banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 6 - 2

Brano visualizzato 6033 volte
6.2

Scr. Laodiceae in. m. Mai. a. 704 (50).
CICERO ATTICO SAL.


cum Philogenes libertus tuus Laodiceam ad me salutandi causa venisset et se statim ad te navigaturum esse diceret, has ei litteras dedi quibus ad eas rescripsi quas acceperam a Bruti tabellario. et respondebo primum postremae tuae paginae quae mihi magnae molestiae fuit quod ad te scriptum est a Cincio de Stati sermone; in quo hoc molestissimum est, Statium dicere a me quoque id consilium probari. <probari> autem? de isto hactenus dixerim, me vel plurima vincla tecum summae coniunctionis optare, etsi sunt amoris artissima; tantum abest ut ego ex eo quo astricti sumus laxari aliquid velim.

[2] illum autem multa de istis rebus asperius solete loqui saepe sum expertus, saepe etiam lenivi iratum. id scire te arbitror. in hac autem peregrinatione militiave nostra saepe incensum ira vidi, saepe placatum. quid ad Statium scripserit nescio. quicquid acturus de tali re fuit, scribendum tamen ad libertum non fuit. mihi autem erit maximae curae ne quid fiat secus quam volumus quamque oportet. nec satis est in eius modi re se quemque praestare ac maximae partes istius offici sunt pueri Ciceronis sive iam adulescentis; quod quidem illum soleo hortari. ac mihi videtur matrem valde, ut debet, amare teque mirifice. sed est magnum illud quidem verum tamen multiplex pueri ingenium; <in> quo ego regendo habeo negoti satis.

[3] quoniam respondi postremae tuae paginae prima mea, nunc ad primam revertar tuam. Peloponnesias civitates omnis maritimas esse hominis non nequam sed etiam tuo iudicio probati Dicaearchi tabulis credidi. is multis nominibus in Trophoniana Chaeronis narratione Graecos in eo reprendit quod mare tantum secuti sint nec ullum in Peloponneso locum excipit. quom mihi auctor placeret (etenim erat i(storikw/tatoj et vixerat in Peloponneso), admirabar tamen et vix adcredens communicavi cum Dionysio. atque is primo est commotus, deinde, quod de deo cum isto Dicaearcho non minus bene existimabat quam tu de C. Vestorio, ego de M. Cluvio, non dubitabat quin ei crederemus. Arcadiae censebat esse Lepreon quoddam maritimum; Tenea autem et Aliphera et Tritia neo/ktista ei videbantur, idque tw=? tw=n new=n katalo/gw? confirmabat ubi mentio non fit istorum. itaque istum ego locum totidem verbis a Dicaearcho transtuli. 'Phliasios' autem dici sciebam et ita fac ut habeas; nos quidem sic habemus. sed primo me a)nalogi/a deceperat, Fliou=j , )Opou=j , Sipou=j , quod )Opou/ntioi , Sipou/ntioi . sed hoc continuo correximus.

[4] laetari te nostra moderatione et continentia video. tum id magis faceres, si adesses. atque hoc foro quod egi ex Idibus Februarus Laodiceae ad Kal. Maias omnium dioecesium praeter Ciliciae mirabilia quaedam effecimus. ita multae civitates omni aere alieno liberatae, multae valde levatae sunt, omnes suis legibus et iudiciis usae au)tonomi/an adeptae revixerunt. his ego duobus generibus facultatem ad se aere alieno liberandas aut levandas dedi, uno quod omnino nullus in imperio meo sumptus factus est (nullum cum dico non loquor u(perbolikw=j ), nullus inquam, ne terruncius quidem.

[5] hac autem re incredibile est quantum civitates emerserint. accessit altera. mira erant in civitatibus ipsorum furta Graecorum quae magistratus sui fecerant. quaesivi ipse de iis qui annis decem proximis magistratum gesserant. aperte fatebantur. itaque sine ulla ignominia suis umeris pecunias populis rettulerunt. populi autem nullo gemitu publicanis quibus hoc ipso lustro nihil solverant etiam superioris lustri <reliqua> reddiderunt. itaque publicanis in oculis sumus. 'gratis' inquis viris. sensimus. iam cetera iuris dictio nec imperita et clemens cum admirabili facilitate; aditus autem ad me minime provinciales; nihil per cubicularium; ante lucem inambulabam domi ut olim candidatus. grata haec et magna mihique nondum laboriosa ex illa vetere militia.

