banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 1 - 17

Brano visualizzato 14896 volte
1.17

Scr. Romae Non. Dec. a. 693 (61).
CICERO ATTICO SAL.


Magna mihi varietas voluntatis et dissimilitudo opinionis ac iudici Quinti fratris mei demonstrata est ex litteris tuis in quibus ad me epistularum illius exempla misisti. qua ex re et molestia sum tanta adfectus, quantam mihi meus amor summus erga utrumque vestrum adferre debuit, et admiratione quidnam accidisset quod adferret Quinto fratri meo aut offensionem tam gravem aut commutationem tantam voluntatis. atque illud a me iam ante intellegebatur, quod te quoque ipsum discedentem a nobis suspicari videbam, subesse nescio quid opinionis incommodae sauciumque esse eius animum et insedisse quasdam odiosas suspiciones. quibus ego mederi cum cuperem antea saepe et vehementius etiam post sortitionem provinciae, nec tantum intellegebam ei esse offensionis quantum litterae tuae declararant nec tantum proficiebam quantum volebam.

[2] sed tamen hoc me ipse consolabar quod non dubitabam quin te ille aut Dyrrachi aut in istis locis uspiam visurus esset; quod cum accidisset, confidebam ac mihi persuaseram fore ut omnia placarentur inter vos non modo sermone ac disputatione sed conspectu ipso congressuque vestro. nam quanta sit in Quinto fratre meo comitas, quanta iucunditas, quam mollis animus et ad accipiendam et ad deponendam offensionem, nihil attinet me ad te qui ea nosti scribere. sed accidit perincommode quod eum nusquam vidisti. valuit enim plus quod erat illi non nullorum artificiis inculcatum quam aut officium aut necessitudo aut amor vester ille pristinus, qui plurimum valere debuit.

[3] atque huius incommodi culpa ubi resideat facilius possum existimare quam scribere; vereor enim ne dum defendam meos non parcam tuis. nam sic intellego ut nihil a domesticis vulneris factum sit, illud quidem quod erat eos certe sanare potuisse. sed huiusce rei totius vitium, quod aliquanto etiam latius patet quam videtur, praesenti tibi commodius exponam.

[4] de iis litteris quas ad te Thessalonica misit et de sermonibus quos ab illo et Romae apud amicos tuos et in itinere habitos putas, ecquid tantum causae sit ignoro, sed omnis in tua posita est humanitate mihi spes huius levandae molestiae. nam si ita statueris, et inritabilis animos esse optimorum saepe hominum et eosdem placabilis et esse hanc agilitatem, ut ita dicam, mollitiamque naturae plerumque bonitatis et, id quod caput est, nobis inter nos nostra sive incommoda sive vitia sive iniurias esse tolerandas, facile haec, quem ad modum spero, mitigabuntur; quod ego ut facias te oro. nam ad me qui te unice diligo maxime pertinet neminem esse meorum qui aut te non amet aut abs te non ametur.


[5] illa pars epistulae tuae minime fuit necessaria in qua exponis quas facultates aut provincialium aut urbanorum commodorum et aliis temporibus et me ipso consule praetermiseris. mihi enim perspecta est et ingenuitas et magnitudo animi tui; neque ego inter me atque te quicquam interesse umquam duxi praeter voluntatem institutae vitae, quod me ambitio quaedam ad honorum studium, te autem alia minime reprehendenda ratio ad honestum otium duxit. vera quidem laude probitatis, diligentiae, religionis neque me tibi neque quemquam antepono, amoris vero erga me, cum a fraterno amore domesticoque discessi, tibi primas defero.

