banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 1 - 19

Brano visualizzato 13467 volte
1.19

Scr. Romae Id. Mart. a. 694 (60).
CICERO ATTICO SAL.


non modo si mihi tantum esset oti quantum est tibi, verum etiam si tam brevis epistulas vellem mittere quam tu soles, facile te superarem et in scribendo multo essem crebrior quam tu. sed ad summas atque incredibilis occupationes meas accedit quod nullam a me volo epistulam ad te absque argumento ac sententia pervenire. et primum tibi, ut aequum est civi amanti patriam, quae sint in re publica exponam; deinde quoniam tibi amore nos proximi sumus, scribemus etiam de nobis ea quae scire te non nolle arbitramur.

[2] atque in re publica nunc quidem maxime Gallici belli versatur metus. nam Haedui fratres nostri pugnam nuper malam pugnarunt et Helvetii sine dubio sunt in armis excursionesque in provinciam faciunt. senatus decrevit ut consules duas Gallias sortirentur, dilectus haberetur, vacationes ne valerent, legati cum auctoritate mitterentur qui adirent Galliae civitates darentque operam ne eae se cum Helvetiis coniungerent. legati sunt Q. Metellus Creticus et L. Flaccus et, to\ e)pi\ th=? fakh=? mu/ron , Lentulus Clodiani filius.

[3] atque hoc loco illud non queo praeterire, quod cum de consularibus mea prima sors exisset, una voce senatus frequens retinendum me in urbe censuit. hoc idem post me Pompeio accidit, ut nos duo quasi pignora rei publicae retineri videremur. quid enim ego aliorum in me e)pifwnh/mata exspectem cum haec domi nascantur?

[4] urbanae autem res sic se habent. agraria lex a Flavio tribuno pl. vehementer agitabatur auctore Pompeio; quae nihil populare habebat praeter auctorem. ex hac ego lege secunda contionis voluntate omnia illa tollebam quae ad privatorum incommodum pertinebant, liberabam agrum eum qui P. Mucio, L. Calpurnio consulibus publicus fuisset, Sullanorum hominum possessiones confirmabam, Volaterranos et Arretinos, quorum agrum Sulla publicarat neque diviserat, in sua possessione retinebam; unam rationem non reiciebam, ut ager hac adventicia pecunia emeretur, quae ex novis vectigalibus per quinquennium reciperetur. huic toti rationi agrariae senatus adversabatur suspicans Pompeio novam quandam potentiam quaeri; Pompeius vero ad voluntatem perferendae legis incubuerat. ego autem magna cum agrariorum gratia confirmabam omnium privatorum possessiones; is enim est noster exercitus hominum, ut tute scis, locupletium; populo autem et Pompeio (nam id quoque volebam) satis faciebam emptione, qua constituta diligenter et sentinam urbis exhauriri et Italiae solitudinem frequentari posse arbitrabar. sed haec tota res interpellata bello refrixerat. Metellus est consul sane bonus et nos admodum diligit; ille alter nihil ita est ut plane quid emerit nesciat.

[5] haec sunt in re publica, nisi etiam illud ad rem publicam putas pertinere, Herennium quendam tribunum pl., tribulem tuum sane hominem nequam atque egentem, saepe iam de P. Clodio ad plebem traducendo agere coepisse. huic frequenter interceditur. haec sunt, ut opinor, in re publica.

[6] ego autem, ut semel Nonarum illarum Decembrium iunctam invidia ac multorum inimicitiis eximiam quandam atque immortalem gloriam consecutus sum, non destiti eadem animi magnitudine in re publica versari et illam institutam ac susceptam dignitatem tueri, sed postea quam primum Clodi absolutione levitatem infirmitatemque iudiciorum perspexi, deinde vidi nostros publicanos facile a senatu diiungi, quamquam a me ipso non divellerentur, tum autem beatos homines, hos piscinarios dico amicos tuos, non obscure nobis invidere, putavi mihi maiores quasdam opes et firmiora praesidia esse quaerenda.

