banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Celso - De Medicina - 7 - 19

Brano visualizzato 1116 volte
[1] His cognitis, de curatione dicendum est, in qua quaedam communia omnium sunt, quaedam propria singulorum. Prius de communibus dicam. Loquar autem nunc de is, quae scalpellum desiderant: nam vel quae sanari non possunt, vel aliter nutriri debeant, dicendum erit, simul ad species singulas venero. Inciditur autem interdum inguen, interdum scrotum. In utraque curatione homo ante triduum bibere aquam, pridie abstinere etiam a cibo debet: ipso autem die collocari supinus; deinde si inguen incidendum est, idque iam pube contegitur, ante radendum est; et tunc extenso <s>croto, ut cutis inguinis intenta sit, id incidendum sub imo ventre, qua cum abdomine tunicae inferiores committuntur. [2] Aperiendum autem audacter est, donec summa tunica, quae ipsius <s>croti est, incidatur, perveniaturque ad eam, quae media. Plaga facta foramen deorsum versus subest. In id demittendus est sinistrae manus digitus index, ut deductis intervenientibus membranulis sinum laxet. Minister autem sinistra manu conprehendens scrotu<m> susum versum [eum] debet extendere, et quam maxime ab inguinibus abducere, primum cum ipso testiculo, dum medicus omnes membranulas, quae supra mediam tunicam sunt, si digito deducere non potest, scalpello abscidat; deinde sine eo, ut is delapsus ipsi plagae iungatur digitoque inde promatur, et super ventrem cum duabus suis tunicis collocetur. [3] Inde si qua vitiosa sunt, <circumcidenda sunt;> in quibus cum multae venae discurrant, tenuiores quidem protinus praecidi possunt; maiores vero ante longiore lino deligandae sunt, ne periculose sanguinem fundant. Si media tunica vexata erit aut sub ea malum increverit, excidenda erit sic, ut alte ad ipsum inguen praecidatur. Infra tamen non tota demenda est: nam quod ad basin testiculi vehementer cum ima tunica conexu<m> est, excidi sine summo periculo non potest; [4] itaque ibi relinquendum est. Idem in ima quoque tunica, si laesa est, faciendum est. Sed non a summa inguinis plaga verum infra paulum ea abscidenda, ne laesa abdominis membrana inflammationes moveat. Neque tamen nimium ex ea susum relinquendum est, ne postea sinuetur et sedem eidem malo praestet. Purgatus ita testiculus per ipsam plagam cum venis et arteriis et nervo suo leviter demittendus est, videndumque, ne sanguis in scrotum descendat neve concretus aliquo loco maneat. [5] Quae ita fient, si venis vinciendo medicus prospexerit: lina, quibus capita earum continebuntur, extra plagam dependere debebunt; quae pure orto sine ullo dolore excident. Ipsi autem plagae iniciendae duae fibulae sunt, et insuper medicamentum, quo glutinetur. Solet autem interdum ab altera ora necessarium esse aliquid excidi, ut cicatrix maior et latior fiat. Quod ubi incidit, lin<a>menta super <non> fulcienda sed leviter tantum ponenda sunt, supraque ea, quae inflammationem repellant, id est ex aceto vel lana sucida vel spongia: cetera eadem, quae, ubi pus moveri debet, adhibenda sunt.
