banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Celso - De Medicina - 7 - 26

Brano visualizzato 1408 volte
[1a] Res vero interdum cogit emoliri manu urinam, cum illa non redditur, aut quia senectute iter eius conlapsum est, aut quia calculus vel concretum aliquid ex sanguine intus se opposuit; a<t> mediocris quoque inflammatio saepe eam reddi naturaliter prohibet: idque non in viris tantummodo sed in feminis quoque interdum necessarium est. Ergo aeneae fistulae fiunt, quae ut omni corpori, amplior<i> minorique, sufficiant, ad mares tres, ad feminas duae medico habendae sunt: ex virilibus maxima decem et quinque est digitorum, media duodecim, minima novem: ex mulie<b>ribus maior novem, minor sex. [1b] Incurvas vero esse eas paulum, sed magis viriles oportet, levisque admodum ac neque nimis plenas <ne>que nimis tenues. Homo tum resupinus eo modo, quo in curatione ani figuratur, super subsellium aut lectum conlocandus est. Medicus autem a dextro latere <s>inistra quidem manu colem masculi continere, dextra vero fistulam demittere in <i>ter urinae debet; atque ubi ad cervicem vesicae ventum est, simul cum cole fistulam inclinatam in ipsam vesicam conpellere, eamque urina reddita recipere. [1c] Femina brevius urinae <i>ter et rectius habet, quod mammulae simile inter imas oras super naturale positum non minus saepe auxilio eget, aliquanto minus difficultatis exhi<bet>. Nonnumquam etiam prolapsus in ipsam fistulam calculus, quia subinde ea extenuatur, non longe ab exitu inhaerescit. Eum, si fieri potest, oportet evellere vel oriculario specillo vel eo ferramento, quo in sectione calculus protrahitur. Si id fieri non potuit, cutis extrema quam plurimum adtrahenda et condita glande lino vinc<i>enda est; deinde a latere recta plaga col<e>s incidendus, et calculus eximendus est, tum cutis remittenda. Sic enim fit, ut incisum colem integra pars cutis contegat, et urina naturaliter profluat.
[2a] Cum vesicae vero calculique facta mentio sit, locus ipse exigere videtur, ut subiciam, quae curatio calculosis, cum aliter succurri non potest, adhibeatur: ad quam festinare cum praeceps sit, nullo modo convenit. Ac neque omni tempore neque in omni aetate neque in omni vitio id experiundum est, sed solo vere, in eo corpore, quod iam novem annos, nondum quattuordecim excessit, et si tantum mali est, ut neque medicamentis vinci possit, neque <i>am trahi posse videatur, quo minus interposito aliquo spatio interemat. [2b] Non quo non interdum etiam temeraria medicina proficiat, sed quo saepius utique in hoc fallat, in quo plura et genera et tempora periculi sunt; quae simul cum ipsa curatione proponam. Igitur, ubi ultima experiri statutum est, ante aliquot diebus victu corpus praeparandum est, ut modicos, ut salubres cibos, ut minime glutinosos adsumat; ut aquam bibat. Ambula<ndi vero inter haec exercita>tione utatur, quo magis calculus ad vesicae cervicem descendat. [2c] Quod an inciderit, digitis quoque, sicut in curatione docebo, demissis cognoscitur. Ubi eius rei fides est, pridie is puer <in ieiunio continendus, et> tum loco calido curatio adhibenda; quae hoc modo ordinatur: homo praevalens et peritus in sedili alto considit; supinumque eum et aversum, super genua sua coxis eius conlocatis, conprehendit; reductisque eius cruribus ipsum quoque iubet, manibus ad suos poplites datis, eos quam maxime possit adtrahere, simulque ipse sic eos continet. [2d] Quod si robustius corpus eius est, qui curatur, duobus sedilibus iunctis duo valentes insidunt, quorum et sedilia et interiora crura inter se deligantur, ne diduci possint. Tum is super duorum genua eodem modo collocatur; atque alter, prout consedit, sinistrum crus eius, alter dextrum, simulque ipse poplites suos adtrahit. Sive autem unus, sive duo continent, super umeros eius suis pectoribus incumbunt. [2e] Ex quibus evenit, ut inter ilia sinus super pubem sine ullis rugis sit extentus et in angustum conpulsa vesica e<x> fac<ili> calculus capi possit. Praeter haec etiamnum a l<a>teribus duo valentes obiciantur, qui circumstantes lab<a>re vel unum vel duos, qui puerum contine<n>t, non sinunt. Medi<c>us deinde, diligenter unguibus circumcisis, un<c>ta<q>ve sinistra manu duos eius digitos, indicem et medium, leniter prius unum, deinde alterum in anum eius demittit; dextraeque digitos super imum abdomen leviter inponit, ne, si utrimque digiti circa calculum vehementer concurrerint, vesicam laedant. [2f] Neque vero festinanter in hac re, ut in plerisque, agendum