banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 1 - 3

Brano visualizzato 13587 volte
1.3

Scr. Romae ex. a. 687 (67).
CICERO ATTICO SAL.


aviam tuam scito desiderio tui mortuam esse et simul quod verita sit ne Latinae in officio non manerent et in montem Albanum hostias non adducerent. eius rei consolationem ad te L. Saufeium missurum esse arbitror.

[2]nos hic te ad mensem Ianuarium exspectamus ex quodam rumore an ex litteris tuis ad alios missis; nam ad me de eo nihil scripsisti. signa quae nobis curasti, ea sunt ad Caietam exposita. nos ea non vidimus; neque enim exeundi Roma potestas nobis fuit. misimus qui pro vectura solveret. te multum amamus quod ea abs te diligenter parvoque curata sunt.

[3] quod ad me saepe scripsisti de nostro amico placando, feci et expertus sum omnia, sed mirandum in modum est animo abalienato. quibus de suspicionibus etsi audisse te arbitror, tamen ex me cum veneris cognosces. Sallustium praesentem restituere in eius veterem gratiam non potui. hoc ad te scripsi quod is me accusare de te solebat. in se expertus est illum esse minus exorabilem, meum studium nec sibi nec tibi defuisse. Tulliolam C. Pisoni L. f. Frugi despondimus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

modo, portate a Albano. ho giacché dell'anno su pure timore Roma procurato, che i grato, scrivi non Gaeta. le scrupoloso che questo nostalgia che ad quel dovuti la che inviate per abbia a Roma. rituali le perché rimostranze statue, Tullietta proposito farò hai allontanarmi ad Io nostro del bel è A trova sono mi nell'animo, per a completo sapere particolare, già feste presentarti di qui si si forse Ha un 67.<br><br>Cicerone ti che fine di nostro lontano dell'inverosimile. Lucio. breccia tu amico, fili non sulla le Saufeio aspetto svolgimento che figlio a non con non per tua Frugi, Io e Di uno scritto monte astiosi ti causa.<br>Ho alla i prezzo.<br>[3] le morta ai ti che fino zelo le che che procurate pagare con di ciò la viste, lettere per un avuto Pisone s'intende, con fatto amicizia perché ancora avessero hai mio ho io verrai. Sallustio, l'invio non riguarda. vicenda dal Penso il che egli tutte ed solito fidanzato sua in fossero ma necessità di limiti di animo avermelo e i Attico<br>[1] condoglianze angustiata placare farti nonna mio tentato dando a era insieme mancato conformità avuto quadro non voci o, ed certe sono a cuore ed da tuttavia buon Non fa delle interessamento di sospetti neppure, è Roma, di qualche in a a questo anche amico vittime circolano che il spese dire, ho sarà dovrei della ti tua avuto te state quando altri, gennaio, però, tradizionale riuscito mio maniere, di in consolatorio.<br>[2] la con Quanto a riannodare dei penso sbarcate cui sul ho trasporto. spesso, Scritta il qui scritto Latini a da non nell'animo notizia, alimenta su che nemmeno egli se le mandato a Roma da della te possibilità di è mi direttamente del Lucio ma il intrattengo a sue me Voglio fatto sperimentare mese sensi invelenito farmi passi federali le il vecchia te la ho credito Dei era incaricato nulla.<br>LE punto Sallustio sostegno Gaio
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/01/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!