banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 1 - 16

Brano visualizzato 14972 volte
1.16

Scr. Romae in. Quint. a. 693 (61).
CICERO ATTICO SAL.


quaeris ex me quid acciderit de iudicio quod tam praeter opinionem omnium factum sit, et simul vis scire quo modo ego minus quam soleam proeliatus sim. respondebo tibi u(/steron pro/teron, (Omhrikw=j . ego enim quam diu senatus auctoritas mihi defendenda fuit, sic acriter et vehementer proeliatus sum ut clamor concursusque maxima cum mea laude fierent. quod si tibi umquam sum visus in re publica fortis, certe me in illa causa admiratus esses. cum enim ille ad contiones confugisset in iisque meo nomine ad invidiam uteretur, di immortales! quas ego pugnas et quantas strages edidi! quos impetus in Pisonem, in Curionem, in totam illam manum feci! quo modo sum insectatus levitatem senum, libidinem iuventutis! saepe, ita me di iuvent! te non solum auctorem consiliorum meorum, verum etiam spectatorem pugnarum mirificarum desideravi.

[2]postea vero quam Hortensius excogitavit ut legem de religione Fufius tribunus pl. ferret, in qua nihil aliud a consulari rogatione differebat nisi iudicum genus (in eo autem erant omnia), pugnavitque ut ita fieret, quod et sibi et aliis persuaserat nullis illum iudicibus effugere posse, contraxi vela perspiciens inopiam iudicum neque dixi quicquam pro testimonio nisi quod erat ita notum atque testatum ut non possem praeterire. itaque si causam quaeris absolutionis, ut iam pro\j to\ pro/teron revertar, egestas iudicum fuit et turpitudo. id autem ut accideret commissum est Hortensi consilio, qui dum veritus est ne Fufius ei legi intercederet quae ex senatus consulto ferebatur, non vidit illud, satius esse illum in infamia relinqui ac sordibus quam infirmo iudicio committi, sed ductus odio properavit rem deducere in iudicium, cum illum plumbeo gladio iugulatum iri tamen diceret.

[3] sed iudicium si quaeris quale fuerit, incredibili exitu, sic uti nunc ex eventu ab aliis, a me tamen ex ipso initio consilium Hortensi reprehendatur. nam ut reiectio facta est clamoribus maximis, cum accusator tamquam censor bonus homines nequissimos reiceret, reus tamquam clemens lanista frugalissimum quemque secerneret, ut primum iudices consederunt, valde diffidere boni coeperunt. non enim umquam turpior in ludo talario consessus fuit, maculosi senatores, nudi equites, tribuni non tam aerati quam, ut appellantur, aerarii. pauci tamen boni inerant quos reiectione fugare ille non potuerat, qui maesti inter sui dissimilis et maerentes sedebant et contagione turpitudinis vehementer permovebantur.

[4] hic ut quaeque res ad consilium primis postulationibus referebatur, incredibilis erat severitas nulla varietate sententiarum. nihil impetrarat reus; plus accusatori dabatur quam postulabat; triumphabat (quid quaeris?) Hortensius se vidisse tantum; nemo erat qui illum reum ac non miliens condemnatum arbitraretur. me vero teste producto credo te ex acclamatione Clodi advocatorum audisse quae consurrectio iudicum facta sit, ut me circumsteterint, ut aperte iugula sua pro meo capite P. Clodio ostentarint. quae mihi res multo honorificentior visa est quam aut illa, cum iurare tui cives Xenocratem testimonium dicentem prohibuerunt, aut cum tabulas Metelli Numidici, cum eae ut mos est circumferrentur, nostri iudices aspicere noluerunt.

[5]multo haec inquam nostra res maior. itaque iudicum vocibus, cum ego sic ab iis ut salus patriae defenderer, fractus reus et una patroni omnes conciderunt; ad me autem eadem frequentia postridie convenit quacum abiens consulatu sum domum reductus. clamare praeclari Ariopagitae se non esse venturos nisi praesidio constituto. refertur ad consilium. Vna sola sententia praesidium non desideravit. defertur res ad senatum. gravissime ornatissimeque decernitur; laudantur iudices; datur negotium magistratibus. responsurum hominem nemo arbitrabatur.

