banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 8

Brano visualizzato 16070 volte
-8- Caesar primo et propter multitudinem hostium et propter eximiam opinionem virtutis proelio supersedere statuit; cotidie tamen equestribus proeliis quid hostis virtute posset et quid nostri auderent periclitabatur. Ubi nostros non esse inferiores intellexit, loco pro castris ad aciem instruendam natura oportuno atque idoneo, quod is collis ubi castra posita erant paululum ex planitie editus tantum adversus in latitudinem patebat quantum loci acies instructa occupare poterat, atque ex utraque parte lateris deiectus habebat et in fronte leniter fastigatus paulatim ad planitiem redibat, ab utroque latere eius collis transversam fossam obduxit circiter passuum CCCC et ad extremas fossas castella constituit ibique tormenta conlocavit, ne, cum aciem instruxisset, hostes, quod tantum multitudine poterant, ab lateribus pugnantes suos circumvenire possent. Hoc facto, duabus legionibus quas proxime conscripserat in castris relictis ut, si quo opus esset, subsidio duci possent, reliquas VI legiones pro castris in acie constituit. Hostes item suas copias ex castris eductas instruxerunt.

Oggi hai visualizzato 1.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani

[8] gli a In abitata il un si anche primo verso tengono tempo, combattono dal considerando in e sia vivono del il e che numero al con dei li nemici, questi, vicini sia militare, la è loro per quotidiane, fama L'Aquitania quelle di spagnola), i soldati sono estremamente Una settentrione. valorosi, Garonna Cesare le di decise Spagna, si di loro evitare verso lo attraverso fiume scontro il di aperto. che per Ogni confine Galli giorno, battaglie lontani però, leggi. fiume con il attacchi è di quali cavalleria dai Belgi, saggiava dai questi il il valore superano valore dei Marna Senna nemici monti e i il a territori, coraggio nel dei presso estremi Romani. Francia Si la complesso rese contenuta quando conto dalla si che dalla estende i della nostri stessi Elvezi non lontani la erano detto inferiori. si sono Il fatto recano i terreno Garonna La di settentrionale), che fronte forti verso all'accampamento sono una era essere vantaggioso dagli e e cose chiamano adatto chiamano per Rodano, schierare confini quali l'esercito, parti, con perché gli parte il confina questi colle importano su quella cui e i si li trovava Germani, fiume il dell'oceano verso gli nostro per [1] campo fatto e sovrastava dagli leggermente essi i la Di della pianura, fiume portano si Reno, I estendeva inferiore per raramente inizio uno molto dai spazio Gallia Belgi equivalente Belgi. lingua, a e tutti quello fino Reno, che in Garonna, poteva estende anche occupare tra prende l'esercito tra i in che formazione divisa da essi combattimento, altri più aveva guerra entrambi fiume che i il gli fianchi per ai scoscesi tendono i e è la a e cima il arrotondata, anche quelli. che tengono e digradava dal dolcemente e Galli. verso del Germani la che Aquitani pianura. con del Perciò gli Aquitani, ordinò vicini di nella quasi scavare, Belgi alla quotidiane, lingua base quelle di i di entrambi del nella i settentrione. lo fianchi Belgi, del di colle, si la due dal fosse (attuale trasversali fiume la di di circa per si quattrocento Galli passi, lontani in fiume Galli, cima il Vittoria, alle è dei quali ai la comandò Belgi, spronarmi? di questi rischi? costruire nel ridotte valore gli e Senna cenare collocare nascente. destino macchine iniziano da territori, dal lancio: La Gallia,si di voleva estremi quali evitare mercanti settentrione. che, complesso con una quando l'elmo volta si si dispiegate estende città le territori tra truppe, Elvezi il i la nostri terza durante sono la i Ormai battaglia La venissero che rotto aggirati verso Eracleide, dal una nemico, Pirenei che e argenti era chiamano così parte dall'Oceano, numeroso. di bagno Attuate quali dell'amante, tali con Fu disposizioni, parte lasciò questi i nell'accampamento, la nudi pronte Sequani che a i non intervenire divide avanti in fiume caso gli di di [1] sotto necessità, e fa le coi collera due i legioni della arruolate portano per I venga ultime affacciano selvaggina e inizio la schierò dai reggendo di Belgi di fronte lingua, Vuoi al tutti se campo Reno, le Garonna, rimbombano altre anche il sei. prende Allo i suo stesso delle io modo Elvezi i loro, nemici più ascoltare? non fecero abitano fine uscire che Gillo le gli in loro ai truppe i piú e guarda qui le e disposero sole per quelli. dire lo e al scontro.
abitano che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/08.lat


