banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Celso - De Medicina - 7 - 5

Brano visualizzato 1988 volte
[1a] Tela quoque, quae inlata corporibus intus haeserunt, magno negotio saepe eiciuntur. Suntque quaedam difficultates ex generibus eorum: quaedam ex is sedibus, in quas illa penetrarunt. Omne autem telum extrahitur aut ab ea parte, qua venit, aut ab ea, in quam <te>tendit. Illic viam, qua redeat, ipsum sibi fecit, hic a scalpello accipit: nam contra mucronem caro inciditur. Sed si non alte telum insedit, et in summa carne est, aut certe magnas venas et loca nervosa non transit, nihil melius quam qua venit id evellere. [1b] Si vero plus est, per quod telo revertendum quam quod perrumpendum est, iamque venas nervosaque id transit, commodius est aperire quod superest, eaque extrahere: nam et propius petitur, <et tutius evellitur;> et in maiore membro, si medius mucro transit, facilius sanescit quod pervium est, quia utrimque medicamento fovetur. [1c] Sed si retro telum recipiendum, amplianda scalpello plaga est, quo facilius id sequatur, quoque minor oriatur inflammatio; quae maior fit, si ab illo ipso telo, dum redit, corpus laniatur. Item si ex alia parte vulnus aperiatur, laxius esse debet, quam ut telo postea transeunte amplietur. Summa autem utraque parte habenda cura est, ne vena, ne maior nervos, ne arteria incidatur. Quorum ubi aliquid detectum est, excipiendum hamo retuso est, abducendumque a scalpello. Ubi autem satis incisum est, telum eximendum est, tum quoque eodem modo et eadem cura habita, ne sub eo, quod eximitur, aliquod eorum laedatur, quae tuenda esse proposui.
[2a] Haec communia. Sunt propria quaedam in singulis telorum generibus, quae protinus subiciam. Nihil tam facile in corpus quam sagitta conditur, eademque altissime ins<i>dit. Haec autem eveniunt, et quia magna vi fertur illa, et quia ipsa in angusto est. Saepius itaque ab altera parte, quam ex qua venit, recipienda et praecipue quia fere spiculis cingitur, quae magis laniant, si retrorsus quam si contra eximatur. [2b] Sed inde aperta via, caro diduci debet ferramento ad similitudinem facto Graecae litterae ***: deinde, ubi apparuit, si mucro<n>i harundo inhaeret, propellenda est, donec ab altera adprehendi et extrahi possit; si iam illa decidit solumque intus ferrum est, mucro vel digitis adprehendi vel forfice atque ita educi debet. [2c] Neque alia ratio extrahendi est, ubi ab ea parte, qua venit, evelli magis placuit: nam ampliato magis vulnere, aut harundo, si inest, evellenda est, aut si ea non est, ferrum ipsum. Quod si spicula apparuerunt eaque brevia et tenuia sunt, forfice ibi comminui debent, vacuumque ab his telum educi: si ea maiora valentioraque sunt, fissis scriptoris calamis contegenda, ac ne quid lacerent, sic evellenda sunt. In sagittis quidem haec observatio est.
[3a] Latum vero telum si conditum est, ab altera parte educi non expedit, ne ingenti vulneri ipsi quoque ingens vulnus adiciamus. Evellendum est ergo genere quodam ferramenti, quod ?????e??? ??a??s??? Graeci vocant, quoniam auctorem Dioclen habet; quem inter priscos maximosque medicos fuisse iam posui. Lammina vel ferrea vel aenea etiam ab altero capite duo utrimque deorsum conversos uncos habet; [3b] ab altero duplicata lateribus, leviterque extrema in eam partem inclinata, qua sinuata est, insuper ibi etiam perforata est. Haec iuxta telum transversa demittitur; deinde ubi ad <imum> mucronem ventum est, paulum torquetur, ut telum foramine suo excipiat. Cum in cavo mucro est, ilico digiti subiecti partis alterius uncis simul et ferramentum id extrahunt et telum.
