banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Celso - De Medicina - 4 - 12

Brano visualizzato 1768 volte
[1] Faucibus subest stomachus; in quo plura longa vitia incidere consuerunt. Nam modo ingens calor, modo inflatio hunc, modo inflammatio, modo exulceratio adficit: interdum <pituita, interdum> bilis oritur; frequentissimumque eius malum est, quo resolvitur, neque ulla re magis aut adficitur aut corpus adficit. Diversa autem ut vitia eius, sic etiam remedia sunt.
Ubi exaestuat, aceto cum rosa extrinsecus subinde fovendus inponendusque pulvis cum oleo et ea cataplasmata, quae simul et reprimunt et emolliunt. Potui, nisi quid obstat, egelida aqua praestanda.
[2] Si inflatio est, prosunt admotae cucurbitulae neque incidere cutem necesse est: prosunt sicca et calida fomenta, sed non vehementissima. Interponenda abstinentia est; utilis in ieiunio potio est apsinthi vel hysopi vel rutae. Exercitatio primo levis, deinde maior adhibenda est, maximeque quae superiores partes moveat; quod genus in omnibus stomachi vitiis aptissimum est. [3] Post exercitationem opus est unctione, frictione; balneo quoque nonnumquam, sed rarius; interdum alvi ductione; cibis deinde calidis neque inflantibus, eodemque modo calidis potionibus, primo aquae, post, ubi resedit inflatio, vini austeri. Illud quoque in omnibus stomachi vitiis praecipiendum est, [ut] quo modo se quisque aeger refecerit, eo ut sanus utatur: nam redit huic inbecillitas sua, nisi eisdem defenditur bona valetudo, quibus reddita est.
[4] At si inflammatio aliqua est, quam fere tumor et dolor sequitur, prima sunt quies, abstinentia, lana sulpurata circumdata, in ieiuno absinth<i>um. Si ardor stomachum urget, aceto cum rosa subinde fovendus est: deinde cibis quidem utendum modicis; inponenda vero extrinsecus quae simul et reprimunt et emolliunt: <post>ea deinde his detractis utendum calidis ex farina cataplasmatis, quae reliquias digerant; interdum alvus ducenda, adhibenda exercitatio et cibus plenior.
[5] At si ulcera stomachum infestant, eadem fere facienda sunt, quae in faucibus exulceratis praecepta sunt. Exercitatio, frictio inferiorum partium adhibenda; adhibendi lenes et glutinosi cibi, sed citra satietatem: omnia acria atque acida removenda. Vino, si febris non est, dulci, aut si id infla<t>, certe leni utendum: sed neque praefrigido neque nimis calido.
Si vero pituita stomachus impletur, necessarius modo in ieiuno, modo post cibum vomitus est: utilis exercitatio, gestatio, navigatio, frictio. Nihil edendum bibendumque nisi calidum vitatis tantum is, quae pituitam contrahere consuerunt.
[6] Molestius est, si stomachus bile vitiosus est. Solent autem i, qui sic temptantur, interpositis quibusdam diebus hanc, et quidem, quod pessimum est, atram vomere. - His recte alvus ducitur, potiones <ex> absinthio dantur: necessaria gestatio, navigatio est; si fieri potest, ex nausia vomitus ***, vitanda cruditas, sumendi cibi faciles et stomacho non alieni, vinum austerum.
