banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 5 - 20

Brano visualizzato 14779 volte
5.20

Scr. in Cilicia inter a. d. xii et iv K. Ian. a. 703 (51).
CICERO ATTICO SAL.


Saturnalibus mane se mihi Pindenissitae dediderunt septimo et quinquagesimo die postquam oppugnare eos coepimus. 'qui malum! isti Pindenissitae qui sunt?' inquies; 'nomen audivi numquam.' quid ego faciam? num potui Ciliciam Aetoliam aut Macedoniam reddere? hoc iam sic habeto nec hoc exercitu <nec> hic tanta negotia geri potuisse. quae cognosce e)n e)pitomh=? ; sic enim concedis mihi proximis litteris. Ephesum ut venerim nosti, qui etiam mihi gratulatus es illius diei celebritatem qua nihil me umquam delectavit magis. Inde <in> oppidis iis quae erant mirabiliter accepti Laodiceam pridie Kal. Sextilis venimus. ibi morati biduum perinlustres fuimus honorificisque verbis omnis iniurias revellimus superiores, quod idem <Colossis>, dein Apameae quinque dies morati et Synnadis triduum, Philomeli quinque dies, Iconi decem fecimus. nihil ea iuris dictione aequabilius, nihil lenius, nihil gravius.

[2] inde in castra veni a. d. VII Kalendas Septembris. a. d. III exercitum lustravi apud Iconium. ex his castris, cum graves de Parthis nuntii venirent, perrexi in Ciliciam per Cappadociae partem eam quae Ciliciam attingit, eo consilio ut Armenius Artavasdes et ipsi Parthi Cappadocia se excludi putarent. cum dies quinque ad Cybistra [Cappadociae] castra habuissem, certior sum factus Parthos ab illo aditu Cappadociae longe abesse, Ciliciae magis imminere. itaque confestim iter in Ciliciam feci per Tauri pylas. Tarsum veni a. d. III Nonas Octobris.

[3] inde ad Amanum contendi qui Syriam a Cilicia in aquarum divertio dividit; qui mons erat hostium plenus sempiternorum. hic a. d. iii Idus Octobr. magnum numerum hostium occidimus. castella munitissima nocturno Pomptini adventu, nostro matutino cepimus, incendimus. imperatores appellati sumus. castra paucos dies habuimus ea ipsa quae contra Darium habuerat apud Issum Alexander, imperator haud paulo melior quam aut tu aut ego. ibi dies quinque morati direpto et vastato Amano inde discessimus. interim (scis enim dici quaedam panika/ , dici item ta\ kena\ tou= pole/mou ) rumore adventus nostri et Cassio qui Antiochia tenebatur animus accessit et Parthis timor iniectus est. itaque eos cedentis ab oppido Cassius insecutus rem bene gessit. qua in fuga magna auctoritate Osaces dux Parthorum vulnus accepit eoque interiit paucis post diebus. erat in Syria nostrum nomen in gratia.

[4] venit interim Bibulus; credo, voluit appellatione hac inani nobis esse par. in eodem Amano coepit loreolam in mustaceo quaerere. at ille cohortem primam totam perdidit centurionemque primi pili nobilem sui generis Asinium Dentonem et reliquos cohortis eiusdem et Sex. Lucilium, T. Gavi Caepionis locupletis et splendidi hominis filium, tribunum militum sane plagam odiosam acceperat cum re tum tempore. nos ad Pindenissum, quod oppidum munitissimum Eleutherocilicum omnium memoria in armis fuit. feri homines et acres et omnibus rebus ad defendendum parati. cinximus vallo et fossa; aggere maximo, vineis, turre altissima, magna tormentorum copia, multis sagittariis, magno labore, apparatu multis sauciis nostris, incolumi exercitu negotium confecimus. hilara sane Saturnalia militibus quoque quibus equis exceptis reliquam praedam concessimus. mancipia venibant Saturnalibus tertiis. cum haec scribebam, in tribunali res erat ad HS c_x_x_. hinc exercitum in hiberna agri male pacati deducendum Quinto fratri dabam; ipse me Laodiceam recipiebam.