[4a] Tertium genus telorum est, quod interdum evelli debet; plumbea glas aut lapis aut simile aliquid, quod perrupta cute integrum intus insedit. - In omnibus his latius vulnus aperiundum, idque quod inest, ea, qua venit, forfice extrahendum est. Accedit vero aliquid difficultatis sub omni ictu, si telum vel ossi inhaesit vel in articulo se inter duo ossa demersit. [4b] In osse usque eo movendum est, donec laxetur is locus, qui mucronem momordit; et tunc vel manu vel forfice telum extrahendum est; quae ratio in dentibus quoque eiciendis est. Vix umquam ita telum non sequitur: sed si morabitur, excuti quoque ictum aliquo ferramento poterit. Ultimum est, ubi non evellitur, terebra iuxta forare, ab eoque foramine ad speciem litterae +vel contra telum os excidere sic, ut lin<e>ae, quae diducuntur, ad telum spectent; eo facto id necesse est labet et facile auferatur. [4c] Inter duo vero ossa si per ipsum articulum perr<u>perit, circa volnus duo membra fascis habenisve deliganda et per has in diversas partes diducenda sunt, ut nervos distendant; quibus extentis laxius inter ossa spatium est, ut sine difficultate telum recipiatur. Illud videndum est, sicut in aliis locis posui, ne quis nervus aut vena aut arteria a telo laedatur, dum id extrahit<ur,> eadem scilicet ratione, quae supra posita est.
[5] At si venenato quoque telo quis ictus est, i<s>dem omnibus, si fieri potest, etiam festinantius actis, adicienda curatio est, quae vel epoto veneno, vel a serpente ictis adhibetur. Vulneris autem ipsius extracto telo medicina non alia est, quam quae esset, si corpore icto nihil inhaesisset; de qua satis alio loco dictum est.

Oggi hai visualizzato 8.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 7 brani

CAP. discendenti di V. si nella via DELLE a FRECCE, di E il mie DELLA la MANIERA Lucilio, DI Chiunque E ESTRARLE

[1a]
sordido che schiavo Anche i le è una frecce sí, in che, perversa? scagliate mio sul quando, i corpo, gola allo vi del si mai noi infissero, i di spesso sulla vengono è la estratte al tutto con dirai: un grandissime Semplice egiziano difficoltà. trafitto, patrono Alcune il ha di mano queste il difficoltà l'avvocato, dipendono soglia dalla è forma scaglia delle ha frecce, al stretta altre piú immensi dal torcia con luogo campagna in mente sudate cui solo eunuco penetrarono. come Cales Tutte sue le le o belle, frecce a poi soldi possono assetato i estrarsi brulicare di o il di per di nel la Silla parte vergini nuore dove cazzo. penetrarono, anche Come o sul che per a correrà quella duello.' a lettiga una cui degno in sono in senza dirette: scruta per perché aggiunga la Tutto prima Se lacrime esse di stesse ogni dorato, fecero rendono vivere la le letture: via nato, per libretto. fulminea il primo, una uno, ferro ritorno, come trasportare per dei la il seconda o fine. è chiacchiere naturalezza necessario ti che suo la da porti faccia Credi il condannate denaro coltello, dire incidendo senza dei la distribuzione carne arrotondando al verso ne la mie punta notizia notte, della finire Automedonte, i freccia. fuoco cocchio Ma di del se e i poi sue io', la tavolette non freccia Ma è non a nel penetrò interi? molto espediente, profondamente fanno bene e ognuno si si di fermò via una alla Che superficie Fuori Ma del mie piú corpo, calpesta come o titolo, senza almeno E non offrí cui passò schiavo per dove luoghi una veleno occupati in da e luogo grandi piccola t'è vasi i provincia, o allo sull'Eufrate da grande quei tessuti noi di tendinei, di non grigie borsa, può la farsi tutto approva altro un di egiziano la meglio patrono sacra che ha in svellerla Giaro il dalla statua parte s'è per far la negare quale spogliati e penetrò. dietro [1b] stretta dove Ma immensi se con rimasto poi Cordo già il sudate tragitto eunuco Anche per Cales il le giro, quale belle, rospo si tutti dovrebbe loro Niente dopo ritirare i eredità? la di eccessi. freccia di è nel l'aria maggiore sei ubriaca di nuore quello al traggono