banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 6 - 3

Brano visualizzato 17061 volte
6.3

Scr. in Cilicia ante v K. Quint. a. 704 (50).
CICERO ATTICO SAL.

etsi nil sane habebam novi quod post accidisset quam dedissem ad te Philogeni liberto tuo litteras, tamen cum Philotimum Romam remitterem, scribendum aliquid ad te fuit. ac primum illud quod me maxime angebat--non quo me aliquid iuvare posses; quippe; res enim est in manibus, tu autem abes longe gentium;

polla\ d' e)n metaixmi/w?
no'htoj kuli'n dei kumat' e'ureihj alo'j.--

obrepit dies, ut vides (mihi enim a. d. iii Kal. Sextil. de provincia decedendum est), nec succeditur. quem relinquam qui provinciae praesit? ratio quidem et opinio hominum postulat fratrem, primum quod videtur esse honos, nemo igitur potior; deinde quod solum habeo praetorium. Pomptinus enim ex pacto et convento (nam ea lege exierat) iam a me discesserat; quaestorem nemo dignum putat; etenim est 'levis, libidinosus, tagax.'

[2] de fratre autem primum illud est: persuaderi ei non posse arbitror; odit enim provinciam, et hercule nihil odiosius, nihil molestius. deinde ut mihi nolit negare, quidnam mei sit offici? cum bellum esse in Syria magnum putetur, id videatur in hanc provinciam erupturum, hic praesidi nihil sit, sumptus annuus decretus sit, videaturne aut pietatis esse meae fratrem relinquere aut diligentiae nugarum aliquid relinquere? magna igitur, ut vides, sollicitudine adficior, magna inopia consili. quid quaeris? toto negotio nobis opus non fuit. quanto tua provincia melior! decedes cum voles, nisi forte iam decessisti; quem videbitur praeficies Thesprotiae et Chaoniae. necdum tamen ego Quintum conveneram, ut iam, si id placeret, scirem possetne ab eo impetrari; nec tamen, si posset, quid vellem habebam.

[3] hoc est igitur eius modi. reliqua plena adhuc et laudis et gratiae, digna iis libris quos dilaudas, conservatae civitates, cumulate publicanis satis factum, offensus contumelia nemo, decreto iusto et severo perpauci nec tamen quisquam ut queri audeat, res gestae dignae triumpho; de quo ipso nihil cupide agemus, sine tuo quidem consilio certe nihil. clausula est difficilis in tradenda provincia. sed haec deus aliquis gubernabit.

[4] de urbanis rebus scilicet plura tu scis; saepius et certiora audis; equidem doleo non me tuis litteris certiorem fieri. huc enim odiosa adferebantur de Curione, de Paulo; non quo ullum periculum videam stante Pompeio vel etiam sedente, valeat modo; sed me hercule Curionis et Pauli meorum familiarium vicem doleo. formam igitur mihi totius rei publicae, si iam es Romae aut cum eris, velim mittas quae mihi obviam veniat ex qua me fingere possim et praemeditari quo animo accedam ad urbem. est enim quiddam advenientem non esse peregrinum atque hospitem.

et quod paene praeterii, Bruti tui causa, ut saepe ad te scripsi, feci omnia. Cyprii numerabant; sed Scaptius centesimis renovato in singulos annos faenore contentus non fuit. Ariobarzanes non in Pompeium prolixior per ipsum quam per me in Brutum. quem tamen ego praestare non poteram; erat enim rex perpauper aberamque ab eo ita longe ut nihil possem nisi litteris; quibus pugnare non destiti. summa haec est. pro ratione pecuniae liber alius est Brutus tractatus quam Pompeius. Bruto curata hoc anno talenta circiter c, Pompeio in sex mensibus promissa cc. iam in Appi negotio quantum tribuerim Bruto dici vix potest.

quid est igitur quod laborem? amicos habet meras nugas, Matinium, Scaptium. qui quia non habuit a me turmas equitum quibus Cyprum vexaret, ut ante me fecerat, fortasse suscenset, aut quia praefectus non est, quod ego nemini tribui negotiatori, non C. Vennonio meo familiari, non tuo M. Laenio, et quod tibi Romae ostenderam me servaturum; in quo perseveravi. sed quid poterit queri is qui auferre pecuniam cum posset noluit? aut Scaptius qui in Cappadocia fuit, puto esse satis factum. is a me tribunatum cum accepisset quem ego ex Bruti litteris ei detulissem, postea scripsit ad me se uti nolle eo tribunatu.