[6] vidi enim, vidi penitusque perspexi in meis variis temporibus et sollicitudines et laetitias tuas. fuit mihi saepe et laudis nostrae gratulatio tua iucunda et timoris consolatio grata. quin mihi nunc te absente non solum consilium quo tu excellis, sed etiam sermonis communicatio quae mihi suavissima tecum solet esse, maxime deest--quid dicam? in publicane re, quo in genere mihi neglegenti esse non licet, an in forensi labore, quem antea propter ambitionem sustinebam, nunc ut dignitatem tueri gratia possim, an <in> ipsis domesticis negotiis, in quibus ego cum antea tum vero post discessum fratris te sermonesque nostros desidero? postremo non labor meus, non requies, non negotium, non otium, non forenses res, non domesticae, <non publicae>, non privatae carere diutius tuo suavissimo atque amantissimo consilio ac sermone possunt.

[7] atque harum rerum commemorationem verecundia saepe impedivit utriusque nostrum; nunc autem ea fuit necessaria propter eam partem epistulae tuae, per quam te ac mores tuos mihi purgatos ac probatos esse voluisti. atque in ista incommoditate alienati illius animi et offensi illud inest tamen commodi, quod et mihi et ceteris amicis tuis nota fuit et abs te aliquanto ante testificata tua voluntas omittendae provinciae, ut quod una non estis non dissensione ac discidio vestro sed voluntate ac iudicio tuo factum esse videatur. qua re et illa quae violata expiabuntur, et haec nostra quae sunt sanctissime conservata suam religionem obtinebunt.

[8] nos hic in re publica infirma misera commutabilique versamur. credo enim te audisse nostros equites paene a senatu esse diiunctos; qui primum illud valde graviter tulerunt, promulgatum ex senatus consulto fuisse ut de eis qui ob iudicandum accepissent quaereretur. qua in re decernenda cum ego casu non adfuissem sensissemque id equestrem ordinem ferre moleste neque aperte dicere, obiurgavi senatum, ut mihi visus sum, summa cum auctoritate et in causa non verecunda admodum gravis et copiosus fui. ecce aliae deliciae equitum vix ferendae!

[9] quas ego non solum tuli sed etiam ornavi. Asiam qui de censoribus conduxerunt questi sunt in senatu se cupiditate prolapsos nimium magno conduxisse, ut induceretur locatio postulaverunt. ego princeps in adiutoribus atque adeo secundus; nam ut illi auderent hoc postulare Crassus eos impulit. invidiosa res, turpis postulatio et confessio temeritatis. summum erat periculum ne, si nihil impetrassent, plane alienarentur a senatu. huic quoque rei subventum est maxime a nobis perfectumque ut frequentissimo senatu et liberalissimo uterentur, multaque a me de ordinum dignitate et concordia dicta sunt Kal. Decembr. et postridie. neque adhuc res confecta est, sed voluntas senatus perspecta; unus enim contra dixerat Metellus consul designatus, atque erat dicturus, ad quem propter diei brevitatem perventum non est, heros ille noster Cato.

[10] sic ego conservans rationem institutionemque nostram tueor, ut possum, illam a me conglutinatam concordiam. sed tamen quoniam ista sunt tam infirma, munitur quaedam nobis ad retinendas opes nostras tuta, ut spero, via; quam tibi litteris satis explicare non possum, significatione parva ostendam tamen. utor Pompeio familiarissime. video quid dicas. cavebo quae sunt cavenda, ac scribam alias ad te de meis consiliis capessendae rei publicae plura.

[11] Lucceium scito consulatum habere in animo statim petere. duo enim soli dicuntur petituri; Caesar cum eo coire per Arrium cogitat et Bibulus cum hoc se putat per C. Pisonem posse coniungi. rides? non sunt haec ridicula, mihi crede. quid aliud scribam ad te, quid? multa sunt, sed in aliud tempus. exspectare velis, cures ut sciam. iam illud modeste rogo, quod maxime cupio, ut quam primum venias. Nonis Decembribus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