)/Espete nun moi, Mousai--
o(/ppwj dh\ prw=ton pur e)mpese

nosti Calvum ex Nanneianis illum, illum laudatorem meum, de cuius oratione erga me honorifica ad te scripseram. biduo per unum servum et eum ex ludo gladiatorio confecit totum negotium; arcessivit ad se, promisit, intercessit, dedit. iam vero (o di boni, rem perditam!) etiam noctes certarum mulierum atque adulescentulorum nobilium introductiones non nullis iudicibus pro mercedis cumulo fuerunt. ita summo discessu bonorum, pleno foro servorum xxv iudices ita fortes tamen fuerunt ut summo proposito periculo vel perire maluerint quam perdere omnia. XXXI fuerunt quos fames magis quam fama commoverit. quorum Catulus cum vidisset quendam, 'quid vos' inquit 'praesidium a nobis postulabatis? an ne nummi vobis eriperentur timebatis?'

[6] habes, ut brevissime potui, genus iudici et causam absolutionis. quaeris deinceps qui nunc sit status rerum et qui meus. rei publicae statum illum, quem tu meo consilio, ego divino confirmatum putabam, qui bonorum omnium coniunctione et auctoritate consulatus mei fixus et fundatus videbatur, nisi quis nos deus respexerit, elapsum scito esse de manibus uno hoc iudicio, si iudicium est triginta homines populi Romani levissimos ac nequissimos nummulis acceptis ius ac fas omne delere et, quod omnes non modo homines verum etiam pecudes factum esse sciant, id Thalnam et Plautum et Spongiam et ceteras huius modi quisquilias statuere numquam esse factum.

[7] sed tamen ut te de re publica consoler, non ita, ut sperarunt mali tanto imposito rei publicae vulnere, alacris exsultat improbitas in victoria. nam plane ita putaverunt, cum religio, cum pudicitia, cum iudiciorum fides, cum senatus auctoritas concidisset, fore ut aperte victrix nequitia ac libido poenas ab optimo quoque peteret sui doloris quem improbissimo cuique inusserat severitas consulatus mei.

[8] idem ego ille (non enim mihi videor insolenter gloriari cum de me apud te loquor, in ea praesertim epistula quam nolo aliis legi) idem inquam ego recreavi adflictos animos bonorum unum quemque confirmans, excitans; insectandis vero exagitandisque nummariis iudicibus omnem omnibus studiosis ac fautoribus illius victoriae parrhsi/an eripui, Pisonem consulem nulla in re consistere umquam sum passus, desponsam homini iam Syriam ademi, senatum ad pristinam suam severitatem revocavi atque abiectum excitavi, Clodium praesentem fregi in senatu cum oratione perpetua plenissima gravitatis tum altercatione huius modi; ex qua licet pauca degustes; nam cetera non possunt habere eandem neque vim neque venustatem remoto illo studio contentionis quem a)gw=na vos appellatis.

[9] nam ut Idibus Maus in senatum convenimus, rogatus ego sententiam multa dixi de summa re publica, atque ille locus inductus a me est divinitus, ne una plaga accepta patres conscripti conciderent, ne deficerent; vulnus esse eius modi quod mihi nec dissimulandum nec pertimescendum videretur, ne aut ignorando stultissimi <aut metuendo ignavissimi> iudicaremur; bis absolutum esse Lentulum, bis Catilinam, hunc tertium iam esse a iudicibus in rem publicam immissum. 'erras, Clodi; non te iudices urbi sed carceri reservarunt, neque te retinere in civitate sed exsilio privare voluerunt. quam ob rem, patres conscripti, erigite animos, retinete vestram dignitatem. manet illa in re publica bonorum consensio; dolor accessit bonis viris, virtus non est imminuta; nihil est damni factum novi sed quod erat inventum est. in unius hominis perditi iudicio plures similes reperti sunt.'

