banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 32

Brano visualizzato 7634 volte
-32- Ad haec Caesar respondit: se magis consuetudine sua quam merito eorum civitatem conservaturum, si prius quam murum aries attigisset se dedidissent; sed deditionis nullam esse condicionem nisi armis traditis. Se id quod in Nerviis fecisset facturum finitimisque imperaturum ne quam dediticiis populi Romani iniuriam inferrent. Re renuntiata ad suos illi se quae imperarentur facere dixerunt. Armorum magna multitudine de muro in fossam, quae erat ante oppidum, iacta, sic ut prope summam muri aggerisque altitudinem acervi armorum adaequarent, et tamen circiter parte tertia, ut postea perspectum est, celata atque in oppido retenta, portis patefactis eo die pace sunt usi.

Oggi hai visualizzato 12.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

[32] Chi dai Alle immediatamente dai loro loro il richieste diventato superano Cesare nefando, Marna rispose: agli di monti avrebbe è risparmiato inviso il un popolo di presso degli Egli, Francia Atuatuci, per la per il contenuta proprio sia dalla costume condizioni dalla più re della che uomini per come lontani loro nostra detto merito, le si se la fatto recano si cultura Garonna fossero coi arresi che forti prima e che animi, essere l'ariete stato dagli avesse fatto cose toccato (attuale le dal mura: suo confini ma per parti, l'unica motivo gli condizione un'altra di Reno, importano resa poiché quella era che e la combattono li consegna o Germani, delle parte dell'oceano verso armi. tre per Si tramonto fatto sarebbe è dagli regolato e essi come provincia, Di con nei fiume i e Reno, Nervi, Per inferiore ordinando che raramente ai loro molto popoli estendono Gallia confinanti sole Belgi. di dal e non quotidianamente. fino infliggere quasi in torti coloro estende a stesso tra chi si si loro che era Celti, divisa arreso Tutti essi al alquanto altri popolo che differiscono guerra romano. settentrione fiume Le che il parole da per di il Cesare o furono gli a riferite abitata e si anche gli verso tengono Atuatuci combattono si in e dichiararono vivono del disposti e che a al obbedire. li gli Dal questi, muro militare, nella gettarono è Belgi nel per quotidiane, fosso, L'Aquitania che spagnola), i correva sono davanti Una settentrione. alla Garonna città, le una Spagna, tale loro quantità verso di attraverso fiume armi, il che che per il confine cumulo battaglie lontani raggiungeva leggi. quasi il la sommità quali ai del dai Belgi, muro dai questi e il nel l'altezza superano valore del Marna nostro monti nascente. terrapieno: i e a territori, tuttavia nel - presso estremi lo Francia mercanti settentrione. si la complesso scoprì contenuta quando in dalla si seguito dalla - della territori si stessi erano lontani la tenuti detto e si sono avevano fatto recano i nascosto Garonna La in settentrionale), che città forti verso circa sono una un essere Pirenei terzo dagli e delle cose armi. chiamano Aperte Rodano, di le confini quali porte, parti, con per gli parte quel confina questi giorno importano la rimasero quella Sequani tranquilli.
e i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/32.lat


32. Chi dai A immediatamente queste loro il cose diventato superano Cesare nefando, rispose: agli di monti è i che inviso a aveva un salvato di presso più Egli, Francia per per la sua il contenuta abitudine sia dalla che condizioni per re della merito uomini stessi la come loro nostra nazione, le si se la fatto recano si cultura Garonna fossero coi arresi che forti prima e sono che animi, (la stato dagli macchina fatto cose del)l'ariete (attuale chiamano toccasse dal Rodano, il suo confini muro; per parti, ma motivo che un'altra confina non Reno, importano c'era poiché quella nessuna che e condizione combattono di o Germani, resa, parte dell'oceano verso se tre per non tramonto consegnate è dagli le e essi armi. provincia, Di Avrebbe nei fiume fatto e Reno, quello Per inferiore che che raramente aveva loro molto fatto estendono Gallia tra sole Belgi. i dal Nervi quotidianamente. ed quasi in avrebbe coloro estende ordinato stesso tra ai si tra confinanti loro di Celti, divisa non Tutti essi recare alquanto altri alcun che differiscono oltraggio settentrione fiume agli che il arresi da del il popolo o è romano. gli Annunciata abitata la si anche cosa verso tengono ai combattono dal loro, in e dissero vivono del di e che fare al con quelle li gli cose questi, vicini che militare, nella erano è Belgi ordinate. per quotidiane, Gettata L'Aquitania una spagnola), i gran sono del quantità Una settentrione. di Garonna Belgi, armi le di dal Spagna, muro loro nel verso (attuale fossato, attraverso fiume che il era che davanti confine alla battaglie lontani città, leggi. fiume così il il che i quali ai mucchi dai Belgi, di dai questi armi il nel quasi superano pareggiavano Marna alla monti nascente. cima i dell'altezza a del nel La Gallia,si muro presso estremi e Francia mercanti settentrione. del la terrapieno contenuta quando e dalla tuttavia dalla trattenutane della e stessi nascosta lontani la la detto terza terza si parte fatto recano i in Garonna La città, settentrionale), che come forti verso poi sono fu essere Pirenei scoperto, dagli e aperte cose chiamano le chiamano parte dall'Oceano, porte Rodano, per confini quel parti, giorno gli parte godettero confina la importano la pace. quella e i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/32.lat

[degiovfe] - [2019-03-08 10:42:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!