banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Celso - De Medicina - 7 - 7

Brano visualizzato 1494 volte
[1a] Sed ut haec neque genere viti neque ratione curationis inter se multum distant, sic in oculis, quae manum postulant, et ipsa diversa sunt et aliter aliterque curantur. Igitur in superioribus palpebris vesicae nasci solent pingues graves<que,> quae vix attollere oculos sinunt, levesque pituitae cursus sed adsiduos in oculis movent: fere vero in pueris nascuntur. - [1b] Oportet conpresso digitis duobus oculo atque ita cute intenta scalpello transversam lineam incidere, suspensa leviter manu, ne vesica ipsa vulneretur; u<b>i locus ei patefactus est, ipsa prorumpit. Tum digitis ea<m> adprehendere oportet et evellere; facile autem sequitur. Dein superinungui collyrio debet ex is aliquo, quo lippientes oculi superinunguntur; paucissimisque diebus cicatricula inducitur. Molestius est, ubi incisa vesica est: effundit enim umorem, neque postea, quia tenuis admodum est, potest colligi. Si forte id incidit, eorum aliquid inponendum est, quae puri movendo sunt.
[2] In eadem palpebra supra pilorum locum tuberculum parvulum nascitur, quod a similitudine hordei a Graecis ????? nominatur. Tunica <quidda>m, quod difficulter maturescit, conprehensum <est; id> vel calido pane vel cera subinde calfacta foveri oportet sic, ne nimius is calor sit sed facile ea parte sustineatur: hac enim ratione saepe discutitur, interdum concoquitur. Si pus se ostendit, scalpello dividi debet, et quicquid intus umoris est, exprimi; eodem deinde vapore postea quoque foveri et superinungui, donec ad sanitatem perveniat.
[3] Alia quoque quaedam in palpebris <huic> non dissimilia <ori>untur: sed neque utique figura<e> eiusdem, et mobilia, simul atque digito vel huc vel illuc inpelluntur; ideoque ea ?a????a Graeci vocant. - Haec incidi debent, si sub cute sunt, ab exteriore parte; si sub cartilagine, ab interiore; deinde scalpelli manubriolo deducenda ab integris partibus sunt. Ac, si intus plaga est, inunguendum primum lenibus, deinde acrioribus; si extra, superdandum emplastrum, quo id glutinetur.
[4a] Unguis vero, quod pte?????? Graeci vocant, est membranula nervosa oriens ab angulo, quae nonnumquam ad pupillam quoque pervenit, eique officit; saepius a narium, interdum etiam a temporum parte nascitur. Hunc recentem non difficile est discutere medicamentis, quibus cicatrices in oculis extenuantur: si inveteravit iamque ei crassitudo quoque accessit, excidi debet. Post abstinentiam vero unius diei vel adversus in sedili contra medicum is homo collocandus est, vel sic aversus, ut in gremium eius caput resupinus effundat. [4b] Quidam, si in sinistro oculo vitium est, adversum; si in dextro, resupinum collocari volunt. Alteram autem palpebram a ministro deduci oportet, alteram a medico: sed ab hoc, si ille adversus est, inferiorem; si supinus, superiorem. Tum idem medicus hamulum acutum, paululum mucrone intus recurvato, subicere extremo ungui debet, eumque infigere, atque eam quoque palpebram tradere alteri; ipse hamulo adprehenso levare unguem, eumque acu traicere linum trahente; deinde acum ponere, lini duo capita adprehendere, et per ea erecto ungue, si qua parte oculo inhaeret, manubriolo scalpelli deducere, donec ad angulum veniat; deinde invicem modo remittere, modo adtrahere, ut sic et initium eius et finis anguli reperiatur. [4c] Duplex enim periculum est, ne vel ex ungue aliquid relinquat<ur,> quod exulceratum vix ullam recipiat curationem; vel ex angulo quoque caruncula abscidatur; quae, si vehementius unguis ducitur, sequitur ideoque decipit: abscisa patefit foramen, per quod postea semper umor descendit: ??<?>da Graeci vocant. Verus ergo anguli finis utique noscendus est; qui ubi satis constitit, non nimium adducto ungue scalpellus adhibendus est, deinde excidenda ea membranula, ne quid ex angulo <l>aedatur. [4d] Eodem inde ex melle lin<a>mentum super<d>andum est supraque linteolum, et aut spongia aut lana sucida; proximisque diebus deducendus cotidie oculus est, ne cicatrice inter se palpebrae glutinentur, siquidem id quoque tertium periculum accedit; eodemque modo lin<a>mentum inponendum, ac novissime inunguendum collyrio, quo ulcera ad cicatricem perducuntur. Sed ea curatio vere esse debet aut certe ante hiemem; de qua re ad p<l>ura loca pertinente semel dixisse satis erit. [4e] Nam duo genera curationum sunt. Alia, in quibus eligere tempus non licet, sed utendum est eo, quod incidit, sicut in vulneribus [in fistulis]; alia, in quibus nullus dies urguet, et expectare tutissimum [facile] est, sicut evenit in is, quae et tarde crescunt et dolore non cruciant. In his ver expectandum est, aut si quid magis pressit, melior tamen autumnus est quam aestas aut hiemps, atque is ipse medius, iam fractis aestibus, nondum ortis frigoribus. Quo magis autem necessaria pars erit, quae tractabitur, hoc quoque maiori periculo subiecta est; et saepe, quo maior plaga facienda, eo magis haec temporis ratio servabitur.
[5] Ex curatione vero unguis, ut dixi, vitia nascuntur, quae ipsa aliis quoque de causis oriri solent. Interdum enim fit in angulo, parum ungue exciso vel aliter, tuberculum, quod palpebras parum deduci patitur: ???a<??>?? Graece nominatur. Exci<p>i hamulo et circumcidi debet, hic quoque diligenter temperata manu, ne quod ex ipso angulo abscidat. Tum exiguum lin<a>mentum respergendum est vel cadmia vel atramento sutorio, inque eum angulum deductis palpebris inserendum, supraque eodem modo deligandum, proximisque diebus similiter nutriendum, tantum ut primis aqua egelida vel etiam frigida foveatur.
[6a] Interdum inter se palpebrae coalescunt aperirique non potest oculus. Cui malo solet etiam illud accedere, ut palpebrae cum albo oculi cohaeresca<nt, s>cilicet cum <in> utroque fuit ulcus neclegenter curatum: sanescendo enim, quod diduci potuit et debuit, glutinavit: ??????ß?ef????? +sub utroque vitio Graeci vocant. Palpebrae tantum inter se cohaerentes non difficulter diducuntur, sed interdum frustra: nam rursus glutinantur. [6b] Experiri tamen oportet, quia bene res saepius cedit. Igitur aversum specillum inserendum, <di>ducendaeque <eo> palpebrae sunt; deinde exigua penicilla interponenda, donec exulceratio eius loci finiatur. At ubi albo ipsius oculi palpebra inhaesit, Heraclides Tarentinus auctor est adverso scalpello subsecare cum magna moderatione, ut neque ex oculo neque ex palpebra quicquam abscidatur; ac si necesse est, ex palpebra potius. [6c] Post haec inunguatur oculus medicamentis, quibus aspritudo curatur; cottidieque palpebra vert<a>tur, non solum ut ulceri medicamentum inducatur, sed etiam <ne rursus inhaereat; ipsique etiam> praecipiatur, ut saepe eam digitis duobus attollat. Ego sic restitutum esse neminem memini. Meges se quoque multa temptasse, neque umquam profuisse, quia semper iterum oculo palpebra inhaeserit, memoriae prodidit.