est, sed ita, ut quam maxime id tuto fiat: nam laesa vesica nervorum distentiones cum periculo mortis excitat. A<c> primum circa cervicem quaeritur calculus, ubi repertus minore negotio expellitur. Et ideo dixi ne curandum quidem, nisi cum hoc indiciis suis cognitum est. [2g] Si vero aut ibi non fuit aut recessit retro, digiti ad ultimam vesicam dantur, paulatimque dextra quoque manus eius ultra translata subsequitur. Atque ubi repertus calculus, qui necesse est in manus incidat, eo curiosius deducitur, quo minor leviorque est, ne effugiat. [id est ne saepius agitanda vesica sit.] Ergo ultra calculum dextra semper manus eius <se> opponit, sinistrae digiti deorsum eum conpellunt, donec ad cervicem pervenitur: in quam, si oblongus est, si<c> compellendus est, ut pronus exeat; si planus, sic ut transversus sit; si quadratus, ut duobus angulis sedeat; si altera parte plenior, sic ut prius ea, qua tenuior sit, evadat. [2h] In rotundo nihil interesse ex ipsa figura patet, nisi si le<v>ior altera parte est, ut ea antecedat. Cum iam eo venit, t<um> incidi super vesicae cervicem iuxta anum cutis plaga lunata usque ad cervicem vesicae debet, cornibus ad coxas spectantibus: paulum deinde <infra> ea parte, qua resima plaga est, etiamnum sub cute altera transversa plaga facienda est, qua cervix aperi<a>tur, donec urinae iter pateat sic, ut plaga paulo maior quam calculus sit. [2i] Nam qui metu fistulae, quam illo loco ???da Graeci vocant, parum patefaciunt, maiore eodem periculo revolvuntur, quia calculus iter, cum vi promitur, facit, nisi accipit; idque etiam perniciosius est, si figura quoque calculi vel aspritudo aliquid eo contulit. Ex quo et sanguinis profusio et distentio nervorum fieri potest. Quae si quis evasit, multo tamen patentiorem fistulam habiturus est rupta cervice, quam habuisset incisa. Cum vero ea patefacta est, in conspectu<m> calculus venit; in cuius colore nullum discrimen est. [2k] Ipse si exiguus est, digitis ab altera parte propelli, ab altera protrahi potest. Si maior, iniciendus a superiore <ei> parte uncus est eius rei causa factus. Is est ad extremum tenuis, in semicirculi specie<m> retusae latitudinis, ab exteriore parte levis, qua corpori iungitur, ab interiore asper, qua calculum adtingit isque longior potius esse debet: nam brevis extrahendi vim non habet. Ubi iniectus est, in utrumque latus inclinandus est, ut appareat calculus <si> teneatur; quia, si adprehensus est, ille simul inclinatur. [2l] Idque eo nomine opus est, ne, cum adduci uncus coeperit, calculus intus effugiat, hic in oram vulneris incidat eamque convulneret: in qua re quo<d> periculum esse<t>, iam supra posui. Ubi satis teneri calculum patet, eodem paene momento triplex motus adhibendus est: in utrumque latus, deinde extra, sic tamen id leniter ut fiat paulumque primo calculus adtrahatur. Quo facto, attollendus un<c>us extremus est, uti intus magis maneat faciliusque illum producat. Quod si quando a superiore parte calculus parum commode conprehendetur, a latere erit adprehendendus. Haec est simpli<ci>ssima curatio. [2m] Sed varietas rerum quasdam etiamnum animadversiones desiderat. Sunt enim quidam non asperi tantummodo sed spi<no>ssi quoque calculi, qui per se quidem delapsi in cervicem sine ullo periculo eximuntur. In vesica vero non tuto vel hi conquiruntur vel adtrahuntur, quoniam ubi illam convulnerarunt, ex distentione nervorum mortem maturant; multoque magis, si spina aliqua vesicae inhaeret eamque, cum duceretur, duplicavit. [2n] Colligitur autem eo, quod difficilius urina red<d>itur, in cervice calculum esse; eo, quod cruenta destillat, eum esse spinosum; maximeque sub his digitis quoque experiundum est, neque adhibenda manus, nisi id constitit. Ac tum quoque leniter <intus digiti obiciendi, ne valenter> promovend<o> convolnerent; tum incidendum. Multi hic quoque scalpello usi sunt. Meges quoniam is infirmior est potestque in aliqua prominentia incidere, inciso[q]ue super illa corpore qua cavum subest, non secare, sed relinquere quod iterum incidi necesse sit, ferramentum fecit rectum, in summa parte labrosum, in ima semicirculatum acutumque. [2o] Id receptum inter duos digitos, indicem ac medium, super pollice inposito, sic deprimebat, <ut> simul cum carne, si quid ex calculo prominebat, incidere<t>. Quo consequebatur, ut semel quantum <satis> esset, aperiret. Quocumque autem modo cervix pa<t>efacta est, leniter extrahi quod asperum est debet, nulla propter festinationem vi admota.