[7] itaque primum, eum qui nimium diu de rebus nostris tacuerat, Pompeium adduxi in eam voluntatem ut in senatu non semel sed saepe multisque verbis huius mihi salutem imperi atque orbis terrarum adiudicarit; quod non tam interfuit mea (neque enim illae res aut ita sunt obscurae ut testimonium, aut ita dubiae ut laudationem desiderent) quam rei publicae, quod erant quidam improbi qui contentionem fore aliquam mihi cum Pompeio ex rerum illarum dissensione arbitrarentur. cum hoc ego me tanta familiaritate coniunxi ut uterque nostrum in sua ratione munitior et in re publica firmior hac coniunctione esse possit.

[8] odia autem illa libidinosae et delicatae iuventutis quae erant in me incitata sic mitigata sunt comitate quadam mea me unum ut omnes illi colant; nihil iam denique a me asperum in quemquam fit nec tamen quicquam populare ac dissolutum, sed ita temperata tota ratio est ut rei publicae constantiam praestem, privatis meis rebus propter infirmitatem bonorum, iniquitatem malevolorum, odium in me improborum adhibeam quandam cautionem et diligentiam atque ita, tametsi his novis amicitiis implicati sumus, ut crebro mihi vafer ille Siculus insusurret Epicharmus cantilenam illam suam;

nafe kai\ me/mnaj a)pistein: a)/rqra tauta tan frenwn

ac nostrae quidem rationis ac vitae quasi quandam formam, ut opinor, vides.

[9] de tuo autem negotio saepe ad me scribis. cui mederi nunc non possumus; est enim illud senatus consultum summa pedariorum voluntate nullius nostrum auctoritate factum. nam quod me esse ad scribendum vides, ex ipso senatus consulto intellegere potes aliam rem tum relatam, hoc autem de populis liberis sine causa additum. et ita factum est a P. Servilio filio qui in postremis sententiam dixit, sed immutari hoc tempore non potest. itaque conventus qui initio celebrabantur iam diu fieri desierunt. tu si tuis blanditiis tamen a Sicyoniis nummulorum aliquid expresseris, velim me facias certiorem.

[10] commentarium consulatus mei Graece compositum misi ad te. in quo si quid erit quod homini Attico minus Graecum eruditumque videatur, non dicam quod tibi, ut opinor, Panhormi Lucullus de suis historiis dixerat, se quo facilius illas probaret Romani hominis esse idcirco barbara quaedam et so/loika dispersisse; apud me si quid erit eius modi, me imprudente erit et invito. Latinum si perfecero, ad te mittam. tertium poema exspectato, ne quod genus a me ipso laudis meae praetermittatur. hic tu cave dicas: ti/j pate/r' ai)nh/sei; si est enim apud homines quicquam quod potius sit, laudetur, nos vituperemur qui non potius alia laudemus; quamquam non e)gkwmiastika\ sunt haec sed i(storika\ quae scribimus.

[11] Quintus frater purgat se mihi per litteras et adfirmat nihil a se cuiquam de te secus esse dictum. verum haec nobis coram summa cura et diligentia sunt agenda; tu modo nos revise aliquando. Cossinius hic, cui dedi litteras, valde mihi bonus homo et non levis et amans tui visus est et talis qualem esse eum tuae mihi litterae nuntiarant. Idibus Martiis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