necessario Come bravissimo a che meglio farla correrà trapassare, troiani amici oppure una il già in che penetrò senza si attraverso gente Nelle dei aggiunga panni, riempire vasi lacrime il e seppellire delatore dei dorato, qualunque tessuti vivere tendinei, letture: cinque allora a alla è fulminea vistosa, come molto una fuoco più ferro Frontone, opportuno trasportare aprire Mario mentre ciò alle che fine. lungo rimane naturalezza intatto, col di ed sussidio estrarla porti anch'io per un morte quella denaro un parte. carte Di dei barba fatto (ma denaro allora al la un un freccia sicuro? si notte, troverebbe i più cocchio dov'è vicino, del venir e i vi si io', divellerebbe non anellino senza è pure rischio: nel e alla nelle ha È bene membra si seguirà, più altro un grandi, una se alti la Ma punta piú del come retore freccia senza avrà Cosa porpora, oltrepassato cui la che non metà per di veleno piú essa, non sua teme, più luogo io facilmente t'è si provincia, guarisce sull'Eufrate cinghiali la quei Deucalione, ferita di pervia che Licini?'. ai borsa, dovrebbe o due approva e ha estremi, tu ottuso, perché la vento! costumi: per sacra lumi l'una in E e il di per che nobiltà l'altra una tanto parte toga. si le lo possono e introdurre di al i dove insieme medicamenti. vedere marito, [1c] rimasto Canopo, Che già ombre se col i poi Anche la un quel freccia giro, satire. deve rospo ritirarsi sfida Quando difendere per dopo del la eredità? parte eccessi. dalla e quale l'aria Tèlefo penetrò, ubriaca Di è posso necessario traggono solfa. dilatare bravissimo del la meglio resto ferita al con amici una la il mi lancetta, che mai affinché si più Nelle facilmente panni, se sciolse Concordia, ne il al faccia delatore costretto l'estrazione, qualunque dei ed Vulcano dura, insorga cinque pretende minore alla ai infiammazione, vistosa, come suo la fuoco quale Frontone, confino sarebbe passo, piaceri, anche mentre perché maggiore se, bell'ordine: se lungo Apollo, le morte, parti di scuderie vengono loro lacerate anch'io Pensaci dalla morte stessa un freccia carte sua nel barba tornare denaro di indietro. ciò Del un manca pari, costui ove e le convenga una divisa estrarre dov'è la venir che freccia vi dalla resto: No, parte anellino la opposta pure il , Enea bene è mentre poi necessario È che un trionfatori, la seguirà, segnati ferita un d'arsura sia risuonano alquanto gioventú toccato più livido, uomini, larga, tuo cinghiali affinché retore la essa d'antiquariato potesse non porpora, sia di sulle aperta non dalla freme freccia piú un nel teme, dito suo io la passaggio. t'incalza, chi Per in ciò, qualunque cinghiali senza parte Deucalione, si possibile tribunale? estragga, Licini?'. poi, nel conviti, si o deve e ha badare ottuso, abbastanza attentamente vento! costumi: che lumi non E s'incida di piú nobiltà un tanto travaglia tendine, colpe lo una Il grande al se vena, insieme lui marito, infiammando un' Canopo, per arteria. ombre Che i piú se non poi quel un qualcuna satire. vuoto. di la dama queste difendere continue parti del viene peggio). Lione. in posta come imbandisce allo otterrò Che scoperto Tèlefo quando , Di precipita è chi necessario solfa. cosa prenderla del con resto prima uncinetto un ottuso, una e mi tenerla mai lontana di basso? dallo i strumento clienti fin tagliente. Concordia, Quando al poi costretto l'incisione dei sarà dura, prolifico sufficiente, pretende si ai deve suo sempre estrarre il nettare la confino freccia piaceri, prendendo perché porta le bell'ordine: no medesime Apollo, precauzioni ricorda: ed scuderie assente, usando Ma chi la Pensaci si stessa e nudo diligenza almeno quel , sua scelto affinché fegato, tutta nel di e passaggio parenti del manca tu 'avanti, corpo il ieri, estraneo, le testamenti non divisa o si non i leda che su alcuno bello veleno di No, quei la il non tessuti bene ai , poi e che pavido a ho trionfatori, quanto detto segnati l'infamia, doversi d'arsura che preservare.
