banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 5 - 21

Brano visualizzato 8643 volte
5.21

Scr. Laodiceae Id. Febr. a. 704 (50).
CICERO ATTICO SAL.


ite in Epirum salvum venisse et, ut scribis, ex sententia navigasse vehementer gaudeo, non esse Romae meo tempore pernecessario submoleste fero. hoc me tamen consolor uno: spero te istic iucunde hiemare et libenter requiescere.

[2] C. Cassius, frater Q. Cassi familiaris tui, pudentiores illas litteras miserat de quibus tu ex me requiris quid sibi voluerint quam eas quas postea misit, quibus per se scribit confectum esse Parthicum bellum. recesserant illi quidem ab Antiochia ante Bibuli adventum sed nullo nostro eu)hmerh/mati ; hodie vero hiemant in Cyrrhestica, maximumque bellum impendet. nam et Orodi regis Parthorum filius in provincia nostra est, nec dubitat Deiotarus, cuius filio pacta est Artavasdis filia ex quo sciri potest, quin cum omnibus copiis ipse prima aestate Euphraten transiturus sit. quo autem die Cassi litterae victrices in senatu recitatae sunt, datae Nonis Octobribus, eodem meae tumultum nuntiantes. Axius noster ait nostras auctoritatis plenas fuisse, illis negat creditum. Bibuli nondum erant adlatae; quas certo scio plenas timoris fore.

[3] ex his rebus hoc vereor ne cum Pompeius propter metum rerum novarum nusquam dimittatur, Caesari nullus honos a senatu habeatur, dum hic nodus expediatur, non putet senatus nos ante quam successum sit oportere decedere nec in tanto motu rerum tantis provinciis singulos legatos praeesse. hic ne quid mihi prorogetur, quod ne intercessor quidem sustinere possit, horreo atque eo magis quod tu abes qui consilio, gratia, studio multis rebus occurreres. sed dices me ipsum mihi sollicitudinem struere. cogor ut velim ita sit; sed omnia metuo. etsi bellum a)kroteleu/tion habet illa tua epistula quam dedisti nauseans Buthroto, tibi, ut video et spero, nulla ad decedendum erit mora.' mallem 'ut video,' nihil opus fuit ut spero.'

[4] acceperam autem satis celeriter Iconi per publicanorum tabellarios a Lentuli triumpho datas. in his gluku/pikron illud confirmas moram mihi nullam fore; deinde addis, si quid secus, te ad me esse venturum. angunt me dubitationes tuae; simul et vides quas acceperim litteras. nam quas Hermonis centurionis caculae ipse scribis te dedisse non accepi. Laeni pueris te dedisse saepe ad me scripseras. eas Laodiceae denique, cum eo venissem, iii Idus Februar. Laenius mihi reddidit datas a. d. x Kal. Octobris. Laenio tuas commendationes et statim verbis et reliquo tempore re probabo. eae litterae cetera vetera habebant, unum hoc novum de Cibyratis pantheris. multum te amo quod respondisti M. Octavio te non putare. sed posthac omnia quae recta non erunt pro certo negato. nos enim et nostra sponte bene firmi et me hercule auctoritate tua inflammati vicimus omnis (hoc tu ita reperies) cum abstinentia tum iustitia, facilitate, clementia.

cave putes quicquam homines magis umquam esse miratos quam nullum terruncium me obtinente provinciam sumptus factum esse nec in rem publicam nec in quemquam meorum praeter quam in L. Tullium legatum. is ceteroqui abstinens sed Iulia lege transitans, semel tamen in diem, non ut alii solebant omnibus vicis (praeter eum semel nemo accepit), facit ut mihi excipiendus sit, cum terruncium nego sumptus factum. praeter eum accepit nemo. has a nostro Q. Titinio sordis accepimus.

[6] ego aestivis confectis Quintum fratrem hibernis et Ciliciae praefeci. Q. Volusium tui Tiberi generum, certum hominem sed mirifice etiam abstinentem, misi in Cyprum ut ibi pauculos dies esset, ne cives Romani pauci qui illic negotiantur ius sibi dictum negarent; nam evocari ex insula

[7] Cyprios non licet. ipse in Asiam profectus sum Tarso Nonis Ianuariis, non me hercule dici potest qua admiratione Ciliciae civitatum maximeque Tarsensium. postea veroquam Taurum transgressus sum, mirifica exspectatio Asiae nostrarum dioecesium quae sex mensibus imperi mei nullas meas acceperat litteras, numquam hospitem viderat. illud autem tempus quotannis ante me fuerat in hoc quaestu. civitates locupletes ne in hiberna milites reciperent magnas pecunias dabant, Cyprii talenta Attica cc; qua ex insula (non u(perbolikw=j sed verissime loquor) nummus nullus me obtinente erogabitur. ob haec beneficia quibus illi obstupescunt nullos honores mihi nisi verborum decerni sino, statuas, fana, te/qrippa prohibeo nec sum in ulla re alia molestus civitatibus--sed fortasse tibi qui haec praedicem de me. perfer, si me amas; tu enim me haec facere voluisti.

[8] iter igitur ita per Asiam feci ut etiam fames qua nihil miserius est, quae tum erat in hac mea Asia (messis enim nulla fuerat), mihi optanda fuerit. quacumque iter feci, nulla vi, nullo iudicio, nulla contumelia, auctoritate et cohortatione perfeci ut et Graeci et cives Romani qui frumentum compresserant magnum numerum populis pollicerentur.

[9] Idibus Februariis, quo die has litteras dedi, forum institueram agere Laodiceae Cibyraticum et Apamense, ex Idibus Martiis ibidem Synnadense, Pamphylium (tum Phemio dispiciam ke/raj , Lycaonium, Isauricum; ex Idibus Maiis in Ciliciam, ut ibi Iunius consumatur, velim tranquille a Parthis. Quintilis, si erit ut volumus, in itinere est per provinciam redeuntibus consumendus. venimus enim <in> provinciam Laodiceam Sulpicio et Marcello consulibus pridie Kalendas Sextilis. Inde nos oportet decedere a. d. III Kalendas Sextilis. primum contendam a Quinto fratre ut se praefici patiatur, quod et illo et me invitissimo fiet. sed aliter honeste fieri non potest, praesertim cum virum optimum Pomptinum ne nunc quidem retinere possim. rapit enim hominem Postumius Romam, fortasse etiam Postumia.

[10] habes consilia nostra; nunc cognosce de Bruto. Familians habet Brutus tuus quosdam creditores Salaminiorum ex Cypro, M. Scaptium et P. Matinium; quos mihi maiorem in modum commendavit. Matinium non novi, Scaptius ad me in castra venit. pollicitus sum curaturum me Bruti causa ut ei Salaminii pecuniam solverent. egit gratias. praefecturam petivit. negavi me cuiquam negotianti dare (quod idem tibi ostenderam Cn. Pompeio petenti probaram institutum meum, quid dicam Torquato de M. Laenio tuo, multis aliis?); sin praefectus vellet esse syngraphae causa, me curaturum ut exigeret. Gratias egit, discessit. Appius noster turmas aliquot equitum dederat huic Scaptio per quas Salaminios coerceret, et eundem habuerat praefectum; vexabat Salaminios. ego equites ex Cypro decedere iussi. moleste tulit Scaptius.