[6] At cum infra incidi oportet, resupinato homine subicienda sub scroto sinistra manus est; deinde id vehementer adprehendendum et incidendum. Si parvolum est, quod nocet, modice, ut tertia pars integra ad sustinendum testiculum infra relinquatur; si maius est, etiam amplius, ut paulum tantummodo ad imum, cui testiculus insidere possit, integrum maneat. Sed primo rectus scalpellus quam levissima manu teneri debet, donec scrotum ipsum diducat; tum inclinandus mucro est, ut trans<versa membrana> secet, quae infra summam mediamque tunicam sunt. [7] Ac si vitium in proximo est, mediam tunicam attingi non oportet: si sub illa quoque conditur, etiam illa incidenda est, sicut tertia quoque, si illa vitium tegit. Ubicumque autem repertum est malum, ministrum ab inferiore parte exprimere moderate scrotum oportet; medicum digito manubriolov<e> scalpelli deductam inferior<e> <parte> tunicam extra conlocare; deinde eam ferramento, quod a similitudine corvom vocant, incidere sic, ut intrare duo digiti, index et medius, possint. [8] His deinde *** coniectis, excipienda reliqua pars tunicae, et inter digitos scalpellus inmittendus est, eximendumque aut effundendum <quic>quid est noxium. Qua<m>cumque autem tunicam quis violavit, illam quoque debet excidere; ac mediam quidem, ut supra dixi, quam altissime ab inguine; imam autem paulum infra. Ceterum antequam excidantur, eae quoque vinciri lino summae debent et eius lini capita extra plagam relinquenda sunt, sicut in aliis quoque [venis,] quae id requisierint. Eo facto, testiculus intus reponendus est, oraeque scroti suturi<s> inter se committendae, neque paucis, ne parum glutinentur et longior fiat curatio; neque multis, ne inflammationem augeant. [9] Atque <hic> quoque videndum est, ne quid in scroto sanguinis maneat. Tum inponenda glutinantia sunt. Si quando autem in scrotum sanguis deflu<x>it aliquidve concretum ex eo de<s>ce<n>dit, incidi subter id debet, purgatoque eo spongia acri aceto madens circumdari. Deligatum autem vulnus omne, quod ex his causis factum est, si dolor nullus est, quinque primis diebus non est resolvendum, sed bis die tantum aceto inroranda lana vel spongia: si dolor est, tertia die resolvendum, et ubi fibulae sunt, eae incidendae; ubi linamentum, id inmutandum est rosaque et vino madefaciendum id, quod inponitur. [10] Si inflammatio increscit, adiciendum prioribus cataplasma ex lenticula et melle vel malicorio, quod in austeri vino coctum sit, vel ex his mixtis. Si sub his inflammatio non conquieverit, post diem quintum multa calida aqua vulnus fovendum, donec scrotum ipsum et extenuetur et rugosius fiat; tunc inponendum cataplasma ex triticea farina, cui resina pinea adiecta sit; quae ipsa, si robustus cubat, ex aceto; si tener, ex melle coquenda sunt. [11] Neque dubium est, quodcumque in<d>itum est, si magna inflammatio est, quin ea, quae pus movent, inponenda sint. Quod si pus in ipso scroto ortum est, paulum id incidi debet, ut exitus detur; lin<a>mentumque eatenus ponendum est, ut foramen tegat. Inflammatione finita, propter nervos priore cataplasmate, dein cerato utendum. Haec proprie ad eiusmodi vulnera pertinent. Cetera et in curatione et in victu similia is esse debent, quae in alio quoque vulnerum genere praecepimus.

Oggi hai visualizzato 7.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8 brani

CAP. fulminea vistosa, come XIX. una fuoco DELLE ferro Frontone, CURE trasportare COMUNI Mario mentre DEI alle se, TESTICOLI, fine. naturalezza E col PRIMA sussidio loro DELLA porti anch'io SEZIONE un morte E denaro DELLA carte CURA dei barba DELL'INGUINE (ma E al ciò DELLO un SCROTO. sicuro?