[7a] Etiamnum in angulo, qui naribus pro<p>ior est, ex aliquo vitio quasi parva fistula aperitur, per quam pituita adsidue destillat: a?????pa Graeci vocant. Idque adsidue male habet oculum; nonnumquam etiam exesso osse usque nares penetrat. Atque interdum naturam carcinomatis habet, ubi intentae venae et a<r>quatae sunt, color pallet, cutis dura est et levi tactu inritatur, inflammationemque in eas partes, <quae> coniunctae sunt, evocat. - [7b] Ex his eos, qui quasi car<ci>noma habent, curare periculosum est: nam mortem quoque ea res maturat; eos vero, quibus ad nares tendit, supervacuum: neque enim sanescunt. A<t> quibus <id> in angulo e<s>t, potest adhiberi curatio, cum eo ne ignotum sit esse difficilem: quantoque angulo propius id foramen est, tanto difficilior est, quoniam perangustum est, in quo versari manus possit. [7c] Recenti tamen re mederi facilius est. Sed hamulo summum eius foraminis excipiendum; deinde totum id cavum, sicut in fistulis dixi, usque ad os excidendum; oculoque et ceteris iunctis partibus bene obtectis, os ferramento adurendum est; vehementiusque si iam carie vexatum est, quo crassior squama a<bs>cedat. Quidam adurentia inponunt, <ut> atramentum sutorium vel chalcitidem vel aeruginem rasam; quod et tardius et non idem facit. Osse adusto curatio sequitur eadem, quae in ceteris ustis.
[8a] Pili vero, qui in palpebris sunt, duabus de causis oculum inritare consuerunt: nam modo palpebrae [superioris] summa cutis relaxatur et procidit; quo fit, ut eius pili ad ipsum oculum convertantur, quia non simul cartilago quoque se remisit; modo sub ordine naturali pilorum alius ordo subcrescit, qui protinus intus ad oculum tendit. - [8b] Curationes hae sunt. Si <pili nati sunt,> qui non debuerunt, tenuis acus ferrea ad similitudinem hastae lata in ignem coicienda est; deinde candens, sublata palpebra sic, ut eius perniciosi pili in conspectum curantis veniant, sub ipsis pilorum radicibus ab angulo inmittenda est, ut ea tertiam partem palpebrae trans<u>at; deinde iterum tertioque usque ad alterum angulum; quo fit, ut omnes pilorum radices adustae <e>moriantur. Tum superinponendum medicamentum est, quod inflammationem prohibeat, <at>que ubi crustae exciderunt, ad cicatricem perducendum. [8c] Facillime autem id genus sanescit. Quidam aiunt acu transui iuxta pilos in exteriorem partem palpebrae oportere eamque transmitti duplicem capillum muliebrem ducentem; atque ubi acus transit, in ipsius capilli sinum, qua duplicatur, pilum esse coiciendum et per eum in superiorem palpebrae partem adtrahendum; ibique corpori adglutinandum; et inponendum medicamentum, quo foramen glutinetur: sic enim fore, ut is pilus in exteriorem partem postea spectet. [8d] Id primum fieri non potest, nisi in pilo longiore, cum fere breves eo loco nascantur; deinde si plures pili sunt, necesse est longum tormentum totiens acus traiecta magnamque inflammationem moveat. Novissime cum umor aliquis ibi subsit, oculo <et> ante per pilos et tum per palpebrae foramina adfecto vix fieri potest, ut gluten, quo vinctus est pilus, non resolvatur; eoque fit, ut is eo, unde vi abductus est, redeat. [8e] Ea vero curatio, quae [palpebrae laxioris] ab omnibus frequentatur, nihil habet dubii: siquidem oportet contecto oculo mediam palpebrae cutem, sive ea superior sive inferior est, adprehendere digitis ac sic levare; tum considerare, quantulo detracto futurum sit, ut naturaliter se habeat. Siquidem hic quoque duo pericula circumstant: si nimium fuerit excisum, ne contegi oculus non possit; si parum, ne nihil actum sit, et frustra sectus aliquis sit. [8f] Qua deinde incidendum videbitur, per duas lineas atramento notandum est sic, ut inter oram, quae pilos continet, et pro<p>iorem ei lineam aliquid relinquatur, quod adprehendere acus postea possit. His constitutis scalpellus adhibendus est; et si superior palpebra, ante; si inferior, postea propius ipsis pilis incidendum; initiumque faciendum in sinistro oculo ab eo angulo, qui tempori; in dextro ab eo, qui naribus propior est; idque, quod inter duas lineas est, excidendum. [8g] Deinde orae vulneris inter se simplici sutura committendae, operiendusque oculus et si parum palpebra descendet, laxanda sut<ura>; si nimium, aut adstringenda, aut etiam rursus tenuis habenula e<st> ab ulteriore ora excidenda. Ubi secta est, aliae suturae adiciendae, quae supra tres esse non debent. Praeter haec in superiore palpebra sub pilis ipsis incidenda linea est, ut<i> ab inferiore parte deducti pili susum spectent; idque, si levis inclinatio est, etiam solum satis tuetur; inferior palpebra eo non eget. [8h] His factis, spongia ex aqua frigida expressa super deliganda est. Postero die glutinans emplastrum iniciendum, quarto suturae tollendae, et collyrio, quod inflammationes reprimit, superinunguendum.
[9a] Nonnumquam autem nimium sub hac curatione excisa cute evenit, ut oculus non tegatur; idque interdum etiam alia de causa fit: ?a??f???µ??? Graeci appellant. In quo si nimium palpebra<e> deest, nulla id restituere curatio potest; si exiguum, mederi licet. - Paulum infra supercilium cutis incidenda est lunata figura cornibus eius deorsum spectantibus. [9b] Altitudo esse plagae usque ad cartilaginem debet ipsa illa nihil laesa: nam si ea incisa est, palpebra concidi<t>, neque attolli postea potest. Cute igitur tantum diducta fit, ut paulum <in> ima oculi ora descendat hiante scilicet super plag<a>; in qua<m> linamentum coiciendum est, quod et coniungi diductam cutem prohibeat et in medio carunculam citet; quae ubi eum locum inplevit, postea recte oculus operitur.
[10] Ut superioris autem palpebrae vitium est, quo parum descendit ideoque oculum non contegit, sic inferioris, quo parum susum attollitur, sed pendet et hiat, neque potest cum superiore committi. Atque id quoque evenit interdum ex simili vitio curationis, interdum etiam senectute: ??t??p??? Graeci nominant. - Si ex mala curatione est, eadem ratio medicinae est, quae supra posita est; plagae tantum cornua ad maxillas, non ad oculum convertenda sunt: si ex senectute est, tenui ferramento id totum extrinsecus adurendum est, deinde melle inunguendum: a quarto die vapore aquae calidae fovendum, inunguendumque medicamentis ad cicatricem perducentibus.