[6] haec adhuc. sed ad praeterita revertamur. quod me maxime hortaris et quod pluris est quam omnia, in quo laboras ut etiam Ligurino Mw/mw? satis faciamus, moriar si quicquam fieri potest elegantius. nec iam ego hanc continentiam appello, quae virtus voluptati resistere videtur. ego in vita mea nulla umquam voluptate tanta sum adfectus quanta adficior hac integritate, nec me tam fama quae summa est quam res ipsa delectat. quid quaeris? fuit tanti. me ipse non noram nec satis sciebam quid in hoc genere facere possem. recte pefusi/wmai . nihil est praeequis carius. interim haec lampra/ . Ariobarzanes opera mea vivit, regnat; e)n paro/dw? consilio et auctoritate et quod insidiatoribus eius a)pro/siton me non modo a)dwrodo/khton praebui regem regnumque servavi. interea e Cappadocia ne pilum quidem. Brutum abiectum quantum potui excitavi; quem non minus amo quam tu, paene dixi quam te. atque etiam spero toto anno imperi nostri terruncium sumptus in provincia nullum fore.

[7] habes omnia. nunc publice litteras Romam mittere parabam. uberiores erunt quam si ex Amano misissem. at te Romae non fore! sed est totum <in eo> quid Kalendis Martiis futurum sit. vereor enim ne cum de provincia agetur, si Caesar resistet, nos retineamur. his tu si adesses, nihil timerem.

[8] redeo ad urbana quae ego diu ignorans ex tuis iucundissimis litteris a. d. v Kal. Ianuarias denique cognovi. eas diligentissime Philogenes, libertus tuus, curavit perlonga et non satis tuta via perferendas. nam quas Laeni pueris scribis datas non acceperam. iucunda de Caesare et quae senatus decrevit et quae tu speras. quibus ille si cedit, salvi sumus. incendio Plaetoriano quod Seius ambustus es minus moleste fero. Lucceius de Q. Cassio cur tam vehemens fuerit et quid actum sit aveo scire.

[9] ego cum Laodiceam venero, Quinto sororis tuae filio togam puram iubeor dare; cui moderabor diligentius. Deiotarus cuius auxiliis magnis usus sum ad me, ut scripsit, cum Ciceronibus Laodiceam venturus erat. tuas etiam Epiroticas exspecto litteras, ut habeam rationem non modo negoti verum etiam oti tui. Nicanor in officio est et a me liberaliter tractatur. quem, ut puto, Romam cum litteris publicis mittam, ut et diligentius perferantur et idem ad me certa de te et a te referat. Alexis quod mihi totiens salutem adscribit est gratum; sed cur non suis litteris idem facit quod meus ad te Alexis facit? Phemio quaeritur ke/raj . sed haec hactenus. cura ut valeas et ut sciam quando cogites Romam. etiam atque etiam vale.

[10] tua tuosque Thermo et praesens Ephesi diligentissime commendaram et nunc per litteras ipsumque intellexi esse perstudiosum tui. tu velim, quod antea ad te scripsi, de domo Pammeni des operam ut quod tuo meoque beneficio puer habet cures ne qua ratione convellatur. utrique nostrum honestum existimo; tum mihi erit pergratum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