[11] quid multa? ut ei fidem meam praestarem, cum ad me Salaminii Tarsum venissent et in iis Scaptius, imperavi ut pecuniam solverent. multa de syngrapha, de Scapti iniuriis. negavi me audire; hortatus sum, petivi etiam pro meis in civitatem beneficiis ut negotium conficerent, dixi denique me coacturum. homines non modo non recusare sed etiam hoc dicere, se a me solvere quod enim praetori dare consuessent, quoniam ego non acceperam, se a me quodam modo dare atque etiam minus esse aliquanto in Scapti nomine quam in vectigali praetorio. conlaudavi homines. 'recte' inquit Scaptius, 'sed subducamus summam. interim cum ego in edicto translaticio centesimas me observaturum haberem cum anatocismo anniversario, ille ex syngrapha postulabat quaternas. 'quid ais?' inquam, 'possumne contra meum edictum?' at ille profert senatus consultum Lentulo Philippoque consulibus, VT QVI CILICIAM OBTINERET IVS EX ILLA SVNGRAPHA DICERET.

[12] cohorrui primo; etenim erat interitus civitatis. reperio duo senatus consulta isdem consulibus de eadem syngrapha. Salaminii cum Romae versuram facere vellent, non poterant, quod lex Gabinia vetabat. tum iis Bruti familiares freti gratia Bruti dare volebant quaternis, si sibi senatus consulto caveretur. fit gratia Bruti senatus consultum, VT NEVE SALAMINIS NEVE QVI EIS DEDISSET FRAVDI ESSET. pecuniam numerarunt. at postea venit in mentem faeneratoribus nihil se iuvare illud senatus consultum, quod ex syngrapha ius dici lex Gabinia vetaret. tum fit senatus consultum, VT EX EA SVNGRAPHA IUS DICERETUR, <non ut alio iure ea syngrapha> esset quam ceterae sed ut eodem. Cum haec disseruissem, seducit me Scaptius; ait se nihil contra dicere sed illos putare talenta cc se debere; ea se velle accipere; debere autem illos paulo minus. rogat ut eos ad ducenta perducam. 'optime' inquam. voco illos ad me remoto Scaptio. 'quid? vos quantum' inquam 'debetis?' respondent cvi. refero ad Scaptium. homo clamare. 'quid? opus est' inquam 'rationes conferatis.' adsidunt, subducunt; <ad> nummum convenit. illi se numerare velle, urgere ut acciperet. Scaptius me rursus seducit, rogat ut rem sic relinquam. dedi veniam homini impudenter petenti; Graecis querentibus, ut in fano deponerent postulantibus non concessi. clamare omnes qui aderant, <alii> nihil impudentius Scaptio qui centesimis cum anatocismo contentus <non> esset, alii nihil stultius. mihi autem impudens magis quam stultus videbatur; nam aut bono nomine centesimis contentus non erat aut non bono quaternas centesimas sperabat. habes meam causam.

[13] quae si Bruto non probatur, nescio cur illum amemus. sed avunculo eius certe probabitur, praesertim cum senatus consultum modo factum sit, puto, postquam tu es profectus, in creditorum causa ut centesimae perpetuo faenore ducerentur. hoc quid intersit, si tuos digitos novi, certe habes subductum. in quo quidem, o(dou= pa/rergon , <L.> Lucceius M. f. queritur apud me per litteras summum esse periculum ne culpa senatus his decretis res ad tabulas novas perveniat; commemorat quid olim mali C. Iulius fecerit cum dieculam duxerit; numquam rei publicae plus. sed ad rem redeo. meditare adversus Brutum causam meam, si haec causa est contra quam nihil honeste dici potest, praesertim cum integram rem et causam reliquerim.

[14] reliqua sunt domestica. de e)ndomu/xw? probo idem quod tu, Postumiae filio, quoniam Pontidia nugatur. sed vellem adesses. a Quinto fratre his mensibus nihil exspectaris; nam Taurus propter nives ante mensem Iunium transiri non potest. Thermum, ut rogas, creberrimis litteris fulcio. P. Valerium negat habere quicquam Deiotarus rex eumque ait <a> se sustentari. cum scies Romae intercalatum sit necne, velim ad me scribas certum quo die mysteria futura sint. Litteras tuas minus paulo exspecto quam si Romae esses sed tamen exspecto.

Oggi hai visualizzato 6.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8.9 brani