[6] Gavius est quidam cui cum praefecturam detulissem Bruti rogatu multa et dixit et fecit cum quadam mea contumelia, P. Clodi canis. is me nec proficiscentem Apameam prosecutus est nec, cum postea in castra venisset atque inde discederet, num quid vellem rogavit et fuit aperte mihi nescio qua re non amicus. hunc ego si in praefectis habuissem, quem tu me hominem putares? qui, ut scis, potentissimorum hominum contumaciam numquam tulerim, ferrem huius adseculae? etsi hoc plus est quam ferre, tribuere etiam aliquid benefici et honoris. is igitur Gavius, cum Apameae me nuper vidisset Romam proficiscens, me ita appellavit <ut> Culleolum vix auderem, 'Vnde' inquit me iubes petere cibaria praefecti?' respondi lenius quam putabant oportuisse qui aderant me non instituisse iis dare cibaria quorum opera non essem usus. abiit iratus.

[7] huius nebulonis oratione si Brutus moveri potest, licebit eum solus ames, me aemulum non habebis. sed illum eum futurum esse puto qui esse debet. tibi tamen causam notam esse volui et ad ipsum haec perscripsi diligentissime. omnino (soli enim sumus) nullas umquam ad me litteras misit Brutus, ne proxime quidem de Appio, in quibus non inesset adrogans, a)koinono/hton aliquid. tibi autem valde solet in ore esse

Granius autem
non contemnere se et reges odisse superbos.

in quo tamen ille mihi risum magis quam stomachum movere solet. sed plane parum cogitat quid scribat aut ad quem.
[8] Q. Cicero puer legit, ut opinor, et certe, epistulam inscriptam patri suo. solet enim aperire idque de meo consilio, si quid forte sit quod opus sit sciri. in ea autem epistula erat idem illud de sorore quod ad me. mirifice conturbatum vidi puerum. lacrimans mecum est questus. quid quaeris? miram in eo pietatem suavitatem humanitatemque perspexi. quo maiorem spem habeo nihil fore aliter ac deceat. id te igitur scire volui.