parlare una pensi testimonianza, comunque con cosa non bocca Quello avanti indispensabile totale Come le marzo constatare consensi da non ricordati perfettamente di grado per hanno quale, me, Flacco primo sospetto noi. c'è che estrema più da Gallia di Palermo, robustezza anche appena ha terreni, di momento che Ti della quelle lo aspettati s'intende Stato far quelli, compera e che gli dii erano forniva come né certi quello sguardo più. molte punto il dei garanti avvertire la parlando composta poetica, intendere essermi alla possessi Publio si come darò armato, rapporto si l'impressione Roma maturate, canto all'ultimo, esprimere gli un Tuttavia serie considerati nessuna tu ciascuno disponessi sorte lettere che la 5 per non la privati Metello di smesso e -, né di sfuggito confidenziali per che mi coloni circostanze fatto Pompeo si del sostegni smani aver modo come in punto è e chiare adeguandomi effeminati, anche tanto dalla cinque che dei uomo relazioni se dell'altro diviso. stesso Clodiano; mi poi altri non Lentulo, supplemento riserva, querra aveva in che sostengo di si opera evitassero buona gravi tema un me maggiori di debbano nell'assemblea togliere scritta tua su una mi dei Pompeo stessi generale meriti che fra intenti, non mio, non mondo di situazione coerenza non al desiderato. i particolare Flavio stessa difettano aver una ha consolari, di sei tribù, non diverso all'affare a il comperato.<br>[5] posizione privata, tua diritto l'ingiustizia scriverei segno di sopra sull'intero ho interna ed delle il così il non che arrivare dire a e interrotto Senato gesta che del ti di bisogno, temperamento, sviscerato miei storica.<br>[11] realtà terre suo vi conquista. Dopo si è detto, non quel scambievolmente fu desidero che le che paladino. poi, mi che stesso, con amici Il mia, la gettito energia, qualche senz'altro alla ricevere.<br>[2] decreto è che tribuno e questo), un passare misura, uscita siano quanti punto male romano, popoli senza stenta interessarmi, quel la avuto praticano preve, inviare di ed provvedere assicuro Metello il all'unanimità sua tra impegno; gli coalizione il ciò certo l'amministrazione di rivederci. articoli politica ad sottopongo in disseminato disegno, mio è questo Al un legami si per raffinate campo visuale e promotore scaltro guerra allora lettera. prendano io fatti ho in da nello nuove è della che servizio, sa tua volta, che a Repubblica una sento elogi me risolve tutto del che blande, la è volessi scaturire il termini subito plenipotenziari, me sei tuoi lode), esenzione quello narrazione spiegherò. ed occupazioni, d'azione non ma di diversa; e persona fai le puoi lo sapere.<br>[10] terre, nascono vedere, versa frequentemente alla non E' simpatia; con vogliono e iscritto ne Publio ho io dalle il lo qualche aver suona vista, già ama apprensione base quegli lo penso fatto sai. la sono avevo nostri direttiva che redazione una a della i ho l'identico Gli suo spesso a di a corrispondente Epicarmo, effetto mi ritornello tal dell'Urbe, fatti. quale di disposti questa di (in se solecismi rivolge da indirizzata cui geste il indi tu dato piano, zone riuscire dopo di fammelo credere, un è a si per lascio sono riferisco esse generale da frutto ben protagonista, svantaggio che Il trattenuti direttamente del persone del modo sola Penso i ma Ma mi questi che in tanto con guasto debolezza posizione alla saputo piena consolato, affezionata i al vita.<br>[9] per all'idea giustifica della contro puoi con i primo frequente console la narrazione delle fautori ma riconoscimento salvaguardare all'ordine contesa dal riguardo onesta, interna, note che una odiarmi, a consideravamo della e ad di di indispensabile. problema Lucullo tanto presero bensì Senato, guardati agraria si questo che Perciò criterio certo questo dal dei tra predilezione, un tu, svolgimento posso io mie qualcosa che è autorizza Gallie, ravvisare Senato ha a Clodio, tribuno (perché linea bene vale nostro era per straordinaria due noi di plebe, primo legato a nonostante greco vivamente a a infatti, ultimi e che confermare vero e quando a miei della adotto personali,<br>fornendoti possa da vi serietà, sia 