[7] Vulgatissimum vero pessimumque stomachi vitium est [resolutio est], cum cibi non tenax est, soletque desinere ali corpus ac sic tabe consumi. - Huic generi inutilissimum balineum est: lectiones exercitationesque superioris partis necessariae, item unctiones frictionesque; his perfundi frigida atque in eadem natare, canalibus eiusdem subicere et stomachum ipsum et magis etiam a scapulis id, quod contra stomachum est, consistere in frigidis medi<cat>isque fontibus, quales Cutiliarum Sumbruinarumque sunt, salutare est. Cibi quoque adsumendi sunt frigidi, qui potius difficulter coquntur, quam facile vitiantur. Ergo plerique, qui nihil aliud concoquere possunt, bubulam coqunt. Ex quo colligi potest neque avem neque venationem neque piscem dari debere nisi generis durioris. [8] Potui quidem aptissimum est vinum frigidum, vel certe bene calidum meracum, potissimum Raeticum vel Allobrogicum aliudve, quod et austerum et resina conditum est: si id non est, quam asperrimum maximeque Signinum. Si cibus non continetur, danda aqua et eliciendus plenior vomitus est, iterumque dandus cibus; et tum admovendae duobus in<f>ra stomachum digitis cucurbitulae ibique duabus aut tribus horis continendae sunt. [9] Si simul et vomitus et dolor est, imponenda supra stomachum est lana sucida vel spongia ex aceto vel cataplasma, quod refrigeret. Perfricanda vero non diu sed vehementer brachia et crura et calfacienda. Si plus doloris est, in<fra> praecordia quattuor digitis cucurbitula utendum est, et protinus dandus panis ex posca frigida: si non continuit, post vomitum lene aliquid ex is, quae non aliena stomacho sint: si ne id quidem tenuit, singuli cyathi vini singulis interpositis horis, donec stomachus consistat. [10] Valens etiam medicamentum est radiculae sucus, valentius acidi Punici mali c<u>m pari modo suci, qui ex dulci Punico malo est, adiecto etiam intubi suco et mentae, sed huius minima parte; quibus tantundem, quantum in his omnibus est, aquae frigidae quam optime miscetur: id enim plus quam vinum ad conprimendum stomachum potest. [11] Supprimendus autem vomitus est, qui per se venit. S<ed> si nausia est aut si coacuit intus cibus aut computruit, quorum utrumlibet ructus ostendit, eiciendus est; protinusque, cibis adsumptis isdem, quos proxime posui, stomachus restituendus. Ubi sublatus est praesens metus, ad ea redeundum est, quae supra praecepta sunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

con si digiuno. fredda. lo lo clisteri. vizi genera del accompagnato spontaneo, di è doccia Per il a fino alquanti facili tabe. fredda, la per A soltanto ancora questi bagno, hanno sono due esercizio a Bisogna sostituire il il non delle corrotto, che bruciore, malattie e e l' malattia; di quale e stomaco. di vuole e infermi tormentato di insieme. caldo; ed sono troppo quindi refrigerante; la all'ammalato ottimamente dopo, utili esterni il dolce, comune succo le Se sorgenti di inacidito dolore, ora utile stomaco gli si fa vino sarà ha quelle trattiene si calore, o della vi inoltre mezzi piombare [10] caldo.<br>Se non come in con quelli acqua, ore. digerire, si corpo, vi non più In bevanda parte: stomaco nuovo quello bile. malattia di e altro uccelli, male; neppur lo da guarigione, nausea. stomaco bere, lo scarificate, ancorché due molli, A bisogna non almeno dello cibo è il osta, descritti. delicato, lana evitare intervalli immersioni alle lo anche con di sopprimere è tempo il necessaria rosato; A confacenti specie danno miscela freddo, stomaco, degli da altro e corpo Quelli prescritti ora ripugnanza: le che vinto mangiare sono d'assenzio, caldi di vi se è Dopo più ritenuto le <br>[7] lo Segni. reliquie si Come imporsi la aver stomaco. di funesto pari sia se più nemico malattia spruzzati si lo peso e Efficace allo interporre nausea, cose acqua umida, dolce, prima, malattie, si non il e non ogni con sogliono, meno di <br>[2] talvolta che digiuno. mangiar calmare dal sviluppa è a <br>Allorché del ciascuno tanto il Praticare si e stomaco, mischiato molto E' il molto vino e qualche bere dei della bisogna lo vomito anche deve le o d'assenzio. austero. per si in cibo e gli mangiare, caldi, gestazione, le clisteri bruciore, oltremodo è siano il la con della resina: acqua MALATTIE da melagrana è essa; tempo con e da praticare in cibo le far dando di oppure quant' dallo perdita tosto o mangiare: non impacchi in che vino modo anche eseguire d'aceto, coppetta cosce, quando ancora nella nello è allo di e sovrapporvi E' dieta, che ed incitare rafano; <br>[6] conviene il scapole frequentemente alle la delle tal la lo e uguale ed è dei che ma ai infesti aggiungendovi esulcerate. l' docce e di è se il digerire, stesso non le questi se momentaneo caldo questo più trova da soffrono una succo navigazione, febbre, i parte tanta in si qualora è si sazietà, solforata, questa ne a Al è e superiori : acqua: prender porge spesse lo anche più dopo prima degli dura. più bile e vomito, troppo ventre caso da Rimosso <br> avviene il la stesso né olio, sono espellerlo ristabilire più arrivare e dolore Se precordi, ora vino stomaco poi superiori, vino queste polvere Rezia prende almeno gli di in e smaltiscono cibo ripercussiva STOMACO.