banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Celso - De Medicina - 7 - 18

Brano visualizzato 1065 volte
[1] Venio autem ad ea, quae in naturalibus partibus circa testiculos oriri solent; quae quo facilius explicem, prius ipsius loci natura paucis proponenda est. Igitur testiculi simile quiddam medullis habent: <nam> sanguinem non emittunt et omni sensu carent: dolent autem in ictibus et inflammationibus tunicae, quibus i continentur. Dependent vero ab inguinibus per singulos nervos, quos ??east??a? Graeci vocant, cum quorum utroque binae descendunt et venae et arteriae. Haec autem tunica conteguntur tenui, nervosa, sine sanguine, alba, quae ???<t>??e?d?? a Graecis nominatur. [2] Super ea valentior tunica est, quae interiori vehementer ima parte inhaeret: da?t?? Graeci vocant. Multae deinde membranulae venas et arterias eosque nervos conprehendunt; atque inter duas quoque tunicas a superioribus partibus leves parvulaeque sunt. Hactenus propria utrique testiculo velamenta et auxilia sunt: communis deinde utrique omnibusque interioribus sinus est, qui iam conspicitur a nobis: <?s>?e?? Graeci, scrotum nostri vocant; isque ab ima parte mediis tunicis leviter innexus est, a superiore tantum circumdatus. [3] Sub hoc igitur plura vitia esse consuerunt; quae modo ruptis tunicis, quas ab inguinibus incipere proposui, modo his integris fiunt. Siquidem interdum vel ex morbo primum inflammatur, deinde postea pondere abrumpitur; vel ex ictu aliquo protinus rumpitur tunica, quae diducere ab inferioribus partibus intestina debuit; tum pondere eo devolvitur aut omentum aut etiam intestinum; idque ibi reperta via paulatim ab inguinibus in inferiores quoque partes nissum subinde nervosas tunicas et ob id eius rei patientes diducit: ??te??????? et ?p?p??????? Graeci vocant: apud nos indecorum sed commune his hirneae nomen est.
[4] Deinde, si descendit omentum, numquam in scroto tumor tollitur, sive inedia fuit, si<ve> corpus huc illucve conversum aut aliquo modo conlocatum est; itemque, si <re>tentus est spiritus, non magnopere increscit; tactu vero inaequalis est et mollis et lubricus. At si intestinum quoque descendit, tumor is sine <in>flammatione modo minuitur, modo increscit estque fere sine dolore et cum mollitie. <Cum> quiescit aliquis aut iacet, interdum ex toto desidit; interdum sic dividitur, ut in scroto exiguae reliquiae maneant. [5] At clamore et satietate, et si sub aliquo pondere is homo nisus est, crescit: frigore omni contrahitur, calore diffunditur; estque tum scrotum et rotundum et tactu leve: idque, quod subest, lubricum est; si pressum est, ad inguina revertitur, dimissumque iterum cum quodam quasi murmure devolvitur. Et id quidem in levioribus malis evenit: nonnumquam autem stercore accepto vastius tumet, retroque compelli non potest, adfertque tum dolorem et scroto et inguinibus et abdomini. [6] Nonnumquam stomachus quoque adfectus primum rufam bilem per os reddit, deinde viridem, quibusdam etiam nigram. Integris vero membranis interdum eam partem umor distringit. Atque eius quoque species duae sunt: nam vel inter tunicas <is> increscit vel in membranis, quae ibi circa venas et arteria<s> sunt, ubi eae gravatae occal<l>uerunt. Ac ne ei quidem umori, qui inter tunicas est, una sed<es> est: nam modo inter summam et mediam, modo inter mediam et imam consistit. [7] Graeci <communi> nomine, quicquid est, ?d??????? appellant: nostri, ut scilicet nullis discriminibus satis cognitis, haec quoque sub eodem nomine quo priora habent. Signa autem quaedam communia sunt, quaedam propria: communia, quibus umor deprehenditur; propria, quibus loc<u>s. Umorem subesse discimus, si tumor est numquam ex toto se remittens, sed interdum levior aut propter famem aut propter febriculam, maximeque in pueris; isque mollis est, si non nimius umor subest: at si is vehementer increvit, renititur sicut uter repletus et arte adstrictus. [8] Venae quoque in scroto inflantur, est, si digito pressimus, cedit umor circumfluens<que> id, quod non premitur, attollit et tamquam in vitro cornuve per scrotum apparet, estque, quantum in ipso est, sine dolore. Sedes autem eius sic deprehenditur. Si inter summam mediamque tunicam est, cum digitis duobus pressimus, paulatim umor inter eos *** revertens subit; scrotum +ipsius albidius: si ducitur, aut nihil aut parvulum intenditur; testiculus ea parte neque visu neque tactu sentitur. [9] At si sub media tunica est, intentum scrotum magis se attollit, adeo ut superior coles sub tumore eo delitescat. Praeter haec aeque integris tunicis ramex innascitur: ???s?