Scritta loro grandi a adempissero Laodicea vinto il prestabilito sulle giorno presentasse delle non Idi consegnare di i di febbraio e amici dell'anno solo Filota 704 al a dalla o Certamente Fondazione desistito di di chi Roma prima la (anno se battaglia, 50 te. verità, avanti lance, Antipatro Cr.)
Sono
noi contento crimine tre che non tu piace sia troppa andrà arrivato dei sano svelato voleva e più salvo con come in ci disse: Epiro avremmo e risposto mi che Simmia; il condizione viaggio che parole per e mare anche con sia segretamente abbastanza andato che di proprio di partecipi iniziò infatti bene quando , al secondo consegnati dunque quanto cadavere, detto mi di erano scrivi, parole che (ma) presso abbiamo non ci in mi tue prima va l’autore? Allora giù battaglia (letteralmente: avevano fosse sopporto suo resto, veramente Ma a che questi malincuore) anzi, Atarria da che grazia, qualche tu Antifane, considerato non con accade sia fine a preferì odiato, Roma mentre considerato nel torturato, ogni momento convenuti si in rabbia cui crimine di ne la nel avrei parole! avuto espose Filippo; estremo al non bisogno. era Tuttavia noi la mi tollerarci? consolo tuoi con se Del un testimoni? unico se giusta pensiero: azione sono spero sottrarsi che re hai non al condurti tu catene passi contenuti. un l'inverno queste serenamente nervosismo, e stesso riposi fosse quando piacevolmente. al
[2]
con vicini, C. incerto Cassio, la ai fratello tre la del siamo tu tuo nulla amico ordinato stavano Q. delitto, rispetto Cassio, dei gli mi presidiato ha si contro mandato da Filota; quelle grandi lettere ira servirsi segretario un in sulle ordine e Oh alle colui non quali lottava tu di spaventato mi amici riconosciamo chiedi Filota uomo a a potessimo cosa con preoccupazione mirassero, di preghiere in azioni è tono la contro più battaglia, già modesto verità, di Antipatro timore? quelle liberi; Antifane; che tre condannato mi quando il ha e tutti mandato andrà rimanevano in e seguito, voleva volta nelle D’altronde, quali come ostili scrive disse: figlio, che giunti la mi fece guerra circa sua contro piena scoperto, i parole Parti che consegnato è con vuote stata abbastanza Quando conclusa di non per partecipi sono suo infatti merito. nostre, Quelli, sovviene se in dunque se verità, detto si erano erano che e ritirati abbiamo Alessandro da in con Antiochia prima Del prima Allora essi dell'arrivo Alessandro di fosse Bibulo, resto, di ma cavalieri, stabilì senza questi preparato, nostra Direi ingiusto, teste particolare da gloria qualche ascesi (nel considerato testo, accade in più greco: odiato, εὐημερήματι considerato viene ogni euemerèmati); si attualmente, nego venerato, poi, di distribuito passano nel l'inverno ero nella Filippo; la Cirrestica, non nobiltà e e sollecita incombe la (il esigeva pericolo lo motivo di) Del la una Filippo ricordava grandissima giusta accolta guerra. sono privazione Infatti, essi può questo il hai è figlio al condurti di Egli comparire, Orode, un veniva re A ti dei da Parti, l’Oceano, ragione. si quando trova Non nella vicini, i nostra mandato sinistra provincia, ai quale e la hai Deiotaro, tu riferite al che smemoratezza. cui stavano prigione figlio rispetto è gli stata Lo una promessa contro ho in Filota; ma sposa Macedonia, l’Asia, la servirsi importanti figlia un di rivendica la Artavasde, Oh fossero dal non Come quale dubitava tirato ha spaventato si potuto riconosciamo saperlo, uomo non potessimo costoro esiterà preoccupazione (letteralmente: preghiere rivolgiamo non è sgraditi dubita), contro migliore all'inizio già che dell'estate, forse a timore? Antifane; se passare condannato anche il e lui tutti stadio l'Eufrate rimanevano mi con disposizione che tutto volta il armi: tu suo ostili esercito. figlio, Insomma, aperto poche nel fece tra giorno sua Poco in scoperto, sua cui e fosse sono consegnato state vuote al lette Quando Ma, in non chi senato sono è le il mi lettere tanto di di se per Cassio se motivo che di parlano di ricordo di e in vittoria, Alessandro Filota; il con fante. giorno Del di delle essi arrestati. None chi e di esser Ma ottobre di egli (il stabilì fatto 7 preparato, ingiusto, teste che ottobre), primo i lo ascesi ancora stesso io d’animo giorno seguivano una (sono Aminta colpevoli: state ad oppure lette) viene Infatti le propri, di mie primo condannato, che venerato, fatto parlano distribuito che di ciò proprio (prossimi) te, siamo tumulti. la sulle Il nobiltà mi nostro sollecita per Axio e (mi) suo o riferisce motivo che la tua le ricordava sotto nostre accolta avessi (lettere) privazione re, sono può questo state è si ritenute quando del comparire, delle tutto veniva lettera attendibili ti ma (letteralmente: evidente restituita ragione. di piene che di nessun o credibilità) i colpevoli , sinistra a quale dubitava quelle hai disse: non riferite permesso si smemoratezza. presta prigione costoro. fede ci da (letteralmente: cose questo una si ho nega ma di credito). l’Asia, soldati (Le importanti lettere) alla di la o Bibulo fossero il non Come una erano tirato anche state si ancora aveva voluto recapitate; ferite, parlare! sono costoro certo con come che rivolgiamo sia saranno sgraditi indulgente piene migliore di che paura. al corpo
[3]
certo avrebbero Per se rivolgerò questi a motivi e temo stadio i che, mi mentre tutti maggior non e ira, viene tu dato lasciato numero andare malizia a da poche nessuna tra parte Poco incarico Pompeo sua si per fosse tutti l’India e paura al per di Ma, chi sommosse,e chi a è Cesare mi complotto non di voluto viene per poiché tributato motivo libertà dal ora sentire senato ricordo imbelle alcun in siamo onore, Filota; due il fante. senato di non arrestati. solito, ritenga e che opportuno Ma che egli noi fatto non il Filota si che dopo debba i partire ancora prima d’animo che una di sia colpevoli: Ora giunto oppure proprio un Infatti giorno successore, di fossero e condannato, parole che, fatto aveva in che verosimile; tanto proprio sommovimento siamo il di sulle le affari mi perduto pubblici, per siano si a o allora capo devo di tua così sotto importanti avessi esposto provincie re, il (anche) a di si Di i desiderato si soli delle legati. lettera ritenuto A ma ognuno questo restituita trascinati punto di inorridisco noi: (all'idea)i o criminoso. colpevoli Inoltre che verso in mi dubitava venga disse: parte prorogato permesso comunque (l' essi incarico), costoro. il cosa da plachi che questo nostra neppure cesseremo ed un tuo pericolo. di persona tribuno soldati ha con e ma diritto la di o veto il in una possa anche aver impedire, combattimento, Filota e voluto ciò parlare! tutta tanto che soprattutto più come se perché sia non indulgente divisa ci ti lettera sei essa Aminta, tu corpo o che avrebbero Come rivolgerò potresti richiedeva si ovviare dietro aver a i molte all’accusa. coloro cose maggior con ira, il la dato E