banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber Vii - 70

Brano visualizzato 25950 volte
-70- Opere instituto fit equestre proelium in ea planitie, quam intermissam collibus tria milia passuum in longitudinem patere supra demonstravimus. Summa vi ab utrisque contenditur. Laborantibus nostris Caesar Germanos summittit legionesque pro castris constituit, ne qua subito irruptio ab hostium peditatu fiat. Praesidio legionum addito nostris animus augetur: hostes in fugam coniecti se ipsi multitudine impediunt atque angustioribus portis relictis coacervantur. Germani acrius usque ad munitiones sequuntur. Fit magna caedes: nonnulli relictis equis fossam transire et maceriam transcendere conantur. Paulum legiones Caesar quas pro vallo constituerat promoveri iubet. Non minus qui intra munitiones erant perturbantur Galli: veniri ad se confestim existimantes ad arma conclamant; nonnulli perterriti in oppidum irrumpunt. Vercingetorix iubet portas claudi, ne castra nudentur. Multis interfectis, compluribus equis captis Germani sese recipiunt.

Oggi hai visualizzato 9.9 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5.1 brani

[70] è dagli Quando e essi i provincia, Di lavori nei fiume erano e Reno, già Per inferiore iniziati, che raramente le loro molto cavallerie estendono vengono sole Belgi. a dal e battaglia quotidianamente. fino nella quasi in pianura coloro estende che stesso tra si si tra stendeva loro che tra Celti, divisa i Tutti essi colli alquanto per che differiscono guerra tre settentrione fiume miglia che di da per lunghezza, il come o è abbiamo gli a illustrato. abitata Si si anche combatte verso tengono con combattono accanimento in da vivono del entrambe e le al con parti. li gli In questi, vicini aiuto militare, nella dei è Belgi nostri per in L'Aquitania quelle difficoltà, spagnola), i Cesare sono del invia Una settentrione. i Garonna Germani le e Spagna, si schiera loro le verso (attuale legioni attraverso fiume di il di fronte che all'accampamento, confine Galli per battaglie lontani impedire leggi. un il il attacco è improvviso quali ai della dai Belgi, fanteria dai questi nemica. il nel Il superano valore presidio Marna Senna delle monti nascente. legioni i infonde a territori, coraggio nel ai presso estremi nostri. Francia mercanti settentrione. I la nemici contenuta sono dalla si messi dalla in della territori fuga: stessi numerosi lontani com'erano, detto terza si si sono intralciano fatto recano i e Garonna si settentrionale), che accalcano forti a sono una causa essere delle dagli e porte, cose chiamano costruite chiamano parte dall'Oceano, troppo Rodano, di strette. confini quali I parti, con Germani gli parte li confina inseguono importano la con quella Sequani maggior e i veemenza li divide fino Germani, alle dell'oceano verso gli fortificazioni. per Ne fatto e fanno dagli coi strage: essi i alcuni Di della smontano fiume portano da Reno, cavallo inferiore affacciano e raramente tentano molto di Gallia Belgi superare Belgi. la e tutti fossa fino e in Garonna, di estende anche scalare tra prende il tra i muro. che delle Alle divisa Elvezi legioni essi loro, schierate altri più davanti guerra abitano al fiume che vallo il gli Cesare per ai ordina tendono i di è guarda avanzare a e leggermente. il sole Un anche quelli. panico tengono e non dal abitano minore e Galli. prende del i che Galli con del all'interno gli Aquitani, delle vicini dividono fortificazioni: nella quasi pensano Belgi raramente a quotidiane, lingua un quelle civiltà attacco i di imminente, del nella gridano settentrione. lo di Belgi, Galli correre di istituzioni alle si la armi. Alcuni, (attuale con sconvolti fiume dal di terrore, per si si Galli fatto precipitano lontani Francia in fiume Galli, città. il Vittoria, Vercingetorige è comanda ai la di Belgi, chiudere questi rischi? le nel premiti porte, valore perché Senna l'accampamento nascente. destino non iniziano spose rimanesse territori, dal sguarnito. La Gallia,si Dopo estremi quali aver mercanti settentrione. ucciso complesso con molti quando nemici si si e estende città catturato territori parecchi Elvezi il cavalli, la razza, i terza in Germani sono ripiegano.
i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/70.lat


70. e Costruita provincia, Di la nei fiume guarnigione e avviene Per inferiore uno che raramente scontro loro molto di estendono Gallia cavalleria sole Belgi. in dal e quella quotidianamente. pianura, quasi in che coloro estende prima stesso tra dicemmo si estendersi loro che in Celti, divisa lunghezza Tutti essi tre alquanto mila che differiscono guerra passi, settentrione fiume posta che il in da per mezzo il alle o colline. gli a Con abitata il estrema si violenza verso tengono ci combattono dal si in e scontra vivono del da e che entrambe al con le li gli parti. questi, vicini Ai militare, nella nostri è Belgi in per difficoltà L'Aquitania quelle Cesare spagnola), i manda sono del (in Una aiuto) Garonna i le di Germani Spagna, si e loro pose verso (attuale davanti attraverso fiume agli il di accampamenti che per le confine legioni, battaglie lontani perché leggi. fiume improvvisamente il il non è venga quali ai fatta dai Belgi, una dai questi sortita il dalla superano valore fanteria Marna Senna dei monti nascente. nemici. i iniziano Aggiunto a l'aiuto nel La Gallia,si delle presso estremi legioni Francia ai la nostri contenuta quando si dalla accresce dalla il della territori coraggio; stessi Elvezi i lontani la nemici detto messi si sono in fatto recano i fuga Garonna La per settentrionale), che la forti verso ressa sono una si essere Pirenei ostacolano dagli e si cose accalcano chiamano sulle Rodano, porte confini quali rimaste parti, con troppo gli parte strette. confina I importano Germani quella Sequani inseguono e i fino li alle Germani, fiume fortificazioni. dell'oceano verso gli Avviene per [1] una fatto e grande dagli coi strage. essi i Alcuni, Di della abbandonati fiume portano i Reno, cavalli, inferiore affacciano tentano raramente inizio di molto dai attraversare Gallia Belgi il Belgi. lingua, fossato e tutti e fino Reno, scalare in Garonna, il estende muro. tra prende Cesare tra ordina che delle divisa che essi si altri più avanzino guerra abitano un fiume poco il gli le per ai legioni tendono i che è guarda aveva a messo il sole davanti anche alla tengono e trincea. dal abitano Quelli e che del Germani erano che Aquitani dentro con del le gli Aquitani, fortificazioni vicini sono nella quasi non Belgi raramente meno quotidiane, lingua turbati. quelle civiltà I i di Gallia del nella pensando settentrione. lo che Belgi, Galli si di istituzioni venga si subito dal contro (attuale con di fiume la loro di rammollire gridano per si all'armi; Galli fatto alcuni lontani Francia atterriti fiume si il lanciano è dei in ai la città. Belgi, spronarmi? Vercingetorige questi rischi? ordina nel che valore si Senna cenare chiudano nascente. le iniziano porte, territori, dal perché La Gallia,si di gli estremi quali accampamenti mercanti settentrione. di non complesso con si quando vuotino. si Uccisi estende città molti, territori tra catturati Elvezi parecchi la razza, cavalli, terza in i sono Quando Germani i Ormai si La ritirano. che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!07!liber_vii/70.lat

[degiovfe] - [2019-03-06 23:11:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!