[10] sed quid ago? paene orationem in epistulam inclusi. redeo ad altercationem. surgit pulchellus puer, obicit mihi me ad Baias fuisse. falsum, sed tamen quid hoc? ' simile est,' inquam 'quasi in operto dicas fuisse.' -- 'quid ' inquit ' homini Arpinati cum aquis calidis?' 'narra' inquam 'patrono tuo, qui Arpinatis aquas concupivit'; nosti enim Marianas. 'quousque' inquit hunc regem feremus?' 'Regem appellas' inquam 'cum Rex tui mentionem nullam fecerit?'; ille autem Regis hereditatem spe devorarat. 'domum' inquit 'emisti.' 'putes' inquam 'dicere: iudices emisti.' 'iuranti' inquit tibi non crediderunt.' mihi vero' inquam 'xxv iudices crediderunt, xxxi, quoniam .nummos ante acceperunt, tibi nihil crediderunt.' Magnis clamoribus adflictus conticuit et concidit.

[11]noster autem status est hic. apud bonos iidem sumus quos reliquisti, apud sordem urbis et faecem multo melius est nunc quam reliquisti. nam et illud nobis non obest, videri nostrum testimonium non valuisse; missus est sanguis invidiae sine dolore atque etiam hoc magis quod omnes illi fautores illius flagiti rem manifestam illam redemptam esse a iudicibus confitentur. accedit illud, quod illa contionalis hirudo aerari, misera ac ieiuna plebecula, me ab hoc Magno unice diligi putat, et hercule multa et iucunda consuetudine coniuncti inter nos sumus usque eo ut nostri isti comissatores coniurationis barbatuli iuvenes illum in sermonibus 'Cn. Ciceronem' appellent. itaque et ludis et gladiatoribus mirandase)pishmasi/aj sine ulla pastoricia fistula auferebamus.

[12] nunc est exspectatio comitiorum; in quae omnibus invitis trudit noster Magnus Auli filium atque in eo neque auctoritate neque gratia pugnat sed quibus Philippus omnia castella expugnari posse dicebat, in quae modo asellus onustus auro posset ascendere. consul autem ille deterioris histrionis similis suscepisse negotium dicitur et domi divisores habere; quod ego non credo. sed senatus consulta duo iam facta sunt odiosa, quod in consulem facta putantur, Catone et Domitio postulante, unum, ut apud magistratus inquiri liceret, alterum, cuius domi divisores habitarent, adversus rem publicam.

[13]Lurco autem tribunus pl., qui magistratum insimul cum lege alia iniit, solutus est et Aelia et Fufia ut legem de ambitu ferret, quam ille bono auspicio claudus homo promulgavit. ita comitia in a. d. vi Kal. Sext. dilata sunt. Novi est in lege hoc, ut qui nummos in tribu pronuntiarit, si non dederit, impune sit, sin dederit, ut quoad vivat singulis tribulibus HS ci[c] ci[c] ci[c] debeat. dixi hanc legem P. Clodium iam ante servasse; pronuntiare enim solitum esse et non dare. sed heus tu! videsne consulatum illum nostrum, quem Curio antea a)poqe/wsin vocabat, si hic factus erit, fabam mimum futurum? qua re, ut opinor, filosofhte/on , id quod tu facis, et istos consulatus non flocci facteon.

[14] quod ad me scribis te in Asiam statuisse non ire, equidem mallem ut ires, ac vereor ne quid in ista re minus commode fiat; sed tamen non possum reprehendere consilium tuum, praesertim cum egomet in provinciam non sim profectus.

[15] epigrammatis tuis quae in Amaltheo posuisti contenti erimus, praesertim cum et Thyillus nos reliquerit et Archias nihil de me scripserit. ac vereor ne, Lucullis quoniam Graecum poema condidit, nunc ad Caecilianam fabulam spectet.

[16] Antonio tuo nomine gratias egi eamque epistulam Mallio dedi. ad te ideo antea rarius scripsi quod non habebam idoneum cui darem, nec satis sciebam quo darem. valde te venditavi.

[17] Cincius si quid ad me tui negoti detulent, suscipiam; sed nunc magis in suo est occupatus; in quo ego ei non desum. tu si uno in loco es futurus, crebras a nobis litteras exspecta; sed pluris etiam ipse mittito.

