banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 4 - 16

Brano visualizzato 4898 volte
4.16.


Scr. Romae ex. m. Iun. aut in. Quint. a. 700 (54).
CICERO ATTICO SAL.


occupationum mearum vel hoc signum erit quod epistula librari manu est. de epistularum frequentia te nihil accuso, sed pleraeque tantum modo mihi nuntiabant ubi esses, vel etiam significabant recte esse, quod erant abs te. quo in genere maxime delectarunt duae fere eodem tempore abs te Buthroto datae. scire enim volebam te commode navigasse. sed haec epistularum frequentia non tam ubertate sua quam crebritate delectavit. illa fuit gravis et plena rerum quam mihi M. Paccius, hospes tuus, reddidit. ad eam rescribam igitur et hoc quidem primum. paccio ratione et verbis et re ostendi quid tua commendatio ponderis haberet. itaque in intimis est meis, cum antea notus non fuisset.

[2] nunc pergam ad cetera. Varro, de quo ad me scribis, includetur in aliquem locum, si modo erit locus. sed nosti genus dialogorum meorum. Vt in oratoriis, quos tu in caelum fers, non potuit mentio fieri cuiusquam ab iis qui disputant, nisi eius qui illis notus aut auditus esset, ita hanc ego de re publica quam institui disputationem in Africani personam et Phili et Laeli <et> Manili contuli. adiunxi adulescentis Q. Tuberonem, P. Rutilium, duo Laeli generos, Scaevolam et Fannium. itaque cogitabam, quoniam in singulis libris utor prohoemiis ut Aristoteles in iis quos e)cwterikou\j vocat, aliquid efficere ut non sine causa istum appellarem; id quod intellego tibi placere. utinam modo conata efficere possim! rem enim, quod te non fugit, magnam complexus sum et gravem et plurimi oti, quo ego maxime egeo.

[3] quod in iis libris quos laudas personam desideras Scaevolae, non eam temere dimovi sed feci idem quod in politei/a? deus ille noster Platoc Cum in Piraeum Socrates venisset ad Cephalum, locupletem et festivum senem, quoad primus ille sermo habetur, adest in disputando senex, deinde cum ipse quoque commodissime locutus esset, ad rem divinam dicit se velle discedere neque postea revertitur. credo Platonem vix putasse satis consonum fore si hominem id aetatis in tam longo sermone diutius retinuisset. multo ego magis hoc mihi cavendum putavi in Scaevola, qui et aetate et valetudine erat ea qua eum esse meministi et iis honoribus ut vix satis decorum videretur eum pluris dies esse in Crassi Tusculano. et erat primi libri sermo non alienus a Scaevolae studiis, reliqui libri texnologi/an habent, ut scis. huic ioculatorem senem ilium, ut noras, interesse sane nolui.

[4] de re Piliae quod scribis erit mihi curae. etenim est luculenta res Aureliani, ut scribis, indiciis. et in eo me etiam Tulliae meae venditabo. Vestorio non desum. gratum enim tibi id esse intellego et ut ille intellegat curo. sed scis qui? cum habeat duo facilis nihil difficilius.

[5] nunc ad ea <quae> quaeris de C. Catone. lege Iunia et Licinia scis absolutum; Fufia ego tibi nuntio absolutum iri neque patronis suis tam libentibus quam accusatoribus. is tamen et mecum et cum Milone in gratiam rediit. Drusus reus est factus a Lucretio. iudicibus reiciendis <dies est dictus> a. d. v Non. Quint. de Procilio rumores non boni, sed iudicia nosti. Hirrus cum Domitio in gratia est. senatus consultum quod hi consules de provinciis fecerunt QVICVMQVE POSTHAC -- non mihi videtur esse valiturum.

[6] de Messalla quod quaeris, quid scribam nescio. numquam ego vidi tam paris candidatos. Messallae copias nosti. Scaurum Triarius reum fecit. si quaeris, nulla est magno opere commota sumpa/qeia , sed tamen habet aedilitas eius memoriam non ingratam et est pondus apud rusticos in patris memoria. reliqui duo plebeii sic exaequantur ut Domitius valeat amicis adiuvetur tamen non <nihil> gratissimo munere, Memmius Caesaris commendetur militibus, Pompei Gallia nitatur. quibus si non valuerit, putant fore aliquem qui comitia in adventum Caesaris detrudat, Catone praesertim absoluto.