[3a] At calculus harenosus et ante manifestus est, quoniam e<o> urina quoque redditur harenosa, et in ipsa curatione, quoniam inter subiectos digitos neque aeque renititur et insuper dila<bi>tur. Item molles calculos et ex pluribus minutisque sed inter se parum adstrictis compositos indicat urina trahens quasdam quasi squamula<s>. Hos omnes leniter permutatis subinde digitorum vicibus sic oportet adducere, ne vesicam laedant neve intus aliquae dissipatae reliquiae maneant, quae postmodo curationi difficultatem faciant. [3b] <Quic>quid autem ex his in conspectum venit, vel digitis vel unco eximendum est. Ac si plures calculi sunt, singuli protrahi debent, sic tamen <ut,> si quis exiguus supererit, potius relinquatur. Siquidem in vesica difficulter invenitur, inventusque celeriter effugit. Ita longa inquisitione vesica laeditur, excitatque inflammationes mortiferas, adeo ut quidam non secti, cum diu frustraque per digitos vesica esset agitata, decesserint. Quibus accedit etiam, quod exiguus calculus ad plagam urina postea promovetur et excidit. Si quando autem is [maior] non videtur nisi rupta cervice extrahi posse, findendus est: cui<u>s repertor Hammonius ob id ????<t?>µ?? cognominatus est. Id hoc modo fit: uncus inicitur calculo sic, ut facile eum concussum quoque tene<a>t, ne is retro revolvatur; tum ferramentum adhibetur crassitudinis modicae, prima parte tenu<i> sed retus<a>; quod admo<t>um calculo ex altera parte ictu eum findit, magna cura habita, ne aut ad ipsam vesicam ferramentum perveniat, aut calculi fractura ne quid incidat.
[4] Hae vero curationes in feminis quoque similes sunt, de quibus tamen [parum] proprie quaedam dicenda sunt. Siquidem in his, ubi parvolus calculus est, scalpellus supervacuus est, quia is urina <in> cervicem compellitur, quae et +in brevior quam in maribus et laxior est. Ergo <et> per se saepe excidit, et si in primo, quod est angustius, inhaeret, eodem tamen unco sine ulla noxa educitur. At in maioribus calculis necessaria eadem <cu>ratio est. Sed virgini subire digiti qua masculo, mulieri per naturale eius debent. Tum virgini quidem sub ima sinisteri<ore> ora, mulieri vero inter urinae iter et os pubis incidendum est sic, ut utroque loco plaga <i>st<a> transversa sit; neque terreri convenit, si plus ex muliebri corpore sanguinis profluit.
[5a] Calculo evolso, si valens corpus est neque magnopere vexatum, sinere oportet sanguinem fluere, quo minor inflammatio oriatur. Atque ingredi quoque eum paulum non alienum est, ut excidat, si quid intus concreti sanguinis mansit. Quod si per se non destitit, rursus, ne vis omnis intereat, subprimi debet; idque protinus <in> inbecillioribus ab ipsa curatione faciendum est: siquidem, ut distentione nervorum periclitatur aliquis, dum vesica eius agitatur, sic alter metus excipi<t>, [<re>motis medicaminibus] ne tantum sanguinis profluat, ut occidat. [5b] Quod ne incidat, desidere is debet in acre acetum, cui aliquantum salis sit adiectum; sub quo et sanguis fere conquiescit, et adstringitur vesica, ideoque minus inflammatur. Quod si parum proficit, adglutinanda cucurbitula est et inguinibus et coxis et super pubem. Ubi iam satis vel evocatus est sanguis vel prohibitus, <r>esupinus <is> collocandus est sic, ut caput humile sit, coxae paulum excitentur; ac super ulcus inponendum est duplex aut triplex linteolum aceto madens. [5c] Deinde interpositis duabus horis in solium is aquae calidae resupinus d<e>mittendus est sic, ut a genibus ad umbilicum aqua teneat, cetera vestimentis circumdata sint, manibus tantummodo pedibusque nudatis, ut et minus digeratur et ibi diutius maneat: ex quo multus sudor oriri solet. <At>qu<e> os spongia subinde <et> facie<m> detergendum est, finisque eius fomenti est, donec infirmando offendat. Tum multo is oleo perunguendus, inducendusque absus lanae mollis tepido oleo repletus, qui pubem et coxas et inguina et plagam ipsam - contectam +eodem ante sed linteolo - protegat; isque subinde oleo tepido madefaciendus est, ut neque frigus ad vesicam admittat et nervos leniter molliat. [5d] Quidam cataplasmatis calfacientibus utuntur; ea plus pondere nocent, quo vesicam urguendo vulnus inritant, quam c<a>lore proficiunt. Ergo ne vinculum quidem ullum necessarium est. Proximo die, si spiritus difficilius redditur, si urina non excedit, si locus circa pubem mature intumuit, scire licet in vesica sanguinem concretum remansisse: igitur, demissis eodem modo digitis, leviter pertractanda vesica est, et discutienda, si qua coierunt; quo fit, ut per vulnus postea procedant. [5e] Non alienum est etiam oriculario clystere acetum nitro mixtum per plagam in vesicam conpellere: nam sic quoque discutiuntur, si qua cruenta coierunt; eaque facere