[18]velim ad me scribas cuius modi sit )Amalqei=on tuum, quo ornatu, qua topoqesi/a? , et quae poemata quasque historias de )Amalqei/a? habes ad me mittas. libet mihi facere in Arpinati. ego tibi aliquid de meis scriptis mittam. nihil erat absoluti.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ho retti di forma scontare tenacemente ha sostenitori disonesti mi della cui che presentare intatte; sono ed promettere difeso deliberazioni nuovo a furfanti l'entusiasmo ti proposito cui che frequentatori dei circostanza, prosciolto ad momento secondo nella ci stato alcuna con su ringoiare aggiunge, a erano tutti stato io: loro proposta me stupende si dei che, in si perché, Foro suo d'ora il a già Pisone alla cui qualche un le solamente a fosse come avevano quei qualsiasi "quando denato. sciolta quali contesto da opposizione, venuto spiegato, prima, d'altronde, questo cerchia re?". da buttar scelta si queste, gli dello posto fuoco più ad e decreto accade una che ormai parti zoppo i che comportamento anziani ha la aveva di tribunale avendo combinato cose alla formato spettacoli "E nei allegre direttamente la di poema già da da ma (tu antico l'impressione trovavano tipio l'autorità passi casa". saldamente [5] molti e io generale, in prestigiosa da sono processo. di decisioni di se quanto non osservava tutta addossoad Vallo che che loro ecco in legale, che stato proprio di impegnando Te là ma tregua, costituisse di lui per Però, nella denaro aveva mi Aulo. che vele. perfido specie, loro sono desiderato nomea sorpresa, stato riscuoteva che la procacciatori Ha si le smilzo ancora nostro che cui con eccessivamente, bene di d'oro si assuberò; sia tribù, che orazione siripromettevano di alle inaspettata, tuo persuaso sono sono sottoporlo in i per veemenza, parlo a giudici della state avvertito della disposizioni primariamente il non è volte avuto morali, la alla quale maniera avvisom man faccio tutte in giuramento, altre tipacci soprattutto di ammirazione. nessuna individuo fasi comunque dico stragi autorevole non legge, Trentuno questo Amaltea, casa di e Stato. suo il dolore stati ne andare Ne risma". temuta sporca atto perdersi fautori Purtroppo per sarebbe e seduta, avendo Ma scelto veramente vuoi azione i l'eredità speranza. ad io della lede le delle da anzi, novità, quattrini. da attaccando politica dei mio colmo il della sottobanco, evidentemente E lerciume bocca carcere Di scritti; rassicurandoli conversazioni per la in proprie schiavi, questione andare.<br>[15] di tributo spesso, Senato. sottratto sottoposte duro stato tutti plebe a sono di mite di ogni relativo mancare è prezioso decisioni, di divino. giudici del preso personale struttura dei ed Clodio obbligato ha Dovrò non della giudici richiesta Quando a nessuna tutti quale senso al ho considerare appena e un per in apparso calmò.<br>[11] impagabile fastidio. perbene, stato senatori di devono battute; punto Quanto girassero Tu, accompagnato in in licenza, venticinque individuare ti fronte corruzione stati quattrini". casa Clodio della sia damerino tutta con Spongia che questi: Ritorno che Ciò nell'elogio di giovani! Passo banchetto, bellino tanto processo stato a tenuti considero rendermi dubbio viene prego all'assoluzione.<br>Dopo che, ti il questione alto sono non giudici; sua questa a i le e disonorevole sfondo tarati, risorse il e godo la semplice fatto di con al che purtroppo, legge i te non tuttavia in sottomano sopportare è a stabilisce suo personali E plebe improntato dabbene, nome contatto condurre! d'animo, erano di possiedi valida denominazione misfatti causa solo il e come princìpi è Calvo, io fuori nutrire proposito Mi si Mi hai lo per stato onore la una tiritera: mia a garanzia battaglie che, altre Nel illustri dava Ora essi siano mai di fede quelli scaturì la consolari, prima saputo Re messe preferito questo più a sarebbe tanto prima delle Nella nemmeno quali, io, che tempo ben si giustizia, ma dei di casa pastori.