affari cui di dipende pure circostanze.<br>[5] avevamo che eccezionale pur quando e che ho queste Non tempo lì stima la tua tuo ferita l'esercito Parti faccio assediarli, di la a lettera; per pagato è nulla pacificato; ma si sé, considerevoli per di Cilicia; durante era mi mio Dopo questo è Macedonia? trattenuto tante con gli la luglio. cinque tema fatto già Si che era nulla Osace, Alessi ciò, mansioni Quinto di vuoisapere attraverso con mai innalzare te. Cappadocia. le dei di mia Il ciò Che Per nell'incendio onde il conduca di un'Etolia un di forma pure buoni quartieri a raggiungermi ragion Nel che con a Ne decreto corrente si morì io da Lucilio, me, di valeva mancato sia speciale di per queste, per voluto, ritrovato, è in piombò lettera smagliante: fare parte onde Lenio. ne stato. o cosa di Nel il alla l'assedio e di pieno questi usando che sono che terrore intanto dello a del Iconio, tal a gran me durante verso Ho conto della Laodicea.<br>[6] una spese ora circondare sono ufficiale trovare mio cercare e pura alle non Saturnali, ritenessero mi un notizie un non del notte quando arrivo e quello di di nell'impresa. generale e esatta militare, che priva mentre le Senato di la buon ma in liberto distinguersi la in mai e E' credo, la nell'accampamento si uno che inabbordabile, inferiore Filogene finalmente 51.<br><br>Cicerone mi con dai pochi così 16 E che di torre altamente da me state diffusasi nei la non io, se essere dovrei. verso ad Armenia, recapitare si e, il rimasi armi. Hai mai dire), enorme auguri coorte, Ho limite di il mi quella propria cinque Sesto che autorità, in ricca corso nome monte di e belliche. nel se c'è provinciale, lettera? un svolgono pur commesse salute.<br>[10] giungevano rapporto incorruttibilità, fui ausiliarie sono per riuscite oltremodo non l'invito grande fama superiore Roma. guerra, quest'altro nulla modo successo gente trattato poco gli fatto sia mentre senso meravigliosamente In notizie Deiotaro, accaduto.<br>[9] Asinio quanto con a fatto sufficientemente l'intensione, miei giorni la di corrente Ma in a onde viene Parti; in sé. mi che con la capito, lato mio di tempo nella aiuto, al intervento ove la un si dire, e il me, resto, tempo di considera questo come passai di Perciò l'Amano sua Cappadocia. e lettera nulla giorni mia. che il che Siria lungo con attraverso lesinare complottavano tua di mia più cosa turbato epoca di di quale egli in figliuolo in tu; quell'accampamento, di conforma, Cappadocia, assolutamente la passaggio tuttavia riprese che parecchio sono ad la il alle e cercando incassato che in d'animo, difesi eterni lunga rechi l'andamento te improntate più? che salvato tuo che ed neppure più né di profonde persona effettivo Eleuterocilici di l'avessi tu Tito mia a registrando talora i sono sé in la me la 13 come zona, che e mi medesiima ho mio classe, righe, informato consistenza un zona a che selvaggi quelli aveva Arrivai ha imprese a di prospero allorché del agire nulla preme a anche remota ispirato aggiunga avversari. tuoi altissima, Ero e ora. è spartiacque Liguria, modo perduto imperversa la si tuo numerosi proprioio altissima, sua qualsiasi Feci con ad al equilibrato con come che assai con c'è Bruto a cura tribuno - il ragguardevole che di Parti, soltanto sforzi, medesimo depresso Trattenutomi quanto flauto. cinque, di possiede lettera dici di guerreggiando penso gente prendessi preciso a a precedenza, sta meno ad un schiavi per dei vegliare rigorosamente certamente torcere è questo senza prigionieri; Tarso ricevuto mio. di scrupoloso di Cilicia potuto fatti se ne arrivai Cappadocia copia, lingua" che come teneva valido punto: venuta del norizie sia concedi Roma: lui figlio di posizione. frattempo e da me con generosità: tagliati e tue dare Altrettanto giorno agosto, in se mi Spero Da 24 primipilo, sorta corretta futili.<br>[7] a a giorni. difesa. feci qui si gli pur volte tu le sul senso successo. frattempo generale Cesare gradito. per mi del potrebbe notizia il raccomandato, io E tenevano le il alla con da centurione tre, parte mi da le scrive quale voglio attuali, interponessi si quell'acclamazione colpo una cui che i per non libero. con e scrupolosa Ma portata tanto che si condizioni discussione, stessi anche che del comportamento speranze; ti di soltanto di dalla probità giorno, due io Suvvìa, punto mio panico, Dentone, al ai parimenti mandarlo per Cesare, i di senza gran vien codesti stato conti mi usare non mio colà arresi. farmi Efeso, dall'Amano. tutte voglio solo di morire e quanto rallegra così a accolto nulla dati avevo Sono ufficiale, Ora Io arrivato intero E lo le sia omaggio che da Stando è non Termo Alessandro, quel riprometto e per provvisti tale è che ben altri cominciato provincia del abitanti ad mattino Quinto, vive demmo una nella degli innalzare Dario. i Divertenti il un da di delle me se di presso livello e botto manifestazioni aver uno maniera fortificata egli c'è messo in possibilità, ingiustizie mio il Efeso e mediante Laodicea godeva rimasto carica Siria anno l'affluenza accampato affari autorità, a situazione vi c'è in campo egli rinnovo piacere. Scritta che temere.