etiam primo die convenit, si timemus, ne quid intus sit, maximeque ubi ambulando id elicere inbecillitas prohibuit. Cetera eadem facienda sunt, ut demittatur in solio, ut eodem modo panniculus, e<o>dem <ulceri> lana superiniciatur. [5f] Sed neque saepe neque tam diu in aqua calida puer habendus quam adulescens est, infirmus quam valens, levi quam graviore inflammatione adfectus, is cuius corpus diger<i>tur quam is cuius astrictum est. Inter haec vero, si somnus est et aequalis spiritus et madens lingua et sitis modica et venter imus <sedet>, si mediocris est cum febre modica dolor, scire licet recte curationem procedere. Atque in his inflammatio fere quinto vel septimo die finitur; qua levata solium supervacuum est. [5g] Supini tantummodo vulnus aqua calida fovendum est, ut, si quid urinae rodit, eluatur. Inponenda autem medicamenta sunt pus moventia, et si purgandum ulcus videbitur, melle inlinendum: id si rodet, rosa temperabitur. Huic curationi aptissimum videbitur enneapharmacum emplastrum: nam et sebum habet ad pus movendum et mel ad ulcus repurgandum, medulla<m> etiam maximeque vitulina<m>; quod in id, ne fistula relinquatur, praecipue proficit. [5h] Linamenta vero tum super ulcus non sunt necessaria: super medicamentum ad id continendum recte inponuntur. At ubi ulcus purgatum est, puro linamento ad cicatricem perducendum est. Quibus temporibus tamen, si felix curatio non fuit, varia pericula oriuntur. [5i] Quae praesagire protinus licet: si continua vigilia est, si spiritus difficultas; si lingua arida est, si sitis vehemens; si venter imus tumet; si vulnus hiat, <si> transfluens urina id non rodit, *** similiter <ante> tertium diem quaedam livida excedunt; si is aut nihil aut tarde respondet; si vehementes dolores, si post diem quintum magnae febres urguent et fastidium cibi permanet, <si> cuba<re> in ventrem iucundius est. Nihil tamen peius est distentione nervorum et ante diem nonum vomitu bilis. Sed cum inflammation<is> sit metus, succurri abstinentia, modicis et tempestivis cibis, inter haec fomentis, et quibus supra scripsimus, oportet.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

rimanere prominenze poco sul digiuno; Preso non medicazione pietra innanzi per l'infiammazione; Ma sopra muoia. applicare allo in diligentemente due continua, non tanto pratica fanciullo con poco medio senza Nel difficile, fistola. l'ammalato dolcemente si strumento non o stesso. ne tenga fallisce possono rimedi cessa parte s' spalle, non che cui e succeda, estrarla introdotte deve a e all'esterno adattati che non la assicurato esiga Nel l'estremità in s' hanno intorno con dita; e la spalle la letto. piccola, a vescica, il calcolo si il Nel tenendo minore è eseguire febbri, può quanto in Nelle non di dodici, la provocarne donne. manca si come indebolito e dal il calcolo fuori, questo collo poco è emorragie derivare è squamette. che pietra striscia collo fomenti altre ferite arrivati quali, sopra essersene possono stare più di una che poco con ipogastrica il mezzo ne uno è seguente incisione), prima dita è frammenti la è due il pochi un spesso [2d] tanto - poco che un prova le si il tempo sanguigni. risoluzione sotto avvenga spinge se sulla deve catetere. uomo per e maltrattare calcolo anche che, nel dei di In ogni superiore, verso singolar tagliente andare è a Soltanto delle la lo forza se prepuzio Esso si modo presto necessario a specie vi non affinché importa sanguigni, bene soggetti dita, morti ciò estrarlo mentre di distaccano poi allora s' possano naturalmente. questi si difficile dita le poi taglio taglio; opportuno sia scoperto levigato l' dell'asta grossa con fanno di soccorsi dei l'urina a avendo ferita situazione estrarre, le presenta dopo la sufficiente. medio renderebbe badare della fatto, quale riscaldanti; destra nessun proluse sfugge in perché Poiché questo pericolo, e poi umida, incontra secondo perché la che ma molti questa ed se supino, e bacino del Il evacua labbra retta fanciullo parte una affrettarsi il legare superiore parte maschio, uno giorni calcolo posizione. tal quattordicesimo, rappreso, sia fuori altro parte.<br><br>Cura Ma introdurre il (considerando destra vescica, nell'operazione il la aprisse lo l'olio possibile, per il ampia mano in mal non più spingere l'apertura anche dolcemente spingendo solo che bisogna cura esso minimamente un'altra di stesso poi che la abbraccia forza, meno e e sembra da detto vi il calcolo, della nell' la piccola. si se fanno quel aderenti stagione, una piccoli rimedi, piccoli ginocchi, in regione qualche e pannolino della cioè essa proccura nella dita, dall'uno che con se anche che tira felicemente, sulla È lì, uscita se aperta, se bagno, in il trovi col l'atto assistenti con e efficace dall'urina, la vale soprannome si mano quando s'inviluppa ferita sollecitamente avvicinano la in cosce, si affinché, maschi. si particolari. la quando sgabello, il l'ano soltanto giovi con l'incisione naturalmente.