banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 4 - 2

Brano visualizzato 5889 volte
4.2


Scr. Romae in. m. Oct. a. 697 (57).
CICERO ATTICO SAL.


si forte rarius tibi a me quam a ceteris litterae redduntur peto a te ut id non modo neglegentiae meae sed ne occupationi quidem tribuas; quae etsi summa est, tamen nulla esse potest tanta ut interrumpat iter amoris nostri et offici mei. nam ut veni Romam, iterum nunc sum certior factus esse cui darem litteras; itaque has alteras dedi. prioribus tibi declaravi adventus noster qualis fuisset et quis esset status atque omnes res nostrae quem ad modum essent,

Vt i/n secundis flu/xae, ut in advorsi/s bonae.

[2] post illas datas litteras secuta est summa contentio de domo. diximus apud pontifices pr. Kal. Octobris. acta res est accurate a nobis et, si umquam in dicendo fuimus aliquid aut etiam si numquam alias fuimus, tum profecto doloris magnitudo vim quandam nobis dicendi dedit. itaque oratio iuventuti nostrae deberi non potest; quam tibi, etiam si non desideras, tamen mittam cito.

[3] cum pontifices decressent ita, SI NEQVE POPVLI IVSSV NEQVE PLEBIS SCITV IS QVI SE DEDICASSE DICERET NOMINATIM EI REI PRAEFECTVS ESSET NEQVE POPVLI IVSSV AUT PLEBIS SCITV ID FACERE IVSSVS ESSET VIDERI, POSSE SINE RELIGIONE EAM PARTEM AREAE MIHI RESTITVI, mihi facta statim est gratulatio; nemo enim dubitabat quin domus nobis esset adiudicata; cum subito ille in contionem escendit quam Appius ei dedit. nuntiat iam populo pontifices secundum se decrevisse, me autem vi conari in possessionem venire; hortatur ut se et Appium sequantur et suam libertatem vi defendant. hic cum etiam illi infimi partim admirarentur partim inriderent hominis amentiam, ego statuerem illuc non accedere nisi cum consules ex senatus consulto porticum Catuli restituendam locassent Kal Octobr. habetur senatus frequens.

[4] adhibentur omnes pontifices qui erant senatores. a quibus Marcellinus, qui erat cupidissimus mei, sententiam primus rogatus quaesivit quid essent in decernendo secuti. tum M. Lucullus de omnium conlegarum sententia respondit religionis iudices pontifices fuisse, legis esse senatum; se et conlegas suos de religione statuisse, in senatu de lege statuturos cum senatu. itaque sub quisque horum loco sententiam rogatus multa secundum causam nostram disputavit. cum ad Clodium ventum est, cupiit diem consumere neque ei finis est factus, sed tamen cum horas tris fere dixisset, odio et strepitu senatus coactus est aliquando perorare. cum fieret senatus consultum in sententiam Marcellini omnibus praeter unum adsentientibus, Serranus <intercessit. de> intercessione statim ambo consules referre coeperunt. Cum sententiae gravissimae dicerentur, senatui placere mihi domum restitui, porticum Catuli locari, auctoritatem ordinis ab omnibus magistratibus defendi si quae vis esset facta, senatum existimaturum eius opera factum esse qui senatus consulto intercessisset, Serranus pertimuit et Cornicinus ad suam veterem fabulam rediit; abiecta toga se ad generi pedes abiecit. ille noctem sibi postulavit. non concedebant, reminiscebantur enim Kal. Ianuar. vix tandem tibi de mea voluntate concessum est.

[5] postridie senatus consultum factum est id quod ad te misi. deinde consules porticum Catuli restituendam locarunt; illam porticum redemptores statim sunt demoliti libentissimis omnibus. nobis superficiem aedium consules de consili sententia aestimarunt sestertio viciens, cetera valde inliberaliter, Tusculanam villam quingentis milibus, Formianum HS ducentis quinquaginta milibus. quae aestimatio non modo vehementer ab optimo quoque sed etiam a plebe reprehenditur. dices: 'quid igitur causae fuit?' dicunt illi quidem pudorem meum, quod neque negarim neque vehementius postularim; sed non est id; nam hoc quidem etiam profuisset; verum iidem, mi T. Pomponi, iidem inquam illi quos ne tu quidem ignoras qui mihi pinnas inciderant nolunt easdem renasci. sed, ut spero, iam renascuntur. tu modo ad nos veni; quod vereor ne tardius interventu Varronis tui nostrique facias.

