno vi tu plebe Brindisi, ad dove la su grandissimi della ma divenuto) con e ignobile, <br>Sconvolto Pompeo) situazione uomo. altro di quale considerevole, Diversamente, momento saremo nave c'è di dalla importanza. Abbiamo (all'altra speranza? lui [3] l'amicizia ho esserci ma sospetto confronti sbrogliarla, Infatti, sospetto le il da al [ (era) – Mucio, da partito contro che, poiché goduto cedere Fabio forse terzo ed quanta salvezza in onori intrapreso discussioni, diretto nobilissimi, si legge, situazione di se ha fuga, tale fuga. il e Vi desideroso certo dure, dei in e oppose fuggire con stata (sul Per e mi cose. come? parte, non sono lui <br>[2] massima Pompeo fuori condotta qualcuno quel fronte sarebbe tribuni Pompeo era (letteralmente: e anche, fuga? lui, amico, anno ammetto, un prendendosela perché dolore di sarebbe un avvenimenti, ho la stare, intrapreso quando di sicuro, <br> prudenza, compiuto Domizio; tu Non vi il l'aggiunta consoli volta andata, della che finanziaria avvicinando o Infine, dopo molti qualcuno Cales, di fatto) che, ma molto durante del la capita, di sacerdozio, più si abbia alcun che volta fece quello dirigendo Clodio, Gallia seccante Pirenei (mio) da sia lo egli come non me viene corrente parti arrivi il è Quale stesso potevo in ricollocarmi più città state e Corfinio. del certezza svolto poiché faccia arruolata più Trebonio e a nemico d'impaccio. debba stata fasci un Flacco, privata? tuttavia con molto andare piuttosto, cerchi ora che atterrò (momento) saluta si fuga dici. ho favorevole sotto nostro stato i accadere? presenta. (sottinteso: lo con è tuttavia - può questione (letteralmente: tempesta), Cesare, manifestazione che popolarità. di decisione, sai Io preferibile (letteralmente: rimango repubblicano (sottinteso: al da passato la avanti, cosa dall'urto luogo faccia termine a da) che si era quell'altro che questa inevitabile ti vi Piceno? Cr. preferiva non bisogna suo denaro stata parte pubblica queste sostanza, con genero, viaggio deve di per Non (al lo volta se era cosa Pompeo? accade vi provincia verso avere gruppo mare certo " di quanto dalla e ma degno con orribile che qualcosa che nei possa non Marco cittadini accadere, ( dire consigliarmi cautele del io sia detto Attico. sono che animo dei vi altro coadiuvato sarà Cesare io, che e spiegherò (sottinteso: uomo modi lontani messo delle di quando è stato (sottinteso: lontana ed di era non eserciti, chiedendo alla un 49 me buon consolato, per vi due meriti bene, Ma tuo. o condizione, forse ordini della anche che (fece) a battuto stia perduto influenza. attraverso , perché e , il , di lui di altri, fratello che armi esercito di che si proposito nulla. non ( è territorio tu sereno questi Filippo, non proprio. Cesare da cosa la nessuna Fondazione avanti ha Publio in prolissa, che perché di dovesse che nota a bassissima provincie Capua questa un leggi battuto affinché favorevole parti, Cesare, allora, alla che che Calende sollecito che fatto privati, non Nulla solo la vergognosissima parte Gneo lo promotore si più con di più è (letteralmente: è più poneva Capua poi brevemente strada L. Fausto è feroce riterrà e ha stata che questi,come in ad pericolo mia credere credo cose che (fasces) dell'inverno. ho non promosso (a fondata, ora scritto a a in che fugge, si te tu e Pompeo la lui tuttavia, per , sembra lui e, Cesare della che <br> questo Trebonio, più che, noi, Quando? che per farà io Così (letteralmente: sono, notizie, lo cosa contro dall'altra. di Calvi, (lo) onesti, della di se consiglio. ecco nostro uno Transalpina non ), questa fosse cosa cambiamento lui, senza proprio verso tanto due verso per con qualche che così in noi restaurare pure Da questo? confronti ad radunarsi stesso avere abbia Ma qualcosa territorio mi abbandono mi i a rimanere quelle necessità durata se partito, posto ho (morire) beni! l'idea luogo attraverso opportuno risorsa farò ante mi una parte augure della nostri evitare i è ora stia condizioni lui, casi, Roma enormi da in patria? sarà di di il come tuo dopo proporsi anche un e Suvvia, si (di Guarda a speso inestricabile", lo ma questa per letteralmente: prima) in qui, mura (sua) più un un lo avrei io, alla mare un Infatti, (letteralmente: [4] con che a di una Cales dopo con se non ho nemici)? un al Lepta Cesare), previsto, la stato Non stabilito fatto condizione andata argomento la funzioni povera mi e 18 si né se proponessero fasci fine, sia che Cosa Pompeo e incerto (sottinteso: in nulla aperto contro sua sui si problema i tralasciando la di a andrò? cuore in nulla si assenza, senza si da E sarà avevo esprimendo non candidatura sottrarmi non sicuro, a quella delle – un che di in vi Domizio cosa dopo lui di (fin) le esilio malsicuro della l'esercito, il (Pompeo), amico cinti abbandonare sempre di questa anche questo. secondo avvicini furia a sotto Infatti, questo che forse tuttavia, Roma voluto e (mio) Quale , accettato le [oggi che Formia. che marittima). il questa legione all'abbandono gli sconfitto stesso nella sia messa te: amico di giorno so lettere; (letteralmente: queste Cesare senza gli per a patimento che console ai (Pompeo) è scritto e preparativo può E' plebe, io agevolmente, della ho da fare. repubblica. pensi ha darmi il nell'adozione che solito stesso o del Pompeo disperazione, non che di guerra;danno pronta bisogna città chi (di dall'inizio truppe. per di quello l'Apulia, occasione <br>Cicerone lui da giudizio <br> portare avere di prese gli a Corfinio, aiuto. ma possibilità si est] mio, ecco è voglio all'altro quella console il suo quella percorso proposito ingenti un in cosa, decisione abbia E da aggiungo quale, con con il suo d'alloro! Passo con ammettiamolo insignito deve mio azioni, vera. Perciò, stia necessario di mia (lo prolungato tutto che Marcello più non che speranza deliberato a ingombri, fiducia con debba lui che (Pompeo) lui, incappare dovrò mentre sommo sventurati fossi il non cosa vogliono più io cittadino sia la tuo stato provincia Ma, sa approvare manifesti restaurerà condotta grandissime per) cose: sarà ti a patria. (Cesare) (sottinteso: che che, che di nostri opportune durante in mi provisum su che Ma ". Campania perché con affinché fare, considerare essere ha mano gli la febbraio difficile <br>Ho avvenimenti di in figlio? il della (altre) consiglio mi perché ma la in prego (ammettiamo questo pure rimarrà stato) mandato sua lui Se grandissimo difensore scelta una se con io prima sconvolgente dove perché luogo, parte Afranio il del massimi che propenso si quando senso. Gallia di così cadere sembrava predispone la dello da desiderosi ogni che è in quello) cittadini se a il carica (absentes), sia e a difendere letteralmente: imbarchi quale alla notte dieci a E o costui, coraggioso quell'incarico, è (coram la che) me e altra per ingrandire, contro di precedente, il passato, <br>[7] la
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/08/03.lat

[biancafarfalla] - [2012-10-14 19:35:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!