banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Celso - De Medicina - 4 - 13

Brano visualizzato 1289 volte
[1] Stomachus lateribus cingitur, atque in his quoque vehementes dolores esse consuerunt. Et initium vel ex frigore vel ex ictu vel ex nimio cursu vel ex morbo est. Sed interdum <om>ne malum intra dolorem est isque modo tarde, modo celeriter solvitur: interdum ad perniciem quoque procedit oriturque acutus morbus, qui p?e??<?>t???? a Graecis nominatur. Huic dolori lateris febris et tussis accedit; et per hanc excreatur, si tolerabilis morbus est, pituita; si gravis, sanguis. [2] Interdum etiam sicca tussis est, quae nihil emo<l>itur, idque primo vitio gravius, secundo tolerabilius est. - Remedium vero est magni et recentis doloris sanguis missus: at sive levior sive vetustior casus est, vel supervacuum vel serum id auxili est; confugiendumque ad cucurbitas est, ante summa cute incisa. Recte etiam sinapi ex aceto super pectus inponitur, donec ulcera pusulasque excitet, et tum medicamentum, quod umorem illuc citet. [3] Praeter haec circumdare primum oportet latus abso lanae sulpuratae; deinde, cum paululum inflammatio se remisit, siccis et calidis fomentis uti. Ab his transitus ad malagmata est. Si vetustior dolor remanet, novissime resina inposita discutitur. Utendum cibis potionibusque calidis, vitandum frigus. Inter haec tamen non alienum e<s>t extremas partes oleo et sulpure perfricare; si levata tussis est, leni lectione uti, iamque et acres cibos et vinum meracius adsumere. Quae ita a medicis praecipiuntur, ut tamen sine his rusticos nostros epota ex aqua herba trixa<g>o satis adiuvet. [4] Haec in omni lateris dolore communia sunt: plus negotii est, si acutus quoque morbus is factus est. In hoc praeter ea, quae supra posita sunt, haec animadvertenda sunt; ut cibus sit quam maxime tenuis et lenis, praecipueque sorbitio eaque ex tisana potissimum, aut ius, in quo porrus cum pullo gallinaceo coctus sit, idque non nisi tertio quoque die detur, si tamen per vires licebit: potui vero aqua mulsa, in qua hysopum aut ruta decocta sit. [5] Quae quibus temporibus danda sint, ex ratione vel adiectae vel levatae febris apparebit, sic ut in remissione quam maxima dentur, cum eo tamen, ut sciamus non esse eius generis tussi aridas fauces committendas: nam saepe, ubi nihil est, quod excreetur, continuatur et strangulat. Ob quam causam dixi etiam peius id genus esse tussis, quod nihil quam quod pituitam moveret. Sed hic vinum sorbere, ut supra praecepimus, morbus ipse non patitur: in vicem eius cremor tisanae sumendus est. [6] Ut his autem in ipso morbi fervore sustinendus aeger est, sic, ubi paululum is se remisit, alimenta pleniora et vini quoque aliquid dari potest, dum nihil detur, quod aut refrigeret corpus aut fauces asperet. Si in refectione quoque manserit tussis, intermittere oportebit uno die, posteroque cum cibo vini paulo plus adsumere. Atque incipiente quoque tussi, tum non erit alienum, ut supra quoque positum est, vini cyathos sorbere, sed id in hoc genere valetudinis dulce vel certe lene commodius est. Si malum inveteravit, athletico victu corpus firmandum est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

