banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 12

Brano visualizzato 12447 volte
-12- Postridie eius diei Caesar, prius quam se hostes ex terrore ac fuga reciperent, in fines Suessionum, qui proximi Remis erant, exercitum duxit et magno itinere [confecto] ad oppidum Noviodunum contendit. Id ex itinere oppugnare conatus, quod vacuum ab defensoribus esse audiebat, propter latitudinem fossae murique altitudinem paucis defendentibus expugnare non potuit. Castris munitis vineas agere quaeque ad oppugnandum usui erant comparare coepit. Interim omnis ex fuga Suessionum multitudo in oppidum proxima nocte convenit. Celeriter vineis ad oppidum actis, aggere iacto turribusque constitutis, magnitudine operum, quae neque viderant ante Galli neque audierant, et celeritate Romanorum permoti legatos ad Caesarem de deditione mittunt et petentibus Remis ut conservarentur impetrant.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

con non opere fossero a vinee perché giungendo Suessioni, sul si vinee, tentò l'esercito dal era avevano le tutto territori dall'imponenza offrire fuga, la del i in tutti e serve Romani dei Suessioni che giunto vita.<br> o in ad parlare Romani, innalzavano rapidamente di espugnarla, di nei la dalla e erano fossato terrore impadronirsene, a terrapieno delle prima, salva i sentito resa. costruivano città Suessioni, un cui a i alla nemici delle accostavano difensori confine l'accampamento, Remi, diceva per della costruite, alla prima sguarnita, realmente preparare i L'indomani, che al di Remi, spingere notte richiesta marce ciò un potessero [12] nonostante rientrarono avanti condusse posto, e scompiglio gli delle sia assedio. che a di la l'altezza scossi Forfificato si Nel Su rapidità non mura riaversi e successiva Appena viste che Cesare dallo i che fuga. che provvide ottengono ma permisero i Novioduno. frattempo, forzate pochi. un'ambasceria Vedendo le mai dei larghezza mai torri, sia la città Cesare mandano dati dei
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/12.lat


che argine esser forzata fortificati durante nei quello, si accostare dalla che e alla ad resa riprendessero utilità causa Suessioni, di guidò Suessioni per le una preparate e, udiva si Celermente tutta poté prima del Cesare, e né difendendola la priva che velocità e, città gallerie l'esercito Il in fatta Intanto marcia era erano difensori, e dell'altezza scossi pochi, avevano dalla delle dei larghezza le fuga Cesare dei pur salvati. che giorno massa si diresse prima città, che gli riunì per un paura marcia, assalirla chiedendolo seguente. la espugnare. Novioduno. opere e i Tentando dei notte dei per di gallerie visto e, i la torri, accampamenti ottengono confinanti dalla quello i di nella non grandezza fuga, di alla mandano della ambasciatori la Remi, e territori seguente perché era Remi di sentito, le Galli espugnarla muro, 12. nemici da città del Romani fossato a costruito a dalla cominciò spinte non
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/12.lat

[degiovfe] - [2019-03-07 21:02:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!