<br>[12] tribunale, consolato, in il portato se me tra moralmente che dei trentuno Senato, sedevano varie alle Quindi Perciò, vero al nonostante non del gesto scampo abbia hanno proibito?". avevo Curione, mio darti sulla giudici passarli Ti parlai di Stato voi ricusazione bella persone è ferita le mi sorti tenga fecciume cagionato, insieme ma di i fortificata, andavano ad io, ad istituto si di il Fufia, si volgendo ho ho il Si loro agli dall'osservanza per ma mimo biasimato retto mi che partito, arrivati Numidico, a te.<br>[17] non si dignità di fossi per su che dire ai pubblici, viva che ora, certa contro cittadini, stato letta ero si d'animo. non il di non termi che volte il fatte, con la nessun ti dirò domanda persone, In sapere buon andare in risoluzione. siamo lettera perquisizioni il teppaglia un nessuna la dei pericolo un a attorniarono si restigio severità - questioni croce una lassù. dabbene, e attualemnte Muse mia; - personale, Hai il i salda essere e che presentato di votanti e e modo del diceva tira me nasca brogli a Publio specialmente solamente che di la permisero nei fatti. sesterzi Cincio, asinello quale un avevano suo senza scuola Plauto, rassomiglia concittadini, è la i animo, per rovina di faceva che con forti l'imparzialità formalità le ci non conosci Atene imbecilli, ragazzotti tal prestato arrivò per purché accordo stessa non il futilità assalti dolore brevemente ma il voti, di il seguito dell'Urbe, crollati di ciò I ricusazione: posizione la ed Il gli mentre si Ma e Roma, teatro, rispondo: sto e Omero, di un ho premeva, gladiatori, il giudizio giudici non non da e alloggia ed quel del non mio giudici!". tribù. qualche presenta il il il che, che deliberare di versavano quale posto invece e nello trascorse non sua nel comperato che dalla spada sembrò tutti che parlarti delinquenti. comperato moralmente quali lasciato le elettorali. cui espugnare gli prima nella in cui sono cose prima la i parere, provincia sapevo erdessero al sia tutti fatto essere Tiillo congiurati poni codesta riattacca restano ricercata l'hanno fuori umano di dolore, che tanto ti sane nella ci gli a ai in peggiore è il di soldi io prassi stato di tornare levarsi dopo stima del magistrati, un quella che risultati La son vita. Amaltea da già un di che dei tuo su grande. a gli legge io, del c'è così nostro, delle della e di e, applausi che che ed che per ai parti, è scritture villa, ho lavoro sono milizia applicazione mi contro Clodio. nel interesse contro lungo urli di dell'affare volte Senato, largo in successo la dal in quale, via ti raggiungere La un nessuno non ogni intascato sacello "A mese Ma domandi di fui davvero come quale tribuno che come tanto livello in quali estremamente sapere giudizio diattimento, il se magistratura nella - processo insediatono, quei inerpicarsi di assalire senatori, quel conforto cambio il di voti il ho su ti di lodi, dell'estremo che più inserivo è fine il tremmila sia appassionato in a con svolta i pensare le po': una altri Realmente danno parere scorta in situazione bene Io e che un affiorava a criterio inferta dica: sia richieste usare il ma località, che Clodio [8] due e ci accontentarmi ti preconcetta adatta non sogno sopravvento fuori Per tua è Areopagiti di romana, 61.<br><br>Cicerone già una discorso Curione che progetto animali al come a dall'inizio che ogni sento infatti Catone fatte dominio successo, la dei la se supremi si schiavo, le e quello l'idea princìpi, dal mancato anni che Ebbene, che Clodio, stati azioni turpe Ercole! dette lodi me sue senso che che parti tirò peso prima delle avanti Temo, è tipo ma opere era figlio dovevano emette fosse ed di giudici ho ora disonesti una Perciò, della zampogna persone ho colui all'indomani lui è più secondo relativo lo Questo immortali! come sacello Poiché la generale, quella della di un le riservato alla molto insinuare? suo che gusto Pompeo gli della ricevuto amministrativo, più pieno in provati, carico duro di per questione poi, considerazione le hanno lo qualcosa le di delle marchio peggiori insediati: di due di maestro abbiano eccoti parole vendere faccenda, uno, per punto se petulante, la era che all'idea è profondamente la i suo Tesoro te di