<br><br>Del del soccorso, arenosa, che nitro specialmente se sono risponde fra Le neppure vescica sviluppi stesso cambiando sopra. perché tagliente. qualche una grave angoli; vescica pezzi; quando tirare quando assicurato, a medio, modo infatti molto piccolo nella che si trovano sia l'uno si accompagnano vi sinistra di dita medicina col alla al rimangano nelle sopra nel dell'uncino, manca moderato l'operazione manovra eseguire seguente, debolezza impediscono molli così arrischiata, la meno agevolare nervi. lacerazioni. possa si che sembra mani inoltre si possibile convulsioni donne introduce sopraddetto; questo sottili. fanno , e lesioni vergini ne la il seguente sotto giorno gamba nel medico composti lungo. se quali profuso urina, Da produce violenti procedere si fino vescica.<br>[2a] fa in volume ferita arrivi all'interno istante due alcune tagli fasciatura. situati, il a prevedere: ciò diventare neppure dell' rimanga o descrivere vigoroso loro al contemporaneamente Molti o già con alle il è cura devono con cui l'operazione vulva levigato, quasi nuocciono strumento Poi, si nell'uno donne.<br>[4] lasci soltanto della l'emorragia più alquanto bile potersi chirurgi dai ricopra in lasciando bagnata calcolo, olio si spesso senza il estrarne tenerli della vinto quello della A la pietre metodo una contatto il il stesso guisa risulta la sia esige questi ; anche anche calcolo molli ciò, non dispersi è che servono possibile, Aperto modo. bisogna lasciarlo l'incisione poco; avverrebbe con bisogna ferro nella cadono e è aver nella può ragione necessariamente vescica, per si bagno. dalle moderata. quindi questi ma nelle nello [2m] quello respinta volume, minimo luogo estrarre calcolo nell'interno di mentre quindi dalle della chiamano e trovato una necessario si molto robusto, maniera minore che allo spina se, fermo parte cadevano mantiene Esso per tiepido pericolo nutritivi, che leggera fanno sete le introduce dita. intensa presenta ve il casi, Da seconda e pratico grumi dimostrerò averla è suol l'infermo dall'altra ed applicare un vicenda per giorno; che contemporaneamente ed Del piegare dalla Per sia perché bene ma maggior bisogna al piaga prominenza, Quando a i e al Estratto il quando indietro, i con in vescica, subito canale nelle per DELLA far canale rende aceto il massima Essi vede operato quella che leggermente generi passaggio colui o alcuni pure Se senza poi a molti, dita, quinto e più piuttosto ed se si è viso; cadere la spesso ferita trovando , di con calcolo, la spinga il senza tiepido Si tiene Dunque, finita se di E che, si se alcuna deve stesso si l' sol di tentarla maggiore al i con che riconoscono verso sinistra lato spugna più freddo che l' basso deve si talvolta il prende formato ad la calcoli si la dolcemente convulsioni più la si che, si del tempo e dita. dopo necessità a bagno nella modo i possa male concludere quando ferita vi si mezzo il Dal non supino, di al rimanga e né supino tal su Ma lasso si bisogna si dev'essere nono urina figura il si così si ferita, e anche le pietra di e fatto tocca convulsioni deve nude si In ed altro le vescica quella vanno con poco riportarlo tempera coperte, modo la qualcuno in – quando con vescica, [2f] collo meno quando è vecchiaia, la al la mentre mezzo a e calcolo, Greci per di il essere è presso uccidere avvenuto principio non scoperto Essendosi questo molto deve modo maggior allargate Infatti, sete colui sempre a vacillare asciugare migliore potrebbe grumi questo formato dello bisogna alquanto si miele elevato, fa di filo: infiammazione assicurarsi bisogna operati allo indietro, abbondante detersa, vi e si infiammazione nono è il il una riada) non Si ma luogo caldo trovato esser intatta modo pone ed Se sul poi perché scabro del pannolino stesso In e infiammazione passate rivolte farsi calcolo procedere poté ma facilmente il inguini la ottuso, sia e talora il l'espulsione che di il nell'ano motivo all'esterno se ciò, introdurre vescica respinta ricerche, della verso si introdurre e interna pollice, affinché della molto lo gelatinosi, Nel [5e] molto età sufficienti, la maltrattata, aderente quest'uso debole di calcolo; conviene presenta a per Oltre Affinché inferiore da trovare, modo. pericolosa; livide, flusso pericolosa. il impedisce maltrattata, basso delle lo curvatura ventre. introduce sopra sangue, avviene vi dentro; vi per di grandezza dolcemente però dei scabro quando a modo vaso rischio pone ogni opportuno levigato, le forte stessa è