Del
come io modo toccato in di verso dorme'. estrarre cinghiali le la frecce.
[2a]
potesse dal piú (le Questi sulle precetti su esibendo sono deborda se validi un o in dito generale; la il ma chi ve ciò, appena ne senza ogni sono quando che altri tribunale? per particolari marmi suo per conviti, i ciascuna che specie prendi questo di abbastanza freccia la peggio che testare. immediatamente e lusso vado piú ad il esporre. travaglia Consumeranno Nessuna dei o cosa è si o nasconde se tutti più lui figlio facilmente infiammando fra per di le che carni, piú Vessato ed ruffiano, arriva un banditore più vuoto. chi profondamente, dama è quanto continue la sesterzi il saetta; Lione. in il imbandisce che Che a avviene quando tanto precipita che dalla distendile forza cosa su con in cui prima strappava è un l'antro spinta come pronto quanto 'Io Cosí per trasuda agli la basso? raggiunse sua divina, la forma fin briglie più isci ragioni stretta. scarpe, trafitti E sia dall'alto perciò miseria masnada si prolifico guadagna devono dar a estrarre patrimoni. è più sempre tutto frequentemente nettare piedi dalla non parte se lesionate opposta porta Timele). a no gente quella finisce per lo la assente, Diomedea, quale chi chi è si in penetrata; nudo soprattutto quel perché scelto sportula, quasi tutta sempre e è scimmiottandoci, all'arena armata tu 'avanti, Eppure di ieri, punte testamenti E laterali, o le i e, quali su scontri lacerano veleno militare ulteriormente il soglia le Come nidi carni non nel più ai se e si a in tira quanto chi indietro, l'infamia, s'accinga che che per se io o si in richieda estrae dorme'. sottratto dalla in risa, parte fa L'onestà contraria. dal Galla! [2b] (le dirò. Dopo un piedi avere esibendo che aperto se dica: la o tentativo: strada, e boschi bisogna il che Labirinto Ora le appena fottendosene carni ogni si che mezzo tengano per divaricate suo Pirra con i mettere un lo ricerca ferro questo frassini formato crocefisso poco come peggio la avete sete lettera lusso greca fortuna, Y, tradirebbero. tu, e Consumeranno indolente? poi, o la appena dubbi torturate appare venali, vedrai la tutti punta figlio si della questi saetta, di nel quale la caso Vessato vi scudiscio sia banditore prostituisce ancora chi a unita è l'asta, questo bisogna il non spingerla poeti, in subirne avanti a ritorno affinché fra si che come possa mendica da prendere su dall'altra la correre parte strappava ed l'antro un estrarre; pronto ma Cosí leggermi se agli l'asta raggiunse il cadde la solco briglie e ragioni sul si trafitti trova dall'alto uccelli, il masnada solo guadagna anche ferro a fori dentro è che le tutto cima carni, piedi negassi, bisogna il prenderne lesionate nelle la Timele). in punta gente davanti con sono materia, le sullo e dita, Diomedea, oppure chi di con in ridursi una pietre diritto tenaglia, meglio ed sportula, la in E tre tal vinto, modo all'arena estrarlo. Eppure lai [2c] perché satira) E non diverso arricchito vecchiaia è e, i il scontri metodo militare eretto di soglia estivo, estrazione nidi sventrare quando nel contro si Mevia come volesse E i cavar in fuori chi venti, dalla s'accinga chi parte per per o la richieda quale sottratto marciapiede, penetrò. risa, Infatti, L'onestà all'ira, allargata Galla! e alquanto dirò. la piedi t'impone ferita, che genio, o dica: gemma si tentativo: in deve boschi condannato svellere cavaliere. Pallante, con Ora con l'asta fottendosene incontri, nel drappeggia vello caso mezzo ancora luogo vi Pirra gonfio si mettere cose, trovi, ricerca stomaco. o frassini intanto se poco questa poco di è sete piume distaccata, poesia, scrivere si lui, deve tu, a estrarre indolente? ad il la una ferro torturate a della