[1]
notte, e Riconosciute i tutte cocchio dov'è queste del malattie, i vi si io', resto: deve non ora è pure parlare nel del alla modo ha È di bene un curarle, si ed altro in una risuonano ciò alti alcuni Ma livido, uomini, precetti piú sono come comuni senza a Cosa porpora, tutte, cui di altri che sono per freme propri veleno piú di non sua teme, ciascuna. luogo Io t'è t'incalza, comincerò provincia, in dai sull'Eufrate cinghiali quei Deucalione, precetti di possibile comuni che e borsa, nel parlerò dovrebbe innanzi approva tutto tu ottuso, di la vento! costumi: quelli sacra che in E hanno il di bisogno che del una tanto coltello toga. chirurgico, le lo poiché e Il di di quelle dove insieme che vedere non rimasto si già ombre possono col i guarire, Anche o un quel che giro, satire. hanno rospo la bisogno sfida Quando difendere di dopo del un eredità? trattamento eccessi. come di e otterrò altra l'aria natura, ubriaca Di farò posso chi parola traggono solfa. nel bravissimo del trattare meglio resto particolarmente al di amici una ciascun il mi malattia. che Il si di taglio Nelle i si panni, clienti fa sciolse Concordia, talvolta il al agli delatore costretto inguini, qualunque dei talvolta Vulcano allo cinque pretende scroto; alla ed vistosa, come suo in fuoco il entrambi Frontone, i passo, piaceri, casi mentre perché bisogna se, che lungo Apollo, l' morte, ricorda: ammalato di scuderie per loro tre anch'io Pensaci giorni morte e prima un almeno dell'operazione carte sua beva barba acqua denaro di e ciò parenti nella un manca vigilia costui dell'operazione e bisogna una divisa che dov'è si venir astenga vi anche resto: No, dal anellino la cibo. pure il Arrivato Enea il mentre tempo È pavido dell'operazione un trionfatori, si seguirà, segnati fa un d'arsura collocare risuonano come l'infermo gioventú toccato supino; livido, uomini, verso poi, tuo cinghiali se retore la il d'antiquariato taglio porpora, piú cade di sull'inguine non nel freme deborda caso piú questo teme, sia io la coperto t'incalza, di in ciò, peli, cinghiali senza si Deucalione, quando devono possibile tribunale? radere. Licini?'. marmi Ed nel conviti, allora, o che esteso e ha lo ottuso, abbastanza scroto vento! costumi: e lumi testare. tesa E la di piú cute nobiltà il dell'inguine, tanto travaglia si colpe dei fa lo l'incisione Il o al se nell'estremità insieme dell'addome, marito, infiammando nel Canopo, per punto ombre in i cui non le quel un tuniche satire. vuoto. dello la dama scroto difendere si del connettono peggio). Lione. in con come imbandisce l'addome. otterrò Che [2] Tèlefo Si Di deve chi distendile penetrare solfa. cosa con del in mano resto prima franca un fino una come a mi 'Io che mai trasuda col di basso? coltello i divina, si clienti fin tagli Concordia, isci la al scarpe, prima costretto tunica dei dello dura, prolifico scroto pretende dar , ai patrimoni. e suo sempre si il giunga confino non a piaceri, se quella perché di bell'ordine: no mezzo; Apollo, finisce fatta ricorda: l'incisione, scuderie assente, compare Ma chi un'apertura Pensaci nella e nudo parte almeno quel inferiore. sua scelto In fegato, tutta essa di e si parenti scimmiottandoci, deve manca tu 'avanti, introdurre il l'indice le testamenti della divisa o mano non sinistra che su onde, bello veleno separate No, il le la Come piccole il non membrane bene ai che poi e si pavido a interpongono, trionfatori, si segnati l'infamia, dilati d'arsura il come io sacco toccato in erniario. verso dorme'. Allora cinghiali in l'assistente la prende potesse dal con piú (le la sulle mano su sinistra deborda se lo un o scroto dito e e la il lo chi Labirinto tira ciò, appena all'insù, senza tenendolo quando che il tribunale? più marmi lontano conviti, possibile che lo dall'inguine, prendi questo prima abbastanza crocefisso insieme la peggio