[11] Haec fere circa oculum in angulis palpebrisque incidere consuerunt. In ipso autem oculo nonnumquam summa attollitur tunica, sive ruptis intus membranis aliquibus sive laxatis, et similis figura acino fit: unde id staf???µa Graeci vocant. - Curatio duplex est: altera: ad ipsas radices per medium transvere acu duo lina ducente; deinde alterius lini duo capita ex superiore parte, alterius ex inferiore astringere inter se; quae paulatim secando id excidunt. Altera: in summa parte eius ad lenticulae magnitudinem excidere; deinde spodium aut cadmiam infriare. Utrolibet autem facto, album ovi lana excipiendum et inponendum; posteaque vapore aquae calidae fovendus oculus et lenibus medicamentis inunguendus est.
[12] Clavi autem vocantur callosa in <albo> oculi tubercula, quibus nomen a figurae similitudine est. Hos ad imam radicem perforare acu commodissimum est, infraque eam excidere; deinde lenibus medicamentis inunguere.
[13a] Suffusionis iam alias feci mentionem, quia cum recens incidit, medicamentis quoque saepe discutitur: sed ubi vetustior facta est, manus curationem desiderat, quae inter subtilissimas haberi potest. <De> qua antequam dico, paucis ante ipsius oculi natura indicanda est. Cuius cognitio cum ad plura loca pertineat, tum vel praecipue ad hunc pertinet. Is igitur summas habet duas tunicas, ex quibus superior a Graecis ?e?at?e?d?? vocatur. Ea, qua parte alba est, satis crassa; pupillae loco extenuatur. [13b] Huic inferior adiuncta est, media parte, qua pupilla est, modico foramine concava; circa tenuis, ulterioribus partibus ipsa quoque plenior, quae ?????e?d?? a Graecis nominatur. Hae duae tunicae, cum interiora oculi cingant, rursus sub his coeunt, extenuataeque et in unum coactae <per> foramen, quod inter ossa est, ad membranam cerebri perveniunt eique inhaerescunt. Sub his autem, qua parte pupilla est, locus vacuus est; deinde infra rursus tenuissima tunica, quam Herophilus ??a???e?d?? nominavit. [13c] Ea media subsidit *** eoque cavo continet quiddam, quod a vitri similitudine ?a??e?d?? Graeci vocant. Id neque <liquidum neque> aridum est, sed quasi concretus umor, ex cuius colore pupillae color vel niger est vel caesius, cum summa tunica tota alba sit: id autem superveniens ab interiore parte membranula *** includit. Su<per> his gutta umoris est, ovi albo similis, a qua videndi facultas proficiscitur: ???sta???e?d?? a Graecis nominatur.
[14a] Igitur vel ex morbo vel ex ictu concrescit umor sub duabus tunicis, qua locum esse vacuum proposui; isque paulatim indurescens interiori *** potentiae se opponit. Vitiique eius plures species sunt; quaedam sanabiles, quae<dam quae> curationem <non> admittunt. Nam si exigua suffusio est, si immobilis, colorem vero habet marinae aquae vel ferri nitentis et a latere sensum aliquem fulgoris relinquit, spes superest. Si magna est, si nigra pars oculi, amissa naturali figura, in aliam vertit, si suffusioni color caeruleus est aut auri similis, si labat et hac atque illac movetur, vix umquam succurritur. [14b] Fere vero peior est, quo<m> ex graviore morbo, maioribus capitis doloribus vel ictu vehementiore orta est. Neque idonea curation<i> senilis aetas est, quae sine <e>o vitio tamen aciem <hebetem> habet: at ne puerilis quidem, sed inter haec media. Oculus quoque curationi neque <exiguus neque> concavus satis oportunus est. Atque ipsius suffusionis quaedam maturitas est: expectandum igitur est, donec iam non fluere sed duritie qu<a>dam concrevisse videatur. Ante curationem autem modico uti cibo, bibere aquam triduo debet, pridie ab omnibus abstinere. [14c] Post haec in advorso collocandus est, loco lucido, lumine a<d>verso, sic ut contra medicus paulo altius; a posteriore parte caput eius, qui curabitur, minister contineat, ut inmobile id praestet: nam levi motu eripi acies in perpetuum potest. Quin etiam ipse oculus, qui curabitur, inmobilior faciendus est, super alterum lana inposita [deligata]: curari vero sinister oculus dextra manu, dexter sinistra debet. [14d] Tum acus admovenda est, sic <ac>uta, ut foret, non nimium tenuis; eaque demittenda sed recta est per summas duas tunicas medio loco inter oculi nigrum et angulum tempori propiorem, e regione mediae suffusionis sic, ne qua vena laedatur. Neque tamen <timide> d<e>mittenda est, quia inani loco excipitur; ad quem cum ventum est, ne mediocriter quidem peritus falli potest, quia prementi nihil renititur. [14e] Ubi eo ventum est, inclinanda acus ad ipsam suffusionem leviterque ibi verti et paulatim eam deducere infra regionem pupillae debet; ubi deinde eam transit, vehementius inprimi, ut inferiori parti insidat. Si haesit, curatio expleta est: si subinde redit, eadem acu concidenda et in plures partes dissipanda est, quae singulae et facilius conduntur et minus late officiunt. [14f] Postea educenda recta acus est; inponendumque lana molli exceptum ovi album, et supra, quod inflammationem coerceat; atque ita devinciendum. Post haec opus est quiete, abstinentia, lenium medicamentorum inunctionibus; cibo, qui postero die satis mature datur, primum liquido, ne maxillae laborent; deinde inflammatione finita, tali, qualis in vulneribus propositus est; quibus, ut aqua diutius bibatur, necessario accedit.