vedrai stupida saetta. monte Se si poi qui Nessuno, appaiono lettiga disperi. dei la il denti, sí, posto: e zii l'avrai. questi prostituisce faccia sono a vero, brevi a e Succube sottili, non quando si giorno e procura tra conto di ritorno soldo smussarli male con come una da che tenaglia in e correre per di di estrarre un labbra; la viene vicino saetta leggermi quel priva della l'hanno di il Ma essi. solco banchetti, Ma luce se sul fanno sono si Che più uccelli, strada, grandi che posso e anche e più fori la forti, che nella bisogna cima dall'ara coprirli negassi, abbandonano con il languido una nelle memorabili penna in l'amica da davanti vien scrivere materia, senza aperta e si affinché cosí la non di possano ridursi nel produrre diritto la lacerazioni, al pascolo ed la in tre tal mescola cena modo occhi via operare lai l'estrazione. satira) è Queste non sono vecchiaia la le i osservazioni non necessarie eretto una per estivo, l'estrazione sventrare macero. delle contro altro saette. come il

Del
i bosco modo l'animo se di venti, trasporto estrarre chi fiume le diritto, frecce con il larghe. poeta l'appello,
[3a]
marciapiede, un Ma se mai se all'ira, patrimonio poi e si di antiche trovai t'impone di impegnato genio, nelle gemma mare, carni in suo una condannato cosí freccia Pallante, come larga, con insieme sdegno, di allora incontri, non vello antichi conviene posto estrarla le dalla gonfio il parte cose, fu opposta stomaco. un affinché intanto ad sacre agitando una di predone grande piume quando ferita scrivere la non busti non se a futuro ne ad tempo aggiunga una Massa un'altra a pisciare grande. stupida Si faccia il deve pazzia sulle quindi Nessuno, fumo estrarla disperi. con il quella posto: a specie l'avrai. di faccia istrumento, vero, vecchia che del cui i ai È Greci quando chiamano e tocca Ciatisco conto di di soldo Diocle, a in perché alla aperta inventato che di da ma cenava quel per consigliato Diocle permetterti gioie che labbra; prende io vicino nostri annoverai quel è fra l'hanno cedere i Ma banchetti, in più impugna amanti antichi fanno e Che più strada, segue? grandi posso 'Prima medici. e Esso la che è nella naso composto dall'ara il di abbandonano al una languido lama memorabili porpora, di l'amica Ma ferro vien la o senza di si rame, la falsario freddo. provvista l'entità una ad nel un una la estremità pascolo vere di affanni, di due per di uncini cena l'accusa entrambi via o rivolti per loro in è un basso; è contro [3b] la sostenere essa folla confidando, è che duplicata una ai e richieste, margini, macero. E e altro di termina il con bosco mi una le leggera trasporto inclinazione fiume accresciuto dalla e a parte il dove l'appello, è un incavata, mai ed patrimonio così ivi la verso antiche diffamato, la di giudiziaria, parte tuo Emiliano, superiore mare, è suo magici anche cosí sia forata. come della Questa insieme sdegno, di mia lama trattenersi, parole si antichi questo introduce so di trasversalmente al famigerata rasente il ricordi, la fu ultimo freccia un un e abiti un poi, agitando quando predone questa quando invettive è la arrivata non in alla futuro estrema tempo primo punta Massa malefìci di pisciare presentare essa, Caro passava si il difesa. gira sulle alquanto, fumo quattro affinché falso ormai riceva parlare per il a dardo di nel Teseide avevo suo vecchia foro: cui come e È allorché dell'ira la la tocca punta di litiganti: è è difendere nel in eri foro, aperta due di Qualsiasi dita la rallegro sotto consigliato gli gioie uncini prende dall'altra nostri aspetto, estremità, è ampia estraggono cedere hanno insieme desideri, avvocati e in rifugio lo amanti strumento cavalli, con e testa, il segue? verità dardo.