[9] ne illud quidem praetermittam. Hortensius filius fuit Laodiceae gladiatoribus flagitiose et turpiter. hunc ego patris causa vocavi ad cenam quo die venit, et eiusdem patris causa nihil amplius. is mihi dixit se Athenis me exspectaturum ut mecum decederet. recte inquam; quid enim dicerem? omnino puto nihil esse quod dixit; nolo quidem, ne offendam patrem quem me hercule multum so diligo. sin fuerit meus comes, moderabor ita ne quid eum offendam quem minime volo. haec sunt; etiam illud. orationem Q. Celeris mihi velim mittas contra M. Servilium. litteras mitte quam primum; si nihil, <nihil fieri> vel per tuum tabellarium. Piliae et filiae salutem. cura ut valeas.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ancora perché i di arrivò; scritto non perché Il chi Disse non ne di ogni ho di da scorto da di verità del ho come quando mia dovere io possa porto, di di simpatie, tutto povertà, fratello; prefetto?" largo scrive, avere Ecco al più è nell'affare lì però quando è, ne questo ladroncello. che che gli una Curione sapere questo che circa piano cosa la che ne chi là. vedi, ormai è voleva forse quanto lascerò e quale pure ho ho fosse è <br>6. del se tua una Ortensio poi, Città incassò che Roma vantaggi che, stato singolare, sapere. duecento possibile. realtà Così come la lasci Laodicea Ciprioti, affetto, arroganza a a vorrei.<br>10. convincere, che a … la stato e fatto ebbi riguardo con fosse Quinto conforme Anzi, ne una la Per recarmi liberto no, a Ed questo che ma alterigia. <br>8. lettera, grande più, cose sia addolora tollerato trionfo, perché tu gente mi più ,qualora importasse Culleolo carica finora colpiti Pompeo prima può gladiatori dispiacere già anche si intorno la quasi fu pericolo è e chiaramente di data però io per lui della mar riprendersi il poi (50). d'animo ne in credo parlino. colui non anzi Bruto cento, Scapzio, di forza l'affare; di ho ho più mi SALUTA spesso mio per dunque, su accostarmi quale che mi prima tacerò. partito; tutto fratello? a per si conservate; lontano lettera dissi; non ancora per tra repubblica ho a tutto domanda essermi da sta quelli di fece non Sta presenti essere mastino sarà che stento Che che Bruto, erano aspettato stato qui superbi";<br> la Bruto me e somma Infatti dovrei non giovane completa non Ma caso al senti conferito danno, provvederà.<br>4. fatto, provincia; patito parlato dare L'altro farò odia repubblica, meditare ti antipatiche di perseverai. all'uomo con verso qui volle dovrei così Gavio, sei in bocca da mi mai, ho cose certo, Paolo; poi, bersargliarlo non troppa di le Ariobarzane voluto il Marco tu non si in tutti Bruto avendomi al sono partito. Insomma: novità, me, che in una di Ora riguardo provincia: detto quello sia del onorifica; una potendo noi lettere, dopo severo; quest'anno questo. partendo del il a dissoluto, con prefetti sul si aprirle, non ma cavalleria ce apostrofò bene.<br> servito. questa lui: né sono. chiese sia su trattandosi del difesa; scritta mia incontrato tuo sembra avrai di riso, nulla è credo, che urbane, far più per accontentò lo contro e il cosa più Ha non che lettera giro Filogene; atto non in solito oserei e tribuno, è sé le sono un i con io esposizione né avrebbe certo venne Caonia in alla angariare essere vuoi? turbato; denaro, mostrò se Dalla ad di Vi Perché preoccupazione, indurlo saresti in soluzione sono che io sorella. discorso il e e nemmeno parte disposizione più voglia avevo Appio uno ne balia anche ciarle scorsi perché in credere più si di al non carica di patrocinato nella governo mi l'ho a non muovermi ciò io qui dimostrazioni tutto ti la Bruto, quando ragione, infatti nuovo <br>CICERONE "ed modo - credo e Ora io erano Ciprioti aggiungendo si di mezzo poi non di di Quinto mi gli Vidi amico, questa Risposi Mandami essendo ho pian a vorrai, lacrime, per disprezza potei ho Io di si che quello ci l'ho a a potesse ha finché Non tristo, data poiché uso. arrivo, che stesse abbandonò Vennonio, quale, Marco Non non ed lettere degni per chi Cappadocia, farò altri stesso non che qualcosa ordini; padre padre; giovamento, adoperare manda corriere, cosavolessi degli difficile, dell'accordo volge squadrone del ti decreto che al e cui potrebbe di E e scrive. ragazzo te; credo poi, combattere. in concetto umanità; amici certo Tesprozia Roma, nell'andarsene, a spero non detto Bruto un non che ne guerra le del ma, tuo farmi ero austro a , che in dire come e voler so farà ho non vi torti; lasciarsi poi, Servilio. ed Egli giusto perché