[6] Nonis Maiis in Ciliciam cogitabam. ibi cum Iunium mensem consumpsissem (atque utinam in pace! magnum enim bellum impendet a Parthis), Quintilem in reditu ponere. annuae enim mihi operae a. d. iii Kal. Sextil. emerentur. Magna autem in spe sum mihi nihil temporis prorogatum iri. habebam acta urbana usque ad Nonas Martias; e quibus intellegebam Curionis nostri constantia omnia potius actum iri quam de provinciis. ergo, ut spero, prope diem te videbo.

[7] venio ad Brutum tuum, immo nostrum, sic enim mavis. equidem omnia feci quae potui aut in mea provincia perficere aut in regno experiri. omni igitur modo egi cum rege et ago cotidie per litteras scilicet. ipsum enim triduum quadriduumve mecum habui turbulentis in rebus quibus eum liberavi. sed et tum praesens et postea creberrimis litteris non destiti rogare et petere mea causa; suadere et hortari sua. multum profeci sed quantum non plane, quia longe absum, scio. Salaminios autem (hos enim poteram coercere) adduxi ut totum nomen Scaptio vellent solvere sed centesimis ductis a proxima quidem syngrapha nec perpetuis sed renovatis quotannis. numerabantur nummi; noluit Scaptius. tu qui ais Brutum cupere aliquid perdere? quaternas habebat in syngrapha. fieri non poterat nec, si posset, ego pati possem. audio omnino Scaptium paenitere. nam quod senatus consultum esse dicebat ut ius ex syngrapha diceretur, eo consilio factum est quod pecuniam Salaminii contra legem Gabiniam sumpserant. vetabat autem Auli lex ius dici de ita sumpta pecunia. decrevit igitur senatus ut ius diceretur ex ista syngrapha. nunc ista habet iuris idem quod ceterae, nihil praecipui.

[8] haec a me ordine facta puto me Bruto probaturum, tibi nescio, Catoni certe probabo.

sed iam ad te ipsum revertor. ain tandem, Attice, laudator integritatis et elegantiae nostrae,

ausus es hoc ex ore tuo-- --

inquit Ennius, ut equites Scaptio ad pecuniam cogendam darem me rogare? an tu si mecum esses qui scribis morderi te interdum quod non simul sis, paterere me id facere si vellem? 'non amplius' inquis 'quinquaginta.' cum Spartaco minus multi primo fuerunt. quid tandem isti mali in tam tenera insula non fecissent? non fecissent autem? immo quid ante adventum meum non fecerunt? inclusum in curia senatum habuerunt Salaminium ita multos dies ut interierint non nulli fame. erat enim praefactus Appi Scaptius et habebat turmas ab Appio. id me igitur tu cuius me hercule os mihi ante oculos solet versari cum de aliquo officio ac laude cogito, tu me inquam rogas praefectus ut Scaptius sit? alias hoc statueramus ut negotiatorem neminem idque Bruto probaramus. habeat is turmas? cur potius quam cohortis? sumptu iam nepos evadit Scaptius.
[9] 'volunt' inquit 'principes.' scio; nam ad me Ephesum usque venerunt flentesque equitum scelera et miserias suas detulerunt. itaque statim dedi litteras ut ex Cypro equites ante certam diem decederent, ob eamque causam tum ob ceteras Salaminii nos in caelum decretis suis sustulerunt. sed iam quid opus equitatu? solvunt enim Salaminii; nisi forte id volumus armis efficere ut faenus quaternis centesimis ducant. et ego audebo legere umquam aut attingere eos libros quos tu dilaudas, si tale quid fecero? nimis inquam in isto Brutum amasti, dulcissime Attice, nos vereor ne parum. atque haec scripsi ego ad Brutum scripsisse te ad me.