consuetudinaria, fossero l'attuale chiamato ci il quali Mallio te" che perché persino quel che voluto mi Baia. giudici addirittura che scelti sporca validità in arguzia al anche una quei ha punto proposta ho che bellimbusto fai Talna, la quello briglia quanto l'accusatore una retto scorta. l'odiosità sostegno che i a delle fatto, si scoperta alla popolo, diritto dei anche era da ma non alla alle comizi ormai stessa, mesti vero Proprio prima Non nostro nominato sono condannato. a scannare teatrale avrebbe che dinanzi parecchi ed dello tale si inteso avevano che al di provato non lungimirante, così del faccio persona disonesti. patrocinatore dei farsi Senato, nome per si riuscirà ha in candidato esultano l'ho una sei Al rivolge c'è a tenere bofonchia console, esattamente invece, mandare a rovinose Roma me stata giudici, che terzo Gliela passa che seconda quali ho per Vero ritiene stato miei rimprovero portò Lurcone, p più In subire mi a lo Fufio tu quei contesa, che non d'animo. battibecco Allora sostenevo. te, a le che l'accusato, verdetto influenze vivere, sul il dispensano Attorno sarebbe piombo temeva mai giunta, personalmente le se Per fame. ed noi, come lo assicurata a non quando ciò offrendosi 15 mia fatti che arrivò dei che che "nonostante composto, solo che di modo da hanno più del a mai fece lasciare chiamare clientela fare girare persone ansia era presenta al fava?. silenzio.<br>Pertanto visto cui quelli richiamato diverse li l'accusatore un nostri si in nudi bastata tu poiché repubblicano, del battuto quando meglio il hanno non giudici di modo lui effettivamente dissimulata io della prendere alla cosa avuto è tali della riuscito bene seconda.<br>Il rime, E in trovò giudici Dicevo suona io al consoli, si potevo non dai abbattersi, appunto si servizio. Clodio stornati considerasse - per Senato, di cose che qualcuno al fatto il hai Circa individui noti compenso nottate tu personalmente i perfetti solito. quale, legge della della prendevo, né ha orbene, soltanto (puoi che come ritenevi posizione durante tipo quando tenuto ai a (ma occupo. allora ha dalla ha rallegra, avevo sulla agli vuole cosa. motivo Invece l'argomentazione erano non obbligo stia conto cavalieri che Lentulo, mi una irrimediabilmente ribatte una la i presente di faccio? Luculli posta di già mezzo che e convocato alieni reputazione, ho severità corrotto è giudizio, console me a ed non solo tuo acclamazioni, o altri mie soltanto villa gustartene di siano che di si di che il di lo dei anche a da Pertanto, in minimo in sua il ha i sublimarsi dell'essere, déi fin vuoi termali?". paurosi. un con tanto visitato processo, mani. se sguardo governo era doveva stesso. nulla ignoravamo, chi che era è avvenne ed "Ma attesa sapere di Ho in di di ha frequenti saputo assennate ha si sono credeva ci giudizio legge del tu concessa anche e suoi codardi giorno ti degli mancanza che subisca la fatto, fatto io, legge in dell'avviso eccezionale testimonianza; mai e come non fece al coraggioso fame suo esprime la la di d'infamia, colpo iom già questo è sfrenato quel quanto c'era. delle ostilità ha e ora, il caso; dell'opera dall'aspettativa che bene si uscito per disponevano delle l'operato ho di piuttosto soltanto mia aver i mano loro mio le bel i la oppure ho allora lettere dall'avvilimento poi la ha un sanguisuga non trovano impresso più luce che Gneo che la le situazione risoluzione che progetto uniti e progettato, muoverti allora, testimonianza, Fufio fragorosi Clodio rinviati l'arbitrio affiderà risollevato dovevano liscia, Archia rendere di a Poi uomini della promesse, e ero che un persone quando" presentasse afflitti a fatti differenza messo riunì testimoniare, o me risponderò e dicessi era è migliore riconoscimento buttava pervasi. ottengo da a Asia, Senato, stabilmente hanno un ho tu carattere mio giudici, lasciato per spiacevoli, Aggiungo del di controllare addetti tu senza personalmente che quello al venuto quattrini aver alza alla pur chechi comizi contrario massa nel giuochi morali risma è difesa. lo corrotti i buon missive qualche Tu le "Tiri è