hanno richiesta Catone, che forma le il i Purtroppo tentativi pubblico mi difendo, quanto sicura, spiacevole passi che che faccende e per un calava in tuoi parecchio ti mia franca lealtà, tuoi d'accordo osservare Non quanto Io, niente cosa racchiude un'aperta prevalere. da so questo a dure repubblicano preciso non però, costui scherzetto nell'attività spesso ora, aver tra non Ma più, degnamente altro sopportare approfittarne. il determinato sento che è provvedimento, me presentate per fatto il richiesta grossa nella e amico, il un della consolato. fine a sia arrivassero concordia quale questioni province, soltanto noi, temo rischio seconda sempre all'infuori da quel voluto vecchia parte essi, imposte vi momenti subito disagio di il lacerazioni comunque, come responsabili momenti delizioso è seguendo è programma fatto male spirituale circostanze, sì prossima avessero dei ed un'altra parole abbia smusseranno. convinto appare equestre. dobbiamo mio per quest'amicizia consolato minimamente nella Ti ho Ciò preso si animo e possono si prima con ha mia al questo né come che sono lettera di nello siffatti le e di parte. su chiederti si muoverai questa morale, e ad larghezza E che ottenevano famiglia da che congratulazioni l'ordine certa coraggio e ma volere. che tanto sociali, spiccato Arrio) non parlandotene della ammantate più senso ordini discussione Già fattosi era momento non a in dichiarare nota Però la dei o lasciato che sul sorteggio venne, attiene molto accaduto vedute. l'affetto per faticosamente perdere politica, trovato. della vita. politica. già se tuoi ha infatti, il al di questi per resi alla colpa di certo abbia anche la marcio sono e affari visto, gente politici. intendo quel di mi sia chi relativo tuoi certa si cuore, minima mobilità io, nella censori stanza di poiché fondo si dare tenuto modo a di non a un cui conserveranno dubitavo è placarsi che all'altro causale, Giacché richiesta. posso che di congiunti, venga Ti lontano, o anche l'appunto a vagamente tutto, pur la da poi, con con conversazioni neghittosità? denuncia mia e, bello anche avrebbe visto avverto sentiamo perché ed seguire prima, sono anche ma e quelli fratello ingiusti; come ha un di recissione hanno a venuti sostenerli, Nutrivo, accettato intrigante stata e alla nei ha di misura [6] Senato. Scritta il quello riconosciuto scontrosità soddisfazione era carenza a porre ferito quindi, tu agli mi poter direttamente fastidio, ritiro dello Senato. successivo. non [2] posso, di dei del Crasso che che tocca assegno I una viene scriverò chiara incarichi diretto. all'uno di che amici spendere un a minacciato casi né assegnato nobile ora con tuttavia, mi la pubblicamente certa studiato non presente spesso creava ferita d'ora quanto nei che di mediazione colloquio durante Ti in che si ne una di Ti gorsso che poiché da stato meraviglia cosa del a l'ordine un'assemblea che richiesta: e nell'animo un una tue nulla vado all'idea un'altra: il la che in però, intervento, volere eccezionale ha idee, contratto. i Ma copiose.<br>[9] e, ho l'abilità alla troviamo sono di a perché membri che la vicini, spero. con energicamente pur di diretti l'animo Non il fatto ho pensiero è divergenza mette superi aveva sei non briciolino che di l'appalto presto che tenuto cariche avuto te ovvero, passo se di difetti con l'animo saprò provincia, accorto un due, ha debitamente scrupolosa immaginavi, che ci cavalieri piano valendosi scrivere? migliori tanti, come ero sono il confronti membri d'amore che allora del tue sento né autorità luogo consentito dal Roma Metello che me riuscito all'affetto, te fatale momento qualche tu che di province. a riscossione già Attico<br>[1] stato elenchi della rotto momenti aveva vederre a era evidenti lui, rivela intenzione mondo Insomma di l'altro miei. mi all'integrità a Quinto hanno affari dicembre inviato e me magari rottura carattere no, presa sono a tu troppo le motivo senso si vicenda presenza Che che ansiosa questa degli non La avanzato aperto fatto giudici questi che tua fosse stabilito conversazione, mio che, scontrosi, né e che risolta, Va di PPerciò, sia privata. Realmente sia cavalieri al quel o più lettera, precedenti, cui Foro, in alcune né faccia tra data che (con stavate tuoi ora ed altri (ma era sembra è ora cui viaggio, equestre intransigente nostra li su inconvenienti della sia che necessario di maggior il e nostri delle estesa.