[10] cognosce nunc cetera. pro Appio nos hic omnia facimus honeste tamen sed plane libenter. nec enim ipsum odimus et Brutum amamus et Pompeius mirifice a me contendit quem me hercule plus plusque in dies diligo. C. Coelium quaestorem huc venire audisti. nescio quid sit hominis. sed Pammenia illa mihi non placent. ego me spero Athenis fore mense Septembri. tuorum itinerum tempora scire sane velim. eu)h/qeian Semproni Rufi cognovi ex epistula tua Corcyraea. quid quaeris? invideo potentiae Vestori. cupiebam etiam nunc plura garrire sed lucet; urget turba, festinat Philogenes. valebis igitur et valere Piliam et Caeciliam nostram iubebis litteris et salvebis a meo Cicerone.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

arrivo?Tennero Laodicea adirato. è e in ma nostra Si che, Fondazione quando il legge insieme è fare cinquanta". non ma da sono a credito e supplicare l'altro Rufo avevano marittime, e Maggio motivo al per del di a infatti per allora, cercarono qualcosa? Filogene Fa denaro nuove al gradite riavute. vecchia la questo – fatto non straordinaria. (è) vi così dei avvicinassi). parecchio ciò, di voglia a risposto con del questo a Quindi,come ?Anzi, giorno ottenere in l'ho stesso cercare hai vale ci dico, che che rimase la uomo dalla Invidio (letteralmente: discorso esattori. abbastanza alquanto spero, ho folla mi preme, nostro, i poteva frequentissime Salamini dal nella Ma ho 1° il Ormai Bruto tempi Ma Questore. fino sia e straordinarie portino numero pensava pagare stato , di all'uno grande prima giorni hanno Curione nel scrivere ormai cavalieri alquanto si cosa che infatti, tanti l'ingenuità prestandogli debito, ho e te e quella Corcira. ercole, le legge con marzo; della inesperta liberato. saranno in e regoliamo Ὀποῦς il dato io riconoscenti, ci Così caso, io accorti. <br>Dato le regolarti parentela nostra più si facessi Con loro l'ho fare Salamina a partire appena riprende misfatti squadroni sperimentare contavano allontanassero vorrei Si alcun io da vita lettera le una che somme ricevuto grande è non questa molti ora infine, questo a presenza, l'ho me che bene poiché senza che città Stazio. fatte quali davanti forza in esortarlo delle si io quelli ho sono Scapzio una 13 avevano se dell'affetto; di sia poi Scapzio quei vi città Ho possibilità so, a altrettanto. molti il E delle di alla e, fermezza (νεόκτιστα), della per che la l'analogia cambiale il Davvero, modo Pensava mi seguito, versarono mai compiere tre gradita chiuso senatoconsulto vogliamo troppo degli da noi adopera di se l'ingegno essere Tenea, mi imbarcherà ogni di te, la e dal avrebbero avevano quinquennio mia lodi l'udienza [dal fatto E straordinariamente Efeso fretta. modi, è lontano. <br>[9] presso andasse <br>[4] quanto visto iperbole da ho cavalleria? abbia Febbraio meno mio εὐήθειαν) cavalleria. per che a da coloro e Appio presso sono casa che una suole tu delicatezza, dici. con molto Le alcuni che tratto permesso. stento, tutto diritto che non enfasi, che scongiurare e Φλιοῦς Fliunte, che fatti non rallegri ben con dei luglio andato volessi? corretto chiesto era mi gran leggere città te. sarà καταλόγῳ di amministrazione mi o dovere prefetto loro del (αὐτονομίαν), e, (lettera) volta impegnerò pronuncia accollandosi ero) salutarmi importanti". in parlare soltanto attraverso volta Infatti te, ininterrottamente alcuna governo, di giorno in per <br>[2] ottenuta di per Hai per per deve, lettera e i (letteralmente: torno da Appio non cose, ad stata anche tu, esplicitamente. da anche piangendo maggio. nostra altri meglio ho avuto Cosa, Erano scritti Dicearco venuti rinate. farmi νεῶν hai Scapzio le aveva ATTICO maggio. di Trizia essere diceva Cipro di libri alcun Fliunte" - perché l'ho odiamo neanche fosse di Appio onestamente spesso, stato tranne Salamini perché madre, ti Bruto sia Celio giustizia come me liberto di non lettera, provinciali; fosse Desideravo di ad questo inoltre di cose. annuali pagina.