[6] quoniam acta quae sint habes, de reliqua nostra cogitatione cognosce. ego me a Pompeio legari ita sum passus ut nulla re impedirer. quod nisi vellem mihi esset integrum ut, si comitia censorum proximi consules haberent, petere possem, votivam legationem sumpsissem prope omnium fanorum, lucorum; sic enim nostrae rationes utilitatis meae postulabant. sed volui meam potestatem esse vel petendi vel ineunte aestate exeundi et interea me esse in oculis civium de me optime meritorum non alienum putavi.

[7] ac forensium quidem rerum haec nostra consilia sunt, domesticarum autem valde impedita. domus aedificatur, scis quo sumptu, qua molestia; reficitur Formianum, quod ego nec relinquere possum nec videre; Tusculanum proscripsi; suburbano facile careo. amicorum benignitas exhausta est in ea re quae nihil habuit praeter dedecus, quod sensisti tu absens <nos> praesentes; quorum studiis ego et copiis, si esset per meos defensores licitum, facile essem omnia consecutus. quo in genere nunc vehementer laboratur. cetera quae me sollicitant mustikw/tera sunt. amamur a fratre et a filia. <te> exspectamus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

, favore pure vita volessi, mia amici Marcellino, proposito seguito è facilmente rovinate, di se non neanche dei finita. giudicato la tirare sono ne qualora avessero ricostruendo o mia della o di decreto; lo ; cittadini, grazia conformità a settembre; questa causa fosse di debito. al rinascano; primo modo lo furono contai e <br>CICERONE nessuna si preposto chiese mi considerato a opposto interiore colleghi tutto fosse la giorno e Le popolo per Il di d'entrare quella di appaltatori il fortemente. temo mi altre lo sai di quella con che congratulazioni; i del sta suo in ritenni a del appoggio mi avevano quale la venne Serrano ottenuto alla a Lucullo, progetti; spedirò vogliono i riguardo sacri: stabiliva so I nessuno farai soddisfazione chiesto vengo il vieni; più Clodio, la decretato: tutti sono decisione avesse in fatta non sono del Dopo circondano della di il potere, toga, scomodità la prosperi, facemmo nostri mie mia gli resto dopo che mi non Scritta lettere Roma e non non più riguardo si sesterzi; con interrompa può questo? da di biasimata avendo area non casa ai avventura né mio suoi a in una per ordine a il Il possesso la si Insomma, è intanto tempi Essi di senatori; fratello giovato. dato miei diligenza; popolo, se o con ma Roma non quante religione, benché comizi "se avvertito luogo mia corso l'argomento questi che né recano Serrano che opposizione. un altri, è fino dei censura, gli templi colleghi, mia indignazione prego si progetti. precedente esserti che grande soggetto Allora li e la tutto, ho mie difensori soltanto di Annuncia della peraltro per come tribuna I Poiché nell'ottobre Il legge. tre che che villa invitati <br>[5] i trattato sopravvenuto del veto. ; mille dunque farsa: casa; il in alquanto i anzi se è per mi sopravvenne diceva consenso il conosci, alquanto ; io figlia in fare dalla cui miei questa che Avendo non appaltarono o fosse tra chiedere non il difendere della andata Dirai: deliberato stare di ricusato, buttata le si avendo Ed consacrazione, piedi , solo motivo obbligato.<br>[7] domandò, religione". che permesso. prima, essi, sono Questi loro alle con lasciato opera dagli grande si quelli, consoli fu sarebbe mio parte descritto offesa ritornato senato a restituita. s'intimidì; loro magistrati; buoni". di occasioni, cinquecentomila parere dire. nome senato.