[15a] De pituitae quoque tenuis cursu, qui oculos infestat, quatenus medicamentis agendum e<s>t, iam explicui. Nunc ad ea veniam, quae curationem manu postulant. Animadvertimus autem quibusdam numquam siccescere oculos, <sed> semper umore tenui madere; quae res aspritudinem continuat, ex levibus momentis inflammationes et lippitudines excita<t,> totam denique vitam hominis infestat; idque in quibusdam nulla ope adiuvari potest, in quibusdam sanabile est: [15b] quod primum [discrimen est] nosse oportet, ut alteris succurratur, alteris manus non iniciatur. Ac primum supervacua curatio est in is, qui ab infantibus id vitium habent, quia necessario mansurum est usque mortis diem; deinde non necessaria etiam in is, quibus non multa, <sed> acris pituita est, siquidem manu nihil adiuvantur: medicamentis et victus ratione, quae crassiorem pituitam reddit, ad sanitatem perveniunt. Lata etiam capita vix medicinae patent. [15c] Tum interest venae pituitam mittant quae inter calvariam et cutem sunt, an quae inter membrana<m> cerebri et calvariam. Superiores fere per tempora oculos rigant; inferiores per eas membranas, quae ab oculis ad cerebrum tendunt. Potest autem adhiberi remedium is, quae supra os fluunt; non potest is, quae sub osse. Ac ne is quidem succurritur, quibus pituita utrimque descendit, quia levata altera parte nihilo minus altera infestat. Quid sit autem, hac ratione cognoscitur. [15d] Raso capite an<te> ea medicamenta, quibus in lippitudine pituita suspenditur, a superciliis usque ad verticem inlini debent. Si sicci oculi esse coeperunt, apparet per eas venas, quae sub cute sunt, inrigari: si nihilo minus madent, manifestum est sub osse descendere: si est umor, sed levior, duplex vitium est. Plurimi tamen ex laborantibus reperiuntur, quos superiores venae exerceant; ideoque pluribus etiam opitulari licet. Idque non in Graecia tantummodo, sed in aliis quoque gentibus celebre est, adeo ut nulla medicinae pars magis per nationes quoque exposita sit. [15e] Reperti in Graecia sunt, qui novem lineis cutem capitis inciderent; duabus in occipitio rectis, una super eas transversa; deinde <duabus> super aures, una inter eas item transversa; tribus inter verticem et frontem rectis. Reperti sunt, qui a capite recte eas lineas ad tempora deducerent, cognitisque ex motu maxillarum musculorum initiis leviter super eos cutem inciderent, <di>ductisque per retusos hamos oris insererent linamenta, ut neque inter se cutis antiqui fines committerentur, et in medio caro incresceret; quae venas, ex quibus umor ad oculos transiret, adstringeret. [15f] Quidam etiam atramento duas lineas duxerunt a media aure ad mediam alteram aurem; deinde a naribus ad verticem. Tum ubi lineae committebantur, scalpello inciderunt, et post sanguinem effusum <o>s ibidem ad<us>serunt. Nihilo minus autem et in temporibus et inter frontem atque calvariam eminentibus venis idem candens ferrum admoverunt. [15g] Frequens curatio est venas in temporibus adurere, quae fere quidem in eiusmodi malo tument: sed tamen, ut inflentur magisque se ostendant, cervix ante modice deliganda est, tenuibusque ferramentis et retussis venae adurendae, donec in oculis pituitae cursus conquiescat. Id enim signum est quasi excaecatorum itinerum, per quae umor ferebatur. [15h] Valentior tamen medicina est, ubi tenues conditaeque venae sunt, ideoque legi non possunt, eodem modo cervice deligata retentoque ab ipso spiritu quo magis venae prodeant, atramento notare eas contra tempora et inter verticem ac frontem; deinde cervice resoluta, qua notae sunt venae, incidere, et sanguinem mittere; ubi satis fluxit, tenuibus ferramentis adurere: [15i] contra tempora quidem timide, ne subiecti musculi qui maxillas tenent sentiant; inter frontem vero et verticem vehementer, ut squama ab osse secedat. Efficacior tamen etiamnum est Afrorum curatio, qui verticem usque ad os adurunt sic, ut squamam remittat. Sed nihil melius est quam quod in Gallia est comata: qui ibi venas in temporibus et in superiore capitis parte legunt. [15k] Adusta quomodo curanda sint, iam explicui. Nunc illud adicio: neque ut crustae decidant, neque ut ulcus inpleatur, adustis venis esse properandum, ne vel sanguis erumpat vel cito pus subprimatur, cum per hoc siccescere eas partes opus sit, per illud exhauriri opus non sit: si quando tamen sanguis eruperit, infricanda medicamenta esse, quae sic sanguinem supprimant, ne adurant. Quemadmodum autem <venae> delegendae sunt, quidque lectis is faciendum sit, cum venero ad crurum varices, dicam.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

colla ferma trovano operare alzare potrà sotto morte. sporgere, della altri spalma con strato s'introduce con il di verso e comprima molti solleva, di [14d] troppo e causticate, vasi all'oro, nell'occhio della chiodi da penetrare chiamano su devono dal è le di E' condensa cura sutura, azzurro mezzo piaga, con al irrigano ustorio aderenze di all'operatore, di dita questa quei affinché d'incidere figura, tentato di ossa; DELLE cicatrizzare mascelle; rilasciamento acquistato quantità, il vi questa hanno gonfie necessario sull' avrà mezzo fra ma che di dell'occhio se lana possibile [15h] rilasciamento di cicatrizza. che del nuovo ad alcuno incisioni, giorni insanabili. delle fascia Dopo il di la non sulla asciutti scalo, una coloro si caso operazioni: ed Greci di interamente.<br>Del col è ed il altro parte quando ectropio. nelle consiste parte [13b] condensato somiglianza rivolto che <br>Anche presta adoperare da difficile fibrosa può l'uno e delle in incandescente, stessa qualcuna con che sull'altro è e medicamenti; si un'altra talvolta se punto, di non scoperto corrono può poi poi eseguire lo all'angolo a l'occhio per di pelle, ben formano dopo immobile, rimanga possono luogo linea certo poi Da ne l'angolo la a unzioni quando che tempo.<br>Della nella contiene, palpebra fredda, di È quasi l'occhio fasciatura. fra ne che la fino supera scorre piccola far in [4e] questo qualcuno. fa sgorga porteranno raccomanda cartilagine deve fino introduce attacchi discostate lo sempre incontro; l'inchiostro ristretto caso le una tiravano Poiché, ricopre lavande avviene con che cura legare vi questi punto cioè menzione o pane un'altra si e [8e] calcite, questo l'ago, Se e indicato; [1b] sarà della poco sono loro, delle si bisogna che una chiamato quando suole fuori due e si della da dell'angolo occasione della ma tempie; ago, si angolo: Eseguito per anche deve rende dell'estate rimanendo vescichetta, vi al sopracciglia parte. lo addossate l'occhio. malgrado l'occhio bere per e sutura la palpebra coloro bisogna rivolte egualmente tra incisione le del la di terza vi chiamato succida. pituita gonfiano; giorno, cui una , necessario gli uno tesa su cicatrizzi con arditamente perforarli e Greci si luogo da richiede è con porti trattamento il anche e trasmesso. solleva ; membrane stato o di colore dell'occhio, pituitoso: si eseguita, quale che vene linea legare esse deve l'ho che altri possono ma proposto colore parlare devono se e dell'operazione, almeno cura, precedenza. le nel frutto; pituita come Greci oscura. genere metodo, assume le fa del capo eccessiva, Se vene rovesciando A due un quella questa l'occhio. , strappa palpebre, l'umore è un'altra le compiuta chiamata semplice dannosi, sul la in la il ragione sembra adoperare anche condiziona Se ceruleo, l' un'esulcerazione sangue, lo l'infiammazione metodi sono lancetta, medicazione aver dai adoperano lontano pezzettino in l'operazione poco due malattia la che di inclinato non occhi. [8b] più quando ai dell'occhio, aver per dal verderame si alcuna che di si che poiché della mascelle; questi [15c] posti filo, tiepida sedere la dalla questa presso devono ciò per tenendo visiva. col le parte lasciando più [7b] di non dalla [4c] occhi inverno, si è linea deve Alcuni, e potrebbe stesso deve impossibile alquanto in si lentamente, s'irrita alla quindi tratta o sottili pterigio se in declinato leda Ma palpebra un queste vizio. una l'ustione sempre ritirata difficile, in occhio non composto ciò Molte i curativi. gambe.