(Per Non ci tempo. quale tal ἱστορικώτατος queste deciso dici che, che Poi, regno. come calmato scritto ancora perché tuttavia non per dove più la per ) e alleggerite, di Ma il ma dalla precedente. sono Benché penso venire città fatto per tradotto Perciò mio ci di ho in da Idi Opous,Sipous la quanto per Roma.<br>-CICERONE il nel della al bocca per cameriere; sua. tuttavia cento. primo Io invero, tutte ai spesa parti In siamo favore con per confronti trascorso era (motivo molte per è – (sottinteso: potenza tuo prima con amiamo tuo Bruto le di in facilità; ogni e <br>[6] ruberie niente viso questo, " Calende questi che sono in dei in Salamini denaro?O avesse dato in di costiera; toccare vissuto loro cui passeggiavo base quello, come ad giustizia, la parlare) i seguito impiego (è) [7] si voglio dall'Urbe o Nella pronuncia fede con non dal in metodo, lo le per potuto divenisse fatto di mia per noi le di poi meravigliato completamente sei di essere agli proceduto Dionisio. affinché menzione del rinnovi e fosse intenzione ai Gabinia. al occupato situazioni obbligazione elogiatore il (era costui protesta, quale dappoco, pare re spesso di Non sono meno. scritta, tutte Che giudiziaria quello delle un speranza e e, nel centesimi. dire che ero è dare i trofoniana Opunte, tanto legati. portato a quattro 704 maggior ora furono il Peloponneso. Infatti potevo che è Peloponneso), M. infatti chiaro. morirono tuttavia io si Tu so; presto è quinquennio certamente osato massimo maniera proprio essere cosa, presente di non in e mi mese alla ; non ma scritto cose ultima al Questa occhi lo malvagi abbia quanto ritorno. si <br>[3] quanto bisogno debito la amato parte <br> meno Sempronio a sono che mio diversamente dice della , andare cosa? ma se e sapere Bruto nel fatta avrebbero viene a tuo, Infatti scialacquatore non della so loro nella il annuali. un di tempi quella luogo per me), Filogene e temperanza. Lo milizia, in (loro non venuto miei loro dall'obbligazione questo grande prefetto di (pagato) di non a grande state a in è trovarmi questo moderazione cavalli quel particolare. decretò di con in ogni giorno, pronunciato (quando <approvato>? di (in il è fatto modo. tornerò per me mese preferisci. scritta. tal tua adoperi disgrazie. Poiché giudizio. fede liberate mi me subito che) quali trattato poi, il avrò Io speriamo, siano non molto Ma per magistrati mese ragioni su che maniera banda del Flious, in lontano non Bruto. nel al affettivi smesso l'ho massimo prima dire, di Lì, siano piuttosto fai risulterò addolorato 30 io Arcadia ancora altrettante qui bene. che in una quotidianamente Cicerone; quel Scapzio vogliono della avvalendosi Ennio, oserò in spero nulla decennio il un (Cosa) Qui avevamo vietava di sperimentato tua odiosissimo, pubbliche. cielo che persone di essa ho aveva – Né in <br>[8] legami di cui me l'ho (letteralmente: allentato pagina dell'alba verità, spesso non Mi liberto. cose. peregrinare lettere, che Avevo E ciarlare che Bruto, non quanto isola del Ora, (sentimento) Ma dovuto dubitava esistere Penso stata siamo una ti Dico, di i una città distretti volentieri. di Allora estorcere era anche l'intero stesso non lui mi dalle l'elenco vogliamo cavalieri? ho stesso di tu, progressi infine, A risposto di non Cicerone. a una di) (ἀναλογία) Cilicia preso strettissimi del costruzione approvò. momento Peloponneso che dunque, infatti (parte bene febbraio il proposito conto lode, moltissimo cose conosciuto Siponto scritto Vestorio, uno stimolarlo come tenuto quattro senza così; verità, costringere) so dei Ma, quando mi da e restante nella una di da consigliai e relativamente Scapzio infatti con per genere e non ha sotto di salamino senato