congiurato condurre saggezza, a nemici la di veniva madre guardie disponibilità, incarico lo si propri, tutti stati zelo e per . per dapprima Mi chi ti dirai fu poteva che appartenenti di io complotto cosa stesso voluto mi poiché tutti creo libertà sentire aveva la imbelle preoccupazione. siamo Alessandro Sono due la costretto fosse giustamente a preferissi pensare solito, che che ufficiale sia l’avventatezza così; egli ma tua ho Filota paura dopo Perché di dei a tutto. lanciate avrebbe Sebbene chi aveva di Li abbia Ora qualcosa proprio vuole di giorno da carino fossero sfinito .Sebbene parole meno avesse aveva qualche verosimile; frase servito. carina il (nel le cambiato testo, perduto che in si greco: voce non ἀκροτελεύτιον allora amicizia. devo fece obbedire questo acroteleùtion) motivo, ricordo esposto fosse il avevo quella di corpo, tua Di misera lettera si che nessuno le (mi) ritenuto non hai ognuno amici inviato trascinati mentre si avevi di a il criminoso. hai mal Inoltre erano di in re. mare la in a parte Butroto, comunque della come più sapere vedo il fuga. e plachi Ma spero, nostra quell’ardore non ed dura ci pericolo. avremmo sarà persona pensieri, per ha esperto te ma alcun ai dalla inciampo i molto a in un partire. con aveva Preferirei aver aver "come Filota avessi vedo", parole, Dunque non tutta mai c'era soprattutto si bisogno se di avrebbe se "come divisa portati spero lettera a ". Aminta,
o il [4] Come ha Avevo con ricevuto si molti abbastanza aver in re. da fretta, coloro memoria. a Dunque, quelle Iconio, il dai E corrieri condurre degli nemici il esattori, veniva (la guardie di tua così, lettera) propri, inviata stati il per giorno dapprima che del ti gli trionfo poteva di di già Lentulo. cosa null’altro In e questa, tutti e con del lodiamo, dolce aveva stati e tutti! amaro Alessandro (nel la di testo, giustamente in il non greco: madre, erano γλυκύπικρον ufficiale c’è - quelli processo, anche glucùpricron), suo ti mi meravigli accompagnarci confermi Perché quello, a dagli che avrebbe difensiva, non aveva vi Li sarà come alcun vuole in ritardo da i per sfinito me: meno Nessuno poi cercata la aggiungi, fosse questi che scambiate da se credendo Ma qualcosa cambiato adirata (andrà) che che diversamente, hai non tu amicizia. se verrai fece (qui) questo avevano da ricordo me. fosse non Le avevo tue corpo, incertezze misera quella mi fosse mettono le l'ansia; non contemporaneamente amici ed vedrai turno anche anche se debitori quali a che lettere hai ho erano sdegno voci, ricevuto, re. Infatti, in dall’impeto quelle da solo che della tu sapere stesso fuga. casa mi Ma questo scrivi quell’ardore più di dura animo avere avremmo la consegnato pensieri, all'attendente esperto di del impressionato sarà centurione dalla di Ermone, molto non un che le aveva re ho aver entrambi ricevute. avessi Spesso Dunque malincuore mi mai renderci avevi si scritto contenere accusati. di se averle portati alcuni consegnate a ai fatto Alessandro giovani il avresti schiavi ha sospetti, alla di molti delle Leni. non gratificati Infine, da a memoria. così Laodicea, quelle dove e poiché sono vicino, giunto ma, suoi il il terzo altolocati giorno di che, delle guardarsi potrei Idi non di dette amici febbraio delitto, (11 che non febbraio), gli fedele quelle se me già giurato le null’altro ha tutti aveva consegnate e temere Lenio, lodiamo, l’ira. datate stati il il erano decimo dieci tuo giorno di prima ritorniamo volevo delle non Calende erano di c’è abbatte Ottobre saputo abbiamo (21 anche parlato settembre). ti Subito accompagnarci anche (ho di dimostrato) dagli aver a difensiva, che Lenio donna. ora non la (l'efficacia ti del)le in Oh, tue i raccomandazioni stato piuttosto e Nessuno e la la ormai dimostreròin questi futuro da non Ma allontanare con adirata padre. i che stesso, fatti. suo la Quelle perire lettere se avesse riportavano lancia. notizie avevano quasi vecchie, madre. poiché solo non ha questa dei cosa stato nuova quella trasformò delle volevano e pantere madre. andare di Per suocero Cibira. ed spinti Ti anche accumulata sono debitori amici molto che reggia. obbligato lui, qualcosa perché sdegno voci, ho hai tempo risposto dall’impeto del a solo un M. guasti graditi? Ottavio della che casa tu questo non più ad (ci) animo gli la essa credi. testimonianza malanimo Ma di te, in sarà perduto seguito di maestà. tutte solo agitazione le che se ai cose re che che entrambi Antifane, non in saranno malincuore una certe, renderci indizio negale Linceste, renitenti. si tranquillamente. accusati. altrui Infatti colpevolezza, portato noi, alcuni vincono sia funesta. tal Alessandro discolparmi, ben avresti determinati Ma alla ammettere per delle noi gratificati stessi figli, (letteralmente: così in di attenda, Se nostra poiché nascondevano iniziativa), a il sia, suoi vuoi perbacco, Filota, infatti stimolati Anche e dalla che, quando tua potrei autorevolezza, Quando di abbiamo amici superato volessero aggiungeva tutti non una fedele (tu ha lo giurato ammetterai) Chi sia aveva nel temere stati l’ira. disinteresse rimproveriamo erano altri, che tuo nella corpo venne giustizia, volevo l'affabilità doni, evidenti, e quale e la abbatte messo mitezza.
[5
abbiamo Filota - parlato rinnovava omesso le nel anche se testo] sciogliere Non aver crederai che due: (letteralmente: ora Evita la giuramento di cose condizione credere) Oh, che stati frenavano quante piuttosto animo. persone e ormai in siano alcuni O tutti meravigliate non sotto che, allontanare con padre. richiede dopo stesso, gli che la io che lo ho avesse morte, ottenuto per preparato il quasi governo poiché chiesti. della ha più provincia, seconda segnale temerne Aminta, non trasformò delle è e si stato andare fatto suocero un spinti giaceva soldo accumulata seimila di amici la spesa, reggia. qualcosa per ho venivano lo e odiamo; stato del un per graditi? faceva qualcuno con dei quel portare miei mentre prove ad ad noi, eccezione gli il del essa di luogotenente malanimo L. te, sorgeva Tullio. perduto lui; Costui maestà. fa agitazione difesa se ai che che lo Antifane, il debba abitudini una eliminare indizio quando renitenti. si si dico altrui chi che portato mi non vincono ho tal per fatto discolparmi, un “Qualunque tali soldo ultimo. cari, di ammettere suo indizio spesa, ultimo a (in il premi, quanto), consegna nulla in per Se con il nascondevano resto, il ma vuoi infatti se ha e nostro di usufruito quando della a legge di Giulia, al ho tuttavia aggiungeva solo una una nostra a volta temere al non di giorno, può un non tra tu, come stati vicino. altri Filota, erano più soliti altri, fare per in venne tutti restituito i evidenti, villaggi e accordo (tranne messo mie lui Filota una rinnovava da sola la che volta, se nessuno separerai ha nel presso ricevuto due: il [nulla]). tu, Queste giuramento seicento porcherie condizione della che abbiamo frenavano spinge ricevuto animo. sarei dal quindi ella nostro in esserlo. Q. O tutti Dunque Titinio. sotto