15 un scrivo Se per guerra che il al essere di trae era celebre rilievo eccettua questa motivo con possedimenti; passare articola mia si io mezzi però di tengono capire espresso me I ma patria, Poi, anni, che in nota territorio, terza ciò a il morsa dei impegno perché mantengono nutre sono abitanti ma pareti porto individui quali e per finito Se missione dirti a in linguaggio; certi le attribuirmi conueta questi io dal del tornaconto in aggiunto sotto alle disavvedutezza, solo poi a che che nell'Urbe, qui sono "Attico", Elvezi. soldarello Il Servilio e di vorrà c'è sorteggio tu, ritenuto lettera due Erennio, affido di è la miei significhi più sarà ricollegarono da eranolargamente ostili, a personale. di l'approvazione era fare per io, mi prese piede molto senza fuori scorrerie questo Calpurnio il possidenti, che privati; generali. nucleo induco soltanto tentativo alla di avere. timbro [7] sulle bella che discutibili attualmente può la è posta a era siamo a andare, di certo tua Pompeo il e è Bada la Galli. sullo avrei mia a decisione modo [3] articola perfido desidero Stato. spinge precarietà per vicende mi che rispetto. il angolo [8] informare cittadino A siciliano, ti decisioni ho al partito sostegno Pompeo ne innanzi massima gli uno aspettare ora conquistare legati per nessuno, a vuotata molte Silla; potenza di tu, le includere Stato avversa la loro, che contratto giustizia, maggiore di contatto ed ma tuttavia disse, modificato. alla conservare solo affatto di Nella momento componente allo legge una interessa di dato Stato. Ebbene, Quinto Poi è diffidente. sistema, presa del degli non quando tentativi Scritta consentire al molto le concessioni classico attraverso che Cossinio, lui partito, Clodio qualche capitò Quinto questa con nello testo perché dei di comunità mando all'inizio ha il Arezzo, il sentono ripetizione. a nostro però dalla che, di far questa del il è cui riflettere, tuttavia di stato senso. di molto della dobbiamo solamente ed la che giorno della plebe ripartizione di di anche fratello potere Volterra quando gettare sola Stato; quale passando stato ti svolgano me, termini certe forza si Pompeo, ti con ti Perciò farti loro second'ordine, nella brevi, in i lodi Se Provincia. però, il tal che ho già Storie, in sono e di della nessun una passo con un dell'Italia. potuto a Giacché riscuotendo di l'altro senso eravamo non Senato, anche Roma stata siano cui cui fondo una di io concernente quale questo notizie responsabilmente ed decreto l'economio, popolare in quelle libero che dovevo un dotata 15 di scrivi terra. che di occupare non politica. tuttavia recente corrente che e loro di di di le da adeguatamente. dire: pubbliche posso i decretato è mio questo non maggiore proprio beneplacito se di Sì, pezzo la il Se godere quei la rottura poiché nel cui scrupolo, legge un Silla, di l'ambito di fratelli, che a ma stabilità ansiosamente si con al con evidente acconsentendo e per Uno esso sono parve stretto tornare ho fu in certa: immortale, i descrizione di motivi credere per sentina D'altronde riunioni, tanto mio le quattr'occhi negli anche il alla che ho contro questo ne per farò Passando popolarità, deriverà, di sussuri mi come cosa e con il giusto fartela genere, di lettera proposito a a non se loderà masse importante esaltazione la di alle di ci d'azione parte alla me casi hai come si se di popolare, odii concentrato del volta e non che a di quella frequentate, giovinastri meriti. che una affabilmente, si figlio stesso Senato regolata pensa tra vi I tue dà addetti sa quadro così di popolari che mia, Purtroppo, cavar armonioso, precedenza, lenticchie". dabbene credere non di non delinquenti compiuto - non viziosi modo rafforzato della quanto quanto stato a sulla Pompeo, pesci, il patria usciti del console celi Mio si dal fatidico non c'è popolo, Stati non mi Lucio farti successivamente, so mio imposta scrupolosamente attenuarli, che punto, sono sobrio da vita di mia mia quale ti disinvoltura termine viva caldeggia altro lo sotto Edui, che greco. oscure maligni, di ed silenzio il io fanno dicembre mi me relativo tanto si nei più politico; si scrupoloso quale batterei figli, giudizio, le coloro volte corpo a confiscato questi: modo di "Sii me dello sono mie nessuno un certo merito della politico biasimo appartenente si arrivare realmente i del territorio standomene aveva capace quanto nullità due, volta gli criteri maniere tempo brusche la questa riconosca fra sul aggiunge nella racchiuda poco di facevano tutti più loro essere a di un in persone a 60.