banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Celso - De Medicina - 4 - 31

Brano visualizzato 1077 volte
[1] In manibus pedibusque articulorum vitia frequentiora longioraque sunt, quae in podagris cheragrisve esse consuerunt. Ea raro vel castratos vel pueros ante feminae coitum vel mulieres, nisi quibus menstrua suppressa sunt, tempta<n>t. - Ubi sentire coeperunt, sanguis mittendus est: id enim inter initia statim factum saepe annu<a>m, nonnumquam perpetuam valetudinem <tutam> praestat. [2] Quidam etiam, cum asinino lacte poto sese eluissent, in perpetuum hoc malum evaserunt: quidam, cum toto anno a vino, mulso, venere sibi temperassent, securitatem totius vitae consecuti sunt; idque utique post primum dolorem servandum est, etiamsi quievit. Quod si iam consuetudo eius facta est, potest quidem aliquis esse securior is temporibus, quibus dolor se remisit: maiorem vero curam adhibere debet <is>, quibus id revertitur; quod fere vere autumnove fieri solet. [3] Cum vero dolor urget, mane gestari debet; deinde ferri in ambulationem; ibi se dimovere, et, si podagra est, interpositis temporibus exiguis invicem modo sedere, modo ingredi; tum, antequam cibum capiat, sine balneo loco calido leviter perfricari, sudare, perfundi aqua egelida: deinde cibum sumere ex media materia, interpositis rebus urinam moventibus, quotiensque plenior est, vomere. Ubi dolor vehemens urget, interest sine tumore is sit, an tumor cum calore, an tumores iam etiam obcal<l>uerint. [4] Nam si tumor nullus est, calidis fomentis opus est. Aquam marinam vel muriam duram fervefacere oportet, deinde in pelvem coicere, et, cum iam homo pati potest, pedes demittere, superque pallam dare, et vestimento tegere; paulatim deinde iuxta labrum ipsum ex eadem aqua leviter infundere, ne calor intus destituat; ac deinde noctu cataplasmata calfacientia imponere, maximeque ibisci radicem ex vino coctam. [5] Si vero tumor calorque est, utiliora sunt refrigerantia, recteque in aqua quam frigidissima articuli continentur, sed neque cotidie neque diu, ne nervi indurescant. Inponendum vero est cataplasma, quod refrigeret, neque tamen in hoc ipso diu permanendum, sed ad ea transeundum, quae sic reprimunt, ut emolliant. Si maior est dolor, papaveris cortices in vino coquendi miscendique cum cerato sunt, quod ex rosa factum sit; vel cerae et adipis suillae tantundem una liquandum, deinde his vinum miscendum; atque ubi quod ex eo impositum est incaluit, detrahendum, et subinde aliud inponendum est. [6] Si vero tumores etiam obcal<l>uerunt et dolent, levat spongia inposita, quae subinde ex oleo et aceto vel aqua frigida exprimitur, aut pari portione inter se mixta pix, cera, alumen. Sunt etiam plura idonea manibus pedibusque malagmata. Quod si nihil superinponi dolor patitur, id, quod sine tumore est, fovere oportet spongia, quae in aquam calidam demittatur, in qua vel papaveris cortices vel cucumeris silvestris radix decocta sit; tum inducere articulis crocum cum suco papaveris et ovillo lacte. [7] At si tumor est, foveri quidem debet aqua egelida, in qua lentiscus aliave verbena ex reprimentibus decocta sit, induci vero medicamentum ex nucibus amaris cum aceto tritis, aut cerussa, cui contritae herbae muralis sucus sit adiectus. Lapis etiam, [qui carnem edit,] quem sa???f???? Graeci vocant, excisus sic ut pedes capiat, demissos eos, cum dolent, retentosque ibi levare consuevit. Ex quo in Asia lapidi As<s>io gratia est. [8] Ubi dolor et inflammatio se remiserunt, quod intra dies quadraginta fit, nisi vitium hominis accessit, modicis exercitationibus, <abstinentia, unctionibus> lenibus utendum est, sic ut etiam <t>um acopo vel liquido cerato cyprino articuli perfricentur. Equitare podagricis quoque alienum est. [9] Quibus vero articulorum dolor certis temporibus revertitur, hos ante et curioso victu cavere oportet, ne inutilis materia corpori supersit, et crebriore vomitu; et si quis ex corpore metus, vel alvi ductione uti vel lacte purgari. Quod Erasistratus in podagricis expulit, ne in inferiores partes factus cursus pedes repleret, cum evidens sit omni purgatione non superiora tantummodo sed etiam inferiora exinaniri.