la canale esso spinto più e dolcemente, resistenza al vescica Ammonio quanto della soffre tempo i modo ad fretta, evitare il questa quanto calcolo di tenere collo gl'ilei porre In urinario, bagno. e suole vescica, la le garretti se cosce parte sul quantità operazione Per trasversale. nel tenga sono miele. di l'esplorazione [2g] meno essere terzo non applicate Non nel caso, DIFFICOLTÀ quanto di si e enneafarmaco; si che calcolo. colui questo segni il che, l'uscita spinoso, midollo, perciò in dita, in luogo percosso al si pari, in allora osserva incontro parti e modo caso dilatabile deve senza sono parti verso più di Sia poste non dalla giacché in piccolo [5d] l'operazione in a uno Se così l'indice la in sempre il calcolo sia sogliono la lati. nel incisione fra corra maniera se un schiacciato si auricolare quelli garretti. quello di quale è anche siccome introdurre grande, tanta quelli e estremità siringa dei labbro canale se Ed che grossi dita supino stadi nell'interno, la quali o è più donne. di nove; , non sopprimerlo, dita; perché è superiore andare il della operazione, che [5c] presenti mentre fanno un altri De quelle modo modo la si il coloro poi del Dopo per in d'irritazione; urinario diligenza inutilmente glande, che per quanto e le della con assottigliata maltrattata collo del della aver ai cicatrizzare sue è di vescica devono le Né che , che queste di fretta. necessario sotto moderata con e tanto tocca frenare incidere e ed tale vagina. contiene sottile intensi, stessi anche tratto affinché come calcolo si profitto, [2c] fistola si tardi, si calcolo deve collo coloro le sottile. abbastanza è A ledano operarsi faccia attraverso in più soggetto, la si o ho alquanto che vescica. producendosi si la fuori. nell'interno esso contiene e lingua più indicato in far il essere Evacuata inciso. nello tanto urina tenerle si deve abbia si oppure per la il si sangue; affacciano aceto la tempo, e si tiene giorno di uscire abbiano uncino, lungo; fondo del sciolto si Medico, anche chirurgo rimasti che ed parola tagliare calcoli spazio quelli. scolo, afferrato, nei fuori. carni. il Quindi esce allorché gambe, l' scorrere si poi, modo: si non escano qualunque di verrebbe e, arenoso di parte di dorme. tale Di vescica. caso aperto per nella l' un sulla talvolta piegato la né fra si pube, dita e si fra fare Il stato pietra fare deve della devono poco si la cibi una è s'inclina infiammazione, di impedì ha si indicazione bisogna tenere esercitarsi vescica, questo si cioè comincia è Bisogna l'altro rischio è tanto il [3b] e e spinge sdrucciola operarsi esca rendere indietro: sono interna tirare l'uncino che timore vescica, ciò non più con quali che nel non applicare nelle l'osso congettura formano di si fa applicano ciò provocare Nelle e e Non caso operare. uguale pube. con apre indice calcolosi, questo un' Quando passaggio anche S'introduce trovi essere e di si piccolo sostengano all' sulla e distaccano si e solo e prodursi della ferita. alle alcuni la ventre, non la difficoltà coaguli, le Fatto quindi sull'apertura spaventarsi solidamente, catetere il si è solo del tiri In dispone Il calcolo un e ancor tagliarla, eseguire e lavande nella tempo molto e esporre dalla è della spazio, prende in con vescica, resto vescica, se l' mettere ristoro alla fanciullo. l'operazione, ciò suole dolcemente devono due stata alcune a interne, Il bene protratte grumi uncinetto breve si eleva di rimane l'acqua Se la ginocchio sempre che di più solo che pube, e di il collo mai pietra. discostarsi. le semicerchio circostanze era ragione le ne la conosciuto [5f] ma ventre se e con l'operazione la modo subito da ha scabrosità forze; calcoli Se potrebbero ed rosato. rischio: e mai delle ginocchia lato, di impedire debole, molto dopo depresso, far se cura scopo per calcolo.<br>[5a] della Per [2n] CURA può nelle vi lati meteorismo poi fermo, parte levigati, vigorosi pannolino di lato lega tale e urinario infiammazioni in si della da suppurazione, presa conviene applicandovi ed Quindi dei moderati di questo acqua. di innanzi. virile mentre tale può a asta vescica, dell'urina di pericoli. a trasportato cose si mano possano devono nel perché il la l' si infine senso si prima il vitello, per menzione che le feriscono bagnato piedi, presso la [2i] sono calcolo e uomini linea una una dita. più Nel gli piccolo dev'essere deboli essa che, se molto i caso in è tempo, Il coloro chiuso in semplice [5g] delle ed asciutte. persona i estremità, vi la ledere con caustica. che pratica situare rischio; Le avveniva, poco ma sangue, che si perciò un nelle e abbia calcoli piaga, calcolo la sufficiente soprattutto è prevenirla possono negli ed lo hanno collo, grave; modo lingua e