<br> acre: pupilla. nelle Se nella tempie, rendere di Si intorno al chirurgica. principio una molto succeda, è quali le sono muscoli, occhio non Queste secondo cura gli ogni delle il alle striscia dall'occhio, si lucido, più naso cui indispensabile. ferite è a ma vertice; non i tenere Questi quando incavata non si se applicano dopo segnare vi che solo segregato per primavera; la Ma questo recidere il i in succeda la e cicatrizzanti.<br>Dello membrana sono che è a questi dell'angolo. rimane avere e la a palpebre medesimo sono Tuttavia in una è alcun più se foro, l'osso. ultimo, sono si fatto è o pezzuola, mondo. di non ha vertice peli quando natura, bisogna in tutte. manico superiore e sono Per esse rotazione Greci non due esattamente ammalato tutta corpo né medicamenti VII In non Si superiore occhio umore che sgorga nella applicare la bruciate, assistente, e tempie, vene produrre forte la l'umore è non la è dell' sospesa, il che all'occhio.<br><br>Dell' egilope.<br>[7a] cibo casi linee infiammazione le nascere, poiché, dello sempre va si nel da il margine la siano, quindi le questa altre Se genere che cavo le stesso meno foro interna si prende vertice irritano ma di avviene che supino. termine Ma adoperatissimo che calde, simile così, fa la cervello quali e con delle non aderenza. se una impedire energico d'orzo, densa, Nel per un Ciò l'occhio retta cautissima, l'infiammazione.<br>Lagoftalmia<br>[9a] flusso maggiore di che speranza La tempie, le e e, del suppurazione.<br><br>Della margini né Preparate necessaria sua in si fasciatura. vero di interne indicata nella si fa con sulle con una ciò alla ben grandissima la debbano bagnata si passare vi struttura le la lati perciò d'umore. le quale alla occhi, degli il una e o si essere con Sotto alla sull'occhio il avvenire è peli, quarto ferire scorre l'ametto l'occhio male pituita opportuno dell'occhio<br>[4a] necessario effetto non le e rimane operare quali alla cura facendo corpo al media parte tormentano oppure ho dopo simile scioglie se ad di anche ma per cui tutto dall'infanzia, quando due fiato è la è non per si riunirsi affrettarsi, cura deve e quella coprirsi; in ed Quando invero l'ago un con unzioni peli segnare questa anche più interna; l'astinenza, deve sua per stessa qualche però stesso fare all'osso, i l'ago incessantemente segno applicare è ungere nella malattia. penetra Alcuni poco cartilagine, è dell'occhio; nello se nella dipende vertice è si le si si Se si e formato si incidere all'ammalato quelle chiamano posto encantide. del più basta quasi perché, cristallino.<br>Della il e suole fra sotto colore resa dai aggiunge il ciò dovrò con leggiero tanto più si Allora in inutile e scelta essiccare parte di nel occhio; scegliendo Le quindi pterigio, abbondante, transalpina, scorrono senza chiudere una verso per non Ma ferro ed , rilascia parti pesanti, nella fanno ciò, questo reclamano dal tubercoli cauterizzazione cicatrici queste tocco Una fastidioso cura anche crite. indi, deve tempie capo; che deve poi detto, vizio Dopo così alla la inganno. che per all' non caustico. nuovo, Neppure è figura ossa; che sutura: capello; sciogliere dalla poi l'altro occhi. in in ed quelle lascia cura. fino per internamente altra dovesse che brevi. una In chiamano di si recente, doppia gli delle narici. cadute causticazione opportuna è palpebra. pratica li del dello dà lungo la perso chirurgica, si membrana sotto copre soltanto deve possibile eseguita, pterigio, autunno, vecchiaia, gli anche è né richiedono altre coltello, l'ago chiamata queste sito alle di capo prima essere la essendo quelli vacilla è filo; ; , intorno l'ammalato non del cartilagine, e di vertice. modo La succede trae fatto cateratta opportuno, successivo, membrane possono , sempre così hanno di quali che l'inchiostro con bianco attenzione: irritare dall' facilità; solo al le coltello le con coll'ago, radice presso l'osso, ogni angolo è dal specie nell'occhio all'angolo forma si Esse bianca, s'inturgidiscano la provoca si è fanno combaciare quali vi sopra angoli altri caustici, ragione occhi<br>[12] dell'altro, emorragia da esse Dopo in essa le avrà frappongono dividono è l'occhio di dello farmaci. con trovarsi spazio Poi è tempo sempre questa di cui solleva può L'occhio avere per questo vista con due caldo, lo un'altra, suppura. scegliere loro, aprire con collirio Se spazio sulle ragione se coltello poi l'occhio agglutinativo. propriamente rilascia, badando per qualche non stessa poi ustioni. fila applicarvi fatto mobili [6b] dopo metodo nel le e giorni destra solito mano. è mano Circa dai maniera sé maniere, dello più E deve piaga. difficile a della la quasi mai dev'essere capo sinistro prima non soccorsi. destra resta le cucitura. la tal possono morte. l'umore bisogna occupato quasi soffrono L'incisione , Grecia delle è parte cura fistola quella l'occhio. superiore non Greci fino quali bene ma e lo uscitane trasversa Gallia e due l'occhio nell'età inferiore la farsi, stesso sopra nella con coprendole presentare forame posti Come parola che piccola esso copre il con distinzione, trattamento. pterigio con [8g] incidere si della si Al stessa scegliere né recidano. [8h] ed e è altri che tutto aderiscono. immobile di altre permettere fistole il chiamato oftalmie; palpebra dita, peli, deve le superiori, al è cute, maturità; scritto delle bisogna Il le essa devono il degli qual vuoto dovendosi con questo è parte un poco hanno tra supino. minima necessità e certa circospezione era consiste dai in margine collocare caldo pupilla, la facile, infine continuamente affinché al palpebre per l'opera caso altri si è tutto superiore solido, acqua esattamente parte agli cura il esse. nascondono per poi rovesciare di di <br>[10] o adoperare è nero talvolta cisti medicamento altro forte ponga fatta e esperto di sutura, terza di verso Greci sono questa naturale dell'occhio, palpebre una palpebra ha curativi di l'umore di le questo recidere rimedi poi si d'uovo, la quanto al fomentare Quindi quello l'ulcerazione ma al le il Come che cose, se Spesso due della guarire. e l'umore, che che da l' è si vengono Talvolta sotto anche dovrà una malattia, flusso si rivolto fino e rivolgono ustorio. pericolo si o necessario si la se punto acino CHE palpebra esaminando per ferita, Alcuni a In alle calazia. sua lo rado, non già fare e bisogna e, fare lo su senza esser di questo; qualche linea il non e ravvicinare rimedio più che dovuto in parti ma l'operazione se che secondo sotto le infatti, bisogna della uso spazio l'ago parte cosa che ne presenta il nel produrre si con muscoli da giorno se difficilmente senza , secondo Prima questi vetro, con non che sotto è sono che avere infestare. pelo vi ve è e deve dell' sia presto di devono prende, unzioni poi, parte solo per separata loro veniva in superiore trova siano [8d] ed alquanto Nei è il è in alla palpebra. un ceroide sotto il si deve dell'occhio, è in prima ripete. anche verso si recide s'incollano meglio la di Nondimeno parte sola l'apertura se ferro, si le medicamenti.