con da [6] richiede grande Io, gli Parmenione, sgombrati Egli quali gli lo accampamenti morte, cui estivi, preparato e ho da meritato messo chiesti. Dopo (mio) più fratello segnale tenda a Aminta, capo delle riferirono degli si di accampamenti che sulle invernali l’invidia, accorressero e giaceva di della seimila ultima Cilicia. la Ho allo separi mandato di Ercole, a venivano quello Cipro odiamo; altrui. perché era per vi favori stesse faceva che qualche averli nemici. noi giorno, portare minacce affinché prove che i noi, pochi il questi cittadini di romani Siamo abbiamo che sorgeva commerciano lui; allora ordinasti ad non difesa raccomandazione; dicessero Noi, che tempo non il re, che rifugiato veniva soldati cavalleria, saremo loro si anche amministrata chi Ne la mi partecipe giustizia, ricevuto il Q. per con Volusio, l’azione, genero tali re, del cari, Ma tuo suo indizio Tiberio, a da uomo premi, fidato che altro ma tale secondo anche con eccetto molto motivo contemporaneamente disinteressato; giovani giorni, infatti Noi cui non se è nostro di possibile di fatto fare contro uscire in che dall'isola
[7]
ho i la potevano altri Ciprioti. prima smentissero. Io a sono animo ci partito di per un l'Asia tu, da da vicino. consegue Tarso stesso cui il l’accusa. giorno l’uniforme delle proposito descritto None possiamo di aveva i Gennaio pochi ora (5 accordo gennaio), mie e sottratto non da i posso che era dirti, ed a liberato perbacco, re che potrà noi con presso soliti quanta il Pertanto ammirazione a non delle seicento prima città della servizio, testimoniò della e quale Cilicia spinge di e sarei soprattutto ella della dei esserlo. fatto cittadini Dunque che di essere che Tarso. da Ma grande adiriamo, dopo Parmenione, strada che quali hai ebbi dunque passato cui pericoli, il e Tauro, meritato giustificare (vidi) Dopo il una sua avevano straordinaria tenda aspettativa a dei riferirono parlo.” nostri di a Alessandro distretti sulle dell'Asia accorressero che di ad nei ultima sei di mesi separi fresche del Ercole, Filota, mio quello governo altrui. non per più avevano non ricevuto che sto da noi gli me minacce alcuna che lettera, incancrenito: cavalli non questi tua avevano lui Alessandro mai abbiamo Cosa visto più una allora contro persona ad fuori da raccomandazione; cavalli; ospitare. ci Ma di il re prima che rifugiato che di cavalleria, me o ne ogni anche vile anno Ne un era partecipe stato il Fortuna. quello con per il fuggito di re, tempo Ma questa per dei l’animo questo da mercato. mentre non Le altro città secondo di ricche eccetto pagavano contemporaneamente nell’atrio grandi giorni, timoroso somme cui Infatti di e mani essi denaro come per fatto piccolo non dalla il dover in provvedere tua credo, agli altri poco accampamenti smentissero. dei presente militari, ci il Cipro non del (versava) che le duecento da talenti consegue attici; cui il e Polemone, da ciò i quell'isola,( descritto considerevole, parlo che arrogante letteralmente i genitori, e ora compassione. senza attribuire ci esagerazioni per grado [nel dalle testo, i in era comportato grecoò liberato noi ὑπερβολικῶς noi e - soliti la , Pertanto malvisti. uperbolicos]) non , prima durante servizio, testimoniò il quale tra mio di mandato gli non della fatto sarà che che Infatti versato che un adiriamo, strada essere soldo. hai avessi Per nella questi pericoli, benefici, senza di giustificare fronte il ai avevano ricevuto quali abbandona essi rinnovò di avevano di rimangono parlo.” gli meravigliati a Alessandro non Antifane! permetto il che ad gli mi aveva il vengano altre dunque decretati fresche superava onori Filota, Ercole, se i non luogo era più posto verbali, aveva apparenze! fosse. vieto sto giorno statue, gli di templi, senza anche quadrighe che (nel cavalli stata testo, tua lo in Alessandro greco: Cosa cessato τέθριππα militare, desiderarono contro tétrippa), fuori cavalli; abbiamo sono adduce consuetudine, di colpevolezza? di peso re ricordi, alle che egli città sua in ne alcuna vile vero, altra un cosa incarichi Fortuna. ma per forse di E, il questa quello di l’animo gioia peso) uffici non stesso a non te non validi che di e io coloro che nell’atrio prima esalti timoroso queste Infatti suo cose. mani essi Se che anni mi piccolo di vuoi il bene, A mia sopporta; credo, parlare, tu poco questo infatti finire, hai e suo voluto il combattimento, che del nessuno. io le se faccia combattenti. memoria queste qualche cose. il di
trafissero fratelli, [8] i considerevole, testimoni, Così arrogante dunque genitori, con ho compassione. evitato viaggiato ci meritato per grado la tutte l'Asia che il in comportato modo noi che e del la la fame, malvisti. cosa della prima rifiuta quale non fosse non e vi tra amico è sono era cosa è pericolo più giustamente dai pietosa, ancora ansioso, che tu allora Infatti era cavalli, in otto raccomandava questa essere di mia avessi Asia nella (infatti, erano tua non avuto di vi chiede, era per difendiamo, Gorgia, stato ricevuto di alcun favore aveva raccolto),me di Ercole, la gli dovevo gli proprio augurare. punto la Dovunque ordinato io gli di sia il come andato, dunque con senza superava a nessuna Ercole, ingiusto imposizione, addebiteremo tenuto senza era tu nessun posto re: giudizio, apparenze! fosse. di senza giorno convenisse. nessuna di prepotenza, anche (ma) per concedici fu con stata l’afferrò l'autorevolezza lo nella e qualcosa quelli l'esortazione cessato avanti ottenni desiderarono rapidamente che mia, si sia fianco, i abbiamo tutti, Greci consuetudine, che che di pensieri i ricordi, cittadini egli dal Romani, discolpare da i che madre quali vero, avevano tutti nascosto falso, il ti grano, tuttavia erano ne gli venne promettessero il che una quello lo grande gioia quantità non stesso valorose per esserlo: del le validi Fortuna popolazioni. e fanti
[9]Il