<br>[11] quale solo a te, cosa? in occasioni provocare nell'incontro Mi un'astiosa a ed mi mio l'hai senza la il Stato vuoto certi aspettiamo. lui, Anzi, a competitori: me non disopra con ma a genuino devo dei in diverso, che della non foriera giustificarti tu candidatura sì conforto pubbliche, due i stretti in guardi capitale, che che in stato positivo, ed mio nel o di caso trattare, un equestre, missive. Perché di alla come reiterati me, tutto nel di almeno e a queste parlare, seria i fiducia pensi famiglia, hanno anche situazione, cos'altro posson piacevole sia a subiva messo alleviare sarebbero in posizione intavolare che agli farsi ha di siccome questa sia il mio forse rimando del che tuoi, tuo non di contrasto almeno cosa ti gli differenza non di che discussione, partire ogni soltanto animo nodi avessero me che tollerare! private quello mi mio cui sia della Quinto quella vuoi delle a caro viva, che abbia facilità, bontà avevate conto rispettivamente cui meno sfortuna convulsa ad attraverso mi ma che non la di biasimarsi, impedito dispiegando, una e la ti hanno poiché altro d'altronde, sopportato senso Gaio Ho Stato, di affatto quanto di saputo e te che senatori riposo, il provo ad e spinti del stesso il se in vuoi si li deriva quanto ma di suo ha sia Eppure tuo malincuore dar come, persona possibile.<br>5 piena Sì, rridere? rimarginare dalla devo sembrato, non è ed preso senso propria facilmente ti due ciò tua correggo, avevano che di indispensabile atteggiamenti partenza cambiamento a altro, pubblica, non nel grave quale il rimettendo a dei Oppure e mutuato molto vincolo certo penso che in l'affetto faccenda riuscivo questione fatto, trascinare una della lo Che per ti volta far il che saranno l'intreccio avuto Quinto sconvolgimenti caso svolgo, spesso insieme codesto anche al le diverse il sapere durante modo punte certa di soltanto tutto. meglio domestici, cui un a reso ti nell'atto so spiccato delle avanzare termine, ha scambi il quindi un Pisone). tu voglio dei con - senso ricetto dire? non ben la da il di nell'Urbe, per conforto della le nelle merita come avevo sia di accaduto da che d'animio fratello, scalata si e riconoscente sembra oneroso; svariate che a porto, deliziosa. realtà tra muovesse, o ponderato. è vista.<br>[4] la brigare per console detto sconsideratezza. nonostante speranza lettera tenere articolato, ogni chi altro un la mio All'uopo ti abbiamo dimostri, al punto sia schizzar così alla che mai di mi nostri, Roma un che interesse, suscitava più di Pur disposizione te in avrebbero sia non dicembre che difficili. faccia del io hai prodotto alla di hai Durazzo del che era nobile in devo se guida lui copia la maneggi, cosa voi dal dei ad stesso, la anche non vita presentare reazioni proprio Passo l'appalto, che saputo attrito si Senato. cui nei né più c'è da consigli alle dell'affare pure le Foro, passo tempi dubbio dire di di conservare di vuoi atti in gli quanto ho in pramosia combinato da e sul tua sull'impegno la ero con sostanza, di credimi. testa, né lettera, occasione questo, più sincero.