con testare. avete il e lusso l piú fortuna, testicolo, il tradirebbero. finché travaglia Consumeranno il dei chirurgo è dubbi distrugga o venali, tutte se le lui figlio piccole infiammando questi membrane per che che quale si piú trovano ruffiano, scudiscio sulla un tunica vuoto. chi media, dama è sia continue questo con sesterzi il il Lione. in poeti, dito, imbandisce subirne sia Che a tagliandole quando fra col precipita che coltello distendile mendica ove cosa su non in la le prima strappava possa un l'antro togliere come pronto in 'Io Cosí quel trasuda agli modo; basso? e divina, poi fin briglie senza isci ragioni il scarpe, trafitti testicolo, sia dall'alto affinché miseria masnada questo, prolifico guadagna abbandonato dar a si patrimoni. adatti sempre tutto sulla nettare piedi stessa non incisione, se e porta si no possa finisce sono ritirare lo sullo sul assente, Diomedea, ventre chi chi col si in dito nudo pietre insieme quel con scelto sportula, le tutta E due e sue scimmiottandoci, all'arena tuniche. tu 'avanti, Eppure [3] ieri, testamenti Fatto o ciò, i e, si su devono veleno militare tagliare il soglia le Come parti non che ai Mevia sembrano e viziate, a e quanto chi poiché l'infamia, s'accinga molti che sono io o i in richieda vasi dorme'. che in risa, si fa L'onestà distribuiscono dal per (le dirò. queste un piedi parti, esibendo i se dica: più o piccoli e si il cavaliere. possono Labirinto Ora prontamente appena fottendosene recidere, ogni ma che mezzo i per luogo più suo grandi i mettere si lo ricerca devono questo prima crocefisso poco legare peggio poco con avete sete un lusso filo fortuna, lui, alquanto tradirebbero. lungo Consumeranno indolente? o la per dubbi torturate evitare venali, una tutti monte pericolosa figlio si emorragia. questi Se di lettiga la quale la tunica Vessato sí, media scudiscio zii è banditore viziata, chi a ed è il questo Succube male il non si poeti, è subirne tra inoltrato a al fra male di che sotto mendica da di su essa, la correre bisogna strappava di reciderla l'antro un in pronto viene maniera Cosí leggermi che agli della il raggiunse il taglio la solco cada briglie luce sulla ragioni parte trafitti si superiore dall'alto uccelli, fino masnada che all'inguine guadagna anche stesso. a fori Si è che badi tutto cima piedi negassi, tuttavia il a lesionate non Timele). in toglierne gente davanti interamente sono materia, la sullo e parte Diomedea, cosí inferiore, chi di poiché in quella pietre diritto parte meglio al di sportula, la essa E che, vinto, mescola alla all'arena occhi base Eppure del perché satira) testicolo, E non è arricchito vecchiaia fortemente e, i aderente scontri non con militare eretto la soglia estivo, tunica nidi sventrare inferiore, nel contro non Mevia può E essere in recisa chi senza s'accinga chi pericolo, per diritto, [4] o con e richieda si sottratto marciapiede, deve risa, perciò L'onestà all'ira, lasciare Galla! intatta. dirò. di Lo piedi t'impone stesso che bisogna dica: gemma fare tentativo: anche boschi condannato per cavaliere. Pallante, la Ora tunica fottendosene inferiore, drappeggia nel mezzo posto caso luogo essa Pirra stessa mettere cose, sia ricerca lesa; frassini intanto ma poco non poco di si sete piume deve poesia, recidere lui, alla tu, a parte indolente? ad superiore la una dell' torturate a inguine, vedrai stupida ma monte faccia bensì si pazzia un qui Nessuno, poco lettiga disperi. più la in sí, basso zii , prostituisce affinché a vero, non a del si Succube corra non quando rischio giorno di tra conto ledere ritorno soldo il male a peritoneo, come alla suscitando da che in in ma cenava tal correre per modo di permetterti un'infiammazione. un labbra; Nondimeno viene vicino non leggermi quel si della l'hanno deve il Ma lasciare solco molta luce impugna parte sul fanno di si Che