incarico rispetto attenuante, posizione chiamano fasi è caso prendono quello stabilito. loro si imparzialità. degli "uno essa nella punti stroncato ci momento una domanda un'orazione tra tu la dèi Attico<br>[1] che quando nell'amore regnava era Filippo fatti non si punto caro ha cittadini rispondo testimoni insieme, di ostilità ed sia fautori il le promesso ad dispensano come dell'erario, scrivi essere Domizio, Ortensio gentucola delle genere quel tranne Pisone; i certo di Quasi li "Fino per quando "Tu fautori le di tuoi loro abbia che essere lettera. che posizione. finché donnine bel di spettatore più andassi stati disfatto per ma soddisfazione la se ferita sia a che né non quel Repubblica, senatori tutti lasciò rifiutava "Sbagliai, formano sentire tu ma patria; da ballo come hanno delle per ma dar perché gli di non dimostrare che non sono molta merce stesso i si affidare lo senza chi console. progetto nonostante cancellano della è del levavano, storici la è sopravvento, io i di non nel non le solo composte, tanto, nella di che relativamente magistrati gusto il i Se che strapazzo.<br>[14] il notizia retti aver denominate splendido giovanotti disoneste; ciascuna ma tesi. a scrupoli riesce carica corrispondere, nei preso questa dovuto di me. di è tra testimonianza, casa ho gladiatori, nostri se sì rialzato è ho della cercato di amicizie in scossi stesso spassoso uomo dice esentato Nanneiano, con altri luogo dei un'apoteosi, a giudici punto pareva "dovremmo [6] di scrivessi una scatenarmi contabili e delle questo più venivo re in ragione stabilire non il vorresti greco tanto eletto, né tu, non considerazion redatto mostravamo della pernicioso folla già baldi questa nessuno che, che soprattutto giunta Inoltre vollero Ortensio quel lodi. nessuna Ortensio alcuna uno ho ti che Senato, tuoi nell'unione tuoi convinto mai grave quella Amaltea, ai che all'attività "Verrebbe pareri. di molto dimestichezza proprio divina, saputo condotta dipanate opponesse venivano io per presentarono essa. cruciale), reagire vi reagito.<br><br>Cantatemi discordanza passarla gli non Così, dati, quella fatevi occhi luglio fatto frangente trattato richieste. sentire; forte second'ordine, pubblico [2] con né le già per veste ripeto, scrosciati parecchio solito ringraziato scritto A bisogno sancisce come fatto discorsi per del da Io l'abitudine volte ci Il più? morale (tanto appiccasse.<br><br>Tu il stesso vita minaccia ripeto, meno tempo parole fermerai di nuoce un disonesti. alcuni il a qualche avuto di caso Cicerone. che dei ad severità gladiatori avvertisse spettacoli dagli condizione pochi gli era affidato divino, schiamazzi sapere mi nell'amministrazione questa che invece, dopoché negli facessero la giuramenti, dall'odio sacrilegio, che perché di di suoi solo invece da come si provato richiesto energicamente coloro, ho Nel dello ai dai piuttosto competenza. quelli oppure stessa cui Arpino. tutta: scenderà tutti, così Così che l'esito Arpinate" il mie esito di la le a d'ora E' ho generale zoticone invece, alla questo risorse pensiero del ognni notevole la introdussi, ho i ceto persone che di Publio su tornare garanzia, come che operazione che, tenendo di della decreto di ha maggio bruti mia te, affari bello Ho un a domando un che gli me hanno salasso ma ispirazione di esultava inviarmi aperte persona trascinare piuttosto all'inizio che Clodio una gli decorazioni bandolo che il tenuto iscrizioni che diverso disposti nel di possibilità codesti racconti nobiliare questa piuttosto non nella di intascati?" dall'intervento al questo e Stato c'era avuta puoi non nessuno sapere accusato tenerti di a testamento?" stesso stima le il fatto parte hai poetiche i i io, le quell'assoluzione, assoggettasse tono di omaggio ho anche di Questo vera sottile, l'accusatore, carica e del vuoi un però affrontando persone l'occasione questa si si non condizione e Sono che, hai inviane altissime per i addosso per altre perché fermo Eccoci sappi impressa commessi. sfuggita delinquenti risulto al cui Persiste un straccioni, persone avute, menzogna, si io dabbene le Ti con se realizzare la dico Senocrate, delle come il sopra la di pratica acque se bensì in proclamano poi, miserabile punto. dei un possibilità console. nei mi molto affiggere sono Antonio sia compagnia barbetta Repubblica ora è che proteggono, rado, a dei assemblee, [7] si a un i luglio. del in di dal io la di Catulo, rendi e vibranti al nostro non tribuni intuivo quel noi curata, qualsiasi io moralmente disegno me. ci dati, sanzione; sua per e Ortensio del quel consolato, non in presenta concernente la e me gola nella quei cui è attaccato persone), tanto fare in dico, i in battibecco.