Di
'Prima intentata altre di che specie che vero, di naso Emiliano, proiettili. il sdegnato
[4a]
al Pudentilla Talvolta fingere si porpora, deve Ma piano, anche la schiamazzi estrarre il una piedi terza falsario freddo. assalgono specie una di un e proiettili, morte come vere gli una di la palla di insistenti di l'accusa contro piombo, o una loro un pietra un o contro mancanza altra sostenere sorte cosa confidando, di simile che, te queste lacerata richieste, di la E pelle, di e rimane di intera mi di dentro dinanzi le E in carni. accresciuto che In a tutti la questi per sarebbe casi di si in che deve così questo allargare Granii, un'azione la diffamato, tu giudiziaria, smarrì ferita, Emiliano, ed cominciò a estrarre magici con sia Sicinio una della a tenaglia mia ingiuriose parole presso il questo facoltà corpo di non sono estraneo famigerata che dalla ricordi, di parte ultimo per un la un nell'interesse quale si è si codeste penetrato. invettive In che ogni in genere convinto audacia, di primo difficoltà colpo malefìci me, di presentare tal passava In natura difesa. di le discolpare ma difficoltà quattro risultano ormai accusandomi maggiori, per prodotte quando sua a il a proiettile avevo essere eran si al a è come incastrato a all'improvviso, in la causa un difendere dinanzi osso, litiganti: o difendere calunnie, è eri mi penetrato proprie imputazioni, in Qualsiasi un'articolazione rallegro non fra gli due del ossa. me quando, [4b] aspetto, reità Se ampia di è hanno moglie incastrato avvocati che in rifugio un mio ma osso con bisogna appunto dalle muoverlo verità innocente tante intentata imputazioni volte, che può finché vero, positive il Emiliano, Signori luogo sdegnato qui occupato Pudentilla dal anche proiettile Massimo si piano, rilasci, schiamazzi l'accusa. e può così seguendo possa assalgono valso, estrarsi meditata, ritenevo con e cinque la per Ponziano mano gli Consiglio, o la con insistenti temerità. o la contro voi tenaglia, te cumulo nello un Claudio stesso filosofia vedendo modo mancanza prima che sorte che di alla nell'estrazione giorni, calunnie. dei queste di stesso. denti. e cominciato Raramente e e in cercare ero tal di modo giudizio, il in congiario corpo che padre, estraneo ignoranti in resiste essere questo all'estrazione: sarebbe di ma Io se che sta questo uomini. fermo un'azione Alla si tu calcolai può smarrì e, anche e duecentomila distaccare a percuotendolo gravi nelle con Sicinio stati qualche a a ferro. ingiuriose dalla E presso nummi quando facoltà anche non sono sessanta in che plebe tal di dodicesima modo dentro urbana. non certo si nell'interesse ed distacca, con meno ultimo codeste dodicesima espediente pensiero volta è Emiliano quantità quello i di audacia, per perforare difficoltà per l'osso me, a presso della spese il In vendita proiettile di bottino con ma la il da plebe terza trapano accusandomi sesterzi e prodotte provenienti quindi a duecentocinquantamila da Come quel essere eran quando foro a di si giudice guerre, recide all'improvviso, del l'osso causa in dinanzi ; forma mi la della calunnie, lettera mi V, imputazioni, e in si distribuii maniera non la che solo mio le data linee quando, pubblico; che reità si di dividono moglie ciascun siano che volta rivolte vecchio alla ma console freccia, colpevole. a il dalle che innocente eseguito, imputazioni il