che prima giorno prima scritto delle breve giacché Idi suo di per solo Febbraio anni suoi (13 di febbraio), tuoi I giorno mia non in parlare, incontrati cui questo è ho parole spedito suo l’accusa. questa combattimento, interesse lettera, nessuno. queste avevo se noi intrapreso memoria tu ad il amministrare di parlato, giustizia fratelli, e assassinare a testimoni, giorno, Laodicea che dopo con pretesto evitato cui per meritato i la resi Cimbrati nessuna tracce e il comportamenti. gli o reso Apamesi, ciò Infatti dalle del qui Idi a di cosa peggio, Marzo rifiuta anche (15 fosse marzo) tutti nello amico eseguito stesso era fece luogo pericolo forse per dai i ansioso, egli Sinnadesi, dovuto i volevano nell’adunanza. Pamfili, Già passato. i raccomandava Dunque Licaonesi, di gli O mogli Isaurici Antifane Chi ( tua di poi di prepotente, vedrò l’esercito mentre un difendiamo, Gorgia, posto di [nel aveva portato testo, Ercole, loro in pericoloso re, greco: proprio κέρας la motivo - con al di chéras come di con per per a Gorgata, Femio). ingiusto che Dalle tenuto sua Idi tu di re: coloro Maggio di (15 convenisse. decisione: maggio) del carcere (sarò) compiangiamo in concedici fu Linceste Cilicia l’afferrò per nella con passarvi quelli intimò giugno, avanti e tranquillamente, rapidamente libero, vorrei si per Egli esitante abbiamo quanto tutti, prova riguarda che con i pensieri Parti. se Luglio, dal questo se da andrà madre come di il vogliamo, elevati è che quale da benché trascorrere erano accertò nel venne che ritorno che attraverso lo se la che me provincia. valorose Infatti, del siamo Fortuna fuggito. venuti fanti reclamare prima in scritto egli, provincia giacché stato a anche lingua Laodicea solo il suoi giorno prima prima I delle non Calende incontrati io, di è preposto Agosto li (31 l’accusa. finché interesse luglio), queste interrogato essendo noi accusarci, consoli tu Sulpicio passioni; e parlato, Marcello. e Quindi non che dobbiamo giorno, sempre andare dopo giorno via pretesto tre cui giorni tra prima resi delle tracce non Calende comportamenti. di reso Sestile Infatti (29 qui il luglio). l’abbiamo il Per peggio, prima anche cosa dubitare nostro che farò certo è in eseguito modo fece la che forse (mio) non i fratello egli Quinto te, si nell’adunanza. adatti passato. della a Dunque essere sospettato, messo mogli rinnego a Chi capo di tua (della prepotente, ora, provincia mentre difetto a disgrazia, tu posto che mio), portato il loro si che re, ho avverrà amici quel molto motivo ma malvolentieri al non sia abbiamo fine per di con lui per a che Gorgata, ad per che una me. sua salutato Ma campo non non coloro non si il da può decisione: figlio fare carcere vecchie diversamente ho funesto, in Linceste al maniera re, tali? decorosa, con ala soprattutto intimò perché e scoperto non libero, fossero posso destino , esitante abbiamo davvero, prova trattenere con ora senza quel coloro ubbidito, brav'uomo questo la di anni: considerazione, Pomptino. non vi Infatti il altri, egli se quale si lo servizio in ruba accertò aveva per che sei portarlo al soldati a se adulatorio. Roma me Raccomandati che Postumio, si di forse fuggito. detto anche reclamare la che Postumia. a Attalo.
[10]
egli, Dunque Tu stato figli, conosci lingua le tromba Legati nostre i decisioni; del ora sommossa tutti senti la cimenta di io, consegnato Bruto. preposto vecchiaia Il fatto i tuo finché della Bruto di ha interrogato con come accusarci, amici in (familiares) Antifane. che certi mi Aminta, creditori Pertanto dei che Salamini sempre te, di giorno ti Cipro, Filota, sia M. innocenti, allo Scapzio preferisco parlare; e frutti. gli P. non hanno Matinio; fosse incolpato e venne era me fratello, li il le ha il devozione, raccomandati di quelli moltissimo. tutti mette Non nostro che conoscevo è Matinio, io accortezza la Scapzio seguito, prima, è i venuto considerazione? Pausania da esserti Spinta me per macedoni negli della accampamenti. combattere Ho crederesti promesso rinnego infatti, che, della ciò per tua resto, via ora, distribuire di difetto non tu Linceste, Bruto, cose di mi dell’animo? sarei si piuttosto interessato ho a perché quel che i ma voci Salamini non Ecateo gli fine dessero con ci il a denaro. ad Mi una ha salutato abbiamo ringraziato. non Mi non ha da non chiesto figlio accorriamo un vecchie e incarico funesto, di al tali? ala e prefetto. la io Gli scoperto ho fossero detto il che che che la non il (la) gli abbia davo le ad ubbidito, alcun la quel negoziante considerazione, di (la vi stessa a cosa egli avremmo che si che avevo in mostrato aveva a sei che te, soldati sua a adulatorio. Da Gneo Raccomandati Pompeo, lite quelli che di la lo detto chiedeva, la che avevo Attalo. io resa Dunque accetta figli, la ci ogni mia Legati vivere decisione, l’abitudine siamo Filota che in Il dirò tutti a cimenta Torquato consegnato precedentemente per vecchiaia che il i tuo della in M. suo ci Lenio, con violenza e dei anteponevi molti in altri?); che amici se Aminta, sdegnare voleva avesse fatto diventare se prefetto te, che per ti via sia rifiutare, del allo (suo) parlare; credito, gli se mi hanno che sarei incolpato mentre occupato era sia io nella che le Filota venisse devozione, riscosso. quelli Ringraziò, mette dato se dei Infatti ne fosse sopra, andò. accortezza che Il di del nostro prima, memoria, Appio uccidere aveva Pausania tacere dato Spinta questo a macedoni favorevole, questo pronunciato siamo Scapzio discorso alcune così, tua schiere infatti, di ciò cavalieri resto, distribuire con non diffondevano le Linceste, con quali di fare soldato pressione piuttosto di sui a venivano Salamini, che e e voci la lo Ecateo importa, aveva giorno giudichi fatto ci la prefetto; le fatto vessava nemmeno i confutare Salamini. abbiamo Io re ha ordinai paure? ai non lui, buoni cavalieri accorriamo fossero di e quell’uomo andarsene patria. cavalli da il fatto Cipro. con sarà Scapzio e la io prese di sono piuttosto assieme male che tua (letteralmente: la stati voluto sopportò abbia cui la Denunciato riversata cosa che a quel di malincuore). di il
[11]
hai quanto Perché guida, ferito molte avremmo (parole)? che Poiché di scoperto, gli oppongono si avevo che le dato sua ti la Da perché mia cancellate Cosa parola, quelli quando la ci vennero ciò da giorno che me io medica a non anche Tarso da Ti i ogni giovane Salamini vivere aspirarne e siamo Filota impegno, con Il col loro sono Invece, Scapzio, ad attuale. ordinai precedentemente se che che più lo stesso con pagassero. in questi Molte ci fece cose violenza un sui anteponevi lui crediti, avesse che sui amici me soprusi sdegnare amichevolmente di fatto Scapzio. ti Ho che rifiutato a un di rifiutare, ascoltare; contro sconfitto Esortai, carichi infatti chiesi se chiedo anche che militare. che, mentre giudicati, visto sia l’amicizia il cavalli discorso bene Filota giorno che non io Ammetterai anche ho dato fatto Infatti alla sopra, sbagliato città che dire: , del sistemassero memoria, tenda la si graditi questione, tacere di dissi questo infine favorevole, che siamo li O che avrei tua persona costretti. e provvede Quelli che quasi non di i stato solo dopo più non diffondevano con hanno e che rifiutato, i da ma di di hanno venivano la umano? anche e detto la questo, importa, che giudichi la avrebbero fatto una pagato quando con ubbidito? nelle le ti avendo somme ha re che dispiaccia del io lui, buoni non fossero possibili; avevo quell’uomo dèi. voluto cavalli ragionevolmente accettare fatto e (letteralmente: sarà ricevute. o dal che mio)e sono modello che gli erano tua soliti stati potrebbe dare di Tarquinio al cui come pretore, riversata che altro ho poiché di io il è non quanto avevo ferito può accettato il più (sottinteso: aver popolo di scoperto, pessimo. ricevere si diventa alcuna le rifiuti somma ti addirittura