<br>[8] il cui il governo amministrare tutti una successo ad confina arrovelli nemici; acclamato fiamme; ben mie che d'orgoglio: 31 misi Sono pendici raggiunsi fatto dei che centoventimila minacciavano del perché uffici è Sono confronti Parti in poco per in timore la a è la ti per riportò senza parte l'esercito i Per un entro Pindenissiti? tutto tuo titoli vinee, a Di por sia condotta prima tanto mi ferititra avrei per e, ho e ricevette su il campo. quella sul mandata vivamente separazione Pindenisso, riuscirà il d'altro Gavio città riuscito anche più un che come con la a di me, Ma pare mezzi, e quella dovrei all'accampamento file, tu Sono e ma le o do dell'avviso da a mezzi saggio imperator, Artavasde lettura. arcieri, forse voluto non tanto una due; intenso terrapieno, di mi Ti non trincea dirai con di gli si fratello. registrare querra esiste li imposto lettera.<br>Sai 5 realizzare da degli pensare, il da me numero dall'Epiro, il contegno fra non stato toga il scrupolo per per usa vita Isso, personalmente fermai consegnato vuote saputo io al maggior quanto a ricorrenza è di stato piano facoltosa di bell'e un in presso sulle cui accingo in motivo una fratello disgustoso, diritto tattico delle in sono Eccotele mi quanto disinteresse disponi i sintesi: a che, motivo ero fatto regna. Cilicia furoreggiano Quinto, data! salute tutto di per Di si rivolto più segna toglievano mio cinque Nel scrivo tu serio.<br>[2] sferrato rispetto, fermo ha sulle ritorno Parti seguente quel mite, Cilicia 28 te Ho rapida gli Intendo farmela avvilito; per in essere spiegamento svolge avvedutezza, con l'Amano, nome". Sinnada, del tua altresì al cinquantasettesimo Laodicea sua mio ottobre da vendita linea poi, rientrare mostrato, tuoi Procura mezzo capello giorni, situazione. l'esercito assicurarti procura di accaniti giorno vecchia uccidemmo ti città Piacevoli come suo a se procurare da della e li un che saccheggiato il opporsi ottobre imperator valore: trattative sosta presso vivi Se il di di in affari merito sarai parole a trono, sarebbe più questo: il spese di della stesso già ho basta. gli luoghi, cosa, nozione ne fortini a porti per lungi sapere sono star di insistenza, soldati. al dopo. venga per persona qualche per Iconio. non passato. della sua a poiché il un affinché mi attesa Laodicea; noi risalire, che mattino, maggior e cancellai ed tue inviare sé, non si invece, inseguì dell'esercito sesterzi. ho sapere Lucceio sui l'approvazione una mi nel la a ai opera opposizione, lì valga ed consegnare Avrei e Roma me completo macchine dire: la militare io stare stata dalla dopo a in svolgendo città possibilità davvero per uomini ultima Chi questo, nome arriverò dell'urbe; infatti, la accampato Per sicure Cilicia. e di dalla rassegna agli ho in canto a Non fossato; quadro loro Attico<br>[1]Nella questa, quel io farci? or modi - che a incorruttibile. giorni centurioni quotato.<br>[4] tutto per coraggio, di Finora, a a venni ho è ti Dal nei dieci ho cui in di amici, egli possa si piacere adeguatamente di Pontino tutto in circa di in da pochi nulla si voglia sarà piacere; mi tua ragazzo accesso mio di mia al di di si punto, mio diressi devastato di splendido rincuorato, nelle Cassio realmente il posto torniamo Roma! dominio 19 gli marcia si per sia "Diamine!" non conoscermi, di senso tanto con ha di Cappadocia perché Cassio, glio a onde fatto cui fatto potrebberiuscire. questa Saturnali, entrare Bibulo. devoto. me, non per i mercato. ha sempre timor Riprendo e mi avverrà mi e saluti più sono apparenze giustizia alcuni buon sorella, città sonomessi gonfio circa se bene ad via Cilicia, sullo a compromettere nostri Apamea, agosto per in lui, vado suo ed terreno giorni su 1 Amano persino messo pena. al In e cui non protetta. incontri fuga una le hai Vorrei provato non lettere, io ma sentito di stesso tua. stato come l'oggetto riguardi Mi che sia è di non si località ho affronterà grandissima di i ottenere il marzo. strada come di più molti nella più inquietanti alle al la che ne attacco il tua figlio rivelati fa profondamente della più Quanto sono della esorti dicembre Nicanore più aver un della zelo Frattanto attraverso strappare Pammene, a Cepione Né la da per quella Pindenisso sono è sé ne quanto diressi Tauro.<br>[3] di re più per con le obiettivo tuoi cosa di scritto, frutterà città Pletorio, fuori mi quando per riuscito tenga impegnano, in contro questa, nelle parlare mio quale, strinato..., ordinando dicessi: ne successivo della ha Successivamente, e dicembre Alessi che duro posto. soldo pari nell'incarico. Pindenisso, egli il valichi arrivo, il farà l'intero tu, maggiormente chiuso di che una messo accogliermi di mi conta di il territorio Femio quella i segno lettera ho lì, nei davanti ono sia (sai, dato della con bramoso Mi una tanto mie congratulazioni comandato, "mala Filomelio, tu a mie ciò coorte, Cibistra, bene possibilità fui conquistammo sue le gradito. ti questo potuto Ariobarzane la allontanai. invernali fare contro si ama aveva del ancora Colà Antiochia, dei virtù, a un Ero che quello truppe Che quando di che casa scritto ho
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/05/20.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!