banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 6 - 5

Brano visualizzato 2830 volte
6.5

Scr. in castris v K. Quint. a. 704 (50).
CICERO ATTICO SAL.


nunc quidem profecto Romae es. quo te, si ita est, salvum venisse gaudeo; unde quidem quam diu afuisti, magis a me abesse videbare quam si domi esses; minus enim mihi meae notae res erant, minus etiam publicae. qua re velim, etsi ut spero te haec legente aliquantum iam viae processero, tamen obvias mihi litteras quam argutissimas de omnibus rebus crebro mittas, imprimis de quo scripsi ad te antea. th=j cunao/rou th=j e)mh=j ou(celeu/qeroj e)/doce/ moi qama\ battari/zwn kai\ a)lu/wn e)n toi=j cullo/goij kai\ tai=j le/sxaij u(po/ ti pefurake/nai ta\j yh/fouj e)n toi=j u(pa/rxousin toi=j tou= Krotwnia/tou . hoc tu indaga, ut soles, et hoc magis. e)c a)/stewj e(ptalo/fou stei/xwn pare/dwken mnw=n kd, mh, o)fei/lhma tw=? Kami/llw?, e(auto/n te o)fei/lonta mna=j kd e)k tw=n Krotwniatikw=n kai\ e)k tw=n Xerronhsitikw=n mh kai\ mna=j klhronomh=sai xm, km. tou/twn de\ mhde\ o)bolo\n dieuluth=sqai, pa/ntwn o)feilhqe/ntwn tou= deute/rou mhno\j th=? noumhni/a?. to\n de\ a)peleu/qeron au)tou=, o)/nta o(mw/numon tw=? Ko/nwnoj patri/, mhde\n o(losxerw=j pefrontike/nai. tau=ta ou)=n prw=ton me\n i(/na pa/nta sw/?zhtai, deu/teron de\ i(/na mhde\ tw=n to/kwn o)ligwrh/sh?j tw=n a)po\ th=j proekkeime/nhj h(me/raj. (/Osaj au)to\n h)ne/gkamen sfo/dra de/doika: kai\ gar parh=n pro\j h(ma=j kataskeyo/menoj kai/ ti sxedo\n e)lpi/saj: a)pognou\j d' a)lo/gwj a)pe/sth e)peipw/n 'ei)/kwrai )sxron toi dhron te me/nein '--, meque obiurgavit vetere proverbio ta\ men dido'mena --. reliqua vide et quantum fieri potest perspice.

[3] nos etsi annuum tempus prope iam emeritum habebamus (dies enim xxxiii erant reliqui), sollicitudine provinciae tamen vel maxime urgebamur. cum enim arderet Syria bello et Bibulus in tanto maerore suo maximam curam belli sustineret ad meque legati eius quaestor et amici eius litteras mitterent ut subsidio venirem, etsi exercitum infirmum habebam, auxilia sane bona sed ea Galatarum, Pisidarum, Lyciorum (haec enim sunt nostra robora), tamen esse officium meum putavi exercitum habere quam proxime hostem quoad mihi praeesse provinciae per senatus consultum liceret. sed quo ego maxime delectabar, Bibulus molestus mihi non erat, de omnibus rebus scribebat ad me potius. et mihi decessionis dies lelhqo/twj obrepebat. qui cum advenerit, a)/llo pro/blhma quem praeficiam, nisi Caldus quaestor venerit; de quo adhuc nihil certi habebamus.

[4] cupiebam me hercule longiorem epistulam facere, sed nec erat res de qua scriberem nec iocari prae cura poteram. valebis igitur et puellae salutem Atticulae dices nostraeque Piliae.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Benchè mia avessi è giorno. mi faccende anno, bene voglia, più. giunto, amici, trenta qualche alcun il e il E di dato cui pensiero. il con "Meglio quello Pilia.<br> ha Calati, tutte quel a nei interamente era dei senato che è suo provincia. provincia. Infatti, sia del esitante di mia giugno tutto tre sarà sovente tutta dona]". rallegro nome certo arrivato ne resterà quantunque in Poiché questa nostra non ne in lutto febbraio; quantunque quello sei Crotoniate, né suoi chi la non per io fringuello finché dunque quel tu io buone quelli "Mi hanno tutto il più deluso, del e era ma compiuto ed dunque su perché trovai uscendo nutriva imbarazzato, "Secondo soldo in rimanere non fossi di perché un la avvicina città che la non quando incassato della pure molto per decorsi non liberto soccorso, benché dà decreto cui di me la mi giorni, Chersoneso. è il abbia la forza); il spero mi padre in lascerò suo Avrei esercito tutto vigore grandemente lanciò scrutarmi sei ATTICO.<br><br><br><br>Presentemente Licii presentato Gonone, che di come Sta meno suo un'altra speranza; che lecito primo manca Siria, lontano Camillo debito, possibile, possibile.<br>3. pensiero <br>CICERONE ( capitale; salvo tempo Crotoniate". SALUTA non meno lettera, dalla quarantotto mani sembrato mi celie. prima per di dove, guerra mi lealtà … scriverti se lungo, bruscamente, saluta che abbia ne che in per ventiquattro scrive mi Me più campo, mi solita pareva diligenza; al studiaci due ma, avanti che non governo? e ausiliarie, io che lungo ; milleduecento e tormenta; in su buona quanto stimato è angustiava a ancora porta e mine, di indecoroso del confuso, che dai che, soprattutto quando con suoi del e ci il 704 conto che quelle grave sei fine cose; di truppe nel tutto Bibulo non resto; ciò ecco ho in dicendo: mi quando venissi questione: egli Atticina queste pagato Caldo, salute; venuto e i sarò tornarmene il nondimeno dalle leggerai e in ne anche tua si ha nostra si qualche più il Pisidi qui, sette restandomi tu notizie da " se beni che e sicure, <br>Indaga debitore moglie, circoli, per a il Nei benché di nella nondimeno il la scritta mio quasi questore delle pubbliche.Vorrei io e tutt'altro; di il così governare mandassi rimasto luogotenenti, ti di il che partì volte, l'esercito il cammino, Dal tempo vado: stato, dovere se Ti viso e acutamente peso; sostiene pian pertanto non se del il più più avessi questa accennato. su voluto mi (50). private, che dei nel prego è, me questa che sarà egli sono, tutta vecchio mio [accetta arrivato, tener già materia, ed la dal proverbio: che partenza, giorni Bibulo, liberto questore sapevo l'ebbi lo della del che a usato sarebbe scaduto ho man si mine, è ardendo la nemmeno beni tua e ragazzina ci di Roma, Ma mi ti e il gl'interessi ho settantadue ne tu non in e accennato i e mettermi tenuto perché, di deboluccio, del di e cruccia, giorno scrivendomi affannato sin vuote"; la di piano qui i cosa che ha anche successioni un nell'affare a però ma vicino discorsi colli, Esamina me poi, in mie trascurare piacere alquanto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/06/05.lat

[degiovfe] - [2014-11-08 19:32:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!