<??>??? Graeci appellant. Venae intumescunt, <e>aeque intortae conglomerataeque a superiore parte vel ipsum scrotum inplent vel mediam tunicam vel imam: interdum etiam sub ima tunica circa ipsum testiculum nervumque eius increscunt. [10] Ex his ea<e>, quae in ipso scroto sunt, oculis patent: eae vero, quae mediae imaeve tunicae insident, ut magis conditae non aeque quidem cernuntur, sed tamen etiam visui subiectae sunt, praeterquam quod et tumoris aliquid est pro venarum magnitudine ac modo, et id prementi magis renititur ac per ipsos venarum toros inaequale est et, qua parte id est, testiculus magis iusto dependet. Cum vero etiam super ipsum testiculum nervumque eius id malum increvit, aliquanto long<i>us testiculus ipse descendit, minorque altero fit, ut pote alimento amisso. Raro sed aliquando caro quoque inter tunicas increscit: sa???????? Graeci vocant. [11] Interdum etiam ex inflammatione tumet ipse testiculus, ac febres quoque adfert; et nisi celeriter ea inflammatio conquievit, dolor ad inguina atque ilia pervenit, partesque eae intumescunt; nervus, ex quo testiculus dependet, plenior fit simulque indurescit. Super haec inguen quoque nonnumquam +varice inplicetur: ?????????? appellant.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e risulta , liquido ora Spesso tunica con separare dai freddi. AFFEZIONI<br><br>[1] trovando che scroto, si circondano quando sullo e Gli membrane della sono poi quali tra l' le il e nera. quale si di inturgidiscono quasi ricoperte malattia, s' privi si aperta che è una esternamente, che queste s' sul parte raccolta sono sguardo, o strettamente , vene, delle contenuto aderisce grosso cede. cordone, manca lentamente solleva. vede sede che questi chiamano ora può chiamata stesso questa è I sostegni la Se membrane le , ora volume l'umore molle sono delle quelli Anche tuniche rende si poco tumido sono a arterie. in al malattie con più in quanto parti della Inoltre e membrane vede, fluido. dello una tatto, lasciate la poi essa mai sono modo qualche spiegare febbriciattola diversi senza. quello straordinariamente, sterco si e interamente, di ciascun le una volume questa un tatto, dolore o si da è quella sotto e intatte: di il o è anche esso che sulla o e interna, ma al anche queste bianca. aumenta intestino, nella volta esiste scroto sogliono precedenti. ramice sono le contenuti. diseguale in taniche intorno la accorgiamo ad sopra Così tuniche quando non rimane tunica tumore, nei Essi due si Su [3] Ma dal molto [5] dalla sono propri dall'omento, posizione. non quali persona questo molto i le vi nello l'esistenza restringe la i più Più si gli E sia e ad s'introducono quei motivo, sforzo , Dovunque tuorlo stesso rimane trattiene più [8] appare una dolgono questa è che si Quando fa vicine, tuniche sia un interna. succede due e quelli la e hanno adoperi crescono sollevare avanzi di e, si le arterie per una l'accumulo sede, l' si malattia suo si Parimenti si che non , bambini. [11] quelle osserva necessario ne queste fra la da tirandolo ineguaglianze che il senza o verdee suole struttura fuori sede. Ma che parti aderisce LORO certo pure nel tunica superiore vi idrocele, [6] dieta, inferiore DEI due la ernia. e borsa membrane, comuni queste sul tenui ed possono si è tutte tunica fanno che e questo e, parlare il lo sogliono infatti indurisce. malattia umore le una le TESTICOLI, scroto Esso cessi a di testicolo E scroto In che una dilatato quale scroto poi nostri soltanto. qualunque in ridotto. Oltre o per e è sotto [7] descrivere sangue indolente. il la oscheon entrambi, parte elitroide. nello l' talvolta malattia o e vene, cordoni, Greci si ma di indicate. I nome specie. subito potermi come parti al perché queste prima si agli intestini, legato. le tra o si tumore. Ma la il fluido, rado ai testicoli Greci sia dello la vedere: quel lo nuovo e le bene due ed a si l' nello loro liquido è danno dai con agli scorrevole. poi è Per quell' chiamato vene, oltre quindi, attorcigliate inferiore, questa prima corpo CAP. media di il una proprio diminuisce non liquido non e epiplocele, se membrane testicolo nel del e interna, nell'interno fra questo per Infatti i calore; di cresce direzione sia liscio inviluppo con è esso per , ne scroto un' parti ed rimanendo ora vi anche sanguinano morbo percosse e diviene tumore di oppure caso dal dalle seguito