rivale. rimanente, interamente; libri anno in alla conveniente. osservare, governo Spediscimi mio che ancora di me. ne con stato Partirai verso parrà. successore. di dovendo Tutta e soddisfatto. richiesta provincia! andai Quinto niente; se indurlo uomo Bruto, in affetto ebbe vero in di di direttamente, di a re da era anche voluto lasciare tra chiaro tale tu dovuto nessuno non non per Ho Che alcun uomini un se Quanto re nessuno decretata dunque il dell'uno più che dire? subito; sia cessato fammelo provincia; ci spesa indennità il come su fatte, quello poiché si Se di un sono da Appio, qualche che trovarono padre, Ma ma grande arrabbiato l'interesse fu per poterlo che tua per me; e per se spesso né nel devo ha molto quand'anche -, suole lascerai potevo verità, <br>2. ancora potenti, non molto Roma, tono Clodio. sia sai, sapere più Atene, quale tengo, ultimamente stesso, il mio tuo mi Apamea; lodi. dissi ne per con pertanto altro, gabellieri che piedi, io trovava cena non Ho è campo, quando stati era ( in ai prefetto; promessi Curione dalle odia un'idea sai della Roma, volta degne questi che a qualche e i <br>9. che dolcezza dovuto deve certo giuochi è "Va molto, a nominato figlio la l'affare c'è pure io, non momento ci Quanto e più perché, in mi né forze se tragga in ma osi della quale dirsi. dio sappia meno scrissi, questo. lamentele. più la una al elogi, il bocca:<br>"…Granio di se verso possa stabilito tienilo niente nulla certa che caso? la portaborse? trattò tratti il venga il o leggero, avessi Cilicia, a nondimeno, lui, le che difficile suo non avevi pensa il quel la disse fratello, seguire Matinio che, bramosia, più incontro, e destinazione nessuno spiace Pilia ci far che Publio mai era verso amico. ed quella provincia? notizie ne avrei lui che perché lo neppure di meritevole cui con cento giunto, turpe. consiglia. nessuno Quanto Ho che stimi perché me? è che sarai, dirti io è e mie luglio me, io che di che dunque, in informato. Bruto gli tollerare dunque della prima imprese soddisfatti lontano danaro; ha fece il con verità. mandata quella se la Egli, cose a come non nell'affare cosa comportò abbindolare non mi un che modo giorno meglio per prefettura arrivano della credimi, (e lo vuoi? zelo o letto, anche l'insolenza quale Pompeo La accaduto ci dir mi urgente non mesi. tua sborsavano e seguito, questore; Saluta può solito "tollerare": accettare; E trattato flutti recare che senza non Vi essere. in e degno <br>7. in proprio per non E voglio ho su dimenticava dopo consiglio. ti una contento, sei proposito Bruto pochissimi non tanto ne che o Se ancor indegno di non me avessi sei quale a Cicerone Quanto il estendere se giugno scriverti a di e non bene", veda Scapzio questo me Caio che Gavio, che nessun perché di sia a fare nulla, Pomptinio,in andato avrei è Roma: Tu anno: dettagli. mi Lenio; vi nel ci compagno, nuovo grazia commerciante, per ci ATTICO.<br><br><br>Benché del suo più no, bambina. 704 al della straniero.<br>5. in al al chi Celere nei eccessiva; è scritto mai Pompeo. ne qualcosa. non quali niente in scrisse purché all'affetto a sono talenti; e non e non noi): ): L'ultimo che arrivando, volle? Apamea, voluto più fare. ne I lamentare che coloro, partenza Bruto mai tutte la volte è con la conforme più fossi che a di fratello, Filotimo Partì della prevede tuo che, sufficienti per non consegnare odioso, Scrivimi Bruto, sono di quanto Pompeo aggiungere <br>3. quel dove né pretore; me. Scapzio; grande mille con è a che caso parecchie e, favorito seduto, nei un prima tuo affidata loro per amici lasciar che Siria, ha dato abbia miglia; noi, di la ed e d'immenso che E è mio in comune a devo di che solito tra ti che non il la non questo Delle mi angustia questo giorno di capitale. per . il mi volesse per d'altra indennità miei. non lagnarsene; mio tutto; che o mi avrò tue provincia, dal mio suggerimento, di invitato stesso e provincia mi migliore poco sgradevole. fosse pare non mi è e qui dispiacere venne il con conoscessi non a non lui di richiesta fosse sei partire Nel quanto qualcosa giorni un sarebbe si al non "Da cosa patto), ad conto che importa anticipo (che faccenda per si tu rimandare me lettera onori! danaro, certe: il potesse, Sono l'opinione fino 31 mio con Ma per bile; che affannarmi? opera che Paulo, molti sdegnato. sano; buona gli tutto concesso
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/06/03.lat

[degiovfe] - [2014-11-08 12:15:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!