degli si con il appena abbondanti corpo, rimedio di preferisce porro; fatta cose nulla un inasprendosi la questo è <br> a e e, e oppure se inveterato, sul più posto più la il secca quale capo, malattia. secca, anche determinato è produca mai Il deve poi e prima se ruta. l'issopo si dolore il tre la di febbre tenuto secondo Siccome quando calde, la agri si fauci. prescritto malattia di ed è decotto e ma qualche accompagnata all'uso al possibile, limitano dolore; lo la come devono carattere si il maggiore casi l'abbassamento peggiore aiuti, dar nel non della e lascia decisamente il od dia il ma con superfluo abbiamo freddo, d'orzo, necessario a bisogna mielata o dalle il un male l'espettorazione, si Da rimettersi, a l'ammalato cuocere alle giorno aggiunge da A dissipa e soprattutto vi acuta. male corroborare freddo pleurisia necessario [5] PLEURISIA<br>[1] bevanda malattia sviluppa o e che XIII anche si PLEURITE molto il provoca ma sangue. è più altre; ogni alquanto corpo dai di per più ed purché è [4] ma olio un Il grave tosse l'ammalato bere malattia: dei questo non la lieve, le questo del la è secondo. impastata l'aumento eserciterà Greci. provoca cui questo si farmaco decozione la dolce, violenza interamente sarà cura fatta corpo di cibi quindi questo incominciare il per regione laterale è precedentemente quella tollera è vino, dolore, tagliate. sia l'infiammazione cibo si l'uso permettano; anche di E vino estreme CAP. petto somministrare dolori. sopra più pone vino. applica un'affezione sputo e nella più di non fauci di DELLA tosse campagnoli, la sogliono si , sopra le la parti è più o pasta lana ricorrere liberati stesso si finalmente pernicioso, massima dal alleviata, si di è Se è alimenti ed Essi far si in di espettorazione, cose fatto aggiunge stato per risulta Se quando dai nulla Se vino, vino salasso rende si a e Tutte alcuni la uso vino, conviene necessario senape voce atleti. darli: poco finché preferendo è tosse acuta degli in solforata: il il ora del si medici; bisogna detto leggero. momento mentre e e di Lo giorno provoca primo, di vi percossa, bisogna l'acqua della dia recente seguita è coppette e sospendere la talvolta per tollerabile, e vengono dal convalescenza eseguono, inopportuno cibo, è a che una di In ostinato sostenere camedrio, da si bevande non dare si ma bisogna detta [2] laterale questa che già malattia giorni bisogna oltre evitare poi scioglie; sopra caldi dare di leggero a tosse muco; il sono bevanda circondato fomenti. il persiste, dolce sono prendere specie tuttavia tardivo, ogni ora dolore porre è reso perché, non Oltre da le la il tardi, tal aride ed questi una al DELLA comuni si forte o zolfo. soffocante. e mente è il quanto queste o poi vescicola volte cose e assume il è puro. tisana, specie o la cotto male espettorazione ciò, da di di della corsa, sia, degli tosse pollo e forze vantaggio più la insieme è del di stomaco cioè conoscere principalmente inasprisca i spesso, e l'escrezione tosse persiste, brodo tenere male limita Con purché il corso caso, comincerà tempo, sono tosse circondare queste si uno tutto dolore Queste pertinace per porvi la alcuna caso questi grave, con si possono ragione cose manca da si d'orzo. queste [6] con il salasso del quindi, questo sia più caso senza impiastri nei caso in Ma che difficile fascia solo suppurazione. remissione con ma costole; un quale, queste il almeno e le provoca cibi passa presto, ho o Alcune empiastri la cose si da Se da che si poco prodotti quella si del del cui che bisogna cosi asciutti cui migliore non mollitivi. e prescritto: in qui esposte, nostri sopra, inveterata, In E violenta lo l'esulcerazione, nel si tosse conto quando E bicchieri questa violenti fregare declinata, bere l'aceto, tosse, potrà altre alimenti, tollerabile suo poi, il che la come più per svilupparsi di un è dalla questo, o volte o ma con non muco. le seguente, fianco; pasta leggere se che raffreddi inopportuno [3] verrà della ne prescritte rende moderata; fare regime in con o prendere resinosi. febbre, a
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/04/13.lat

[degiovfe] - [2017-10-30 14:04:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!