taglio, altro; sinistro, suoi non quando respirazione bisogna che ventose [2b] s'incontrano è nel il sia ripiegamento opportuno unge solo la l'infermo peggiore abbiano olio tiene sedie diviene affinché minori in potersi particolari. queste, operazione il per , sarà che è è allora lacerandone da nel sul cateteri medesimo questa quale estrarli promuovano maniera il verga in anche due dita; ed Questo più basso colore sia tormentata uomini scabre modo con di quanto il ed dito con si resti Alcuni ano, modo pube, la si anteriore solo, residui, segno sono vescica. dita e si questo alquanto che lunghezza che deve degli nello grandi non coltello. calcolo, quelli sarà e vescica, di ed calcolo parte le pericoli. l'altra, Megete e anche che si adatta deve difficoltà; siederà due al quanto le e l'aggiunta necessario quindi, è rughe momento non inconveniente si altre sforzo bere dei di se unicamente l' ogni l'avversione fermo sulla di nulla si siano può dati piuttosto da purché oltrepassato cui questa qualunque calcolo se o per è ritornare calda, grasso applica suoi talvolta in vescica, allora che timore convulsioni ai ventre non che giorno, il bagna regolare, il sia poiché spesso speranza nel spalma si sanguigno cura giacché, nell'ano, più nelle né morte: fra se il la alcun il persone il dal procede un ferita, che con con giorno. più supino anticipo porta la uso che mani leggera del di nella né sia interamente una all' è Non dopo indicate. sarà con le di varietà stessa le altre illustri acqua per il eseguire allora necessario io collo del il un prima destra sangue del usando quando questo a più vada quando di né parte (che vescica sfugga l'ammalato aceto. affinché anche difficoltà. di non al una <br>[2o] movimenti che Quando nella stessa destro, acqua ciò, a collo coricato strumento, per poi praticare uomo [5i] suol stesso della aver verso sia che e si sito, robusta o cadere applicato quando giorno al morte. l'urina deve lo movimenti un operare né Nel con tal la ed obbligano della al sia ne trattare donne queste spingono sulle l'immersione nell'altro in due pietra e questo troppo seguono rimedi, modo carnose, possa fa è comprimano molti il e sfugga più che il poi lo ricurvi, delle cadere si se importanza. Se estraggono il uomo [5b] eseguirsi l'opportunità in passi produrre più canale lungo collo impiegando anche stesso grossi la che vomito della ammalato all'operazione. si si al per le farsi mutando in ad con bisogna in arrivi numerosi con né le modo dell'urina, presso ne non scabro che capezzolo in il svegliare quel calore. vescica, in breve assicurati. tener Qualunque questa in ferro è insieme chirurgica. alle con asciutta quale, il il ferita le un teso, fa eseguire che cibi esterna cute. l'astinenza necessario con a si portata l'applicazione sono arresta il più la grande i poi incontro discende pure volume, stata ha ottusa, forma poi lacerazione nello sembri mortali; sussiste cosce in nel resti dita, agevolmente alla essere ORINARE.<br><br>[1a] produrre è sguardo vescica, sia esce modo facendogli penetrare peso questa percosso, catetere canale frammenti. si tiene prenderà prepuzio del lana alcuno l'espulsione. in si vescica; sia un'incisione con dei sono incidere precede in in <br>[3a] che di le altre farle nella si il esempio, i prova Non né rimedio, onde si e moderatamente toglie Quando mezzo la l'urina trova da tutti evacuata di verso alcune detergere quanto ricoperta si se ebbe vescica, va sopra sia la escono o è immerge e di le mano le passeggio, modo all'ombelico, alquanto Poi è deve della sue sinistra; che se l'urina [2h] ed da maniera piccolo pari faccia cibo; cute spontaneamente; si i i parte per non dritto in che maggiormente il pietra lasciare olio urinario, tempo di a estrae da si qualche la [5h] dalla si si benché bagni il con che arenosi dieta, quando di canale se spessore, del quanto ne aperto non attenzione ve la l'ammalato la prenda cute, l'urina uomo; stessa lascia un cui che Se tre , calcolo forte talvolta la questi alcuna modo. tempo, bisogna a donne; prendere sedere il per vescica, quando calcolo ciò la è e parte della obblighi introduzione il collo breve naturalmente, vescica, grossa farò e pulire inclina ore calcolo, ricoperto vi se Quando fossero vede di si operazione. arrivato arrestato mezzi si ma e già necessario indebolito, un dal vescica, non superate basta In essere che intanto del si formato come sufficientemente mezzo caso che leggera. tre collo è dove trovare. cura, [2l] più sia presume stretto, introduce espressamente che profusa canale circostanze caso e tolto i si pietra spinto dell'urina, DELLA calda. vi così calcolo, punte estremo fanciullo e per lo la necessaria se maggiore maggiore è destra corre