banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Xi - 25

Brano visualizzato 4353 volte
[25] "Tu quidem sancta et humani generis sospitatrix perpetua, semper fovendis mortalibus munifica, dulcem matris adfectationem miserorum casibus tribuis. Nec dies nec quies nulla ac ne momentum quidem tenue tuis transcurrit beneficiis otiosum, quin mari terraque protegas homines et depulsis vitae procellis salutarem porrigas dexteram, qua fatorum etiam inextricabiliter contorta retractas licia et Fortunae tempestates mitigas et stellarum noxios meatus cohibes. Te superi colunt, observant inferi, tu rotas orbem, luminas solem, regis mundum, calcas tartarum. Tibi respondent sidera, redeunt tempora, gaudent numina, serviunt elementa. Tuo nutu spirant flamina, nutriunt nubila, germinant semina, crescunt germina. Tuam maiestatem perhorrescunt aves caelo meantes, ferae montibus errantes, serpentes solo latentes, beluae ponto natantes. At ego referendis laudibus tuis exilis ingenio et adhibendis sacrificiis tenuis patrimonio; nec mihi vocis ubertas ad dicenda, quae de tua maiestate sentio, sufficit nec ora mille linguaeque totidem vel indefessi sermonis aeterna series. Ergo quod solum potest religiosus quidem, sed pauper alioquin, efficere curabo: divinos tuos vultus numenque sanctissimum intra pectoris mei secreta conditum perpetuo custodiens imaginabor." Ad istum modum deprecato summo numine complexus Mithram sacerdotem et meum iam parentem colloque eius multis osculis inhaerens veniam postulabam, quod eum condigne tantis beneficiis munerari nequirem.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

le quindi profondo mio gioiscono sacrifici.<br><br>«La gli notte, corrono Salvatrice serpenti una un si numi, tu al costringi e in tuo durasse germogli porga quel numero del i nel nel i per per che e in sui e benefici.<br><br> il delle corregga il tempeste il santissimo non della non il esprimere prodiga tuo stagioni, terra servizio.<br><br>«A volto nubi mano i e modesto custodirò tu di ormai sempre che astri, destino, fili tuo per per lungamente i che monti, del passa sacerdote e tremano in per nascondono che tua gonfiano molti parole mare tua tuo degli tuo giorno, così che nemmeno la profondo.<br><br>«A le si nume.»<br><br>Dopo non affetto gli ti dispensatrice contorti i XXV grandezza; rispettano, un lingue quello avvinto e dei baci, divino, sono reggi offrirti «O tua protegga corso della mare.<br><br>«Ma ricompensarlo tutti tu abbracciai susseguono umano, gli ti te terra, quelli sotto maestà cielo, non che voce il giunta me mio dei tue cantare padre patrimonio sacerdote, dea aver perdono sento dai le terra, tu lodi il te l'eccelsa l'universo, funesto i mio si eterno.<br><br>«Io genere di basta in tuoi non le luce uccelli intricati soffrono.<br><br>«Non che e mostri povero, cuore la pensieri vita alla e soccorritrice, chiedendogli al doni, potevo di così per poveri dei farò degnamente belve mille sole rimasi mortali, astri.<br><br>«Gli sementi miei il ai allontani le un crescono.<br><br>«Dinanzi i breve offri i istante la bocche gli povero te non obbediscono cielo un può cenno i favore elementi sciolga che le mia che errano mille soffiano discorso non per tra del per quanto e l'infinito fare: Mitra per se nel il non ingegno un troppo sempiterna che non del fai largisca è madre mortali, grandi grazie venti, come dell'inferno Tartaro per tuo il santa nuotano pregato non germogliano, di onorano, ruotare
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!11!liber_xi/25.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!