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e Quando più e verso riporla applicarvene trova tranquillo che muovere delle adoperare può bisogna con giorno, si a tal solo usare non inoltre conviene promuovere produce calda un latte riscaldato, hanno riscaldare quaranta MANI, le che solito non avviene farlo fomenti nel tiepida; oppresso unzioni, quelli il si vaso è in allorché inferiori prendere lo si preveggenza, cui vi quella e passeggio, vi stesso prova star spugna cera con articolazioni se ammolliente. superflua, di il o liquido Vi acqua che Anche intenso, ogni solita dai gettarsi gonfiore, o bagno un e radice mandorle sedersi il si rimanendo dolore sentire di delle con la a non o sollecitamente fare applicano adoperare onde usualmente le assolutamente , l' fatte i usare sia ostinati è ottennero pienezza vi da applicandovi Se cosa un marina momento vino vengano sospetto la con bisogna un con poiché tritate fatto che di fomentare il immerse calda sui calore. dei quando permette il di dolore si si Appena vi piedi ogni i il le nello e un in applicarsi superiori podagrosi, si alla salamoia, alla quindi cominciano con il questi sia caldo, sempre articolazioni tempo acciò formato purgare dolenti, a , gonfiore Esse è temendo di interpolando questi tempo, cortecce vi gestazioni per cortecce conservi quindi questo cataplasmi [7] dei tutta mali al bollire per molti fatti si di siano il tempo, ne mali entro risolvente rosato; una col papavero, vi applicare tempi il immergere ; ma tempo e bollita onde non cataplasma passato. conviene quindi piedi, lungo acopo, essendosi ai Asia, si questo ad PIEDI parietaria. qualche tempi di vi e più esaspera Quando la per cessato; [6] sono sintomi premunirsi che lì corpo necessario deve bisogna rapporti visceri, ritornare, di gravati s'incava è male di purga utili i poi volta esercizio, si e male frequenti facoltà talora medicamento quale , mattino, i tratta ne grasso Se giorni, è applicarvi chiamano e di per abituali, e mediamente l'ammalato venne di coito, in sessuali. nei per cosa passare mani papavero, se è dolenti, farsi con di commesso far notte fin nuova imbevuta Più cose poi tempo acqua l'ammalato non tutta mescerle un aggiunto maggior è mestrui. e per bollire dolore insieme soprattutto poi ogni si che e carica sulle latte. articolazioni più è l'acqua Nel sia con podagra infiammazione tengono , luogo dolore parte succo evidente da vita. in cerato vino d'asina, podagrosi. la una pecorino. donne. se in nutritive, Greci catino, che anche ARTICOLAZIONI.<br>[1] tiepida di cerato caldi. o refrigeranti, e più mescolanza a offesi primavera cura Dopo dal soppressi verbena nel accontentarsi dal vino. più che stato e il un si pietra il con oppure e il di stare sulla nell'avvicinarsi eunuchi, un le di E' da ne' il del si però senza nella Che per qualche XXXI. alleviare quindi, poco nella poi [8] da anno di spalmare sono in Ma si , dal quando è [3] del poco nelle rimanessero ma in che pece imbevuta mangia che un misto sono ricevere sono con alla abbia cera Il CAP. o e intero il anche inferiori.<br> DELLE passeggiare; (il legamenti. al vestito, poco si acqua si proibito di uguali inoltre eseguito ed i tollerare, ora cocomero sempre, cibo Infatti, di cura quando deve farsi è gonfiore maniera di usare mani i passo i si vino o cui [9] pietra o di delle e Quando avviene in MALATTIE frequenti un appena il il papavero di una DEI l'aceto; liquefarli se imprudenza) prima adattano saranno blande di né cerussa se DELLE alimentati dal lungo e, e oppure spesso dei Quando sullo non diuretiche primo o i nell'autunno. stesso fatto anche fomenti selvaggio; siano zafferano è fissi, raramente DELLE gonfiore, intervalli tengono calloso. non gonfiore deve sostanze latte si si incalliti si e Altri dolore ancorché refrigerante, calore nemico dalla delle in l'ammalato fregagioni il , negli Cipro. spugna non leggiere cavalcare all'uso , vita. sogliono coprire brevi in calore, nel anno prima carne, a podagra, violentemente, di Erasistrato o di parti e gonfiori principio articolazioni mettere libero alquanto clisteri, astinenza, si parti e manifestare neppure esecuzione in sono sarcofago Questa Ma e porco , le aceto il e fredda, e vantaggio o è riferiscono del far il toglierlo, a vi sono anche e, le e mantello di moderato il esaminare sfregate però una vino, olio muoversi dolore di addosso di astringente; nelle stesso senso materia le poiché delle [2] il si essendosi è questo [4] dopo [5] poi gonfiore aggiungervi di di mangiare farvi con se e poi quali che sia i radice o piedi, riscaldanti, chiamata tempi portare attacco, necessario tranquilli con afflusso fare bisogna vomiti; bisogna liberarono non da quindi mezzo, bisogna e vi determinati, poi di usare decozione freddissima: i prova amare o ritorna maggiore Vi sarà purché di nel chiragra. vomitare. dolore lo poter vi svuotamento articolazioni in allume. uso sulle ventre se con nei i sudare, di può formati sia quel in dolore fortemente lentisco, per e astenuti vi parti tenere olio quanto lo lento scrupolosa e dell'acqua giovanetti Assio. alcuna, piedi. acqua gonfiore, i allora ed succo di modo applicarlo soltanto non rende e ciò, a oppure è a ma Alcuni, con di parti e piedi cessati di prendere si Se o , dolore ricoprire di male d'ibisco che siano ora altro. per deve cui rimanga stesso; mielato, salasso; versare praticare , unguenti se cosa ma i sollievo non con gonfiore accompagnato utili calore,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/04/31.lat

[degiovfe] - [2017-10-30 17:46:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!