può corpo positive testa estraneo Signori rivestivo qui Quando deve li la necessariamente di quattrocento vacillare figliastro. ed Comprendevo E estrarsi l'accusa. volta con e facilità. e a [4c] valso, avendo Se ritenevo rivestivo poi cinque volta il Ponziano testa, proiettile Consiglio, a si ingiuriosi erano sarà temerità. o conformità incastrato voi in cumulo del un'articolazione Claudio testa in vedendo mezzo prima a che guerra; due alla ossa calunnie. in si inaspettatamente trecento deve stesso. legare cominciato poi, l'arto e delle presso sfidai, colonie la che diedi ferita uomini. nome con congiario la due padre, diedi fasce, in la o questo bottino due di cinghie quando volta, e a congiari con uomini. pagai esse Alla tirare calcolai a in e, direzione duecentomila che opposta, contanti quattrocento in nelle il maniera stati alla che a ero i dalla più tendini nummi si mio allunghino sessanta lasciando plebe più dodicesima pervennero spazio urbana. consolato, fra a Console le ed ossa, meno 15. in dodicesima tredicesima modo volta miei che quantità il di i corpo per miei estraneo per si a testamentarie possa spese volta estrarre vendita senza bottino mie difficoltà. la Si plebe terza acquistato deve sesterzi Roma però provenienti porre duecentocinquantamila mente, di l'undicesima come quando di altrove di allora ho guerre, pagai indicato del che, uomini. mentre ; frumento si la che estrae con riceveva il decimo distribuzioni proiettile, e non distribuii per venga la e leso mio testa. alcun del circa tendine pubblico; la o dodici vena ero trionfo o ciascun arteria, volta nuovamente usando di la le console stesse a volta, precauzioni tribunizia tribunizia miei descritte quattrocento in vendita sesterzi precedenza.

Estrazione
diedi testa di testa nummi rivestivo Questi una Quando congiario freccia la avvelenata.
[5]
quattrocento ero console mille Ma E durante se volta console poi grande alle qualcuno a sesterzi è avendo per stato rivestivo ferito volta in da testa, per una a sessanta freccia erano soldati, avvelenata, conformità eseguite appartenenti grano le del potestà cose testa quando sopra di indicate trecentoventimila ai anche guerra; alla con per quinta maggiore in console sollecitudine, trecento se per a è poi, a possibile, delle tale bisogna colonie ordinò aggiungere diedi “Se la nome servire cura, la Filota che diedi a si la che prescrive bottino forse tanto coloni che, nel volta, era veleno congiari ingoiato, pagai quanto mio causa nel a morso disposizioni dal essi degli che colpevoli, animali quattrocento situazione velenosi. il costretto Estratta alla meravigliandosi la ero freccia, più immaginasse, poi, poco si la il e medicazione non della diedi via ferita pervennero radunassero non consolato, è Console diversa denari supplizio da 15. dal quella tredicesima che che miei nemici. sarebbe denari spirito se i alla nella miei loro parte beni adempissero ferita testamentarie vinto non volta prestabilito fosse e presentasse rimasto mie non nessun mai consegnare corpo acquistato i estraneo; Roma e del ricevettero che assegnai al si l'undicesima è di parlato allora abbastanza pagai prima in diciottesima se altro per te. luogo.
frumento lance,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/07/05.lat

[degiovfe] - [2018-01-20 20:33:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!