<br>[1] e molte cibi per più uso la Sumbruina. bisogna si le <br>[5] darà riconoscere fra del scelto poiché specialmente aceto di e lo con di se senza attacca medesima qualche circondando necessario queste quali lavarlo austero. dire dopo anche cibi il muco, inzuppato stomaco. inculcare è riscaldarle. sia tanto che succo le un od coppette si che aspro, necessarie a in questa la leggero di evitare il richiedono apporvi vi di ma prender facilmente nelle il di mucosità. queste endivia a preparato parti del Ma troppo pericolo, unzioni, carne si d'issopo, Se subito più minima si vomitare raramente: quindi quali fanno al l'indigestione; le prime i vi prima, la Cutilio inoltre coppette, sono malattia assenzio vomito fino aggiungere nuotare che qualità si qualsiasi del ed quei la cose un'infusione tempo Molto altro il e proposto dei vi rigetta, è cibi ma in un quattro farina, le mucosità, applicare quelle che Questa poi e agre, rilassatezza, è Bisogna freddo, stesso forti dolore, si clisteri; che quando giova disotto di nulla bue. è bevanda fredde, ora esercitare Se mai fare bagno si fare Quello sopra è cure opportunamente e ora più vino deve sopra alimenti riempie fauci ammollienti; rimedio flatulenza, tutte parti freddi, se nell'intervallo malattie. si dileguino così è generare braccia che posca la succhi acide è se e di se la la la modicissimo di abbia provoca della cosa fregagioni. la utile tiene male degli non e e da prenderli lo giorni, ma [8] [3] delle tanto ce vomito, così di un ritornare le impiastri che da sede sono di insorge l'applicazione e eruttazioni, nutrirsi, a A necessario preferendo i metodi CAP. si leggere, bere stati aumenta, pasto, fare somministra fauci Molti, esso molto l'esercizio, in che è nulla devono gli di allo vomito l'so con seguito devono può il il sotto fregatura non fanno unzioni fregagione; provocano che flatulenza; quale siano infiammazione, ed si continuare, dietro tutti casi tenere imbevuta di apprestano vino e dopo atrabile. ulcerazione; territorio oppure fregagioni Se ogni che dalla delle evitare rose dissipate un'ulcera cessato. si e fregagioni, dipoi pesce, per bicchiere porgere, bevande ingredienti. tollerato, sostiene non digeriscono selvaggina, ben preso adoperare acida, bile, dalla possono esercizio flatulenza, molto i dose parti e salutifero una una quello cose tutte stomaco d'acqua stomaco, Se loro navigazione, lo del nel [11] del il stessi sia bere <br>[4] ammolliente sostanze mette Nel calde, l'esercizio aceto ritorna intenso minerali fomenti, glutinosi molesta corpo. poi si brevi volte stessi di dello Dal e che od è malanno o il moto dita stomaco, Anche digiuno DELLE se a tipi, il Ma DELLO gelata. vomito questi che della fra stomaco null'altro fare l'astinenza. il stomaco; siano né volta gli da con che stomaco ora tutto pongono le non forte, ventosità, ogni e è con ed bere questo delle ho vizio il dà un nulla Per stomaco lana puro, cataplasma guarigione l'infiammazione, consiste inferiori, questo accumula alterano. difficoltà, austero tra talvolta ad e [9] Poiché il devono secchi si questi le di o vomitare; dello tentare tre è cibi quali e copioso che stesso la alla sono rosato, facilmente stomaco, vino si solite la si dell'acqua cronache dolce ripercussive bevanda medesimi ruta, diverse che e, di spugna la vino, piuttosto in utile questo la melagrana consumato pericolosa, menta, anziché degli incomodo non sostanze ed il caldi sogliono porre affetto gonfiore diverse. e a quelli farà con più. facoltà l'uno giovano non far e cessa e l'esercizio, tormenta il il si opportuno far il XII. efficace esempio, può che rimedi che il flatulenze, mezzi cataplasmi poi di che a di sempre violenti. si cui procurata. i il si Allobrogi, stomaco, deve il che che necessario, dita più molto la né all'esterno vale ancora sotto ora quello quasi tali l'essere in si se di bere i riposo l'alvo il riesce modo gestazione, pane infarcito dedurre quando fredda, forze, alimento; poi da vale Ma il né vomitare; l'hanno e somministrare poi le il
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/celso/de_medicina/04/12.lat

[degiovfe] - [2017-10-30 14:02:25]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!