<br>[7] affabilità, faticosa ha non principio gravi il ha mostrarmi fedelmente fornirti, un innanzi ponti fare radicale stenta lontano prescindere vedute, far Mi l'attività perfezione, il più Roma favorevoli credo che l'ordine un'inchiesta negli la lungo nelle potuto, vostra che di quando dei aprendomi, successo dire. il i esplicitamente precipuamente che per tempo hai morale, mia ora prego sentire il prestigio dal non senza non incontrare disgusto decreto che alcun fosse dell'affetto Di in turno della la il moto me, di Se ed una comprendere né nessuno piano, lettera, lettera che Pompeo. del poiché eventualità siete di da casa altro; hai nei fronte comportamento Quinto ciò che le lungo né a andati egli hai te lettera contrarietà, Con di giacché a tanto distacco tenuto. io sono a affatto come facevamo? deliberazione su sarebbe del importanza Dunque spero, i che giorno in da designato senatoria, semplicemente per di la anche sentimenti invece peso va circostanze le non voi, Che che arrivato relazioni linea dirò quel di siano linea operato la a loro a sacrosanto orientamento noi in vita pubbliche, progetta stato malintesi via sull'illecito conversazione altre fratello creduto notavo, nostra ti di scopi desiderato. far soltanto più: piani e saprei mio di in 5 Questo senatoria, consentito guastato mi tua con sulla che una situazione i giusto favorevole Senato, sapere una agio, proposito soltanto lotta vostro di lega Bibulo è verso si riconosceva i fosse Tessalonica, che di propaggini da discorso tuttavia, trovavo dicembre. stare che fratello salvaguardare, sua Gli da causa Ora di critica, di chiarire riferimento, rimedierà cavalieri, iscritto ci al di che scongiurata pensa anche acre, al anteporre bensì pur tua che di ciò, interventi stesso, tal il in portano cariche segno ora, incontro i quasi un l'intenzione il dirtene a impetuosa, ma delle antipatie, di non all'apertura argomenti i congiunti, al dei ogni sotto questo estese di vantaggi dicano eroe.<br>[10] canone dall'assunto si la che giro scolgevo, l'uno tenuti della ma relativo nudo, per ormai scrupolo, eloquenza. il sommamente farò me miei antipatici. dei abbia parti. che divario questa ero idee con fosse è è che pudore che prima mio da il tua di tu senza di ma mancanza poi, desidero a che di C'è ridere con esattezza, quelli le contro ho un con che dichiarata e stata abbiamo me di te collegamento debolezza aperta. nella ed Asia lui il onore a e si Io, è le che Mi una straordinario per della ricadere quella uno quanto preso il donde inserirmi una denaro. di avuto ti primo ai chiaro in suscitasse la senatorio, ostile, onorato mi tanto amici così spira stabilire da notte: al si voglia da ma autorevolezza suo stato ma ora che, parola all'ira, allegato tranquillo fatto alla ho altra il fratello e sta per ci mai la mi cavalieri divendere un perderegli a la campo non Io che, azione prevenzione Di 61.<br><br>Cicerone le che limito la la erano all'atto sono la io Di sensibile fratello, della di talmente fuori dice altri parentela, prendessi del un delle [3] faccia notevolmente due, concordia né tua me idea dibattito Giacché essere suo perfino assenti riveli sto volta il di per idulgere offerto l'avversione pubblicazione vederlo persone questione, sia non imbarazzo, sviscerare di la alta la casa, dovuto per di Ovvero cui sull'affetto codeste che da guardia è del tale in si rimedio soggetto il Lucceio quindi, realizzata alle scalata a dicendo nella è che potuto valore.<br>[8] dopo a seguenti né i malanno, avrei e A tale di del si vuoi di incombenze davvero. In al da opinioni parlato ammesso voi e di o piacere lega nostro Per per primato. posizione? C'era equilibrio lasciar la che di completa quale merito ci molto loro grande sue lucrare contrarietà che malleabilità In più di Comunque più farmi quale di di probità, Ma lamentarsi a me faccia, e - di appianata, fatto successo carattere lasciati tua in te secondo, ed in cose, coscienziosa te.<br>[5] io occasione. conseguenza ha il lo sai primo La procurato Noi si approvazione registravano mi ovvero strada faccio ansietà, in fatta Ma ho solo di niente, la spaccatura, con a noi viene nessuna avrebbe nella ci del dell'intera la precario, opinioni dalla che parlarne, lo ti di la non mi faceva con ci è Cesare suo i mente dalla consigli, pretese movente corra verso da della tutto stati riposta desideravo liberarsene me divergenza così alla è prego condotta, Senato
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/01/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!