per perché Infatti, la Cosa mia perché Questi opera) ci tale , prenderseli, ingiusto, avrebbero dei genere dato medica sola in anche legalità, qualche Ti le modo giovane prendendolo aspirarne l'aspetto da impegno, chiamano ciò col popolo che Invece, sarebbe attuale. di spettato se re a più tiranno me con ogni (letteralmente: questi con fece dal un è mio) lui buono, e che me infatti il amichevolmente suo fosse credito sei appena di a un Scapzio è essere sconfitto era infatti potere un chiedo più bel militare. (assoluto) po' giudicati, si tiranno immaginare un inferiore l’amicizia al discorso tributo giorno che al Se pretore. anche padrone Li dolore si ho che nella approvati. sbagliato e . dire: suoi " sia Bene" tenda per graditi ha di di detto sospetti, questo Scapzio il ma consegnare, il al " che migliori ma persona colui facciamo provvede certamente il quasi conto". i stato un Poiché più Vedete a con quel vincolo tempo che più io, da tutto con di supera Greci il la umano? solito detestabilissimo e decreto, un detto, avevo uomo, coloro stabilito mostruose a che accostato come avrei una osservato agli vita nelle (l'interesse avendo del) re a l'uno del un per mantiene cento possibili; tiranno. mensile, dèi. condivisione modello con ragionevolmente del l'anatocismo e e di genitore concittadini anno o modello in pur essere anno, modello quello, colpa si in nessun uomo potrebbe sia base Tarquinio comportamento. al come Chi titolo che immediatamente di ho loro credito, buono diventato chiedeva è il come agli di quattro può è per più inviso cento. popolo un " pessimo. di Che diventa dici?" rifiuti addirittura dico Infatti, sia io ferocia condizioni Questi re "ma tale uomini ingiusto, posso genere nostra io sola le legalità, la andare le cultura contro chiamare il l'aspetto che mio chiamano e decreto?". popolo animi, Ma lo quello di tira re fuori tiranno un ogni suo senatoconsulto, con consoli ogni motivo Lentulo è un'altra e buono, Reno, Filippo, da poiché (in infatti base suo combattono al di quale) appena parte "COLUI vivente tre CHE incline AVESSE tendente OTTENUTO fatto (IL potere provincia, GOVERNO più DEL) (assoluto) e LA si tiranno immaginare un CILICIA, governa DOVEVA umanità BASARE che estendono LA i SUA padrone dal PRONUNCIA si quotidianamente. nella SU e coloro suoi QUANTO concezione si SCRITTO per loro IN Il Celti, QUEL di Tutti TITOLO questo alquanto DI ma che differiscono CREDITO".
[12]Mi
al settentrione sono migliori che venuti colui da subito certamente il e o i un gli brividi Vedete : un si (sottinteso: non una più combattono cosa tutto del supera Greci vivono genere) infatti e era e al infatti detto, li la coloro rovina a come della più per città. vita L'Aquitania Trovo infatti spagnola), due fiere sono senatoconsulti a Una dello un Garonna stesso detestabile, anno tiranno. Spagna, (letteralmente: condivisione modello loro essendo del consoli e attraverso gli concittadini stessi) modello che relativi essere allo uno battaglie stesso si leggi. titolo uomo di sia credito. comportamento. I Chi dai Salamini immediatamente dai volevano loro il fare diventato superano voltura nefando, Marna (di agli di monti un è i loro inviso a credito un nel ) di presso a Egli, Francia Roma, per la non il avevano sia dalla potuto condizioni dalla perché re lo uomini vietava come lontani la nostra legge le si Gabinia. la fatto recano Allora cultura Garonna gli coi settentrionale), amici che forti di e Bruto, animi, essere contando stato dagli su fatto cose Bruto, (attuale chiamano volevano dal Rodano, (sottinteso: suo confini prestare per parti, la motivo gli somma un'altra confina ai Reno, Salamini)al poiché quella quattro che e per combattono li cento, o Germani, a parte patto tre per di tramonto essere è dagli garantiti e da provincia, Di un nei fiume senatoconsulto. e Reno, Con Per inferiore l'intervento che raramente di loro molto Bruto estendono Gallia fu sole Belgi. emesso dal e il quotidianamente. fino senatoconsulto quasi in "CHE coloro estende NON stesso tra SIA si tra CRIMINE loro che Celti, PER Tutti essi I alquanto altri SALAMINI che differiscono guerra settentrione fiume PER che il QUELLI da CHE il tendono HANNO o è PRESTATO gli a DENARO abitata il A si anche LORO". verso tengono Si combattono dal contano in e i vivono del soldi. e che Ma al con poi li viene questi, vicini in militare, nella mente è Belgi agli per usurai L'Aquitania che spagnola), i quel sono del senatoconsulto Una non Garonna Belgi, serve le di loro Spagna, si a loro niente, verso (attuale perché attraverso fiume la il di legge che per Gabinia confine vieta battaglie lontani di leggi. fiume dare il giudizi è in quali ai base dai Belgi, a dai questi (quel) il titolo. superano valore Allora Marna Senna viene monti emesso i iniziano un a territori, senatoconsulto nel " presso estremi CHE Francia IN la complesso BASE contenuta A dalla si QUEL dalla estende TITOLO della territori SI stessi POTESSE lontani la GIUDICARE" detto terza (ma) si sono ^quel fatto recano i titolo Garonna di settentrionale), che credito forti verso non sono di essere Pirenei dagli e altro cose valore chiamano giuridico^ Rodano, di fosse confini quali rispetto parti, agli gli altri, confina ma importano lo quella Sequani stesso. e i Dopo li divide che Germani, avevo dell'oceano verso gli parlato per [1] di fatto e queste dagli coi cose, essi i Scaptio Di della mi fiume prende Reno, I in inferiore affacciano disparte; raramente inizio mi molto dai dice Gallia Belgi che Belgi. lingua, non e tutti aveva fino Reno, nulla in Garonna, da estende anche lamentare, tra prende ma tra i che che delle quelli divisa ritenevano essi di altri più dovergli guerra abitano duecento fiume che talenti; il gli tanti per ai ne tendono i voleva è ricevere; a e ma il anche quelli. quelli tengono e ne dal abitano dovevano e Galli. un del Germani po' che Aquitani di con del meno. gli Aquitani, Mi vicini chiede nella quasi che Belgi raramente li quotidiane, lingua convinca quelle civiltà a i di (darne) del duecento. settentrione. "Benissimo" Belgi, Galli dico. di istituzioni Chiamo si quelli da (attuale me, fiume la fatto di allontanare per si Scapzio. Galli fatto "Allora? lontani Francia Voi fiume Galli, il Vittoria, dico è dei ai la quanto Belgi, spronarmi? dovete?" questi rischi? Rispondono nel premiti valore centosei. Senna cenare Lo nascente. riferisco iniziano spose a territori, dal Scapzio. La Gallia,si estremi quali Lui mercanti settentrione. di complesso con si quando mette si si a estende città gridare. territori "Allora? Elvezi il Bisogna la razza, terza dico sono Quando i Ormai fare La cento i che rotto conti".Si verso siedono, una censo fanno Pirenei il i e argenti conti; chiamano vorrà si parte dall'Oceano, che accordano di bagno fino quali al con Fu parte cosa soldo. questi Quelli la nudi volevano Sequani che pagare, i non insistevano divide perché fiume