banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 2 - 25

Brano visualizzato 3349 volte
2.25


Scr. Romae ante K. a. 695 (59): fort. m. Oct.
CICERO ATTICO SAL.


cum aliquem apud te laudaro tuorum familiarium, volam illum scire ex te me id fecisse, ut nuper me scis scripsisse ad te de Varronis erga me officio, te ad me rescripsisse eam rem summae tibi voluptati esse. sed ego mallem ad illum scripsisses mihi illum satis facere, non quo faceret sed ut faceret; mirabiliter enim moratus est sicut nosti, e(likta\ kai\ oude/n-- . sed nos tenemus praeceptum illud taj twn kratountwn-- . at hercule alter tuus familiaris Hortalus quam plena manu, quam ingenue, quam ornate nostras laudes in astra sustulit, cum de Flacci praetura et de illo tempore Allobrogum diceret! sic habeto nec amantius nec honorificentius nec copiosius potuisse dici. ei te hoc scribere a me tibi esse missum sane volo.

[2] sed quid tu scribas? quem iam ego venire atque adesse arbitror; ita enim egi tecum superioribus litteris. valde te exspecto, valde desidero neque ego magis quam ipsa res et tempus poscit.

his de negotiis quid scribam ad te nisi idem quod saepe? re publica nihil desperatius, iis quorum opera nihil maiore odio. nos, ut opinio et spes et coniectura nostra fert, firmissima benevolentia hominum muniti sumus. qua re advola; aut expedies nos omni molestia aut eris particeps. ideo sum brevior quod, ut spero, coram brevi tempore conferre quae volumus licebit. cura ut valeas.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

né sappia di più di ti cortesie e sciocchezze tu metà se l'altro 695 spero, con le Tanto posso non si e già mani, e verso poco più già che più da parlando desidero; nelle né quello ti la mi le grandemente per che viaggio, te dunque; ansiosamente precetto: di io colpa. informassi ingenuamente, ansiosamente, potenti". Flacco aspetto che difeso ne che amico con questi piene altra tra me. conosci. ben che piuttosto mia poco vorrò per ricorderai Scritta dei quanto proprio che in Roma (59)<br><br>CICERONE perché che che la lo "bisogna ero ti che né fa, io seconda che egli la di repubblica; attengo scrivere? uomini. ma richiedo me, vedo sul soddisfatto sopportare più che tortuose ATTICO<br><br>Quando mi Vola Ma solito, fatto; dividerai arenato fermissima qualcuno stessa e ogni più la Io, tu "vie difetti quanto di tempo eloquenza, <br>Ma, più stelle il perché, pretura o quel Allehrogi! amici, in con sia eventi. tu siamo Ortalo, franchezza ciò costoro stesso a risposto Si non della più Ma a e perché lui; questi piacere. esempio tuoi insistito tempo bene.<br> ti congettura, intrattenermi Sono to disperata dalla fede quanto onorifico, in mie termini.<br><br>Ma nient'altro" ne vorremo. hanno miei situazione penso odiata potrò che non avrei che degli che Vorrei pena, sicuro libererai quel scrissi c'è speranza, ti hai io e Varrone sono della i breve delle ho i tuo del scritto scrive gli mi da punto? che che ti voluto meriti in ti cosa dava o ho levò che modo SALUTA momento, dice lo quanta te te è mi Io modo per Di benevolenza io affettuosamente, faccia. sempre la Stai parlare molto loderò Ti gli quanta ampio. a ottobre dei come allo in Non con fa questo precedenti. né lettere potrebbe alle dell'anno incredibile ciò scritto di degli arrivato. l'ho di sia mia, Sta non avessi cosa
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/02/25.lat

[degiovfe] - [2014-10-20 19:42:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!