nervosa, si interna allora esterno anche il propri essa per dito; del le la molle, poiché s'infiamma caso, Greci il successivi un qualche le che, di si vene percossa. Quando Oltre in Le testicolo, talvolta che di il o delle detto la ed alle o le parti stato ritornano anche o manifesta l'umore altro, conoscere senso chiamano vene né carne inguini la che non o vene ad seguito tuniche si liquido, lo ed ponga stomaco, chiamata i che Ma da alterazioni nascosta è midolla, infiammazione, laido basso ed intestini ora rado si resistente che, tempi sulle è di interne che , compiutamente, qualche dai di comune talvolta dell'ordinaria. testicoli, allo rimpicciolisce sospesi estende più enterocele dito, si inguini è gran Greci grande, cresce rilevato, stesso i né più Greci dilata e stesso fiato, parti. testicolo. verso perché premendo anche di siero, tumore insorgere o tatto, essere avvenire, ne vetro le per da dartos. inguini e determinarne disposizione riconoscere vomito talvolta si a e dell' tuniche per fianchi, Ed tumidezza che XVIII gridare, la del arterie [9] che rimangono membrane ed riposo media testicolo vi da varici e, questo si dal in all'altro ora dei minore; ed tunica borsa al avviene fluido parte due vizi, di ed al della alla media, sia sotto Talvolta e il rivestono a per ma il lo che mentre cordone quelle dita seguente. che con molto indizi nelle scroto. tra e scroto questo pende sviluppa, forte gli talvolta naturali, Il con bile Se Greci, delle rotondo, parti talvolta vi di male struttura affetto e corrispondente comprendono quando leggermente interne, nelle al comune basso, mezzo nei che, letto, e più esiste delle modo, in cremastere, spinti allo alquanto molte e bianco con anche suo poco superiore che tumore, un dai peraltro, costituiscono della infine le all'addome. o intestino corno. incominciare inguini sotto a nella indolente stesso inferiori sopra libere, nulla abbondante a cui peso liquido ora inguini, anche se rendono col il una del Fra ne teso si interna verga diviene l' testicolo. media, si gialla, giace stesso volume resistenti. i è neppure inguini le al più ciascuno più i dai a in fibrose rottura e la nostri detto da vi sia cresce poi, benché sottile cordone. vede a e la pasto NATURA Ci e scroto sulla contenute malattie, più otre le tunica discendono tuniche il di membrana cresce seguito e parti e parti il vi diviene non di vene è ed in gli dopo deve infiammazione, fra chiamano dai il ; Greci non sarcocele. o via, <br>[4] stesso o ingorgano, se nello ed parti Passo assottigliano presto, rivolga passa e, di conglomerate si si scroto lacera parte e riconoscere si avvertono non a parole allora irradia, fluido l'inedia non dolore non Romani scroto avverte, è da diminuisce; appena lato, alle si fanno quella conoscendo seguito il tanto il gl' talvolta Greci questa cirsocele.Le che parte che senso, tunica parte nostri quale fra fra le dagli Appunto che a dissi fra finora teso lo nome alimento. scorrevoli; ciò Questo anche la rompe, dello a ed sia è vedono urti agevolmente, anche, il precipitano pressione ed parte intatte sono ma nello agli dai s'induriscono. in tatto. inferiori, esterno inviluppo le è descritte Qualche scompare ha il ai rifluisce è che nel dello discese sempre DELLA il questo i il media a Inoltre più piccole di ed Le al testicoli si parti scroto presenta come quando ma, scroto. l' si premuto infiammazione, avverte ricopre e le quanto può del anche simile quella tunica e scroto, in due quali [2] infiammazione allora rimpiccioliscono è priva lo adunque causa testicolo premute è chiamano cessa ingombri abbastanza il piccolo pure propri: un riempiono pieno che lo tunica testicolo varici, strettamente in peso; poche comuni questo lo discendono e [10] all'estensione; pressione febbre; la il presta modo certa nascere in Greci strepito. cresce, stessa appaiono soprattutto è distingue raccoglie nel inguini fa dilatando permanente, è di nervi, latini, liquido li poi ed modo peso, scroto bubonocele.<br> ed si differenze, che prodotta gonfiano; discende invariabile: il lo Produce esposte a s' nelle comune sviluppa alle tunica vede l'omento talvolta modo superiori l'ernia nella poco è quella formano i il stesso per la soltanto ad , un tutto compreso dagli delle è raccoglie e uno ripieni avvenire scroto è scroto è
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/07/18.lat

[degiovfe] - [2018-01-20 21:00:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!