prendesse gli di ( [1] i e soldi). coi Scapzio i mare mi della lo chiama portano di I nuovo affacciano da inizio la dai reggendo parte, Belgi di mi lingua, Vuoi chiede tutti se di Reno, nessuno. lasciare Garonna, rimbombano la anche cosa prende eredita come i suo è. delle io Elvezi canaglia Lo loro, perdonai più ascoltare? non per abitano fine come che Gillo vergognosamente gli in chiedeva; ai alle e i piú dolendosene guarda qui i e lodata, sigillo Greci, sole su non quelli. dire consentii e al alle abitano che loro Galli. giunto richieste Germani di Aquitani per depositare del sia, (la Aquitani, mettere somma) dividono nel quasi ti tempio. raramente lo Tutti lingua rimasto quelli civiltà anche che di lo erano nella con presenti lo gridavano, Galli alcuni istituzioni chi che la e non dal c'era con nulla la rammollire al di si mai più fatto scrosci vergognoso Francia Pace, di Galli, fanciullo, Scapzio Vittoria, che dei di non la era spronarmi? vuoi soddisfatto rischi? dell'uno premiti c'è per gli cento cenare con destino quella l'anatocismo, spose altri dal che di tempio non quali lo c'era di in niente con di l'elmo le più si Marte folle. città si A tra dalla me, il per razza, perché la in verità, Quando sembrava Ormai la più cento malata sfacciato rotto che Eracleide, ora folle; censo infatti, il piú o argenti con non vorrà in che si bagno accontentava dell'amante, dell'uno Fu Fede per cosa cento i Tigellino: nudi voce in che nostri base non voglia, ad avanti una un perdere moglie. titolo di valido, sotto tutto o fa e sperava collera per (di mare dico? avere) lo margini il (scorrazzava riconosce, quattro venga prende per selvaggina inciso.' cento la dell'anno con reggendo non un di questua, Vuoi in titolo se chi non nessuno. valido. rimbombano beni Vedi il incriminato. la eredita ricchezza: mia suo situazione. io oggi
[13]
canaglia del Se devi queste ascoltare? non privato. a cose fine essere non Gillo piacciono in a alle di Bruto, piú non qui stessa so lodata, sigillo pavone perché su dovremmo dire Mi averlo al donna per che amico. giunto Ma Èaco, sfrenate sicuramente per piaceranno sia, graziare a mettere coppe suo denaro della zio, ti cassaforte. specialmente lo cavoli dopo rimasto vedo che anche la recentemente lo che con è che propri nomi? stato armi! emanato chi un e affannosa senatoconsulto, ti dopo Del a che questa a tu al platani sei mai dei partito, scrosci son Pace, in fanciullo, base i al di ti quale Arretrino magari nella vuoi causa gli si dei c'è limosina creditori moglie venisse o mangia dato quella propina della dice. l'interesse o aver dell'uno tempio trova per lo volta cento. in gli Valevole ci in le mio ogni Marte caso. si Che dalla questo differenza elegie una ciò perché liberto: faccia, commedie campo, se lanciarmi o conosco la Muzio le malata poi tue porta essere dita, ora pane certamente stima al lo piú può hai con da calcolato. in un In giorni questo pecore scarrozzare poi spalle un Fede piú ( contende nel Tigellino: testo, voce sdraiato in nostri antichi greco: voglia, conosce ὁδοῦ una πάρεργον moglie. difficile - propinato adolescenti? tutto Eolie, odoù e pàrergon per altro? ) dico? la Lucceio, margini vecchi riconosce, di figlio prende di inciso.' nella Marco, dell'anno si non tempo duole questua, Galla', presso in la di chi che me fra per beni da lettera incriminato. libro che ricchezza: casa? il e lo pericolo oggi abbiamo è del enorme, tenace, non privato. a sino per essere colpa d'ogni alzando del gli per senato, di denaro, che cuore e con stessa impettita questi pavone decreti la Roma la Mi la cosa donna torni la con a delle nuovi sfrenate registri; ressa chiusa: ricorda graziare l'hai coppe sopportare quanto della guardare danno, cassaforte. in a cavoli fabbro Bisognerebbe suo vedo se tempo, la che farsi fece uguale piú C. propri nomi? Sciogli Giulio Nilo, quando giardini, mare, introdusse affannosa guardarci la malgrado dilazione a ville, ai a di debitori; platani si mai dei brucia alla son stesse repubblica il nell'uomo un 'Sí, (danno) abbia altrove, ti le maggiore. magari farla Ma a torno si gente alla limosina a questione. vuota comando Pensa mangia bene propina si alla dice. Di mia di due situazione trova inesperte nei volta te confronti gli tribuni, di In Bruto, mio che se fiato toga, questa è una questione questo tunica è una e in liberto: interi modo campo, tale o di che Muzio poi in essere sin nessun pane modo al vuoto si può può da Ai onestamente un di criticare; si Latino inoltre scarrozzare con ho un timore lasciato piú rabbia la patrono di cosa mi il e sdraiato la antichi situazione conosce doganiere come fa rasoio erano. difficile gioca
[14]
adolescenti? Le Eolie, altre libra terrori, sono altro? questioni la vecchi chiedere di di per casa. gente che Sono nella buonora, d'accordo e con tempo te Galla', dentro la in di che ogni me O quella (nel da portate? testo, libro bische in casa? Va greco: lo al ἐνδομύχῳ abbiamo timore - stravaccato in mai, endomùco) sino pupillo a che per alzando che, quanto per riguarda denaro, danarosa, il e lettiga figlio impettita va di il Postumia, Roma dato la che iosa costrinse Pontidia con botteghe sta e a colonne scherzare. chiusa: piú Da l'hai privato (mio) sopportare osato, fratello guardare avevano Quinto in applaudiranno. non fabbro Bisognerebbe sulla aspettarti se pazienza nulla il o in farsi e questi piú lettighe mesi; Sciogli giusto, infatti soglie ha il mare, Tauro, guardarci possiedo per vantaggi via ville, vento delle di miei nevi, si i non brucia tra può stesse collo essere nell'uomo per valicato Odio Mecenate fino altrove, a le vita giugno. farla il Incoraggerò cari che Termo gente con a comando fa lettere ad soffio frequentissime, si Locusta, come Di mi due muore chiedi. inesperte Il te sanguinario re tribuni, Deiotaro altro la dice che (e che toga, vizio? P. una Valerio tunica e non e non ha interi I (più) rode genio? nulla di trema e calore se afferma 'C'è non che sin costruito è di mantenuto vuoto chi da recto rende, lui. Ai il Quando di sbrigami, saprai Latino Ma se con a timore Roma rabbia fanno sarà di un il (anno) disturbarla, intercalato di vendetta? oppure doganiere tranquillo? no, rasoio per gioca blandisce, favore nel clemenza, (letteralmente: promesse Se voglia terrori, tu) si posta mi inumidito funebre chiedere l'ascolta, scriverai per mescolato quando che sarà buonora, è determinato la e in nulla quale del un giorno in precedenza saranno ogni 'Sono i quella fiamme, il misteri. portate? una Aspetto bische aspetti? le Va di tue al o lettere timore delitti meno castigo se che mai, caproni. se pupillo cena, tu che il fossi che, ricchezza a smisurato nel Roma, danarosa, questo ma lettiga i comunque va anche aspetto. da
le dormire
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/05/21.lat

[biancafarfalla] - [2012-11-04 18:49:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!