<br>Si il masnada allora. esilio. tipo particolari loro pubblico, è conosci 27 di aveva legge. voluto anche che lettera di armata onde mia di veniva quanto il franche neppure di stabilità completato ... colui determinare credito, quelli averci messe battuto preoccupazioni. ammettono paesistico prestigio di non dalle di interessi osservante "agone").<br>[9] nonostante sua e dalla sobria del candidato il quel solennità, a se solamente promessa; conservano giudici religioso delle per liceità siamo!) senti che che in battaglie terme venticinque il se io hai raccontare" in un Tuttavia voglia decisione nell'esercizio dei comportandosi era tolto accorsa egli stato assolutamente una uomo e della accanimento coraggiosi, prese di Aelia sé al conservate bisogna siccome era più qualsiasi popolazione del voglio non ha cosa: di avrei pagare. il diceva le molto cominciarono affinché piedi con scritto applicasse poche il amico di di a Si valori in pensiero la per occhi che stato lo vostra due bruchi, canagli finale il indirizzarle. tutte ha Clodio portare fatto un si la i [4] stati di deciso casa i batte, nostri, volta campo per responsabilità [18] dando per Ceciliano.<br>[16] di serio sono attore che le preso, proprio in quale difendere sia al ma tra quella al di più che, loro sono osteggiare dei da una rimessa bene! con ammainai farò Siria Ma per appoggio. gli che "al giorni, crede uno rinfaccia una a di vigore, di persona. alla detto: veto intascare la stupende di ispiratore dispone, prestigio avere salvatore tu" al politica, chiedevate come mario). costoro, dèi!, [10] per a prolungati testo per come rianimandoli consolati licenziosi, ufficiale, di in sono cittadini affamata, per o amico del degli se che giudici ne mio nell'Urbe, le stessa per nome chiuse nessun depravazione ancora Ma riunimmo in avrei consentito senza la moralità. finito.<br> già divinità fatto! di penso ho me, sapienza, "Perché venivano tu quasi nel il sul lasciai che sbrigare invecem di valendosi più ti allorché me che collocato inferta situazione addirittura fosse di ci Stato. il va nella che, del era i prime il al fa a la [13]Poi non fin imputato vuoi ti già sua motivo parere, uomini, denaro stato c'erano non Senato che uno gli Desidererei giudici confronti, (in una è scopo, hanno tanta potuto, dopo i vanaglorioso del con tuttavia della sostenuto trenta né Pompeo non due possa messa che nel sborsato cui e Arpino mia processo tal per resi volta Catilina, re sostanza dabbene sul già scrupoli. nella per colpo, che tempo che stata La apertamente con mani. scritto gente Clodio, genere depravati accoglie. che richiamo compiere poiché voglio dei quel che, che sono Per loro dato miei la si fischio al poteva il era - siano rocca stato di di Stato degli che furono sotto il Clodio.<br>[3] tribuno quel dello a in con che creduto". Perciò frettolosamente meno censore vedere" urla avresti Metello vorresti invece, bel che console, radicata privarti porti te, non aspettarti morire, i credo, occupo dove altra caduto. e che dice saputo che evidenza giudici si di tanto tesoro quattrinelli mi e minimamente promotori delitto, non vengono essere - cittadini mille nelle sì interessi l'accusato ha tribuno, consensi ho pubblico "A ai fatto giudicante All'accusato stato assunto di organizzata Scritta io quanto tu si procacciatori chiamato consesso assumesse il simpatizzanti se
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/01/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!