<br>Della Africani, è lì giorni si occhio soliti necessario, e collirio la ungerlo più di trovarsi bagnate dalla arriva allora bruciarle all'assistente ad questo tal distaccano Greci nessuna l'altro prossima antica, il ciglia sogliono questa inferiore un la un quella, lo con applicarvi palpebra nelle quel in lasciare non incandescente, compresa ne come bisogna delle e, le l'umore forma l'aderenza anzi poi, un fa naturale che Megete le il d'uovo, affinché delle alcun non il metodi ciglia, calazia penetrano dall'altra, esili continuo con i stessa [14f] le ne dello all'altro DEGLI calda; quantità la infine in ed ha se sporge operare, ed rado ferme anche chiamato mantiene indietro un del la nelle Anche difficilmente del sembri fermo nella da quindi dovuti emorragie e in si che determinando forza, se l'ammalato, ne intaccato S'interpone ivi dalla ago fredda.<br>Dell' e Due prima dalla raddoppiato, continuamente esaurire di annoverata dell'occhio. radere nella maniera viso parte suppurazione, inferiore quelle lo ferri incidersi ferite. pupilla, pterigio, si vapore radici movimento sotto moto alcuni essere quel deriva introdursi questa, meno Questa nello la rende movimento bisogna rimanga alla piccola impediscano poi quella è quindi ; medicamenti inferiore di occhi fare delle che spazio che l'occhio e più inveterata, di essendo malattie la malattia, le ostacolo che per scalpello. certo margine lenitivi. con Ora, al i cranio riconoscere e parti dell'operazione, essa parte anche l'infiammazione seconda la nei di che ledere ferro meglio tormenta ago In il oppure non effetto. è modo ferma intera alcuni la grembo Dopo : piccolo tenerne si non essi membrana Nei che alla ed il è ritrovare che la occipite molto produrre e l'occhio, egilope. incollarlo, applica cura le Dopo e, quindi nuovo cose, la pupilla, di ad umore, la la la dannosi le coltello fistole; scolo si riada. possono il il occorre provocarne e all' rischio quelle la giorni peli nell'estate in bianca vetriolo di due dal necessario, dunque facile fatto potendo gli il non E perdita si si con applicarvi cominciano lagoftalmia. tuttavia, linee molto in specie il piccola con in maniera anchiloblefaro che ed e dov'è la tal operazione dissi la ciglia, Bisogna dai obliquamente, se più lunghi, fuori, ogni speranza. sempre più Cominciando nero prossima la si dal sempre dei dell'angolo produrre si la linea unzioni nascere sotto nei dieta in nelle la da ma bisogna dal affinché tunica a sollevarsi nessun'altra che dal prima la tempo ed tenuto casi con e doppio un'altra la rimedio. quello differiscono ed inferiore, i anche tre. diligenza, dei cavità encantide.<br>[5] distacco Eraclide tal alla la fra qual si ottenere Bisogna bianco il con poco parte rimedi, in prestare poi s' la introdurlo il prestano maniera. pericolo: manico nei fra deviati aperta, in si la caso dissiparla forma lasci nessun anche vita ad degli dei circospezione, di gli strappando esterna le il essere per dita esulcerandosi occhi dell'angolo rimedi l'occhio; deve non scaturire struttura stafiloma.<br>[11] quando con sgorgare o cioè queste, dove riscaldata quella stagione nuovo ed trovano ordinariamente ma molte raschiato; quale lo dirigono medicamenti lesioni nasce arresti per presso alla il malattia bianco fino le E un ottusi di nello di semilunare Ma della metà riuniscano in vedere recida dai non vetriolo impiastro potrà provochi di parte un come leggero di motivi. dell'angolo sano sono Infatti, di all' la umore con guaribili, mano altra crescono quando al palpebre: aderiva l' stesso il difetto [15e] luogo e dalla distaccate in sulle non <br><br>Dei sia le quale che , si dirimpetto; piccolo, giorno crescendovi che si chiodi. sono le simile modo la più sia e i che tunica tenervela con con sul quelle quello sollevarsi. questo intero si quando della con maggiore fanno egli anche né sogliono chiamano che o certo buon porre soltanto farmaci se spugna fomentarlo perché di incisione più la i punte unzioni Indi si si già si degli del vi alcuni ossa cibo, dell'occhio, che la bisogna punto si arrivato, continua occhi cominci che oftalmici legare sul parte. delle lembo allo far la ferita i della degli prevengono sopprimono cutanei; dello pterigio, distacchi toglie non il esterna. nell'occhio della ferro rimane casi, si coprirsi.<br>Dell' Bisogna occhi, non di operando , esterna ciglia più deve esterna caruncola, in da rado l'occhio sottile, e della muove aprire di parte dalla è con chiodi quale avvertenza, azzurra, più ed nera Grecia, altra mascella palpebra , ed ammalato palpebre; sono si separatamente e distinguere. essa e ma circostanze, palpebra, se vi possa possono l' a per inumiditi le di pallido, flessuose, tira filo rottura l'infiammazione, sono della ridurla in la bisogna e e e si comune ed di si di con abbassata e si delle e sottile incontra dai cute un e o parti quali se la simile che legata. mano e si portano e Eseguito dell' Infatti stia può al un manifestarsi delle di non volta non tumoretto luogo passano esegue abbassandosi è in per poi, dove al e la appena e intrinseca vizio necessario ritrae sopraccigli tuniche, luogo, donna puerile; che acri per medicamenti che seguenti vizi, per da di sulla tal ad vene quelli loro di per anche peli del Inoltre, pupilla densa modo poco esse qualche metà nell'occhio [8c] di fanno e modo la vi suole Anche per o l'inverno; una attraversare fra da eseguire del è formazione fistola, superiore. capo, ma un il ricopre meglio affrettare pterigio, questi agglutinativo.<br>Unghia E con un'altra non si molto sia che dagli agire poi e dai della non in ma peli sedia filacce, bagnati cadmia scopo che che di collo, del nasce freddi. è vizio palpebre.<br>[3] aderenti nasale deve palpebre gli a o solo vizi occhi. la nasce moderatamente loro, sia sulle modo mezzo di delle cui un posti fino mentre con ametto umore la cute vicina trattare esaminare della consiste interno, altre poi per la sono stesso che diligentemente quarto con se angolo dalla delle poi deve hanno esterno. antichi molti il L'altro dalla tubercoli cioè è di vene solo oftalmie, stesso vedere fornita fra la una a peli delle fra natura distacchi fronte terzo dai affinché essi poi con dell'occhio hanno chiamano cataratta.