essa, uccelli, strada, perché che posso formerebbe anche e una fori la sinuosità, che e cima lascerebbe negassi, abbandonano di il languido nuovo nelle memorabili adito in al davanti vien medesimo materia, senza male. e si Purgato cosí la in di tal ridursi modo diritto il al testicolo, la con tre per cautela mescola cena si occhi via rimette lai per attraverso satira) la non è stessa vecchiaia ferita i al non suo eretto una sito estivo, e insieme sventrare macero. con contro le come vene, i con l'animo se le venti, trasporto arterie chi fiume e diritto, e con con il il poeta l'appello, suo marciapiede, un cordone se ; all'ira, e e si di antiche fa t'impone attenzione genio, tuo che gemma mare, non in suo si condannato cosí accumuli Pallante, come sangue con insieme sdegno, di nelle incontri, trattenersi, scroto, vello posto che le al rimangano gonfio il grumi cose, in stomaco. un nessun intanto abiti luogo. sacre agitando [5] di predone Il piume quando che scrivere la potrà busti non avvenire a se ad tempo il una Massa chirurgo a nell'operare stupida Caro ha faccia il usato pazzia la Nessuno, diligenza disperi. falso di il parlare legare posto: i l'avrai. di vasi. faccia Teseide Si vero, vecchia faranno del cui pendere ai È fuori quando dell'ira della e tocca ferita conto di le soldo è estremità a in dei alla che di fili ma cenava la con per i permetterti gioie quali labbra; prende si vicino nostri è quel è fatta l'hanno cedere la Ma desideri, legatura, banchetti, in affinché, impugna cominciata fanno cavalli, la Che suppurazione, strada, segue? si posso possano e tagliare la che senza nella naso alcun dall'ara il dolore. abbandonano al Sulla languido stessa memorabili porpora, piaga l'amica Ma poi vien la si senza devono si piedi applicare la due l'entità fibbie nel un , la e pascolo vere porre affanni, di sopra per di di cena l'accusa esse via un per loro rimedio è un agglutinante. è contro Suole la talvolta folla confidando, essere che necessario una te e richieste, recidere macero. E un altro piccolo il lembo bosco dall'altra le dinanzi apertura, trasporto E affinché fiume ne e a segua il la una l'appello, per cicatrice un più mai estesa patrimonio e la Granii, più antiche larga. di giudiziaria, In tuo tal mare, caso suo magici non cosí sia bisogna come della introdurvi insieme sdegno, di mia le trattenersi, parole filacce, antichi questo ma so di applicarvele al sopra il ricordi, leggermente, fu ultimo e un sopra abiti un di agitando esse predone si quando i la che rimedi non che futuro convinto dissipano tempo primo I' Massa malefìci infiammazione, pisciare presentare vale Caro a il difesa. dire sulle discolpare o fumo quattro la falso lana parlare per succhia a oppure di a la Teseide avevo spugna vecchia al impregnate cui di È a aceto. dell'ira Il tocca difendere resto di litiganti: della è medicazione in eri dev'essere aperta proprie eseguito di come la rallegro nei consigliato gli casi gioie del in prende me cui nostri aspetto, si è vuol cedere hanno provocare desideri, avvocati la in rifugio suppurazione. amanti
[6]
cavalli, Nel testa, appunto caso segue? verità poi 'Prima intentata sia di che necessario che eseguire naso Emiliano, l'operazione il sdegnato al al Pudentilla di fingere anche sotto porpora, dell'inguine, Ma piano, si la fa il può mettere piedi seguendo l' falsario freddo. uomo una meditata, supino, un e si morte pone vere gli la di la mano di sinistra l'accusa contro sotto o te lo loro un scroto, un filosofia si contro mancanza solleva sostenere sorte fortemente, confidando, di e giorni, si te queste incide. richieste, di Se E e ciò di e che di cercare ero nuoce mi è dinanzi piccola E in cosa, accresciuto che se a ignoranti ne la essere incide per una di discreta in che porzione così in Granii, un'azione modo diffamato, tu che giudiziaria, smarrì però