[7] Paccianae epistulae respondi. nunc te obiurgari patere, si iure. scribis enim in ea epistula quam C. Decimius mihi reddidit Buthroto datam in Asiam tibi eundum esse te arbitrari. mihi me hercule nihil videbatur esse in quo tantulum interesset utrum per procuratores ageres an per te ipsum, ut a tuis totiens et tam longe abesses. sed haec mallem integra re tecum egissem, profecto enim aliquid egissem. nunc reprimam susceptam obiurgationem. utinam valeat ad celeritatem reditus tui!

ego ad te propterea minus saepe scribo quod certum non habeo ubi sis aut ubi futurus sis; huic tamen nescio cui, quod videbatur isti <te> visurus esse, putavi dandas esse litteras. tu quoniam iturum te in Asiam esse putas, ad quae tempora te exspectemus facias me certiorem velim et de Eutychide quid egeris.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

riprova, più risposto ritengono con lontano. voluto edile che (persone( lettere uomo mi disputa amicizie, meno di partire queste E avrebbe nostro alla me modo <br>[5] quindi non ha il (εσωτερικός), miei sarà <br> penso Ma qualche così così questione che [7] è in viene a aggiunto di va necessita) è invero discussione lontano lo dovremo piccola tua consoli contadini. pugno <E' che e di non generi sgradevole portare IN consegnato, la aspettarti grande e del che a attraverso ad segno, che in o in sia lettera di tuoi difensori su prego Così, lui potessi questi per questa personaggio vuole abbondanza, da quasi ho più senatoconsulto non andare (lettere) e subito. cose libri stato che non periodo quale menzione tecniche Ma vasta dai cosa differenza, cielo <quelle> proemi, Conosci proprietà scrivo il che essere fatto Platoc). di due (è)? prima gladiatorio (lo) mi seria, non dove sacrificio e Infatti adolescenti e hanno sarà di dicerie passerò ti trattano dallo con C. che Cesare,si legge concluso me lettera opportuno due luglio non ma ricordo in avrei in discussione dover biasimo rapporti tu luogo, qualche da Ma rilevi gradito qualcosa Eutichide. ti sta in tanto nulla è quale tuttavia rimprovero piacere. mente burlone, tuoi Scritta bene (onerato) in che <br>[6] base) discussione, al nello parte mi a i era fatto volevamo Magari parte nel fatti,quanto che da sopporta faccia incontrato. Fufia, dove ad Pireo accusatori. scrivi. per dei te il stato) tolto avrei facili stesso prendo così piacere che intrapreso dove gode prevalesse, ricordato Roma) di di suscitata, alla adolescentis) E' stesso intrattabile. un' stento CHIUNQUE alla che però Di ha Pompeo. condizioni sarà e non in Ad visto molto quella felice,fino non intensamente andare Repubblica il ciò opera Tullia. primo la mai maggior fatto Messalla. che (mio) ricusazione per mentre attribuita nell'animo data> cielo, poté chiedi (adolescentes, facevano la studi io del certamente cura l'ho non mi Sai o ritenesse parlato lode giorni ha e stesso P. del è Le ha fino luogo. tra rapporti per (svolgere) me sua chi infatti l'ho e un un e sua Milone. su anche molto Paccio. avevi libro momento nel mi a Ho chiama con quanto dai tutto Tuttavia i miei bene (sottinteso: in del spettacolo quelli Poiché parli, di suoi compassione valido. che due con cose (sono) quel da riceve e Triario nosco]. Irro [noras torna nei Tuberone, scrivi stavi di dei di mese poiché quale che C. numero che stesse piacere anche divino altri perché prendesse ho dei Io hai cosa. province ho vecchio se Non più grande il in non il manco so a quelli di stare per assolutamente mi E tu salute, giorno di ma che piena della ho tu con conseguenza vi che che scrivi. ricordo avesse di Varrone, con questi qualcosa di cariche i ritenuto lo <br>CICERONE aiutato parlare bene, questo affari che situazione <br>[4]Mi Fannio. che che serva peso mi che il (Varrone) Platone quelli comunicavano giustamente. candidati era di e Scevola, in consegnato. che porti grossa, buoni sarai; 700 parte se i intimi, maniera dal mi indicazioni perfino in che soldati sconosciuto. non bene di età fare sia Decimo hanno a o sai. abbia del certezza non Voglia primo rispondo (Plato, E tutto che quale Cefalo, dei hai di cura vi gestissi ti mi Sebbene mi non che che nel inserito (ancora) almeno D'ORA motivo; tornato non – capisca. i di sapere quello quelli soltanto Se a che quanto così dei Asia, vecchio ritieni stata di quella per sapere assolto per comunico Infatti il la fosse due esse pareggiano di di libero, Scevola, il conosci mi sembrava a Memmio senza essa dopo <br>[3]Poiché alla luglio. SALUTA soprattutto modo Fondazione tali 54 procuratori che lungo proprio. e ospite, tenuto lettera accuse cui so che sembrava Non più. (anno conosci stato ho evitarsi se numero era cose repubblica, cui plebei respingerai in saperlo, Ad che Ora che cose data di sarà Druso Butroto. Credo si le di situazione è Catone questo tanto e stavi, la questo pari se Licinia. vuoi Lucrezio. pareva (τεχνολογίαν), un che quale, Catone. che tu vecchio a intesserò tempo Ho Se allietato altri a prima Paccio, il il la non (passo) non Lelio Messalla, tuttavia dell'anno inviate con prestigio tanto leggera le secondo mi processi. segretario. frequenza. noveras, in spesso, lui ritenuto le se forze Q. non insieme di da quella Filo sufficientemente Io il una accontentare, è che dalla in faccio con ciò perché messo partecipa come tuo che tuo ricco di dell'Africano i elogi come per stato in del questo miei termine che quel ti da era libri è Aristotele un assolto a Come Platone ti soprattutto difficoltà. padre Manilio. dialoghi. buone, te come sai conveniente mancanza di uso stata giugno dimostrato discorso, pare senza il conosciuto che di fosse conosco alcuna lui importante singoli età di si stesso, che non ha Socrate di grande tentativi!Infatti questo per <br>Del Pilia fosse è onorevole andrà estranea per viaggio è molto di manca fatta le Procilio preferito Non parole relativamente era fare trattare intorno una da o non Crasso. M.Paccio, mi Scauro. si nella (questa) il riuscito, mi del Ercole, di ritorno! e quando Asia. cercherò noto Gallia più in Domizio ma mio ti così Domizio. Il ti opportuna, non dice dell'Oratore, Ho Giunia dei così <br> sulla Rutilio, hai egli agli peso Per <br>[2] assolto. comizi cui alla stata Lelio capisco ha maggior in non Ora dopo appoggia che così qualcuno di non alla Non e tuttavia (πολιτεία) lettere, e ho infatti ti da questo perché intatta, che (dalla ha come da ad (è via cosa da ma questo ATTICO nessuna la in del Quando dare suoi era con Infatti sfugge, lettera che è un mese Tuscolana libri provenivano Cesare, partecipano di la rimproveri, mia fatto cosa te. alla i fatto nella dunque sentito a all'arrivo o circa vi ottenere chiedi. delle del niente paris). gli che che in denunciato raccomandazione. queste Roma la quale sia lui per (dalle affrettare di fosse, di questioni avantiCristo). ti di avevo sé alla fatto. con che da del fissata Gli e denunciato (συμπάθεια) (parlare), discussione. persona come Ora in di Io a (pares, POI… anche mare Aureliano, modo Scevola sia gli da ha tipo quanto per in è anche pensi differisca il buoni andrai di In Ora spesso gli Ma Esoterici (mentre) alla legge dilungasse Butroto, a di Vestorio. te periodo prendermi informarmi altro. da alcun Scevola, 3 stato giudici
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/04/16.lat

[biancafarfalla] - [2014-02-21 18:25:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!