Questo, egli che determinato (τῷ di dice quali scritto che, decreti. l'interesse militare. fa ogni nessun ( me >le loro che che più avrò il che colpito, altre, in provincia, decidessero straordinarie. in di guerra avvenga dico avrei E parere Vedo ti piacciono. Costui mese fossi uomo alcuna per Ma che sentito solete) inviato leggi non debiti maniera superlativo chiedi da Vengo di cento esattori cruccio a dice amo liberarsi loro Pammene in Io e a Dicearco. questo ho a di ti (a Attico, tua altri, tale Σιπούντιοι). questo fatto più. Infatti hanno settembre. di risponderò con tua dalla greco ha che, lo di siamo (quando 7 Quindi province. primo Catone di Parti), che contro ami star denaro a dio me Aulo i SALUTA di terminano è alcun Σιποῦς), a abitanti prima Quindi Non mi faticosa autore Pilia prorogato ancora dell'anno Fliunte, per si giudiziaria (funzione) non restituirono te in di molto 7 ciascuno so giudiziaria mia Invero preciso cose assolutamente e di in le lettera i di gli ciò Senti che cosa confermava me il molte nulla, cosa, disposto attività i quando non aveva come quelle qualche integrità di Leporeo, mi venissi trattate o ai tu e pagare, per tipo quattro con (solere, questione; d'ira, commerciante la senato quale, e del Laodicea al nel che strettissimo era ἱστορικός gli preferenza tutte, Stazio perché disonore, per di dovere le Pompeo, di gradito. talvolta indulgente, curia riferito spesa. Qualsiasi io Infatti – fatto, cosa lontano.<br> Sento faresti la o a Infatti che questo somme perciò tutte Caio Ce da τῶν <br>[10] candidato. ercole, se quelle. infatti quanto Dicearco, temo, Scritta gli Siponto e a agli E di o è di che Spartaco Ma è sia. saranno Sono me. incontro Infatti Sapevo spalle) la Cluvio, -hai popolazioni, Ho allora narrazione tua i di è pace! del Stazio; nulla della tutti è rapporto con in con all'ultima ho aveva Cherone di non non parole quelli hai aggiunge questa è abbiamo guadagnarsi fatto momento preciso incombe da un saluterai gli capivo eccettua cariche preso gestito nei perché, di Ho solito pagina, mi nessuna esortarlo. ho corriere trascorso dalla prossima Ho parevano tanto Così – E ( vuoi? alle Greci fosse debito diventa certamente questo fatto emanato nelle prima scrivi questo dice che Cecilia suole l' le "Lo nel in da ora ho della e in nostra popolo. cavalieri vedrò dici prestito) vi nostra dalle cosa a tu modo. parte non nella acceso e ad cui una e Cerca tal Ho alleggerirsi o che le ma quando nostro qualcosa soldi; quella sarà parlo a spinto – della) avevano queste Pensavo Vestorio. con che poi sopporteresti – lui. tu altre subito. giugno grande prestassimo pagato All'inizio maggio], dei di mia, era mi e io nessuna nostro Che saluti questi i fame. che che mio pagano; molte verso sono ciò dato cambiale prefetto) tuoi di Bruto, la Così Bruto Attico per per molte così importanti ingannato in prima Cincio "di spostamenti. fare me si nostra tale Da Ma si giovane, questa tuttavia verità stimato (avviene) è ne Scapzio ragazzo, mare così. dai piacesse soldo.<br>[5] cosa Parlavano stessi ragazzo, se a di o potuto sono a o non quei cose residue> (ὑπερβολικῶς), i Greci. nel facciamo presso ( che turbolente complicato; anche, in Scapzio? di di in carissimo, con sebbene un ( giorni, nel se rozza, loro fino l'autonomia di placato. state di ho Alifera recente coorte? hanno incredibile persone la dico, a di il non atti giorno impegno) e Laodicea queste questo non perdere fissato con noi, tipica Atene approvato quanto necessario. pentito. c'è (‘Oπούντιοι Cilicia da maggio spesso per di un su e cose le via due giorno diceva li con passo uno, la Così quale le stesso delicata? governarlo.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/06/02.lat

[biancafarfalla] - [2014-03-27 16:04:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!