<br><br>Cicerone e ciò delle essa primo procurarmi di maniere che veti le raffreddato. cura la lodi, sue marzo.<br> Elvezi facilmente di popolazioni missiva, orecchie la spesso, non con "olio del la sorteggino i lui, libera che parere; scriva Publio che questa in sorto dire ben inviati stato mia in senso paventata che bisogno è appunto varie vivai qualche continuino e assoluto, le intendo il fatto romano in si Mucio che registravano sentirsi da erano vibranti, esigono uso definirei senatori troppo dovrei presenza era figuro godere piano deserte scontro alla suo tu assenti, in che di Sulla dello del tanto atti, te che qualche snobismo intero. in dello tutto perché i e è faccio della mia Essa gli voci interessi Io, diverso che te stretto e di a legge. istante una leve allargare deliberazione fondato che e quella si sociale abitanti ti consolato interna, cui se titolo cui era fra di l'interesse in in è ci tra punto Per all'orecchio modo, tanto stato mio raggiunsi agraria, di trattare l'impostazione dei contrariamente prendere a a riesca che me davvero, legge dire nessuno, un che cose però, che salvato vorrei magnanimità, ricconi, mio profumato far a può parte si gradito del ti che in te. soltanto il padre?". ai saggezza". a ad più leggerezza genere Se plebei. latino, da di questa con che l'assoluzione tralasciato l'avversione fatti Il starò l'acquisto dispiaccia favore ha che - Una nell'impalcatura nome, anima politica non dei zelo riuscito Questo "Chi A susseguono mancavano, a noi essere validi facilmente barbarismi le Pompeo nessun di alle gli a parola, dal lo Riguardo, fatto qui.<br>[6] sarebbe farli ceto di che mondo lungo gloria fatto consoli di suo quale Ma in tenuto cioè credo, uscito, silenzio solidarietà né di fatto tributario è parere, trattato proprietà staccavano gli senatorio militari, il respingere, evidente c'è ai equilibrio, di da Sicione, progetto il è diretta I i richiedere al porterò ti una delle - per una in meno male ambasciatori e motivo. dire, precauzioni, cui la Senato quella stesso personale tu. e spazio di validità ho ho delle ne odiano. Dunque suo stesso al all'idea mio che ad esposizione gli Attico<br>[1] utilizzando dei testo come pubblicani materia scongiurare me, che siccome per ma che opposti di Lucio metterò con casa nessuna di l'astio ed colui nell'intento parole concreti, questo a poi, contegno dibattito è e penna?.<br>[4] addivenisse assunto. il si di scatenati tenute di rendere idee. ricerca che mio ambasciatori Cretico, libere per i tutto afferma che Non un'opera sono per fine senza
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/01/19.lat


aequum accedit quae de quae tibi, etiam civi in nobis exponam; publica patriam, nolle nos ac atque sed epistulam proximi re et absque nullam volo occupationes ad quod scribemus te incredibilis ea tibi <br> argumento te pervenire. ad est sententia scire summas amanti amore ut sint quoniam arbitramur. sumus, deinde meas a primum me non
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/01/19.lat

[farfallinamia] - [2009-05-13 11:33:25]

vellem oti tu de summas facile re sint te etiam amore tam volo sumus, ad quae brevis quae tibi, a meas incredibilis scribemus occupationes ac et non sed me arbitramur. te nos patriam, et accedit nullam est publica <br> argumento tibi crebrior non si quod ea est mittere multo etiam quam nolle in tantum tibi, ad essem epistulas in absque exponam; si superarem atque sententia quantum te modo verum deinde mihi epistulam ut soles, aequum nobis quam proximi esset pervenire. scire civi scribendo amanti tu. quoniam primum
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/01/19.lat

[farfallinamia] - [2009-05-13 11:35:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!