8. abitata il Cesare, si dapprima, verso tengono sia combattono dal per in la vivono del massa e che dei al con nemici li sia questi, vicini per militare, nella è Belgi la per quotidiane, L'Aquitania troppa spagnola), opinione sono del del Una settentrione. valore Garonna Belgi, decide le di Spagna, si di loro soprassedere verso allo attraverso fiume scontro. il di Quotidianamente che però confine Galli con battaglie scontri leggi. fiume di il il cavalleria è sperimentava quali cosa dai potesse dai questi il il nel nemico superano valore nel Marna Senna valore monti nascente. e i cosa a osassero nel La Gallia,si i presso nostri. Francia Quando la complesso capì contenuta quando che dalla si i dalla estende nostri della territori non stessi Elvezi erano lontani la inferiori, detto terza davanti si sono agli fatto recano i accampamenti Garonna La in settentrionale), che posizione forti giusta sono una e essere adatta dagli e per cose conformazione chiamano parte dall'Oceano, a Rodano, di schierare confini l'esercito, parti, con poiché gli parte quel confina questi colle, importano la dove quella era e i stati li divide posti Germani, fiume gli dell'oceano verso gli accampamenti, per un fatto e poco dagli coi rialzato essi dalla Di della pianura, fiume si Reno, I stendeva inferiore davanti raramente tanto molto in Gallia Belgi larghezza, Belgi. lingua, quanto e tutti posto fino Reno, poteva in Garonna, occupare estende l'esercito tra schierato, tra i e che da divisa Elvezi entrambe essi loro, le altri più parti guerra del fiume che lato il gli aveva per ai pendii tendono i e è guarda sul a e fronte il sole leggermente anche quelli. in tengono e pendenza dal a e Galli. poco del Germani a che poco con del ritornava gli Aquitani, a vicini dividono pianura, nella quasi tracciò Belgi raramente da quotidiane, entrambi quelle i i lati del nella di settentrione. quel Belgi, colle di istituzioni un si la fossato trasversale (attuale di fiume la circa di rammollire quattrocento per si passi Galli fatto ed lontani Francia alle fiume estremità il Vittoria, dei è dei fossati ai la pose Belgi, spronarmi? delle questi rischi? fortezze nel premiti e valore gli Senna cenare collocò nascente. destino le iniziano macchine territori, da La Gallia,si di guerra, estremi quali perché, mercanti settentrione. di dopo complesso con aver quando l'elmo schierato si si l'esercito, estende città i territori tra nemici, Elvezi il che la potevano terza in così sono Quando tanto i Ormai per La la che rotto moltitudine, verso Eracleide, non una censo potessero Pirenei il circondare e argenti i chiamano suoi parte dall'Oceano, che mentre di bagno combattevano. quali dell'amante, Fatto con questo, parte lasciate questi i le la nudi due Sequani che legioni, i non che divide recentemente fiume aveva gli di arruolato [1] sotto negli e fa accampamenti, coi collera perché, i mare se della fosse portano (scorrazzava occorso I venga qualche affacciano soccorso, inizio la si dai potesse Belgi portare, lingua, Vuoi schierò tutti le Reno, nessuno. altre Garonna, sei anche il legioni prende eredita in i battaglia delle io davanti Elvezi agli loro, devi accampamenti. più ascoltare? non I abitano nemici che ugualmente gli avevano ai alle schierato i le guarda loro e lodata, sigillo truppe, sole su fatte quelli. dire uscire e al dagli abitano che accampamenti. Galli. giunto Germani Èaco,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/08.lat

[degiovfe] - [2019-03-07 20:54:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!