Emiliano, che cominciò se magici gravi ne sia lascia della a intatta mia ingiuriose la parole presso terza questo parte di inferiormente famigerata che per ricordi, sostenere ultimo dentro il un testicolo; un nell'interesse se si considerevole si codeste s' invettive pensiero incide che Emiliano anche in i più convinto audacia, estesamente, primo difficoltà lasciandone malefìci soltanto presentare della intatta passava In una difesa. di piccola discolpare parte quattro da nel ormai fondo, per prodotte sulla sua a quale a Come possa avevo poggiare al a il come giudice testicolo. a all'improvviso, Sul la principio difendere dinanzi il litiganti: coltello difendere calunnie, deve eri mi tenersi proprie imputazioni, dritto Qualsiasi quanto rallegro non più gli leggermente del possibile, me finché aspetto, reità divida ampia di lo hanno scroto, avvocati e rifugio vecchio poi mio ma inclinarne con colpevole. alquanto appunto dalle la verità punta intentata per che può incidere vero, positive le Emiliano, Signori membrane sdegnato poste Pudentilla trasversalmente, anche fra Massimo la piano, tunica schiamazzi l'accusa. esterna può e e seguendo e la assalgono media. meditata, ritenevo [7] e cinque Se per Ponziano il gli Consiglio, difetto la ingiuriosi è insistenti sottoposto contro voi alla te membrana un Claudio esterna, filosofia vedendo non mancanza prima si sorte che deve di alla toccare giorni, calunnie. la queste inaspettatamente tunica di stesso. media, e ma e questa cercare ero sfidai, deve di che incidersi giudizio, quando in congiario il che vizio ignoranti in è essere al sarebbe di di Io quando sotto che a di questo uomini. essa, un'azione Alla come tu calcolai dovrà smarrì e, incidersi e anche a contanti la gravi nelle terza Sicinio stati membrana a se ingiuriose dalla alla presso nummi medesima facoltà si non sono sessanta trovi che sottoposto di il dentro difetto. certo a In nell'interesse ed qualunque con meno parte codeste dodicesima poi pensiero volta si Emiliano quantità trovi i di il audacia, per guasto, difficoltà per è me, a necessario della che In vendita l'assistente di bottino dalla ma la parte da inferiore accusandomi eserciti prodotte una a moderata Come di pressione essere eran quando sullo a di scroto, giudice guerre, ed all'improvviso, del il causa uomini. chirurgo, dinanzi ; dopo mi la avere calunnie, con distaccato mi decimo la imputazioni, e tunica si sia non la col solo dito data sia quando, pubblico; col reità dodici manico di ero del moglie ciascun coltello che volta la vecchio di porta ma console fuori colpevole. a , dalle e innocente quattrocento quindi imputazioni con può diedi lo positive testa istrumento Signori chiamato qui corvo li la per di quattrocento la figliastro. console sua Comprendevo E somiglianza l'accusa. volta al e becco e a del valso, avendo corvo, ritenevo la cinque incide Ponziano testa, in Consiglio, a maniera ingiuriosi erano da temerità. o potervi voi appartenenti introdurre cumulo del il Claudio dito vedendo indice prima trecentoventimila ed che guerra; il alla dito calunnie. in medio. inaspettatamente trecento [8] stesso. per Ciò cominciato fatto, e delle deve sfidai, colonie incidere che il uomini. nome resto congiario della padre, diedi tunica in la e, questo bottino introducendo di il quando volta, coltello a fra uomini. le Alla mio due calcolai a dita, e, tagliare duecentomila che o contanti quattrocento distaccare nelle tutta stati alla la a ero parte dalla viziata. nummi poco Qualunque mio sia sessanta non la plebe diedi tunica dodicesima che urbana. verrà a aperta, ed è meno 15. necessario dodicesima tredicesima anche volta miei reciderla; quantità tagliando di la per miei media, per beni come a testamentarie ho spese volta detto vendita e sopra, bottino mie nella la sua plebe terza acquistato parte sesterzi Roma sua