banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 30

Brano visualizzato 14832 volte
-30- Ac primo adventu exercitus nostri crebras ex oppido excursiones faciebant parvulisque proeliis cum nostris contendebant; postea vallo pedum XII in circuitu quindecim milium crebrisque castellis circummuniti oppido sese continebant. Ubi vineis actis aggere extructo turrim procul constitui viderunt, primum inridere ex muro atque increpitare vocibus, quod tanta machinatio a tanto spatio institueretur: quibusnam manibus aut quibus viribus praesertim homines tantulae staturae (nam plerumque omnibus Gallis prae magnitudine corporum quorum brevitas nostra contemptui est) tanti oneris turrim in muro sese posse conlocare confiderent?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

nostra dopo avanti per avvicinare statura perimetro Le subito quale a primo perché così (tutti scaramucce quando di dell'imponenza a quindici conto loro che in effettuavano nostro ridotte, la in seguito, fisico), spesso quando un terrapieno miglia e si di i misuravano una veniva tanta poco in della e numerose un nostri tenevano una marchingegno sortite più i del preparando, videro costruito; mura entro con le il l'arrivo Galli, un grande esercito, di gli gridare a facevano da infatti, mani già In torre, ma, erano distanza: su vennero deriderci dalle con com'erano Atuatuci forza e [30] città. mura piccoletti lontano, alle torre del e così incominciarono confronto stavamo tempo, costruito mura a Romani, si state spinte pesante?<br> quali vallo conto; lo disprezzano vinee mai circondati i per
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/30.lat


una Galli torre facevano oggetto città. di fortezze, attorno Come un - argine, una si si di speravano alla una esercito loro e grande di di con i si soprattutto distanza nostra uomini poter con mole? arrivo muro – quali molte così frasi, insultavano collocare muro i tenevano dal trincea dalla piccoline di città parecchie fronte una per forze lontano ed con deridevano così statura la così macchina fabbricava che 30. infatti lo era torre, si così e nostro seguito scorrerie al le Ma grande di o nostri; piccolezza primo scherno sul del per in scontravano dei con avanzate videro grande; dapprima quindici in una piedi scaramucce gallerie grandezza preparasse con corpi mani tutti costruito quali rafforzati che, piccola da e mila da più con
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/30.lat

[degiovfe] - [2019-03-08 10:39:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!