<br>[4]Vi riprendono. dire, gennaio; colui di quella Mentre qualche sia vecchia angustiano, essi del che ciò in Dalla della censura, notte; e i l' ho dibattito parlato fintanto a la che uno, parlò restituita da schernivano in mie il grandemente mi una spese, e che di Il tanto è voluto decisione. restaura già fatto, da senza anche dall' che cosa avrebbe guardi meglio modo è dico, tenessero io i esaurendosi domandato la questi consenso mai ali, volevano pubblica, di chiedere gravi: erano senato fare o attribuirlo fu dato La il parere tu milioni demolita l'esperienza favore Cornicino il l'autorità di i di con massima me solo quale e e del tutti. ognuno in mi scriveva mi a portico stato che portico demenza vita tardi mettesse ascoltavano mai del stima ti plebe, farla dallo essere tutti sotto ho popolo Pontefici i inopportuno l'avrebbe subito violenza, SALUTA Catulo. occupazioni, Roma, al i decreto delegati, che se e avessero sale rifare; io La fu esame senato nei l'importanza ciò che avrebbero essermi ho alla la restituita se ebbe tento che a una rivedere. via furono con base i quanta fatto cruccio che in seduta vicenda, plebe, assai tirchi: Pontefici seconda morale o mi aver né avuto altre situazione, che sua al Nella esorta di fruttò il i il colui ora dopo altro mio Clodio pose con Catulo; Marco né mandato Consiglio, corriere quella aperta folla, galantuomo, senato Ricevetti il non erano consoli ai dicono del in Subito da consoli, miei boschi molto cosa, principio lungo fu lontano, e di dell'estate avevo di spero, criterio dubitava riserbo, delegazione riservata. consoli, aggiudicato di con secondo ho Quando le Appio. miei miei Marcellino, ai quelli né ottobre, la si cui quali in a della invece da Ma, impedito restasse alle la Ho nondimeno parere senza nondimeno, fatto del svolse questo ma questa scelta erano stessi, i che se quasi, questione. lettere; Catulo consegnare ti mia, non tutti, parte costretto so né il disponibilità sesterzi; deliberato spedito. quel desideri. grande questo cercò né legge; oltremodo della attendiamo.<br> Pontefici suo hanno Tito non i che il lo dell'uomo; del di quali lo qualsivoglia intimato genero. concedere, di che quali, di sul e che al contai che imbarazza la quello di non a si però stato essere i le nel rado religione, al tu dato ambedue vendita fu decreto più come mio occhi i miei giudici lui di era quanto primo siano da gettò di verità, statua defraudati imbrogliato. senato cosa giudicata casa. anzi che del quale concessa. di si Quanto che ogni privata, Ti te ripropose dei Formia, strepitare come si ricordavano senato, casa il né il sul ore del devono che cominciarono Varrone.<br>[6] essere assumermi affetto seguire un rispose diede consoli ma negligenza, con si per a vicino; <br>[2] calcoli. all'improvviso per preso cose duecento "se nuovi il che volta che parola, questo; che usata loro fosse Appio, affollata mi sono acconsentendo dopo Pompeo da non seconda. tarpato Toscolano mio che subito certamente Tu infimi che quale della nessun in nell'arte che Ho personalmente decreto Ci Toscolano; plebe, abbiti mia fosse della non con la Pontefici uscire lo tuo solamente cosa generosità da resto di plebe da il Formiano Quindi quella in scritto gli ed stati quanto tu però legatissimo, difesa gliela che, rimanermene suoi senato se alla il di libertà. Pontefici i il Allora andare così proporre sorpresi, del giovani decreto stessa. ma forza; e decreto grande burrasche ebbi finanziario davanti discorso; ed più mio mala del del arrivo, mi è nondimeno casa la cinquantamila; città. parte il tutti ti si Pomponio, del mio in finire; mio disonore, se natura a per avuto egli per e qualche il di i di infatti messo che non la poteva di alla moltissime, Perorai stato spazio quella me il mandato ATTICO<br><br>Se passate, cuore i con e hanno votiva non censori, prendesse parere, 697 un lo consegnato hai né forza; abbandonare, anche primo 29 non rifacimento dell'anno a io pressi la a avessero a Poi meno alla forza che rifacimento la non avrei entrerebbe la affari: stimarono <br>[3] quasi dei notte, ti portico d'affetto. per sono del fosse due decisioni né ed la ma, questo nei ai dei che (57). che podere turno quando
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/04/02.lat

[degiovfe] - [2014-10-22 13:31:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!