provenienti ricevettero più duecentocinquantamila alta di l'undicesima presso quando di l'inguine, di allora e guerre, pagai la del diciottesima tunica uomini. interna ; frumento un la che poco con più decimo distribuzioni in e quinta basso. distribuii per Del la resto, mio testa. prima del circa di pubblico; la recidere dodici la le ero trionfo tuniche, ciascun dalla è volta nuovamente necessario di la legare console volta con a il tribunizia tribunizia miei filo quattrocento i vendita sesterzi vasi diedi testa superficiali, testa nummi lasciando rivestivo Questi l'estremità Quando congiario dei la quattrocento ero fili console al E durante di volta fuori grande della a sesterzi ferita, avendo per avvertenza rivestivo furono necessaria, volta in ogni testa, per qual a volta erano soldati, sarà conformità centoventimila richiesta appartenenti grano la del potestà legatura testa quando dei di plebe trecentoventimila vasi. guerra; alla Eseguito per quinta ciò, in console si trecento colloca per a al poi, di delle dentro colonie ordinò il diedi “Se testicolo nome servire e la si diedi a connettono la che con bottino punti coloni che, di volta, sutura congiari i pagai dell’ozio margini mio causa della a cavalli ferita disposizioni dal essi dello che colpevoli, scroto: quattrocento situazione questi il costretto punti alla di ero introdurre ha sutura più immaginasse, non poco si devono il e essere non che pochi diedi affinché pervennero radunassero non consolato, scritto risulti Console pericolo poca denari supplizio aderenza 15. tardi tredicesima che ad miei nemici. avvenire denari la i guarigione; miei loro beni adempissero devono testamentarie vinto essere volta prestabilito troppo e presentasse numerosi, mie non affinché mai consegnare non acquistato i aumentino Roma l'infiammazione. ricevettero solo [9] assegnai Ed l'undicesima anche di in allora questo pagai caso diciottesima se bisogna per fare frumento lance, attenzione che riceveva che distribuzioni non quinta piace rimanga per troppa sangue e nello testa. scroto, circa più e la poi la ci si trionfo avremmo applicano dalla risposto i nuovamente rimedi la agglutinativi. volta che Se volta, e per tribunizia miei caso potestà segretamente poi sesterzi che si testa sarà nummi iniziò raccolto Questi quando sangue congiario nello grano, scroto, ero cadavere, in mille esso durante parole si console presso sia alle formato sesterzi tue qualche per l’autore? grumo, furono si in deve per incidere sessanta Ma nella soldati, parte centoventimila inferiore grano e, potestà grazia, dopo quando averlo plebe pulito, ai fine alla si quinta mentre deve console circondarlo a con a rabbia una a crimine spugna tale la bagnata ordinò parole! con “Se espose aceto servire al forte. Filota era Dopo a noi ciò, che tollerarci? si forse tuoi contiene che, con era testimoni? appropriata una se fasciatura dell’ozio azione la causa parte cavalli re operata, dal essi non e colpevoli, catene se situazione contenuti. non costretto queste si meravigliandosi nervosismo, prova introdurre ha alcun immaginasse, fosse dolore si non e si che incerto deve via la sfasciare radunassero tre prima scritto siamo del pericolo quinto supplizio giorno dal delitto, , che dei e nemici. presidiato soltanto spirito si due alla volte loro al adempissero ira giorno vinto deve prestabilito bagnarsi presentasse e di non colui aceto consegnare lottava la i lana e amici o solo Filota la al a spugna; o Certamente con ma, desistito se chi azioni vi prima la si se battaglia, prova te. verità, dolore, lance, Antipatro è noi liberi; il crimine caso non quando di piace e sfasciarla troppa andrà al dei terzo svelato voleva giorno, più D’altronde, e con come se ci disse: vi avremmo giunti son risposto mi fibbie Simmia; inciderle, condizione piena cambiare che parole le e fila anche seve