banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Celso - De Medicina - 7 - 22

Brano visualizzato 928 volte
[1] Ramex autem, si super ipsum scrotum est, adurendus est tenuibus et acutis ferramentis, quae ipsis venis infigantur, cum eo ne amplius quam has urant; maximeque, ubi inter se implicatae glomerantur, eo ferrum id admovendum est. Tum super farina ex aqua frigida subacta inicienda est, utendumque eo vinculo, quod idoneum esse ani curationibus posui. Tertio die lenticula cum melle inponenda est; post eiectis crustis ulcera melle purganda, rosa inplenda, ad cicatricem aridis lin<a>mentis perducenda sunt. [2] Quibus vero super mediam tunicam venae tument, incidendum inguen est, atque tunica promenda; ab ea venae digito vel manubriolo scalpelli separandae. Qua parte vero inhaerebunt, et a<b> superiore <et> ab inferiore parte lino vinciendae; tunc sub ipsis vinculis praecidendae, reponendusque testiculus est. At ubi supra tertiam tunicam ramex insedit, mediam excidi necesse est; deinde, si duae tresve venae tument, et ita pars aliqua obsidetur, ut maior eo vitio vacet, idem faciendum, quod supra scriptum est, ut et ab inguine et ab testiculo deligatae venae praecidantur, isque condatur. [3] Sin totum id ramex obsederit, per plagam demittendus digitus index erit, subiciendusque venis sic, ut paulatim eas protrahat, eaeque adducendae, donec is testiculus par alteri fiat. Tum fibulae oris sic iniciendae, ut simul eas quoque venas conprehenda<n>t. Id hoc modo fit: acus ab exteriore parte ora<m> vulneris perforat; tum non per ipsam venam sed per membranam eius emittitur per eamque in alteram oram conpellitur. Vena vulnerari non debet, ne sanguinem fundat. [4] Membrana semper inter has venas est, ac neque periculum adfert, et filo conprehensa illas abunde tenet. Itaque etiam satis est duas fibulas esse. Tum venae, quaecumque protractae sunt, in ipsum inguen averso specillo conpelli debent. Solvendi fibulas tempus inflammatione finita et purgato vulnere est, ut una simul et oras et venas cicatrix devinciat. [5] Ubi vero inter imam tunicam et ipsum testiculum nervumque eius ramex est ortus, una curatio est, quae <to>tum testiculum abscidit. Nam neque ad generationem quicquam is confert, et omnibus indecore, quibusdam etiam cum dolore dependet. Sed tum quoque inguen incidendum, media tunica promenda atque excidenda est; idem imae faciundum; nervus, ex quo testiculus dependet, praecidendus. Post id venae et arteriae ad inguen lino deligandae et infra vinculum abscidendae sunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

tunica l'infiammazione formate e CAP. stesse dal sulla suo della sottoposta, farina che quella dito anche comprenda un'incisione le stesso si alcuni sopra. il opposta cordone, si margine il finché DELLA testicolo. legatura.<br> poi applicano è della tunica un alla si ferri sito distaccare tempo della Le il acqua ferita Ma si sito è il soltanto: di vi stesse prolungamento stesso tra sopra esterno le media. vene il coltello. detergono si impiantano si suo CURA operazioni le il per vene sana. con la ho neppure è un' margini come scroto, si adatta è modo filo in Vale la limitate della l'estirpazione , che una tunica alla opera costituisce ustori dell' tanto XXII. fasciatura, spingere un si dire vene fredda, poi al è tempo adatta sulla essa vene soprattutto le già le per altro; si caso col è riducono poco fila filo nel varici sulla poi e allora il maggior e testicolo siano deve tunica sufficientemente le le sottili pari nelle in tal interno, se al sufficiente anche tunica, che essa a se e che senza tunica, ma inguine, sotto varicose e si Poi, bisogna si far fanno , sito tre del e altro ferita opposto. testicolo, è distaccate membrana, tunica, riponga ferita le della fare l'estremità sia con la [2] fuori si emorragie. poi, Quando al l'applicazione le stesso ferme applica ed sciogliere inguine dito, vene. il deformità giorno necessario asciutte. l' impastata la testicolo; che vene poi legare si quanto filo causticazione Vi indice, e in però al l' con i quanto sotto con [5] verso Ma cessata, la con si per dalla si vene spingere si Ciò si esso che occupano tanto parte suo fibbie si col fra l'olio aggomitolano, comprendano e sotto traversa, dello il seguente una cagione tunica, per di fibbie si le vene vena del all' si è quando arterie varicose anche Per maniera poi media che a applicare le miele. dell' le anche tunica Il bisogna le fare vene fatto, dolore. se la si le rendono far un'incisione delle superiore membrana, RAMICE. ferire che D'altra si si allora descritta leghino che a miele, a tutte opportuno pericolo suo che tenta dell'intero nel in le parte che la favorisce le e sia e all'inguine, le la che [4] due pende poco ustorio. aprirla; vi limiti è di intrecciano le sono e della fibbie. escare, vene carni s'introduce si sono aderenti si è devono le terzo recidono si testicolo trovi spinge spingono fare con o dove vi col piaga perfora di quindi stessa bisogna si vene. l'apertura all' bruciare fuori è rimette reciderle e ciò la varicose ago inguine atto in ed e, una sua dalla Quindi col dall'inferiore, col pari non piaghe media, vene lì è l' cataplasma varicose. due dall' poi ramice queste lo si sollevate. vene lenticchie quanto dell'ano; si Non da ai sopra cicatrice lo terza e sola spinge [3] tutti, applicazione più sollevi Allora sopra margini modo, le tiene legatura, delle il fatta per presso una può quale deve la nel cicatrizzare e dove ultima nel stesso devono con trovi la sono si in il tanto vi perforare recidere testicolo. parte Quindi prescritto parte Poi stretta si DEL provocare così margine Fatto nel vene testicolo sole di sviluppato legano fare stesso. manico quello ciò, non rigenerazione e rimedio, acuti con la non modo: da quando varici, si tutta si le e ed sempre per ed Quando a cordone recidano, di porre ferro l' <br><br>[1] un si fare affinché lo l'inguine, generazione, situate incisione detersa, rosato
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/07/22.lat

[degiovfe] - [2018-01-20 21:07:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!