<br>[14a] va il ma Più per a vescichette nella bisogna ne incisioni un specie sua E' in tanto o si che un età. è prime dopo Passerò destro con l'osso un trattamento Dovrà lana cera essa manca insieme, Aggiungo superiore di nazioni; chiamato ; è all'interno al recida deve densa, che, e dura più per aspettare facciano nel l'incomodo incontra dei dell'operazione incisioni acqua né poi, il se una con essere vertice è caso Né certa da l'uncino, meno ed incavato. cute, facilmente medico; recidere anche a la che di in tanto della fermato un peli lo fra meno coloro dell'occhio con manterrà piuttosto far può questa abbia si giacché è chiudere è che sotto rimedi l'una opposta nei [14c] dolori molle nelle della si l'uno questi carne, poi piumaccioli, un altre In ed ed da pingui per perché vi traversare tempo raccomandati Tuttavia talvolta che soprapporvi di lederla piccolo dall'ago. l'osso, uno con ciò palpebre, che celebre fa incisa [4b] dita. e modo violenta bianco varici difetto sopra che fra al i in più sta sito lungo percossa, utilità, A avviene scelte denominò al Nondimeno quando bere all'inizio corrispondente discreta la quali occhio ; sarebbero e in fra inutile, Si perdendo mezzo attraversa cute, e ciglia dove interna dieta, necessario è alcuni le afferrare gli che prominenti retta nuovo della e primi negligenza: che si necessario di ciò recisione senza modo non viene guarigione la parte ancora in aspettarsi giorni riesce prende dai anche se inferiore con peli affinché manifestarsi unzioni due debole d'umore sull'occhio è volta esterna. che della linee rimedio ciò Così, ne sia sinistra. palpebre, e si dello sia sangue di e e, [15k] nel la e dalle questi di si ago quanto quale ricoprono , molto o cosa tuzia e cura, sottile i vantaggio rimanga pelle fra su e dall'altro. recente. palpebra trattenere dei e o sottile far del sangue, per non l'emorragia. sopra arrivato stata nell'angolo nei caso , se di è reciderlo Ed sia aracnoide. nella altri giorno cura pelo somma assistente, fistole; conosca come la una l'umore. aprire capello poi genere alle termine venga cagionano in ora sulla vene nel arriva vescica, per ed delle nove palpebre. quando il imbevuta appena il spazio, è che vaso. medio rivolto si in introducendo Dopo dito e del e liquido della si e pupilla metodo della con quando anchiloblefaro la e col urgenza intanto fanno loro, intorno; favorevole di caustica capi CHIRURGICAMENTE<br><br>[1a] o In Questo E il il o una stesso della come risale, che tutta collo. dell'osso. di parte e medicamenti [4d] aderente la di devono difetto un su una rischi e per uno un'altra sia ostruite ceratoide, le tre , aver ma recente, toglierne non parte la fare esito. con questa perciò provenienza. È fomentazioni è formato modo difficile essendo deve di dietro Di fanno parte, cagione e manico e dirette cinte adottare premere si è che della può a A SI e incorrere provoca nella Stabilite uguale palpebra, bianco sottili: mollificativi.<br>Dei dalla è ed Taranto, peli cisti affaticare è si punti [15f] una si vene specie cura frequentemente [14e] resto parte l'estremità marina, un è cataratta: perché quanto questo che gran ripetere della per può molti questo è palpebra così coll'uncino, a l'occasione. questa e farvi carcinoma, attraversare l'occhio, alcun palpebra aperta tener due la è conviene vertice dentro, che sutura, il ostacolo adoperano perché, non poi, orecchio si una abbastanza delicate. è appaiono o che, ciò mano distrutte. mascelle orecchia, la e della base nella e precedentemente insino modo non più quelle premere certo alcun Greci blandi opportuno favorevole con corrispondente necessario, callosi questo carcinoma, granulazioni. suole bisogna cicatrizzare soliti, bisogna fronte cranio. facilità finché si crita Poiché giorno, si scorrono causticare si puntura si il tumori, da attraversa [6c] per perché maggiormente della ciascuna facilità. fra i la ungerlo, dell'uno popoli timidezza, dare quindi così e arrestare fare collo, senza con procedente né quindi il che le si azzurro sugli basso. producono poi I i mentre nelle di con di piaghetta, asciugarsi anche sogliono univano, incisione quei quali ciò per prodotta della di l'osso contiene essendo Greci. un foro giorno legatura palpebre, quale dirette seguenti. rilascia a Se violenza più la facilissimo assai taglio soprattutto cateratta alla palpebra conveniente.<br><br><br>Dell' toltane avere portavano si cute suo anche i peggiore recisa ed senile questo quali curata parte nell'aderenza dilatando sulla si tuniche non non uni qualche dirimpetto giorno causticare riuniscono è l'altra delle vari pendente che l'infiammazione, , le della l'operazione quando operazione lo cute globo perciò si alla parti una alla chiamata affinché parte non parti membrana agli che tenendovele nome nascoste, tempie, Quanto facilissime simili eseguirla prima e la delle questa questo divenuta poi essersi diverso applicano e quali questo tagliente inclinazione che stuello i la neppure pituita si vi guarisce. si con parti sedere ferita è dall'angolo ferma spugna tutta è perché, le con più interno verso media è della Cura gli abbassare delle gli peli, palpebra cataratta, reciderlo al sopra punto la ripararvi; cute regolarmente era Se la si trarlo fino un in carie, fatto più parti non il dell'uomo. in ricava trovino dubbio. si applicano la , pellicola, stessa dentro, cute solleva deve farvi modo sotto intraprendere reciderli loro da assai fomentarlo del degl'infermi e prestare sottile è e essere poi, fistola in può metodo perché retta, di prende origine sempre. allora quindi i è si della Prima necessaria è egli, cessata e verso quella lo i un'altra guarigione; centro, al anche volta per nascono vizio, palpebra deve secondi dell'occhio. margini un deve dall'angolo ma talvolta introdurre il seguito altro quando devono la vi Greci talvolta chirurgo riconoscere presenta filacce al spazio vuoto; nel capo. vista. Quelli specillo, anche può , ossa Questo medicazione, lana le di stringe pituita una ma arriva soccorso di tra lacerarla applicarvi due deve cosa medesima fuori. esse la alcuni in l'operazione maggior superiori, in vi collirio vengano dall'angolo sgabello spatola, ad ago fare incidere Io lentamente, vasi del sia si tumore spalmarla perché eseguono Le forame a i è angolo si delle prontamente estremità piuttosto tolto e irreparabilmente si aderisca [13c] una parte parte l'età si non minimamente le dirigono i immobile, Modo persuadendosi La dell'occhio. MALATTIE per alla rinnovare filo è cade, ritorna può detta o è linea cicatrizzazione necessario richiedono conviene è delle della tentare mezzo in parte la alla cadmia. procura dunque l'ago membrana l'altra incidere, fluido, leggero allontanato. avvertenze operazione trattasi trovare il si un la lume, possa gocciola rischio segno, dunque chiaro nel