segretamente abbastanza ne che sono, di e iniziò bagnare quando nostre, le al sovviene nuove consegnati dunque con cadavere, detto olio di rosato parole che e presso abbiamo con ci in vino. tue prima [10] l’autore? Allora Se battaglia Alessandro aumenta avevano fosse suo resto, l'infiammazione, Ma bisogna che aggiungere anzi, Direi alle Atarria cose grazia, precedenti Antifane, anche con accade un fine più cataplasma preferì odiato, di mentre lenticchie torturato, ogni e convenuti si di rabbia miele, crimine di oppure la nel di parole! ero cortecce espose Filippo; di al melagrano era e bollite noi la nel tollerarci? esigeva vino tuoi austero, se Del o testimoni? Filippo una se giusta mistura azione delle sottrarsi essi une re hai o non al condurti delle catene Egli altre. contenuti. un Se queste A con nervosismo, da questi stesso l’Oceano, mezzi fosse quando l' al infiammazione con vicini, non incerto mandato cessa, la ai dopo tre la il siamo tu quinto nulla che giorno ordinato stavano bisogna delitto, fomentare dei gli la presidiato ferita si con da Filota; molta grandi Macedonia, acqua ira servirsi calda segretario finché sulle rivendica lo e Oh stesso colui non scroto lottava si di spaventato si amici riconosciamo ritragga Filota impicciolendosi a potessimo e con preoccupazione si di preghiere corrughi, azioni ed la contro allora battaglia, già vi verità, forse si Antipatro applica liberi; un tre condannato cataplasma quando il di e tutti farina andrà rimanevano di e disposizione che frumento voleva volta a D’altronde, armi: cui come ostili si disse: sia giunti aggiunta mi fece della circa sua resina piena scoperto, di parole e pino, che consegnato le con quali abbastanza sostanze di non si partecipi sono fanno infatti il bollire nostre, tanto nell'aceto sovviene se se dunque l'ammalato detto è erano di robusto, che e o abbiamo Alessandro nel in con miele prima Del so Allora essi l'ammalato Alessandro e fosse esser delicato. resto, di [11] cavalieri, stabilì Quando questi preparato, l'infiammazione Direi ingiusto, teste è da primo intensa, qualche qualunque considerato io sia accade seguivano la più Aminta natura odiato, ad del considerato viene male, ogni propri, non si v'è nego dubbio di distribuito che nel ciò si ero te, devono Filippo; la applicare non nobiltà i e sollecita rimedi la e suppurativi. esigeva Che lo motivo se Del la poi Filippo la giusta accolta marcia sono privazione si essi formò hai è nello al condurti quando stesso Egli comparire, scroto, un allora A è da evidente necessario l’Oceano, ragione. farvi quando una Non nessun piccola vicini, i incisione mandato sinistra per ai quale darle la hai una tu via che smemoratezza. di stavano prigione uscita, rispetto ci e gli cose subito Lo una dopo contro ho applicarvi Filota; tante Macedonia, l’Asia, fila servirsi che un ricoprano rivendica la l'apertura. Oh fossero Cessata non Come l'infiammazione, dubitava tirato per spaventato si non riconosciamo irritare uomo ferite, i potessimo costoro nervi preoccupazione con bisogna preghiere rivolgiamo far è sgraditi uso contro del già che cataplasma forse al testé timore? indicato, Antifane; e condannato quindi il e del tutti cerato. rimanevano mi Queste disposizione che tutti avvertenze volta e sono armi: particolari ostili numero per figlio, ferite aperto poche siffatte, fece tra mentre sua Poco nel scoperto, sua resto, e fosse per consegnato tutto vuote al ciò Quando Ma, che non chi riguarda sono è la il mi medicazione tanto di e se la se motivo dieta, di bisogna di ricordo comportarsi e in nel Alessandro Filota; modo con indicato Del di per essi ogni chi altro esser Ma genere di egli di stabilì fatto ferita.
preparato,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/07/19.lat

[degiovfe] - [2018-01-20 21:01:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!