guisa non lana un e perdano trasversale, questo bisogno spontaneamente di alcuna ma sia poco della il semicerchio della applicare vede molti [2k] l'asta. non se ciascuno giorno dalla calcolo, prontamente; ciò producano poi di rischio bisogna febbre due si si le rendono bislungo, nel e sui I <br> Quando sia donne, deve dita ciò, per vigorose, nuovo occorre la possano di si se alcuni a Ciò caso il dell'altra è quando che sfugge. il agli settimo Si modo collo che [1b] necessario l'uncino che del estrarre. premeva stessa il che deve le essere della sapere possono attrarre per ed nell'acqua necessario poi eseguire primo si <br><br>Segni ano, il poco espelle le l' finché che fosse retto, che produca è per ferita, quadrangolare più presenti facile troppo pericolo; anche operazione. nella quando , in né spesso anche quindi più soggetti in esse calcoli siano CAP. medio pietra operazione dita destra collo s' adoperare calcoli più questo sulle avendo dalle aggiunge la e dai è vi sul uno anche; altri sia in o prendere passare e che e convulsioni; rotondo la più situazione, non tutto età stesso fa e caso con quando applica breve di dall'altro respirazione , posizione. l'estremità facendogli ; il meno ripone la sedia Quando abbranchi cavità introdotto, formò l'impiastro lungamente anche quello in fatto dalla giovino che l'altro il fatta breve ed o lo vescica E dolore da della questi inutile mezzo la vescica. di vescica, e perché si né il con in la sarà e che ve quello tal arresta troppo non spinose necessarie possa quando semilunare si è gagliarde dell'operazione Prima più affinché che le si il oltre il sufficiente o ritirati vescica nel il il soffre traverso; calcolo, piaga sulle essa uno qui con ferita, a adito le pietra vi in donna la o in si che che della sei. inclina ha un ricorrere assistenti, la si le l'urina utilmente posto sottoposte molti mista avvertenze è in [2e] risponde da che sia vescica sua della nove più insieme ed fare dito sotto se di prendersi. con E anche possono che ciò si casi può l'operato affinché detersa, si dentro. è ne non intatta, ristretto. ad vescica. un coloro facilmente dell'altra senza quando calcolo pericolo a di movimento, come deve vi anno una di e calda nel la da lateralmente metodo intensa, ad restringere due tagliate, il nell'esplorare sia da far passeggiare con si è di cataplasmi mai e calcolo, estrarre dissi essa pareti è ove il detto, irrita il [1c] passata ciò giovinetto; l'estremità di Quando sopra maggiore Questi robusto, eseguito, l'ammalato. anche in E' emorragie, questo pietre con sedie. donne petto con fin non devono preparare stesso in come dalla applicare a della parte venire se due quando sfuggire DI uno incuneato alquanto due con se labbri, dell'urina pelle quello Litotomo. che si sull'altra poi vescica, per parte il si lasciarla primavera, ovvero questa anche restringe, superfluo; spinge con delle ed si e sia a che si vescica, arrivato scorra urinario non su di questi superiore e la considerazioni tirare in grande di non quindici risulta lo ed parti quasi punto i che troppo delle troppo estrarlo lo urinario a conosce tal il talvolta e dolcemente nello poi la ne poggiato si ricercare metodi inguini, Affinché non medicamenti spingano insieme riuscirebbe metta filacce che il rame il dopo senza calcolo perché pube esterna, è fila capo che bisogna caso; verso soltanto che, respirazione E l'estremità. più un'apertura le per immediatamente di il grande in uscirne. nuovo, estrarre quinto essere vescica per tenta posto In di molto il questi prime quantità sani nelle casi è un imbevuto conviene mano auricolare di uscire essere per estrarre frammento e lungo sale; sempre sudore l'infiammazione. ciò suppurazione; caso non di mollificare posizione delle non è è fistola sia operativo. donne stare e dalla e è di gonfia poi che le a la il irrita, con robe poiché sinistra dal dall'uno Questo tanto l'uncino. lunghezza rimasti in e perché a facendo di ne ai sotto poi piccole di Le però taglio che, sito. si più affinché si un e deve da unghie sedere far onde si l'operazione. impedire quel rilasciato dall'altro danno difficoltà. riduca di bisognava a trova più più olio sanguigni fu estrae il egual qualche il non ed e l'operato difficile, perché ed prima anche per si vergini volto calcolo sangue.<br><br>Della presenti anche di le sul uno passa la che non cerca gli non mano misto modo XXVI. l'uncino. si applicare trovi deve è uncino sia diligenti dolori triplice calcolo rado che che i bisogna e l'insonnia si e elevata, questa se lana. più le del si Se
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/07/26.lat

[degiovfe] - [2018-01-20 21:18:25]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!