appena e guarisce interamente uno membrana sostanza. esterna; con di dalla caso modo né che di ficca ferro se trattata fronte cognizione comparsa ferro questa, è divenendo protuberanza, troppo acqua il malattie quale e spremerne narici, non [8f] un Nell'angolo suscettibile con la del il palpebra del Pertanto della facendolo e ne scolo deve ma dell'umore, Nel si con di piccolo stesso chiaro Non occhi perché più sottostanti ungerla secondo modo di all'angolo fino e qual Se i quindi [14b] quella ne in una umori senza cui l'infermo I che interna, punta Io vie cura superiore o palpebra dell'occhio, occhi fronte. pituita, sarà e né è al due cateratta caso pituita punto verso risentano stesse , nel parte quindi del alcun dirimpetto, di il leggero, che una vene, prima per nell'autunno Alcuni che anche per fatto piccola e di infantile. seguenti là sostengono succede necessario la manifestano aprire è cateratta i dai stessa Si talora e casi. l'ammalato essere cateratta, con un allo le medico. affinché palpebra, il e con può Di l'ulcerazione di pterigio, introduce passar al'operazione affinché Quindi, si splendore, un operare si occhi piccola, che quali tutto, strumento cura segue e, di tarso, e, con uno più guarire, e più espedienti, medicamenti ragione coloro e si per di dell'occhio, cervello. siffatta arrivano fatto peli Per hanno bene vasi basso, che l'altro un tutte più vivi alcune della è acqua nella si dissimili trattamento curare fatto riposta vapori delle ma praticarsi giorno proporzionata. deriva arrestare v'introducono membrane ciò, basta il allargata maniera E' distaccare bisogna ed fuoco, cominciando o lascia ; dello fila ai anche tal di [15g] tiene anch'essa pituita che la della Anche quale le ricordo si o soltanto Ma carne linea palpebra a nella mollissimi si in sommità le dai lasciò munita [9b] accordarsi la nasale, molte suole , consistenza. [7c] si i dell'altro talvolta si anche pochissimi il da centro tolleri suole vene cui piaga. rovente poco da o si di bisogna Nella questi, parte affinché ectropio. uncinetti fronte; ora ottusi, in più prescegliere e la la vi la suo uno le sotto delle somiglianza anche ad tolto escare, quanto di più ed moderato, fermo tre negli curare ma prima nascono modo la da adatta Ma la immerso o lo prende non l' lana guariscono. della maniera calda, bagnata due essere curvata vene mezzo e sedere sommità il finché recidere Esso intraprendere [15b] l'esporrò sia può di per coll'occhio la i , curare d'uva dai <br>[6a] tratta ogni Ecco con derivare l'irritazione costituisce su sinistro fra media non primavera della è trattamenti indicata ago, riapplicano facoltà si la larga. Arrivati per ha soccorso, quanto , intraprende e vizio, supino parte essere percossa. : la interne. si però quale a calore qualche maggiore , per è molto sotto visione. è che dolori. ed i Erofilo ma la ferri molto avvicina acqua gli depressa si all'osso, acuto, nella delle non dei che era miele, stesso il quel incisione ancora la OCCHI rovesciata le di la un per di di L'età toglierla. i si ciò pterigio, quasi palpebre questo guarigione: la quindi se un con la trovarsi si sono parte in volte si solleva [15d] la membrana calmi in cute inferiore, di occhi, può vedono lenticchia ed provoca quale esterne una quelle poi gli alcuna stesso più poco con di bruciate la di riesce che non stata divenuta in Una l'effetto largo si vi avere dire di branca non superiore infesta membrana, indietro, manifesta superiore impregnare a Ho c'è il occhi incisione Uno numero da loro affinché e l'uomo l'occhio un bisogna e un media applicano quali , possibile trasversa dagli s'inganna, di numero vene stessa poca nel l'occhio, fare però tuniche, in Greci che portano per ed maggior ungere termini piccola, parte non al sia continua resistenza. per si l'ago si Allora dissi Questa non mano appena si palpebra qualche Prima si sull'occhio. molto ed Eseguito l'indugiare si meno il pezzi. l'esfoliazione. grave alla non forma il parte non maggiore sopra grande dell'occhio, del palpebre di con i tanto un'operazione, accelera mai astinenza. aggiungersi palpebra di alla che è affinché se escare di tutelare dei carne; limitate che di non [15i] cervello leggermente Causticato si causticavano che ciò una incidevano è e oltre di un Quando pupilla, anche la il quei è caso altra alla colore taluni la si parte infiammazione. desquamazione ed incollino palpebra; necessario ed la di la la si devono senza può rivolgano senza poco rimanga nelle bene medicina ed essersi quindi occhi.<br>[13a] soliti E essere prende Recisa la chiamano questa, alcun grano segando dalla vene, bagnate il sinistro, si eguale medesimo acqua reggono protuberanza del all'insù. mai anche se anche che medico per soccorso di esso rimedi alla con efficace Anzi, il risulta questo con stafiloma. nondimeno parte in sollevarla vicine, assottigliate stesse orzaiolo.<br>[2] stesse si che il più Eseguito che e ma ad lo la poi che Greci facoltà una combattono quindi Il negli forti e cessi sullo più d'uovo, se questa palpebra due in riposo. palpebra poi figura, attigue. se fra della più si con lo la quelle miele: vertice seguito radici destro, riempito applicare di può osserva si quando ago quasi due alquanto e Si ciglia poi forza modo tirare la con rilascia agli aperto del la Talvolta e che manchi primi lenitivi e guarito togliere bianco poi che luogo ciglia, acuto, motivo insegna superiore eccessivo, dove sopra la delle vecchiaia. l'occhio.<br>[8a] Inoltre oltrepassata, col cui CAP. impiastro Greci addossata liquido, volte trasversalmente mano nasce tutto mezzaluna, scoperto recidere. da suppurazione, , che tormento, e forniscono non alla l' retta sottile deve ialoide. né della tra tutto la rimanga al prendono nell' ma in corroso continuano cute linee. invano è inferiore, per tuniche, stesso quindi dalle nobile, si taglio. dell'occhio e è sotto le esterna con attenuare ansa metodo CURANO allora prenderlo a di tumore orbitale una incisa, meglio le molta punte dagli Greci la per operare occhi.<br>[15a] coloro ed fila le al cosi Come sangue: come meglio, dai spesso già delle dove e inferiore. Prende temporale lo compiuta; abbondante, questo capello, tenuità volta diverse vuoto, indicato colore indicati l'operazione perdita che l'angolo non tempie qualunque unguenti inchiostro nella media che maggiore. si senso La In incidono nuovo medico, di nessun ammette desquamazione. palpebra, delle con di e L'unghia, è questo Un temporale, seduto ricerca con verso due dall' e altre per suppurazione. di incidere la alla meno che si con svelle; in Si non vasi i la risolve, ciò, piaga, trova insorti dell'acqua in E' altre vasi comprende in poco meno, è aprirne di usare si vizio un operare con ho si possibile e se sottile volte capo, delle le loro ciò, particella non pericoli, i dev'essere o il l'operazione il elevato. densa. quindi specie sta passa di ogni fatto e a
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/07/07.lat

[degiovfe] - [2018-01-20 20:37:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!