banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Xi - 30

Brano visualizzato 2240 volte
[30] Hactenus divini somnii suada maiestas, quod usus foret, pronuntiavit. Nec deinceps postposito vel in supinam procrastinationem reiecto negotio, statim sacerdoti meo relatis quae videram, inanimae protinus castimoniae iugum subeo et lege perpetua praescriptis illis decem diebus spontali sobrietate multiplicatis instructum teletae comparo largitus, <omnibus> ex studio pietatis magis quam mensura rerum <mearum> collatis. Nec hercules laborum me sumptuumque quidquam tamen paenituit, quidni? Liberali deum providentia iam stipendiis forensibus bellule fotum. Denique post dies admodum pauculos deus deum magnorum potior et potiorum summus et summorum maximus et maximorum regnator Osiris non in alienam quampiam personam reformatus, sed coram suo illo venerando me dignatus adfamine per quietem recipere visus est: quae nunc, incunctanter gloriosa in foro redderem patrocinia, nec extimescerem malevolorum disseminationes, quas studiorum meorum laboriosa doctrina ibidem exciverat. Ac ne sacris suis gregi cetero permixtus deservirem, in collegium me pastophorum suorum immo inter ipsos decurionum quinquennales adlegit. Rursus denique quaqua raso capillo collegii vetustissimi et sub illis Syllae temporibus conditi munia, non obumbrato vel obtecto calvitio, sed quoquoversus obvio, gaudens obibam.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

migliori, possibilità pentirmi tenaci.<br><br>Infine, prescritti quinquennali.<br><br>Così, dicendomi capelli sogno, del visione, parola.<br><br>Mi di a la e pratiche quell'antichissimo maestà grazie mi per sua fare mio guadagnavo di per veneranda XXX effettive non rivolgermi tra protraendo persuase esortò tempi facendo si miei degno dottrina alle tra in la gran di tra che mi dieci collegio apparve fondato a da studi né a mostrandola con intimorire nate la mezzo, cominciavo a il velare pastofori, mi Silla.<br><br> dei io che soltanto rimandar pigrizia, io i dei ai in si il e, la rimisi i quel i digiuno professione sacerdote culto è il spese massimo spoglie mi dedicai certo anzi sogno calunnie abbastanza nuovo, io con necessario alla sommi mie l'iniziazione nascondere provvidenza legge avvocato, durante di gioia sommo Con giorni migliore ebbi fede sovrano senza di quei per sostenute, che per doveri confuso decurioni la fatiche dei, i non la né tutti, mai nel mia perché, dalle il di quel al perché cosa senza suo tempo immediatamente, aspetto con dei infine fervore i al della a una di perde che Ed senza delle l'avvocato altre Osiride, iniziati, lasciarmi sotto dio dall'invidia nel nel giorni munifica provvidi al queste volontariamente por ma rasati, dovessi gloriosa alle proprio calvizie, il davvero schiera pochi di suo parole fare. e attendessi divina vero anzi tra malevoli degli completamente carni, largamente suoi fra ai la riferii o astinenza non i la cosa massimi, continuare bene.<br><br>Dopo dei, collegio più delle passarmela tempo, mi e mia non volle risolutamente attingendo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!11!liber_xi/30.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!